ITF under 18: prima gioia per Marcelo Barrios Vera

di - 23 Febbraio 2015

barrios vera

di Lorenzo Cialdani

Degli eventi disputati nella settimana uscente ha sicuramente spiccato l’importante rassegna la “Copa Milo” edizione 2015, di scena sulla terra rossa di Santiago, in Cile.

Con i colori azzurri che si fermano al secondo turno, a causa della sconfitta in tre set di Federico Bonacia contro l’argentino Tomas Santantonio, a prendersi la scena è il tennista di casa Marcelo Tomas Barrios Vera, N.2 del seeding nonostante l’ingresso in tabellone dato da una wild card: il cileno classe ’97 ha scalato il tabellone senza grandi problemi, dimostrando una netta superiorità anche nell’atto finale del torneo quando ha sconfitto l’argentino grande rivelazione di questo 2015 Geronimo Espin Busleiman, il quale ha bissato il risultato ottenuto neanche due settimane fa al “Inka Bowl” di Lima in Perù, quando era partito dalle qualificazioni prima di raggiungere la finale, persa poi dal connazionale Franco Capalbo.

capalbo

Espin Busleiman, di soli otto giorni più grande di Barrios Vera, non è riuscito ad imporre il suo tennis in una finale che non ha avuto storia, con il cileno che ha messo a referto un 2-0 per 6-1 6-2 prima di poter alzare al cielo la coppa che 12 mesi fa gli era sfuggita per un soffio, visto che era stato battuto dal peruviano Juan José Rosas, suo compagno di doppio con cui ha raggiunto due semifinali consecutive, vincendo quella dello scorso anno.

Pronostico rispettato per le ladies: vista la prematura eliminazione della t.d.s. N.1, la cilena fresca 18enne Fernanda Astete, è stata l’americana N.2 del seeding Alexandra Sanford, classe ’99, a portarsi a casa la coppa ed i 100 punti in palio, dopo aver perso la finale di doppio che le sarebbe valsa una ottima doppietta.

Per quanto riguarda i colori italiani, i risultati più importanti arrivano dal doppio: al “Porsche Open” di Gjovik, in Norvegia, conquista il titolo di doppio il classe ’98 azzurro Corrado Summaria, il quale si è imposto in coppia con il croato Borna Gojo con il quale ha formato la coppia N.1 del seeding che in finale ha avuto la meglio del binomio scandinavo Patrick Kristensen, danese, e Carl Johan Prioset, svedese.

corrado summaria

Così come è arrivata una vittoria nel doppio maschile, ecco che anche nel doppio femminile del “Porsche Open” arriva il successo di Maria Vittoria Viviani, uscita al secondo turno in singolare, in coppia con l’elvetica Susan Bandecchi; le due hanno superato nell’atto finale del torneo la coppia russo-bielorussa composta da Sofija Gaisina e Anna Skabelka.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *