TE: I risultati della Winter Cup 2014

di - 4 Febbraio 2014


(Silvia Farina, Lucrezia Stefanini, Alessandra Simonelli e Alessia Dario: Team Italia Under 16)

di Francesco Libonati

Settimana di grazia per il tennis azzurro di squadra. Non solo le grandi prestazioni di Fabio Fognini in coppa Davis ad allietare il nostro week end infatti, ma anche ottime conferme dal movimento giovanile. Si sono giocate un po’ in tutta Europa le fasi eliminatorie della Winter Cup under 14 e 16, competizione giovanile a squadre di ottimo livello, a cui prendono parte i migliori giovani del nostro continente.

Prestazione di rilievo soprattutto della compagine femminile azzurra under 16 guidata dal tecnico federale Silvia Farina, ex numero 11 del mondo. Alessandra Simonelli, Alessia Dario e Lucrezia Stefanini, grazie alla loro bravura e al supporto del pubblico di casa del palazzetto di Maniago, hanno vinto il loro girone eliminatorio in una tre giorni di partite emozionante, pur  faticando e  lottando moltissimo. Le azzurrine si sono sbarazzate infatti, con tre tiratissime vittorie per 2 a 1, rispettivamente della compagine spagnola, di quella georgiana e delle pari età slovene. Oltre a queste nazioni hanno partecipato alla fase eliminatoria Svizzera, Portogallo, Serbia e Israele. Seguiremo le nostre atlete nella fase finale dei prossimi giorni. Ottima prova a Mersin, in Turchia, anche dei nostri ragazzi under 16, capitanati dall’ex davis man ciociaro Stefano Pescosolido. Samuele Ramazzotti, Filippo Mora e Corrado Summaria, che seguiamo settimanalmente nel circuito junior europeo, hanno vinto in due giornate anche qui tiratissime, sempre per 2 a 1 , contro Slovenia e Portogallo, per poi arrendersi sempre con un 2 a 1 ai padroni di casa turchi. Qualificazione alla fase finale ottenuta con il secondo posto. Dignitosa la prova anche dei ragazzi under 14 a Istanbul, guidati dal tecnico nazionale Umberto Rianna, cresciuto alla corte del grande Nick Bollettieri e noto a tutti per aver portato ad altissimi livelli Potito Starace. Squadra formata da Alessio De Bernardis, Riccardo Perin e Federico Arnaboldi, e vittoria per 2 a 1 sulla Svizzera nel primo turno. Gli azzurrini si sono poi arresi ai quotati tedeschi. Infine, ma non da ultime, le azzurrine under 14 di scena a Brest, in Francia, guidate dall’esperto tecnico romano Massimo Valeri: Costanza Traversi, Francesca Rumi e Camilla Ceppellini hanno battuto la nazionale lettone con il punteggio di 2 a 1, hanno perso dalla Slovenia, ma hanno ottenuto una prestigiosissima vittoria sulle tedesche nella finale per il terzo posto.

Riguardo invece il circuito individuale under 12, si è giocato in settimana un cat 3 a Vanersborg, in Svezia, sul veloce indoor. In semifinale un derby teutonico e uno svedese. Tra i tedeschi si è imposto Moritz Stoeger su Max Wiskandt per 64 64, tra gli scandinavi vittoria di Ross Weibull su Wilmer Dahl per 62 61. In finale vittoria netta di Stoeger per 61 61.

Unico italiano in tabellone Vittorio Faletti, che si è sbarazzato della wild card svedese Alfred Hagejard per 60 62 e ha perso dal qualificato norvegese Felix Nordby. Tra le donne derby lettone in finale, dove Darja Semenistaja ha recuperato uno svantaggio iniziale alla connazionale Karilla Bartone  imponendosi per 16 62 61.

© riproduzione riservata

25 commenti

  1. Nikolik

    Brave!
    Purtroppo vedo che gli articoli che parlano di risultati, beninteso, di risultati delle figlie di altri, non vengono commentati.
    Eh, già , tutti sono sull’altro canale a parlare di Bogar…

  2. atti

    No, no Nikolik..assolutamente no…abbi un attimo di pazienza…:-)

    Certo, Complimenti alle ragazze U16, complimenti ad Alessia in particolare che ha vinto tutti i suoi match. Ottimo esordio.

    In bocca al lupo x le finali fra 10 gg.

  3. challenger

    Premesso che stiamo parlando del nulla, qualcuno più esperto di me e che le conosce, può dirmi fra queste ragazze quella più futuribile, quella che ha più possibilità di farcela ad arrivare ad alto livello? Sbaglio o una delle tre, la prima a destra nella foto, (credo sia la Dario), è piccola per la sua età?

  4. Nikolik

    Incredibile come, nonostante il lungo tempo trascorso, il mio computer continui automaticamente a scrivere il nome della SIMONELLI tutto maiuscolo…
    Misteri dell’informatica.

  5. atti

    Nikolik@…
    Per non sbagliare piu’…
    Ti consiglierei di usare l’ abeceDARIO del VENETO… 🙂

  6. Alessandro Nizegorodcew

    @challenger
    Non ho mai visto Alessio Dario ma ne parlano molto bene. Stefanini vista solamente due volte, vorrei rivederla per un giudizio più completo. La Simonelli mi è sempre piaciuta tantissimo, secondo ha ottime potenzialità. Tra i ragazzi ovviamente Ramazzotti, su Samuele punterei (quasi) ad occhi chiusi… Tra i più 3-4 ’99 più forti d’Europa

  7. nicoxia

    Nikolik mi ricordi che quando discutevamo, tra persone da te reputate come genitori invidiosi,della futuribilità della Simonelli tu inneggiavi alle scelte della federazione che aveva deciso di investire sulla Zerulo,speriamo che le esperienze passate possano far migliorare quelle future.

  8. atti

    Pulsatilla@,
    mi costringi a ritirare fuori la parola magica… CP 🙂
    non è paragonabile il percorso delle 2 ragazze, e ti spiego perché…

    Una gioca a tennis dalla culla, famiglia con maestro in casa…tutti gli step giusti…Tirrenia, etc,etc… e certo gioca molto bene, un carattere giusto, per come gioca e vince, piace a tutti….anche a me.

    L’altra gioca seriamente solo da 3-4 anni, famiglia di sportivi ma extratennis…partita da zero, grande predisposizione caratteriale al match, all’agonismo e grande capacità di allenarsi sempre al massimo. Due doti a parer mio…fondamentali nel tennis moderno.

    Ciononostante sono entrambe allo stesso livello dopo solo 3-4 anni…
    Vedremo …vedremo…

    Ma una la conosco bene, e quindi forse per quello…uso la maiuscola…

    E poi appunto, fatto non secondario, proviene dai CP, anzi possiamo dire che anche grazie ai 2-3 anni nei CP, ha velocemente recuperato il Gap…e bisogna dare merito di questo anche al maestro Bertoldero che ha sempre creduto nelle sue possibilità fin dall’inizio.

  9. Nikolik

    Spendo due parole sulla Paolini, che sta furoreggiando in Australia nonostante sia, mi dicono i bene informati, nemmeno al 100% dal punto di vista fisico.
    Domani perderà, ma insomma, grandi prestazioni.

    Brava lei e bravi anche coloro che la allenano!
    Oddio, no, chi la allena no…non voglio infierire su voi Genitori…

  10. atti

    Se non ricordo male, anche Nikolik scrisse di essere contro il mantenimento della struttura Tirrenia…ora viceversa ne elogia i risultati.
    Ricordo che buona parte dei genitori del blog G&F auspicava semmai un potenziamento di Tirrenia, e un potenziamento dei CP…dunque non vedo cosa c’entrino i genitori…che sono i primi tifosi delle giovani speranzae azzurre…anche di chi si allena a Tirrenia ..certamente.

    Ma vabbè…lo perdoniamo ugualmente…
    Piu’ che altro ricordo che le sue scommesse sui giovani azzurri….non è che siano state sempre azzeccate…

    Ma tranquillo Nik…so mantenere i segreti…

    e si che si è sempre scelto, di volta in volta, classifiche junior alla mano…sempre i migliori prospetti… 🙂

    Sfortuna, non puo’ essere altro che sfortuna…
    Auguriamoci che almeno stavolta ci azzecchi….

  11. bogar67

    Nikolik
    il problema di Tirrenia non è Tirrenia ma è come ci arrivi. E’ una cosa che ho sempre scritto. Ci arrivi come la Simonelli o la Paolini cioè allenate dagli 8 ai 14 anni con due maestri toscani come Bianchi e Pieri sei pronto subito. Ci arrivi senza aver lavorato prima ma cresciuta in una normale sat, in tre in campo per tre volte a settimana da un’ora o un’ora e mezzo senza entrare nello specifico non sei pronto e devi aspettare di più e con probabilità torni indietro dopo un paio di anni se non subito.
    Ecco vedi Nikolik io a mia figlia a Tirrenia la manderei di corsa ma prima deve essere pronta ad alzarsi alle 6.30 per cominciare a VIVERE DI TENNIS.

  12. Nikolik

    Oh, Atti, vedi, io sulla SIMONELLI non ho fatto pronostici…tifo semplicemente per lei, essendo una ragazza delle mie parti.
    Beh, vista giocare molte volte, quando si allenava qua, certo che sembra proprio forte…
    Si vedrà.

    Ma vedi, Atti, solo tifoso sono.
    Mai sono stato abbagliato dal Culto della Vittoria, io.
    Permettimi di insistere su quell’io.
    Io.
    Non voi.

  13. Lutring

    Nikolik chi? Quello che diceva che la Bencic era fuori di testa insieme al padre e che non aveva sto grande gioco?

    Simonelli chi? La sorella di quella che ha perso due match su tre a Maniago?

    Ma fatemi il piacere e parlate di quello che conoscete bene una volta nella vita…

  14. Lutring

    Quindi ti suggerisco di parlare d’altro perchè è chiaro che di tennis sei molto poco competente…

  15. giovanni

    Brava Paolini che ti stai affacciando sul tennis che conta ! Complimenti per i risultati e continua così’.

  16. atti

    Nikolik, post 18, certo,
    c’è il culto della vittoria…e… c’è pero’ la sua degenerazione …
    nel culto della vittoria a tutti i costi, che NON è il nostro caso.

    Così come c’è il tifoso imparziale e obbiettivo…e c’è poi il tifoso offuscato detto anche ultras.

    Ecco, Nikolik, a volte, quando ti trasformi in bastian-contrario e strenuo difensore dello status quo, ci sembri un ultras del sistema tennis….
    e ovviamente, l’ultras tende a smontare qualsiasi discorso che sente contrario alla propria fede…:-)

    Devo darti atto che ci riesci benissimo… 🙂

    Diverso è se fai l’ultras di questo o quel tennista, quello è un tifo sano che anzi è l’essenza dello sport…tifare a favore…
    Certo l’importante poi, per il bene del giovane tennista di turno, è che non fai pronostici… 🙂

  17. Nikolik

    Ma Atti, francamente a me sembra il contrario…

    Ad esempio: io sono quasi sempre d’accordo con quello che scrivi!

    È che vi piace, a voi Genitori, guardare più ai disaccordi che agli accordi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *