Paolo ed Elena Bompieri, dal Garda al college Usa

di - 10 Dicembre 2018
I fratelli veronesi Paolo ed Elena Bompieri, rispettivamente classe 1997 e 1998, studiano entrambi al college negli Stati Uniti

Prima lui, partito per gli Stati Uniti nel gennaio del 2017, poi lei, un anno dopo. È la storia dei fratelli veronesi Paolo ed Elena Bompieri, che hanno deciso di lasciare la loro Peschiera del Garda e di proseguire gli studi Oltreoceano, con la racchetta da tennis a fare da lasciapassare per accedere a uno delle centinaia di college americani che arruolano studenti-atleti da tutto il mondo. Lui, classe 1997, ha scelto la Carolina del Nord e la Queens University of Charlotte, mentre la sorella, di un anno più giovane, ha spostato base e ambizioni circa 150 miglia più in là, alla University of South Carolina di Aiken, nella Carolina del Sud. Lontanissimi da casa, ma vicini – anche geograficamente – l’uno all’altra, a coltivare quel progetto che unisce sport e studi, e che miscela il tutto con nuove conoscenze, varie culture a confronto e tante esperienze impareggiabili. Una possibilità che stuzzicava entrambi da tempo, e alla quale hanno deciso di dare una chance. “Non avevo la più pallida idea di come funzionasse il mondo dei college – racconta Paolo dagli States -, ma grazie all’aiuto di StAR è stato tutto più facile. Corrado Degl’Incerti Tocci si è messo a completa disposizione mia e della mia famiglia, e una volta deciso di partire mi ha fornito un elenco di college disposti a offrirmi una borsa di studio, e mi ha spiegato i pro e i contro di ognuno”. Oggi Paolo sta affrontando una doppia laurea in economia e matematica, e le difficoltà dei primi tempi sono un lontano ricordo. “Faticavo con la lingua – continua -, quindi mi sentivo un po’ perso. Ma è durato poco”. I compagni di team e il coach della squadra l’hanno aiutato tantissimo, creando come una grande famiglia, e lui ha ricambiato con i risultati sul campo da tennis, trascinando i “Royals” verso tante soddisfazioni.

Il valore di sentirsi parte di un team è uno degli aspetti preferiti anche dalla sorella, che invece studia Exercise and Sport Science (l’equivalente della nostra Scienze Motorie). “Essere parte di un team – dice – significa stare sempre a contatto, allenarsi insieme e aiutarsi a vicenda”. In campo, ma anche negli studi, resi più agili da un sistema che aiuta gli atleti. “La scuola – prosegue – ci ritiene importanti, quindi ci permette di saltare delle lezioni quando abbiamo degli incontri, oppure spostare degli esami quando siamo in trasferta con la squadra”. E anche l’impostazione data alle lezioni è diversa rispetto a quanto avviene in Italia. “Si fanno progetti, simulazioni e si affrontano problemi reali – dice ancora Paolo -, e il college è a contatto diretto col mondo del lavoro. Questo permette agli studenti di crearsi un network al di fuori della scuola”. Un’opportunità tanto importante che entrambi i fratelli sembrano già orientati sulla possibilità di restare negli Stati Uniti anche al termine degli studi. “Sicuramente – chiude Paolo – una volta terminato il college inizierò a lavorare qui. Poi valuterò cosa fare”. Della stessa idea la sorella, che pensa già a un Master, per arricchire ulteriormente il suo sogno americano. “Chi si trova di fronte a una possibilità simile – chiude – dovrebbe fare un tentativo. C’è lo studio, c’è lo sport, e si matura prima”. Lo ripetono tutti quelli che ci sono passati.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *