Un Anno di Supertennis Tv

di - 11 Novembre 2009

Supertennis

di Roberto Commentucci

Binaghi: “La tv è un successo e si autofinanzia: ora priorità al settore tecnico”. Dal 2010 anche la Davis su Supertennis.

Conferenza stampa con tanto di riprese televisive nel talk show “tennis club” per celebrare il primo anno di Supertennis.

Alla presenza del Presidente federale Binaghi, del Direttore della Comunicazione Baccini e dell’ing. Nardello, a.d. del partner tecnologico Rai Trade, è stato tracciato un bilancio sul primo anno di vita del primo canale tematico gestito da una federazione sportiva nel nostro paese.

I dati sugli ascolti (una media di circa 1.600 spettatori per minuto di trasmissione, pari a 160.000 contatti al giorno, con un tempo di permanenza medio di 15 minuti) sono considerati ampiamente positivi dal presidente Binaghi e da Nardello.

Tuttavia, al di là dei numeri, l’effetto più importante del canale sembra essere stato quello di aumentare la popolarità del tennis fra la massa dei telespettatori: secondo una ricerca della società di rilevazione Makno, il pubblico televisivo del tennis è passato da una media di circa il 3% dell’audience nel periodo 2001-2008 a circa il 5,8% nel 2009, anno nel quale si è registrato un massiccio aumento di eventi e tornei complessivamente trasmessi, da Sky, Supertennis, Sportitalia e Raisportsat.

Insomma, sembrerebbe che l’arrivo del canale federale abbia effettivamente stimolato le altre reti sportive a trasmettere più tennis.

Secondo i dati della FIT, ciò ha portato anche ad un ulteriore incremento del numero di tesserati agonisti e di tornei organizzati in Italia, e quindi a maggiori proventi per la Federazione.

Binaghi ha dichiarato che la FIT, che vanta un fatturato complessivo di circa 30 mln. di euro, investe su Supertennis poco meno del 10% del suo budget (i costi di esercizio della televisione nel 2009 sono stati pari a circa 2 milioni e 600 mila euro, dei quali circa il 10% coperti dalla raccolta pubblicitaria).

In sostanza, secondo il presidente Binaghi l’investimento nella televisione ha contribuito a generare introiti aggiuntivi nelle altre voci di reddito della FIT (Internazionali d’Italia, Tasse Federali, merchandising, centri estivi) che consentiranno di chiudere anche il bilancio federale 2009 in attivo, per un totale di circa un milione e 500.000 euro.

Per completezza, va tuttavia rilevato che una parte dell’aumento degli introiti è derivata dall’aumento delle quote federali (tasse di tesseramento, di affiliazione, etc.) deliberato a partire dall’inizio del 2009.

In altri termini, la sopravvivenza di Supertennis pare assicurata, al punto che per il 2010 sono stati più che raddoppiati gli eventi ATP e WTA che il canale trasmetterà in diretta (vedi dettaglio in fondo all‘articolo). Secondo i dati di ascolto, infatti, le dirette di tennis giocato, come era del resto prevedibile, sono stati i programmi con maggiore audience. Inoltre, il canale trasmetterà anche i match casalinghi di Coppa Davis degli azzurri, a cominciare con Italia Bielorussia del prossimo febbraio.

Binaghi ha anche negato che gli investimenti su Supertennis abbiano tolto risorse al settore tecnico, e ha annunciato che la Federazione intende investire pesantemente nelle infrastrutture (settore dove siamo in ritardo rispetto agli altri paesi):

“Intendiamo arrivare a costruire, in collaborazione con i Circoli, una dozzina di Centri di Addestramento periferico”, ciascuno con almeno 3 campi coperti, con strutture di legno lamellare, dotati di tribuna e cablati per le riprese televisive. Oltre che per gli allenamenti degli agonisti, serviranno anche per il campionato di Serie A e per l’organizzazione di tornei indoor.”

Binaghi, infine, ha manifestato l’intenzione di irrobustire i quadri federali mediante la cooptazione delle nostre migliori giocatrici, sia quelle che hanno da poco smesso (in primis Grande, Farina e Serra Zanetti) sia, quando smetteranno, delle attuali campionesse di Fed Cup. In questo modo, sull’esempio di quanto da sempre avviene in altri paesi, come la Francia, esse potranno mettere a disposizione di tutto il movimento il prezioso know-how accumulato sul circuito.

Dirette di Supertennis per il 2010:

ATP                                WTA

Auckland                      Auckland

Sydney                           Pattaya

Vina del Mar               Monterrey

Costa do Sauipe          Barcellona

Marsiglia                      Internazionali d’Italia

Buenos Aires                Rosmalen

Casablanca                  Budapest

Halle                              Palermo

Rosmalen                      Portoroz

Bastad                            Istanbul

Umago                          Copenhagen

Bucarest

Bangkok

Mosca

Lione

© riproduzione riservata

64 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *