Masha domina e si prende Roma

di - 16 Maggio 2011

di Sergio Pastena

Non è stato proprio un torneo “made in Italy” questa edizione degli Internazionali di Tennis di Roma. Vero è che abbiamo avuto la Schiavone nei quarti di finale e che in fondo il nostro tennis femminile non riesce a fare di meglio dal 1985, però sarebbe ipocrita negare che qualche attesa alla vigilia c’era: la leonessa era la seconda testa di serie e, pur non volendo fare affidamento su una Pennetta non al meglio, le nostre seconde linee erano in gran forma e ci si poteva attendere qualche colpo a sorpresa. Per inciso, non parliamo certo di un disastro: la Schiavone ha ceduto alla Stosur nella rivincita della finale del Roland Garros 2010, ma l’australiana poi ha fatto finale; la Errani, dopo aver battuto la vinci nel derby, è stata eliminata dalla Azarenka, così come la Brianti è stata brava a fare fuori la Zheng prima di cedere ad una Arn in gran forma; benissimo la Oprandi, vittoriosa sulla Kanepi e sconfitta poi dalla Hantuchova. Soltanto la Pennetta ha ceduto alla Mattek-Sands contro pronostico, mentre era prevedibile l’eliminazione della Dentoni per mano della Gajdosova.

A parte l’Italtennis, però, c’è da dire che questa edizione ha regalato spettacolo: i quarti di finale allineavano tutte le teste di serie eccezion fatta per la Radwanska, eliminata al secondo turno dalla Vesnina. Le prime teste eccellenti sono cadute nei quarti: oltre alla Schiavone è uscita anche la Azarenka, eliminata da Maria Sharapova, che poi si è ripetuta contro la numero uno del mondo Caroline Wozniacki. Dall’altra parte la Stosur estrometteva dal torneo la cinese Na Li, vittoriosa sulla Arn nei quarti. In finale, però, Masha non ha lasciato scampo all’australiana regolandola con un netto 6-2 6-4: la russa grazie alla vittoria finale sale al numero 7 delle classifiche superando proprio la Stosur, mentre scende al 10 la Jankovic, sorpassata da una Kvitova che arriva al best ranking.

E veniamo a questa settimana, quella prima dell’abbuffata di tennis del Roland Garros: in programma ci sono i tornei di Bruxelles e Strasburgo e tra i due il più prestigioso è sicuramente quello belga, con un montepremi di 618.000 dollari. In campo ci saranno ben quattro delle Top Ten: Wozniacki, Zvonareva, Schiavone e Jankovic in ordine di ranking. Le outsider saranno l’israeliana Peer e la padrona di casa Wickmayer, ma attenzione anche a Dulgheru e Peng. In Francia, invece, troviamo tra le altre Bartoli, Petkovic, Ivanovic e Hantuchova: parterre comunque di tutto rispetto, che non vedrà italiane ai nastri di partenza, visto che Anna Floris è stata eliminata dalla Groenefeld nell’ultimo turno delle qualificazioni.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *