Wimbledon Qualifcazioni: Si qualifica Riccardo Ghedin

di - 18 Giugno 2009

Riccardo Ghedin
(Riccardo Ghedin – Foto Nizegorodcew)

Riccardo Ghedin si è qualificato per il tabellone principale di Wimbledon. Il tennista romano ha superato, in un derby fratricida, l’altro azzurro Marco Crugnola. Ghedin si è imposto col punteggio di 76(6) 63 61, recuperando un break di svantaggio nel primo set. Per Riccardo è la prima qualificazione nel tabellone di uno Slam. Il coronamento di un sogno.

Spazio Tennis ha raggiunto telefonicamente Michele Tellini, allenatore di Ghedin, per un commento su questa splendida avventura londinese del tennista romano: “Per Riccardo è il coronamento di un progetto iniziato anni fa e che lo ha portato, passo dopo passo, al tabellone principale di Wimbledon: il sogno di ogni giocatore. Il match di oggi con Crugnola è stato abbastanza particolare. Entrambi i giocatori hanno iniziato molto contratti, disputando un primo set avaro di spettacolo. Giocare un derby è sempre difficile, in più sfidarsi per un posto in tabellone a Wimbledon ha pesato sulla mente di tutti e due. Riccardo è stato bravo ad annullare un set point nel tie-break. Nei restanti due set, Crugnola ha pagato l’occasione sprecata nel primo parziale, mentre Riccardo si è sciolto sempre di più, portando a casa l’incontro. In queste circostanze è importante essere bravi, ma anche fortunati. Dico questo pensando al match di secondo turno con Kudryatsev, nel quale il russo ha avuto due matchpoint, di cui uno sul proprio servizio. Ha tirato la prima a più di 200 km/h e Riccardo ha risposto vincente di rovescio. Sono molto soddisfatto di come Riccardo sta giocando sull’erba, che ritengo essere, senza dubbio, la superficie ideale per il suo tennis. Adesso speriamo in un buon sorteggio nel tabellone principale. Certo, giocare su un campo coperto dalla televisione sarebbe bellissimo, ma vorrebbe dire affrontare un ottimo giocatore. Per il primo turno preferirei che affrontasse un argentino sul campo 17 però……

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *