Lemon Bowl 2012: In campo da tutta Italia

di - 29 Dicembre 2011


(Lemon Bowl 2012 – Foto Adelchi Fioriti)

LEMON BOWL 2012: GIOVANI TENNISTI DA TUTTA ITALIA

LA PIOGGIA DISTURBA IL PROGRAMMA. RIMANDATI ALCUNI INCONTRI

Una giornata disturbata dalla pioggia ha visto scendere in campo i tantissimi ragazzi che si stanno giocando l’accesso ai tabelloni principali under 10, 12, 14, 16 e 18. Il tasso tecnico è palesemente aumentato e si iniziano a vedere match di altissimo spessore, soprattutto nelle categorie under 10 e 12. Sono giunti i primi osservatori e aumentano gli appassionati, oltre agli addetti ai lavori.

I giovani tennisti sono arrivati da ogni parte d’Italia, come ci spiega Niccolò Sanna, Istruttore di II Grado dell’Accademia Tennis Apuano: “Il nostro circolo ha una lunga tradizione al Lemon Bowl e abbiamo sempre portato un gran numero di ragazzi. Questa edizione ha visto al via 15 nostri atleti nelle qualificazioni, oltre ai 5 che scenderanno a Roma per il tabellone finale. Tra questi Marco Furlanetto, classe 2001 che ha conquistato lo scorso anno il torneo under 10. Alcuni ragazzi, alle primissime trasferte, erano un po’ titubanti sul Lemon Bowl, ma dopo poche ore si sono abituati e si sono divertiti moltissimo. Tutti, nessuno escluso, sono venuti a dirmi che vogliono assolutamente tornare anche il prossimo anno.”

Tanti i ragazzi interessanti all’opera nella giornata del 29 dicembre. Tra questi il campano di Torre del Greco Mario Organista, classe 2001 e allievo di Beatrice Liguoro. “Ho iniziato a giocare a 7 anni” – racconta il piccolo Mario – “anche se all’inizio lo praticavo insieme al calcio. Ma non amo particolarmente gli sport di squadra perché voglio essere solo io ad alzare la coppa! Preferisco gli sport individuali. Sono mancino e mi alleno quattro volte a settimana, oltre a svolgere la preparazione atletica.” Mancino, abile nel cross stretto di diritto e molto intelligente e propositivo in campo, Mario non vuole paragoni con il grande Rafa Nadal: “A me non piace molto” Giocatore preferito? “Posso dire un calciatore? Dico Cavani!”

Anche la Sicilia è stata sempre ben rappresentata al Lemon Bowl, in tutte le sue edizioni. Giuseppe Zappalà, maestro nazionale del CT Montekatira di Catania, conferma che “il Lemon è da sempre parte integrante della programmazione dei nostri ragazzi, perché è un torneo bellissimo e perché a Roma ci siamo sempre trovati benissimo. Quest’anno abbiamo portato solamente i piccoletti, ma in generale nel corso degli anni abbiamo avuto dei risultati piuttosto buoni in tutte le categorie.” Il tennis in Sicilia sta sicuramente crescendo, come spiega ancora Zappalà: “Il tennis nella nostra regione è in un buon momento e anche la stessa provincia di Catania si sta facendo valere. Abbiamo infatti raggiunto il quinto posto nella Coppa delle Province, un risultato di tutto rispetto.” Chiosa finale sul rapporto tra maestri e genitori degli agonisti: “Io non la penso come molti miei colleghi, ma credo piuttosto che i genitori debbano essere parte integrante del progetto, così come gli allenatori. Per i ragazzi, soprattutto molto giovani, è fondamentale il ruolo di entrambe le figure. Comunque non bisogna assolutamente generalizzare: alcuni si comportano molto bene, mentre altri andrebbero maggiormente “educati” a questo sport.”
Domani, 30 dicembre, in campo 213 incontri. Tantissimi i match assolutamente da seguire, dai piccoli under 10 sino agli under 18.


(Lemon Bowl 2012 – Foto Adelchi Fioriti)

Tutte le informazioni, le foto e i commenti delle passate edizioni del torneo sono disponibili sul sito web ufficiale: www.lemonbowl.it

© riproduzione riservata

9 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *