European Summer Cups U14: Vince la Russia, Italia quarta

di - 6 Luglio 2015

Russia

di Paolo Angella

Si è disputata nella scorsa settimana la European Summer Cups, una sorta di campionato europeo a squadre under 14. La formula prevedeva una prima fase con quattro gironi da otto squadre ciascuno. Le finaliste (quindi le prime due di ogni girone) passavano poi alla fase finale a otto che si è disputata nel week end scorso a Loano per le ragazze e a Murcia, in Spagna, per i ragazzi. Ogni match si disputava su tre partite (due singolari e il doppio), ovviamente passava il turno chi vinceva almeno due partite.

ItaliaNel femminile abbiamo avuto le maggiori soddisfazioni. Le nostre ragazze, Elisabetta Cocciaretto, Federica Rossi e Alessia Truden, capitanate dal coach Giovanni Paolisso hanno superato brillantemente il turno eliminatorio andando a vincere in un girone molto difficile con Russia, Serbia, Svizzera, Israele, Norvegia e Cipro e poi arrivando quarte alla fase finale.

Nella fase eliminatoria, dopo la facile vittoria con Cipro, il momento della verità è arrivato alla partita di semifinale contro la Serbia della fortissima ragazza “prodigio” Olga Danilovic. La vittoria voleva dire accesso sicuro alla fase finale, la sconfitta eliminazione. Dopo la vittoria di Federica Rossi sulla Skrobonja e della Danilovic sulla Cocciaretto, è stato decisivo il doppio e la coppia formata da Rossi e Cocciaretto, sostenute dal pubblico di Torino hanno fatto il “miracolo” rimontando il primo set perso e andando a vincere per 6-7 7-5 6-3 consentendo la qualificazione, a sorpresa, dell’Italia.

Il momento magico delle nostre portacolori non si è fermato e, ancora più a sorpresa, in finale del girone a eliminazione hanno battuto le favoritissime russe con il netto 3-0 finale grazie alle vittorie di Federica Rossi su Vlada Koval, di Elisabetta Cocciaretto su Tasya Pachkaleva e della coppia Rossi-Truden su Koval-Tikhonova.

Alla fase finale di Loano le otte squadre più forti di Europa, Italia, Repubblica Ceca, Romania, Ungheria, Russia, Gran Bretagna, Polonia e Spagna si sono affrontate a Loano con la stessa formula delle due partite da vincere su tre per arrivare alla conquista del titolo.

Al primo turno l’Italia si è trovata di fronte l’Ungheria, squadra molto forte con Adrienn Nagy e Timea Visontai, già vincitrici di diversi tornei internazionali, ma sull’onda dell’entusiasmo per la qualificazione le nostre ragazze, disputando tre ottimi incontri hanno vinto nettamente con un 3-0 che non lasciava margini di dubbi.

In semifinale, l’Italia si è trovata di fronte la Repubblica Ceca, squadra fortissima con la numero 10 al mondo under 14, Anna Siskova, la numero 12, Vanesa Nikolovova e la numero 17 Ivana Sebestova. Nel primo match in programma Federica Rossi ha battuto nettamente la Sebestova con il punteggio di 6-3 6-3 portando l’Italia sul 1-0. Nel secondo match la nostra Elisabetta Cocciaretto, pur lottando benissimo con la forte Siskova si è dovuta arrendere al ritorno della ceca con il punteggio di 4-6 6-1 6-1. Decisivo, ancora una volta il doppio e, in questo caso, le nostre, Cocciaretto e Truden nulla hanno potuto contro Siskova e Sebestova, perdendo con il punteggio di 6-1 6-4.

Finale sfumata dunque, ma consapevolezza di aver fatto un grandissimo torneo e possibilità di giocare la finalina per il terzo posto contro la Polonia, eliminata nell’altra semifinale dalla Russia.

Il primo punto è della Polonia con Stefania Rogozinska Dzik che supera una brava Alessia Truden, scesa in campo a sostituire Federica Rossi che non stava bene, che riescie a portare la polacca al terzo set, ma alla fine deve soccombere per 6-0 3-6 6-1.

Nella seconda partita Elisabetta Cocciaretto riesce a stabilire la parità grazie ad un po’ di fortuna, in quanto la sua avversaria polacca, Iga Swiatek è costretta al ritiro, dopo che Elisabetta aveva vinto il primo set per 6 giochi a 3.

Decisivo il doppio e Cocciaretto-Truden nulla hanno potuto contro Rogozinska Dzik-Swiatek, che hanno vinto con un doppio 6-3.

Alla fine quarto posto per l’Italia, che è comunque un risultato onorevole e soprattutto la grande consapevolezza di potersela giocare alla pari con tutte le nazioni più forti d’Europa e la prima fondamentale conferma di questo è il fatto che a vincere il torneo sia stata proprio la Russia, che avevamo battuto nella finale del girone eliminatorio.

Nella finale infatti le ragazze russe hanno battuto con un netto 2-0 la Repubblica Ceca, conquistando per la nona volte la European Summer Cups.

Il quarto posto finale fra l’altro consente all’Italia di qualificarsi per la ITF Junior World Tennis competition, campionato mondiale a squadre giovanile che si disputerà in Repubblica Ceca ai primi di agosto.

Grande soddisfazione da parte del CT azzurro Giovanni Paolisso: “E’ stato un percorso iniziato a settembre quando ho incontrato le ragazze e i lori rispettivi maestri ed è il giusto coronamento di tanta serietà e di tanto lavoro, fatto in questi mesi. Sinceramente non ci aspettavamo di arrivare così in fondo ed è stato molto gratificante arrivarci e avere la soddisfazione di essere con le nazioni più forti d’Europa.”

Oltre la soddisfazione resta qualche rimpianto: “Nella partita decisiva Federica Rossi, ragazza di valore assoluto non è potuta scendere in campo e quindi un po’ di sfortuna c’è stata, ma fa parte del gioco, noi avevamo due ragazze, Federica e Elisabetta, in grado di battere chiunque e Alessia, molto brava, ma di un livello un filino più basso. Forse chi ha vinto aveva il team complessivamente più forte.”

Ora l’obiettivo è la Junior World Cup, ancora Giovanni Paolisso: ”Andremo a giocare contro le ragazze più forti del mondo, tra loro ci saremo anche noi ed è comunque una grande soddisfazione, sarà comunque un’occasione per crescere e per fare esperienza, sicuramente chi scenderà in campo darà il massimo. Speriamo di far bene.”

Il fatto di rappresentare l’Italia in uno sport prettamente individuale come il tennis è sicuramente un aspetto molto importante come sottolinea Elisabetta Cocciaretto: “Giocare la Summer Cups ritengo che sia stata una delle competizioni più importanti e emozionanti a cui ho partecipato finora, perche comunque rappresenti l’Italia a livello europeo. Senti il pubblico che grida Italia-Italia e sei tu in campo, davvero un’emozione fortissima.”

Tanta soddisfazione, ma anche tanti rimpianti per non essere arrivati al gradino più alto del podio. Ancora Elisabetta Cocciaretto: “Devo dire che ci è mancato pochissimo per arrivare in finale e magari vincere il titolo europeo. Comunque sinceramente all’inizio non ce l’aspettavamo questo risultato e avremmo messo la firma per arrivare alla fase finale e al quarto posto, però vedendo che ha vinto la Russia che avevamo battuto a Torino, certo, un po’ di rimpianto resta.

Se chiedo a Elisabetta il momento più bello della settimana non ha dubbi: “E’ stato molto bello giocare in casa, tutte le partite sono state emozionanti, anche perchè io sono una di quelle giocatrici che quando gioca con il pubblico a favore si carica molto! La partita più emozionante è stata il doppio di spareggio contro la Serbia… Ci siamo un po’ complicate la vita io e Federica Rossi ma alla fine siamo riuscite a vincere lottando dopo 3 ore di partita.”

Per quanto riguarda il torneo maschile, poca fortuna per i nostri ragazzi, Filippo Moroni, Michele Vianello e Marco Furlanetto, allenati dal CT Luca Sbrascini che, in Francia, nel girone eliminatorio sono stati subito sconfitti al primo turno dall’Olanda.

Alla fine il trofeo maschile è andato alla Spagna che, davanti al proprio pubblico a Murcia ha battuto in finale la Croazia per 3-0. La Spagna maschile è stato l’unico team imbattuto dell’intero torneo, mentre la Russia che ha vinto il torneo femminile, come detto, era stata battuta proprio dall’Italia nel girone eliminatorio.

Le squadre ammesse all’ ITF Junior World Tennis sono le seguenti:

Ragazzi 14 & Under:

1. Spagna
2. Croazia
3. Francia
4. Polonia

Ragazze 14 & Under:

1. Russia
2. Repubblica Ceca
3. Polonia
4. Italia
5. Romania
6. Ungheria

© riproduzione riservata

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *