Seppi vola, uragano Zopp

di - 12 Febbraio 2011


(Andreas Seppi – Foto Milesi)

L’altoatesino spazza via Ignatik in 43 minuti e vola in semifinale, dove affronterà l’imprevedibile Alexander Kudryavtsev. Per lui è l’undicesima vittoria su dodici match a Bergamo. La sorpresa del torneo è l’estone Jurgen Zopp, capace di rifilare un terrificante 6-2 6-2 a Olivier Rochus.

E’ sempre più il torneo di Andreas Seppi. Dopo le vittorie su Dominik Meffert e Ruben Bemelmans, l’altoatesino si è qualificato per le semifinali degli Internazionali Trismoka (42.500€, Play-It) spazzando via Uladzimir Ignatik con il punteggio di 6-1 6-1 in appena 43 minuti, record di brevità per l’azzurro. Se contro Bemelmans si poteva pensare all’arrendevolezza dell’avversario, stavolta viene il dubbio che Seppi stia giocando davvero alla grande. Perfetto con i fondamentali, incisivo in risposta, l’altoatesino ha messo in mostra il meglio di sé: passanti di dritto, di rovescio, pallonetti e persino qualche palla corta. Ignatik è un giocatore dal forte spirito combattivo, uno che non molla mai. Seppi è riuscito a stritolarlo sin dal primo punto, infilando il break già al terzo game. “E’ stata un ottima partita, ho iniziato bene e ho servito nel migliore dei modi” ha detto Seppi “Fortunatamente oggi sono riuscito a chiudere senza cali”. Adesso è atteso dal russo Alexander Kudryavtsev, vincitore 7-5 6-4 su Dieter Kindlmann (già giustiziere di Bolelli e Johansson). “Lo conosco poco, so che è un giocatore imprevedibile, da cui non sai mai cosa aspettarti. Però guardo con fiducia al match, perché sto giocando bene. Giocare a Bergamo è un piacere, qui ho già vinto una volta e avverto il calore del pubblico”. Andreas non ha dunque patito l’assenza di coach Massimo Sartori, che lo aveva seguito nei primi due match. A seguirlo in tribuna c’era la fidanzata Evelyn, ma il risultato non è cambiato. Per lui è l’undicesima vittoria su dodici match a Bergamo. E’ andata molto peggio a Ignatik, accompagnato dalla corpulenta mamma-coach, che a termine partita lo ha duramente rimproverato.

In giornata si era abbattuto sul PalaNorda un uragano di nome Jurgen Zopp. Il giovane estone, biondissimo e potente, ha letteralmente preso a pallate un giocatore scafato come Olivier Rochus, infilando la vittoria più prestigiosa della sua giovane carriera. Dotato di un sorprendente equilibrio nei fondamentali, ha scaricato sul belga la bellezza di 16 ace, con una media di due per game. Zopp ha già vinto otto tornei Futures, ma quella di Bergamo è la seconda semifinale a livello challenger dopo quella ottenuta a Samarcanda nel 2010 “Ma quello era un torneo più piccolo, e non avevo ottenuto vittorie così prestigiose”. In merito al match, Zopp ha ammesso di trovarsi alla perfezione sul Play-It bergamasco. “E’ la mia migliore superficie, non troppo veloce ma che mi permette di essere aggressivo. Inoltre il gioco di Rochus non mi dà fastidio…ho giocato alla grande”. Insomma, anche se lui vola basso, il challenger di Bergamo ha battezzato un giocatore dal sicuro avvenire: ha la stessa età di Del Potro e Gulbis (compirà 23 anni il prossimo 29 marzo) ed è indietro rispetto ad alcuni coetanei, ma da quando ha trovato il giusto equilibrio con il nuovo coach (il finlandese Pasi Virtanen) sembra essere pronto per un importante salto di qualità. A seguire il suo match c’era Gilles Muller, finalista della passata edizione, che se l’è vista brutta contro Stephane Robert: sotto 1-4 e 15-40 nel set decisivo, il lussemburghese ha trovato la forza di rimontare e vincere al tie-break decisivo. Per Muller è stata la settima vittoria su otto match a Bergamo, e ha confermato il suo particolare feeling con il tie-break: in due partecipazioni a questo torneo ne ha giocati sette e vinti altrettanti.

INTERNAZIONALI TRISMOKA 2011 (42.500€, Play-It)

Quarti di Finale Singolare
Gilles Muller (Lux) b. Stephane Robert (Fra) 4-6 6-3 7-6
Jurgen Zopp (Est) b. Olivier Rochus (Bel) 6-2 6-2
Alexander Kudryavtsev (Rus) b. Dieter Kindlmann (Ger) 7-5 6-4
Andreas Seppi (Ita) b. Uladzimir Ignatik (Blr) 6-1 6-1

Semifinali Doppio
Frederik Nielsen / Ken Skupski (Dan-Gbr) b. Philipp Oswald / Martin Fischer (Aut-Aut) 7-6 6-4

© riproduzione riservata

13 commenti

  1. Nicola De Paola

    Al contrario di quanto molti pensano,credo che Seppi abbia fatto bene a rinunciare alle quali di Rotterdam preferendo Bergamo. Deve fare pt se vuole entrare in tabellone nei 1000 sulla terra. Con questa classifica non ne è certo. Una vittoria a Bergamo gliene garantirebbe 90,con 70 che “gli entrano” scartando i 20 di Vienna come ultimo risultato del best-18. E se poi riuscisse a vincere 5 matchs contro avversari decenti gli tornerebbe utile in termini di fiducia e di allenamento sul veloce. Chiaramente avrà anche preso un bel sottobanco,e neppure gli dispiacerà giocare a pochi km da casa con la fidanzata al seguito. Ci sta’.
    Per me Andreas si è sempre programmato bene.

  2. Nicola De Paola

    Però mi sono accorto che gli usciranno anche i 45 pt di Rotterdam 2010 che dovrebbero essere sostituiti da uno 0 visto che perse al 1° turno sia a Dubai che a Valencia. Quindi con una vittoria a Bergamo guadagnerebbe 25 pt. Manterebbe più o meno la stessa classifica con una casella nei 500 tutta da riempire.
    Diciamo che i primi tre azzurri sono abbastanza tranquilli di avere un posto nel main draw dei 3 mille sul rosso e a Barcellona.

  3. Guido

    Non ha tanto da difendere fino all’estae quindi credo che riuscirà a giocare i master series sulla terra. La verità è che a 27 anni ormai Seppi ha capito quali sono i suoi limiti. Sono già un paio di stagioni che salta qualche torneo grande per giocare qualche challenger in più cosa che prima non faceva mai. Ma insomma a questo punto della carriera avere un occhio in più alla classifica non è sbagliato.

  4. Alessandro Nizegorodcew

    Ho in serbo un articolo su Seppio, che tirerò fuori a fine torneo.. Sul discorso “mentale” relativo alle sue prestazioni nei challenger..

  5. animacandida

    allora il match di Seppi è durato 43 minuti!il primo turno 48 minuti.Vi posso dire che è stato abbastanza imbarazzante per i suoi avversari e per il pubblico.
    Sembrava di vedere un seconda cat.contro un terza scarso, così solo per darVi una misura.Oggi non riuscirò a vedere le semi ma Vi confermo quanto detto per l’estone Zopp: può diventare forte anche se gli manca un pezzo di gioco da 3/4 campo a rete.Per il resto servizio veloce e chirurgico ,risposta in avanzamento e sciolta, fondamentali solidissimi con ottime accelerazioni di diritto.Concentrazione elevatissima durante tutti i matches che gli ho visto giocare.Ieri quasi tutti pensavano che l’esperto Rochus ne facesse un boccone: è stato l’esatto contrario.Oggi và contro Muller che però non ho potuto vedere.Spero che Seppi oggi faccia un pò più di fAtica vs Alexander Kudryavtsev (sembrerebbe abbastanza solido), perchè fino ad ora si è solo “allenato”.

  6. Nicola De Paola

    Sono curioso di leggerlo. Quando lo tradurrai in italiano lo farò. 😉
    Comunque anche Guido ha ragione. Seppi fa ciò che può. Spesso anche di più. Per me sta ottenendo anche più di quanto il suo talento gli avrebbe permesso (tenendo presente gli sprechi a cui assistiamo). E’ un gran lavoratore,perciò.

  7. Nicola De Paola

    Comunque non so a voi,ma a me Supertennis mi sta’ facendo uscire pazzo. Quì a Bari è sparito da 2 mesi. Parlo del digitale. E lo streaming va e viene nonostante una connessione eccezionale. Quanto erano belli i 500 su Sky.. Nel mio caso la tv Fit sta facendo di tutto per farmi allontanare da questo sport,altro che “allargare la base”.. Ma non mollerò..

  8. pasquale

    Veramente è stata sky a mollare gli ATP500, e se non li avesse presi supertennis non si vedrebbero per nulla. Quindi semmai è Sky che cerca di allontanare la gente dal tennis, dal momento che da quando sono entrati sulla scena, con la fusione fra stram e telepiù, non hanno fatto altro che diminure l’investimento sul tennis.
    Poi, chiaro che se non ci fossero problemi tecnici sarebbe meglio, ma intanto qualcosa si vede, e gratis. Io stamattina mi sono visto due belle partite da Pattaya, torneo mai programmato da nessuno, credo.
    E domani farò il tifo per la piccola Errani contro la Hantuchova.

  9. Alessandro Nizegorodcew

    @pasquale
    D’accordo con te in questo caso. E’ Sky che ha smesso di investire sul tennis… Supertennis in questo caso ci salva, sperando ovviamente che in futuro i tanti problemi del canale federale possano essere superati..

  10. Nicola De Paola

    Ma Sky non ha il compito di diffondere il tennis. La Fit si. E’ una sottile differenza.. Sky può decidere di far ciò che vuole. Come gli abbonati. Se privilegia altri sport vuol dire che col tennis non ha un ritorno adeguato. Fatti suoi.
    Io so solo che dopo pranzo avrei voluto vedere una bel match,e puntualmente..

  11. Nicola De Paola

    Indovinate chi non è riuscito a vedere la finale di Pattaya stamattina? Meno male che non mi intersso di tennis femminile. Ma alle 2 c’è Soderling-Tsonga..

  12. pasquale

    Io l’ho vista perfettamente, anche se purtroppo Sara è stata travolta dalla Hantuchova, che sta giocando benissimo.

    Forse ti conviene chiamare un antennista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *