Itf Casale (10.000$): I primi risultati dalle qualificazioni

di - 13 Settembre 2008

Comunicato Stampa
Itf Casale

Nonostante il cielo plumbeo del mattino e la temuta pioggia e dopo un inizio sul campo coperto in terra rossa, la 9.a edizione del Trofeo “Denaldi Legnami” – Coppa “Banca Popolare di Novara”, organizzata presso la Canottieri Casale, ha visto i primi confronti del tabellone di qualificazione andare regolarmente in scena sui campi esterni. Match vinti quasi tutti facilmente dalla tenniste che si sono così accomodate al turno decisivo, in programma domani a partire dalle ore 9. La tedesca Hofmann ha stoppato senza possibilità di appello la corsa di Lucia Gatti (6-1 6-0); così l’italiana Federica Grazioso, che non ha concesso chance alla rivale di giornata, la bielorussa Kuzmenkova, battuta 6-0 6-1; ed ancora l’argentina Krauth, che ha fermato Giorgia Mortello con un netto 6-1 6-0; anche la francese Pons ha regolato senza affanni la romana Marianna Natali, portacolori dell’US Tennis Beinasco, per 6-2 6-4, rintuzzando nel finale un tentativo di ritorno della giovane azzurra. Nulla da fare per la wild card di casa, Giulia Mecca, opposta alla tedesca Braeutigam (6-0 6-2). Nel derby d’esordio in gara tra Martina Di Giuseppe, terza testa di serie del draw preliminare e la torinese Sara Guglielminotti, la vittoria è andata alla prima, con lo score di 6-1 6-1; successo anche dell’argentina Maria Belen Corbalan, numero 4 del draw, contro la campana Anna Amato (6-2 6-3). Più sofferta, almeno in apertura, l’affermazione di Susanna Mussi contro l’altra italiana Gea Campana. La Mussi, come è titpico del suo gioco discontinuo, ha alternato grandi colpi ad altrettanti evidenti errori. Nel primo set si è imposta al tie-break, nel secondo con un più agile 6-1. Sorrisi della vittoria anche per Giulia Gasparri, che ha fermato con un periodico 6-3 Eleonora Punzo, e per la tedesca Paola Sprovieri che si è imposta per 6-1 6-2 contro la portacolori della Nuova Casale, l’under 16 Martina Demichelis, reduce dai Campionati Italiani a Forlì.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *