Lemon Bowl 2011: Le Finali

di - 6 Gennaio 2011


(Elisabetta Cocciaretto – Foto Nizegorodcew)

LEMON BOWL 2011: I RISULTATI DELLE FINALI

TRIONFANO I FRATELLI MERZETTI, BELLE VITTORIE DI ZERULO E COCCIARETTO

Il Lemon Bowl 2011 è giunto alla sua conclusione. Si sono disputate questa mattina, 6 gennaio, le dodici finali, dai piccolissimi under 8 sino agli esperti under 18. Tanti i match spettacolari e dall’elevato tasso tecnico che hanno incollato alle tribune i numerosi appassionati accorsi al New Penta 2000 e all’Eschilo 2.

Il torneo under 14, disputato interamente sul cemento, è stato vinto dai giovani Sasha Merzetti e Martina Zerulo. La pugliese ha sconfitto in due rapidi set Federica Gardella col punteggio di 61 63, mentre il più grande dei fratelli Merzetti ha disposto piuttosto agevolmente di Andrea Pellgrino. “La partita più difficile è stata la semifinale con Marco Mosciatti” – ha raccontato Sasha – “Ci conosciamo molto bene e a livello emozionale non è stato facile affrontarlo. Però ho giocato un bellissimo terzo set e ho portato a casa l’incontro. Anche oggi contro Pellegrino comunque non è stato facile. Il mio sogno? Diventare il numero uno!”

La famiglia Merzetti è uscita trionfatrice da questa ventisettesima edizione del Lemon Bowl. Il torneo under 12 maschile è stato infatti vinto dal piccolo Nicolas Merzetti, che ha però sofferto non poco per avere la meglio di Lorenzo Baglietto, ragazzo dal grandissimo diritto. 64 75 il punteggio finale in favore di Merzetti, che nel secondo parziale si è visto rimontare un vantaggio di 5-3. “Ho giocato bene e sono contento di questa vittoria” – ha dichiarato Nicolas – “anche se nel secondo set ho avuto qualche problema a causa del vento e del mio avversario, che ha giocato meglio. Mio fratello vuole diventare numero uno? Lo voglio anche io!” Nel femminile bellissima affermazione dell’azzurra Rosanna Maffei, tesserata per il Tc Capodimonte, che ha superato la favoritissima spagnola Eva Guerrero Alvarez. 62 61 il punteggio schiacciante che ha permesso a Rosanna di vincere il titolo.


(Marco Furlanetto – Foto Nizegorodcew)

La finale del torneo maschile under 10 è stata decisamente la più appassionante. Il toscano Marco Furlanetto ha vinto 7-4 al tie-break decisivo contro Michele Vianello, in un match davvero esaltante. Entrambi i giovanissimi contendenti hanno messo in mostra un tennis molto completo e una grinta da vendere. “Non ho cominciato molto bene” – ha raccontato il vincitore – “ma volevo tantissimo questa vittoria e piano piano ho ripreso a giocare sempre meglio. Sono molto contento per questa vittoria e spero di tornare anche l’anno prossimo al Lemon Bowl.” Nel femminile impressionante prestazione della piccola Elisabetta Cocciaretto di Porto San Giorgio. La marchigiana ha sconfitto la fortissima mancina Olga Danilovic (figlia dell’ex stella del basket Sasha Danilovic) 62 63, palesando un rovescio bimane, in particolare lungolinea, stile Flavia Pennetta. “Si è vero” – ha spiegato Elisabetta felicissima per la vittoria – “il rovescio è il mio colpo migliore, soprattutto lungolinea. Oggi ho giocato veramente molto bene, sono davvero soddisfatta, anche perché è la seconda volta consecutiva che trionfo al Lemon Bowl (Elisabetta aveva vinto lo scorso anno il torneo under 8).”

Il torneo under 16 maschile è stato vinto dal romano Tommaso Evangelisti, autore di un torneo di livello altissimo; in finale nulla ha potuto Gianluca Di Nicola del Tc Avezzano, sconfitto con un 63 periodico. Nel femminile bella affermazione della ternana Valentina Aimone, che ha superato in due set 75 63 la campana Claudia Cirillo. Nell’under 18 vittorie della viterbese Martina Natali (75 63 a Martina Lombardi) e del “pariolino” Pierdanio Lo Priore (76 62 a Gianmarco Cacace).

Consueto spettacolo negli incontri del torneo under 8, che richiama sempre tantissimo pubblico. Le vittorie sono andate a Matilde Paoletti e ad Alexander Gammariello.

Per quanto riguarda i tabelloni, gli orari e tutte le altre informazioni utili, sono consultabili sul sito web ufficiale del torneo: www.lemonbowl.it

© riproduzione riservata

9 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *