Continua a vincere Martin Klizan

di - 29 Marzo 2012


(Martin Klizan)

di Guido Pietrosanti

Nella settimana compresa tra il 19 ed il 24 marzo, contemporaneamente alla prima settimana del torneo di Miami, si sono disputati 3 tornei challenger. Uno dei tre si è giocato a Marrakech in Marocco, sulla terra battuta, dove ha vinto lo slovacco Martin Klizan,  già vincitore la settimana precedente del torneo di Rabat. Klizan, classe 89 e numero 106 del ranking atp, già capace di raggiungere i top 100 nel 2011, ha sconfitto in finale a Marrakech il rumeno Adrian Ungur per 36 63 60. Secondo turno per il nostro Alessandro Giannessi, sconfitto dall’ex top 15 Paul-Henri Mathieu, al rientro nel circuito dopo essere stato fermato a lungo da un brutto infortunio. Giannessi, che ha finito la scorsa stagione in forte crescita, sembra comunque stentare a ritrovare la stessa brillantezza del 2011.

A Bath in Inghilterra, vittoria del tedesco-giamaicano Dustin Brown, che dopo un periodo di appannamento torna alla vittoria in un torneo challenger dopo più di un anno, battendo in finale il ceco Jan Mertl per 76 64. Per Mertl, classe 82 e numero 211 del ranking atp, si tratta del secondo buon risultato in altrettante settimane, visto che la settimana precedente aveva vinto il torneo di Sarajevo, mentre per Brown la vittoria in Inghilterra arriva dopo un inizio di stagione piuttosto deludente, nonostante la semifinale a Sarajevo. Molti giovani inglesi erano presente nel main draw di Bath, ma nessuno di loro è riuscito a passare il primo turno, a conferma del fatto che per i teen agers il circuito challenger è ancora estremamente difficile. Sia Liam Broady, tra i migliori 94 al mondo, che Oliver Golding, tra i migliori 93, sono infatti stati eliminati al primo turno.

Se i giovani inglesi non sono riusciti ad invertire la tendenza, che vede i migliori giovani in difficoltà nel circuito challenger, c’è invece riuscito il 94 canadese Filip Peliwo (nella foto a sinistra) che, entrato in tabellone nel challenger casalingo di Rimouski grazie ad una Wild Card, è riuscito a spingersi fino alle semifinali e da lunedi prossimo sarà il miglior under 18 nelle classifiche atp raggiungendo i primi 600 del ranking. Il torneo è stato poi vinto dal canadese Vasek Pospisil, che aveva fermato in semifinale la corsa del giovane Peliwo. Pospisil, classe 90 e già numero 111 del ranking atp, ha battuto in finale il belga Maxime Authom (213) per 76 64.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *