Lampo Trophy: Bene le ragazze azzurre

di - 16 Luglio 2013


(Foto Alvaro Maffeis)

Salò, 16 luglio 2013 – Nella mattinata di oggi ha preso il via sui campi di Salò e di Rodengo Saiano (Brescia) l’edizione numero dodici della Nation Cup – Lampo Trophy, Memorial Ermanno Orler, manifestazione internazionale a squadre, maschile e femminile, per under 12. E la prima squadra azzurra a scendere in campo è stata proprio quella delle ragazze, pronte a difendere il successo del 2012. Sui campi di Salò vittoria finale per l’Italia, che ha dovuto lottare più del previsto per battere Israele. Nel primo match sconfitta netta per la perugina Linda Alessi, mai entrata in partita contro la Hondiashvili: 6-0 6-2 il risultato finale e 1 a 0 per Israele. Nel secondo match di singolare, l’abruzzese Giorgia Di Muzio ha conquistato il punto del pareggio dopo una battaglia terminata al terzo set. Nel primo parziale l’italiana ha comandato il gioco sin dalle prime battute, chiudendo per 6-2. Nel secondo, identico risultato ma per l’israeliana Khirin, che ha approfittato di una flessione della nostra portacolori. Nel set decisivo, reazione dell’abruzzese che prima si è portata sul 5-1 e poi è riuscita a chiudere con il punteggio di 6-4. Il doppio conclusivo ha visto il dominio italiano, con la coppia formata dalla salentina Linda Cagnazzo e Giorgia Di Muzio capace di sbarazzarsi delle avversarie per 6-2 7-5, soffrendo solo sul finale del secondo set. “È stato un esordio davvero impegnativo – ha commentato il tecnico della Federtennis Nicola Fantone alla fine del doppio – e la tensione di rappresentare l’Italia si fa sempre sentire. Ma per fortuna le ragazze non si sono scoraggiate quando sono andate in svantaggio e hanno combattuto su ogni palla. Il nostro girone – continua – è davvero difficile, perché comprende anche il Canada e se avessimo perso oggi sarebbe stata dura”. Già domani i prossimi match per le azzurre contro la Slovenia.

Sempre domani ci sarà anche l’esordio del team maschile, a partire dalle ore 14.30 a Salò: a difendere il tricolore ci saranno il ravennate Michele Vianello, il varesino Mattia Bellucci e l’irpino Mauro De Maio. “Sarà una bella sfida quella contro la Gran Bretagna – ha confermato Gianni Capacchietti, ideatore e anima della Nation Cup -, perché la loro squadra è davvero competitiva. Oltre al Canada, favorita d’obbligo della vigilia, anche i giocatori inglesi possono dire la loro. Spero di vedere i nostri lottare come hanno fatto oggi le azzurre, bravissime a non demoralizzarsi dopo un avvio non esaltante”.

IL PROGRAMMA – Da martedì 16 a giovedì 18 luglio: gironi di qualificazione, in entrambe le sedi di gioco. Dalle ore 9 il femminile, dalle 14.30 il maschile. Venerdì 19 luglio: semifinali a Salò. Sabato 20 luglio: finali a Salò, a partire dalle ore 9. Ingresso gratuito.

Risultati

Torneo maschile.

Girone 1 (Salò): Gran Bretagna b. Svezia II 2-0

O. Weightman (GBR) b. V. Arsov (SWE) 6-1 6-0, G. Loffhagen (GBR) b. E. Nokic (SWE) 6-0 6-1, R. Hutchinson/G. Loffhagen – V. Arsov/E. Nokic da concludere in serata.

Girone 2 (Salò): Canada b. Israele 2-0

D. Fainblum (CAN) b. A. Nisenbome (ISR) 6-4 6-2, L. Draxl (CAN) b. R. Ginat (ISR) 6-1 6-2, D. Fainblum/L. Draxl – R. Ginat/Y. Sarouk da concludere in serata.

Girone 3 (Rodengo Saiano): Ungheria b. Croazia 2-1

I. Brajko (CRO) b. B. Herman (HUN) 6-3 6-7 6-0, S. Csongor (HUN) b. N. Basic (CRO) 7-5 5-7 6-2, S. Csongor/B. Herman b. N. Basic/L. Suevich 6-4 5-7 10-2.

Torneo Femminile

Girone 1 (Salò): Italia b. Israele 2-1

R. Hondiashvili (ISR) b. L. Alessi (ITA) 6-0 6-2, G. Di Muzio (ITA) b. N. Khirin (ISR) 6-2 2-6 6-4, L. Cagnazzo/G. Di Muzio b. N. Khirin/D. Shvartsman Sazanov 6-2 7-5.

Girone 1 (Salò): Canada b. Slovenia 3-0

O. Gorchanyuk (CAN) b. T. Dujc (SLO) 6-1 6-1, V. Tabunshchyk (CAN) b. S. Galvas (SLO) 6-1 6-1, O. Gorchanyuk/V. Tabunshchyk b. T. Dujc/S. Galvas 6-1 6-3).

Girone 2 (Rodengo Saiano): Croazia b. Ungheria 3-0

B. Mohac (CRO) b. S. Tekla Virag 7-5 6-3, R. Cipetic (CRO) b. K. Almasi 6-3 6-1, N. Krznaric/B. Mohac b. S. Tekla Virag/K. Almasi 6-1 3-6 10-3).

© riproduzione riservata

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *