Sara Errani vince il suo quarto e sbugiarda l’arbitro

di - 17 Luglio 2015

Errani Bucarest

di Michele Galoppini (@MikGaloppini) e Giulio Gasparin (@GiulioGasparin)

Il secondo match in programma sul campo centrale di Bucarest, oggi arena protagonista di tutti i quarti di finale di singolare, è quello che più interessa ai tifosi azzurri. Sara Errani è chiamata a confermare il suo status di favorita numero 1 del torneo e quindi anche del match odierno contro la georgiana naturalizzata statunitense Anna Tatishvili, la quale ha raggiunto i quarti non per caso, visto anche l’ottimo match che ha giocato oggi. Il risultato parla chiaro e dice 6-2 6-3, ma certamente risulta bugiardo, considerata la grandissima lotta che si è vista in campo, come Sara Errani ha anche confermato nell’intervista post match che potrete trovare assieme ad altri contenuti nel podcast a fine pezzo.

Nel primo parziale è stata subito Sara a prendere il largo con un break in apertura, ma la Tatishvili ha subito risposto per le rime e ripareggiato i conti sul 2-2. Sara si è trovata in difficoltà non solo sulla sua diagonale preferita, quella di rovescio, ma anche fisicamente non si è sentita al 100%. “Oggi sensazioni brutte, bruttissime e tanto nervosismo” e poi aggiunge, rispetto alle difficoltà sulla diagonale di rovescio: “Un po’ tutte le partite stanno andando così, tutte sul rovescio incrociato mi cambiavano in lungolinea sul mio dritto, che poi io colpisco e lo tiro a metà campo. Così è difficile. Provavo ogni tanto ad alzare la traiettoria ma lei di rovescio gioca davvero bene. […] E poi fisicamente non mi sentivo un granché, mi girava un po’ la testa, sentivo un sacco di caldo, comunque niente di che, ma almeno la caviglia è a posto”.

Nonostante tutto, sono poi arrivati quattro game consecutivi, che purtroppo non siamo riusciti a seguire attentamente a causa della conferenza stampa della Niculescu alla quale sarebbe dovuta seguire un’intervista one-to-one, spostata però a domani. Raggiunto il 6-2, è stata nuovamente la Errani a scappare avanti anche nel secondo parziale, ma nonostante il punteggio abbia premiato sempre Sarita, la lotta all’interno di ogni singolo game è stata asfissiante, come il caldo che oggi dà poca tregua. Sara è riuscita a salire per due volte avanti di un break, ma la Tatishvili, col suo bagaglio di potenti accelerazioni di dritto e precise staffilate di rovescio, è sempre riuscita a mettere il fiato sul collo all’azzurra. Segno ErraniUn vantaggio mai rassicurante ha portato la Errani a rispondere per il match sul 5-3 e ad ottenere tre match point consecutivi, e proprio sul terzo si è rischiato il tracollo nervoso: un servizio chiaramente out della Tatishvili (il cui segno è stato poi fotografato da Sara e mostrato a noi, a riprova della sua ragione) è stato concesso buono dall’arbitro, chiamato a controllare sul campo il segno della pallina. Proprio nel momento di concessione, Sarita è andata su tutte le furie, esclamando anche un rumoroso “ma che ca?!” a corredo. Poco male, i due punti successivi sono scappati troppo lunghi alla racchetta della statunitense, ed il match si è chiuso 6-2 6-3.

Prossima avversaria è proprio la Niculescu, che in conferenza stampa si è detta pronta al match contro la Errani, lodandone le grandi doti di solidità e di lottatrice. “Bisognerà sicuramente alzare il livello domani,” dice parlando della Niculescu. “Lei è una giocatrice che non ti regala niente, difende benissimo e quindi bisogna anche provare ad attaccare, andando anche avanti qualche volta.”

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *