La settimana del Principato

di - 13 Aprile 2014

montecarlo1

di Sergio Pastena

Monte-Carlo, ovvero uno dei più importanti crocevia della stagione: Atp 1000 dalla tradizione immensa eppure spesso condizionato da qualche assenza di troppo, quest’anno non sembra aver risentito di particolari defezioni e allinea al via i migliori. Guardiamo i quarti di finale teorici e i big presenti in ogni slot.

Nadal (1) – Ferrer (6)

Una sezione targata Spagna, senza il minimo dubbio: a dominarla, ovviamente, Rafa Nadal, voglioso di iniziare la stagione sulla terra con una vittoria. Dall’altra parte David Ferrer, per cui il 2014 fino ad ora non è stato brillantissimo, che punta a rifarsi. In mezzo Andujar, il qualificato Ramos e, soprattutto, Marcel Granollers, finalista a Casablanca. Possibili sorprese? Beh, da non sottovalutare mai Dimitrov, mentre noi italiani dovremo fare attenzione a Seppi, all’esordio contro Youzhny.

Wawrinka (3) – Raonic (8)

Lo svizzerino non può lamentarsi. Vero che da questo lato sono capitati Robredo, Almagro e Verdasco (gli ultimi due reduci dalla finale di Houston), ma è anche vero che Raonic non è il peggiore dei rivali su terra e, per il resto, sembra esserci poco spazio per le sorprese. Melzer prova a testare la sua forma, Cilic a raggranellare punti mentre il giovanissimo Thiem non sfrutta la sua wild card e si fa soprendere da un Mahut che sulla terra di solito è a suo agio come un orso polare ad Acapulco.

Tsonga (9) – Federer (4)

La slot che ci interessa, per due motivi ben precisi: qui parte la rincorsa di Fognini verso la conferma di semifinale del 2013 (esordio contro Joao Sousa) e qui parte il ritorno di Bolelli in un Atp 1000 grazie ad una wild card (prima sfida contro Kohlschreiber). Facile non sarà, ma poteva andare peggio: a completare le teste di serie troviamo Janowicz mentre qua e là si nasconde qualche rischio nella persona di Ivo Karlovic e Vasek Pospisil, che non saranno terraioli ma son sempre ostici.

Berdych (5) – Djokovic (2)

Le urne sono fetenti. Criminali. Terroriste. Altrimenti non metterebbero contro Gulbis e Dolgopolov al primo turno: ad ogni modo l’ucraino ha vinto e prova a farsi strada in una zona piuttosto dura, dove si trovano anche Monfils, Anderson e il neo-campione di Casablanca Garcia-Lopez. Piccola curiosità: il buon Guillermo troverà al primo turno il beniamino di casa Benjamin Balleret, che qui nel 2006 stupì tutti fulminando Christophe Rochus e Grosjean prima di arrendersi a Roger Federer.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *