ITF: Vittorie di Ghedin, Millot e Olaso

di - 14 Febbraio 2012


(Guillermo Olaso)

di Giacomo Bertolini

GHEDIN, CHE RIMONTA! ARRIVA IL QUINTO SUCCESSO AD ANTALYA BELCONTI

Settimana Futures con solo quattro tornei in programmazione ma particolarmente positiva per i colori azzurri che dopo l’ottimo avvio di Claudio Grassi vedono un altro italiano in grande spolvero. Riccardo Ghedin ha infatti colpito nel segno a Belconti conquistando il quinto successo in carriera dopo aver rimontato e superato il belga Desein. Bene anche Alberto Brizzi, semifinalista a mallorca dove Guillermo Olaso ha vinto il derby in finale con Pedro Clar-Rossello. Michael Shabaz sorprende Adam El Mihdawy a Guatemala City, mentre in Cina Vincent Millot si porta a casa la coppa del Futures di Mengzi. Cancellato l’appuntamento brasiliano di Recife.

Antalya-Belconti (Turchia): Bellissimo acuto di Riccardo Ghedin nel costante appuntamento settimanale di Antalya, torneo dotato di 10.000$ di montepremi, giocato su cemento. Il ventiseienne romano, allenato da Fabrizio Falciani, ha infatti disputato una settimana molto positiva concludendo il suo percorso con una rimonta thrilling ai danni del belga Niels Desein, classe 1987, sconfitto 16 64 76.
Per Ghedin, che qui a Belconti beneficiava della terza testa di serie, si tratta del quinto successo della carriera, primo del 2012, arrivato dopo una serie di incontri dominati in due set prima della combattuta finale di ieri. Particolarmente importante il rapido ko inflitto al favorito belga Yannick Mertens(1), asfaltato 61 60 in semifinale. Grazie a questo trionfo Riccardo, che è già stato 222esimo nel 2009, tra due settimane passerà dalla posizione numero 333 alla numero 305.
Buone le prove anche degli altri azzurri al via con Capone che sorprende Arnaboldi(2) prima di uscire al secondo turno e gli ottavi di finale di Leonardi, Bega, Crepaldi e Borgo. Titolo di doppio a Altuna/Skoloudik.

Mallorca (Spagna): Si avvicina la doppia cifra per Guillermo Olaso(1), che nella finale di Mallorca ha conquistato il nono titolo assoluto della sua carriera, rimontanto in una finale tutta iberica Pedro Clar Rossello 26 63 63.
Buona settimana disputata sulla terra rossa di Maiorca dal 23enne spagnolo che tuttavia dopo due primi turni portati agevolmente a casa si è complicato non poco la vita prima con Inzerillo ai quarti (63 26 64), poi con Diez in semi (75 36 61), rischiando poi il ko in finale nel derby con Rossello.
Per il titolare del club di Serie A Forte dei Marmi un successo che gli permetterà di avvicinare il suo attuale miglior piazzamento alla posizione numero 167 Atp (attualmente è 191esimo).
Convincente la prova dell’italiano Alberto Brizzi, classe 1984 e numero 444 Atp, che si ferma solo in semi battuto da Clar Rossello con un duplice 62. Krawietz/Weissborn si aggiudicano il torneo di doppio.

Mengzi (Cina): Arriva sul cemento asiatico di Mengzi, Cina, il secondo successo in carriera, primo stagionale, per il francese Vincent Millot in una finale tra prime teste di serie con l’olandese Boy Westerhof.
Finale combattuta ed equilibrata per due parziali poi il favorito transalpino allunga e fa sua la partita 76 57 61. Millot, classe 1986 da Montpellier, grazie a questo successo tornerà tra i primi 300 al mondo. Nessun azzurro era presente nella manifestazione cinese che ha visto gli indianin Gajjar/Rastogi trionfare nel doppio.

Altri tornei della settimana: El Mihdawy ko, primo titolo per Shabaz

Guatemala City (Guatemala): Concludiamo la rassegna dei tornei Futures della settimana evidenziando il successo, primo della carriera, del giovane statunitense Michael Shabaz, classe 1987 che si è imposto a sorpresa sul cemento del Guatemala nel derby Usa con Adam El Mihday(3), dominato nettamente 61 64.
Veramente esaltante il cammino di Shabaz che, dal basso della sua classifica (è solo numero 909 del mondo), ha saputo mettere in fila in due rapidi set tutti i suoi avversari, completando l’opera in finale senza lasciare quindi neanche un set in tutta la settimana.
Italiani assenti anche in questo torneo; doppio a Barker/Letcher.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *