Impressioni da Melbourne (4)

di - 24 Gennaio 2015

Venus Williams

di Alessandro Nizegorodcew

Le mie personalissime impressioni sui match della notte (e mattina) italiana, con un occhio di riguardo per il match di Camila Giorgi.

La Giorgi e i luoghi comuni. Camila Giorgi ha perso una bella occasione. Avanti 6-4 4-2 e 0-40 su servizio Williams ha dilapidato tre palle break consecutive che le avrebbero probabilmente permesso di chiudere il match. Un match giocato fino a quel momento in maniera straordinaria impostando lo scambio sulla diagonale di diritto, ma senza aprire in maniera esasperata gli angoli. Venus ha commesso tanti errori, a causa della pressione incessante della Giorgi. La partita è scivolata via sino al 6-4 4-2 0-40, momento in cui si è deciso il match. Camila ha giocato molto male quelle tre occasioni, le ultime vere chance della sua sfida. Nel tiebreak la Williams ha giocato un paio di colpi impressionanti (un passante in corsa di diritto eccezionale) e nel terzo, nonostante la Giorgi non abbia mollato (ha vinto un game di servizio durato un quarto d’ora, e non è per dire: è durato proprio 15 minuti!), Venus ha deliziato il pubblico. Ed eccoci a smontare i luogi comuni:

1 – No, la frase “è sempre la Giorgi a decidere le proprie partite nel bene e nel male” non è reale. E’ vera contro un certo tipo di giocatrici, ma quando si sale di livello non vale più. E oggi ne è stata la dimostrazione. Venus ha iniziato a leggere i colpi di Camila, si muoveva prima, ha sfruttato lo slice da destra in maniera impeccabile. La Williams ha dominato dalla fine del secondo set con pieno merito. I demeriti della Giorgi sono legati alla fine del secondo set, dal 5-4 per Camila la partita non c’è stata più.

2 – 8-0 Venus. Forse in pochi se ne sono resi conto ma Venus Williams è in una condizione fisica strepitosa. Nel terzo set è addirittura cresciuta dal punto di visto del rendimento fisico. Non a caso nel 2015 “Venere” ha vinto 8 partite su 8 perdendo solamente 2 set su 18. Aga Radwanska, sua prossima avversaria, tra l’altra anch’ella in grande forma, avrà tante difficoltà.

3 – Basta con l’alibi Sergio Giorgi! Non è possibile che ad ogni sconfitta di Camila Giorgi si cominci a parlare delle colpe del padre in tribuna. La tensione che le trasmetterebbe, la gestione sbagliata della figlia. Ma basta! Per mettere in piedi certe accuse le persone bisogna conoscerle. Camila deve imparare a gestire la propria tensione, del padre in tribuna lei, per dirla in parole povere, se ne frega altamente. Alcuni credono che la personalità del padre schiacci la figlia. E se vi dicessi che, qualora fosse vero, sarebbe il contrario? La personalità di Camila è a tratti disarmante per chiunque. E non fatevi ingannare dalle conferenze stampa…

4 – Il bicchiere mezzo pieno. Già tutti si sono dimenticati che la Giorgi arrivava a Melbourne dopo una preparazione spezzata dall’intervento chirurgico alla bocca. Ci si aspettava poco dalla trasferta “down under” e invece le cose sono andate piuttosto bene. Camila è in ritardo rispetto alle sue coetanee, ma il tempo perso verrà recuperato. Il 2014 è stato il primo anno, senza infortuni, nel quale ha giocato con grande continuità. Il 2015 sarà dunque la seconda stagione (speriamo) completa. E a fine anno si potranno iniziare a definire le giuste prospettive di carriera.

Garbine MuguruzaLa seconda (o terza) giovinezza di Gilles. Bautista-Agut e Isner battuti, anche piuttosto nettamente, e un livello di tennis altissimo. Gilles Muller arriverà tra due lunedì al best ranking alla soglia dei 32 anni. Ad oggi, dopo la vittoria sullo statunitense, dovrebbe arrivare intorno alla posizione numero 35. Al prossimo turno affronterà Djokovic e presumibilmente la sua strada verrà bloccata dal serbo, ma Gilles è la dimostrazione che ormai gli ultra trentenni possono tranquillamente (ancora) dominare nel circuito Atp. Che sia la miglior stagione di Muller? Che possa esserlo anche per Andreas Seppi?

La rivincita di Serena e il futuro di Garbine. Al momento del match point vincente di Serena Williams con Elina Svitolina ho subito pensato: ed ecco la rivincita servita su un piatto d’argento. Ero lì, sul Suzanne Lenglen, quando lo scorso anno Serena fu letteralmente asflatata da Garbine Muguruza. L’iberico-venezuelana si rivelò al grande pubblico con quel fenomenale successo e la Williams la pronosticò addirittura come possibile vincitrice del torneo. A Melbourne Serena potrà prendersi la rivincita, ma la sensazione è che non sarà così semplice. Muguruza possibile futura vincitrice Slam? Io scommetto di si, nel giro di 3 anni.

© riproduzione riservata

9 commenti

  1. Lukas

    Camila fa fatica a convertire i break point, fa fatica a tenere la battuta dopo aver conseguito un break, fa fatica a chiudere gli incontri quando è in vantaggio, gioca spesso male alcuni tipi di punti importanti, altri no ad esempio fronteggia spesso con incoscienza le palle break, il che è positivo. Il luogo comune più grande è che Camila è forte mentalmente, che si dimentica subito degli errori, ecc. A mio parere è Falso! Camila è una mozzarella mentalmente, non lo da a vedere, ma i segnali in ogni partita persa sono quelli tipici di una mente che comincia a rimuginare su chissà che cosa per chi sa che motivo. Ed è una situazione comunissima nel tennis (juniores in primis, femminile poi, ma anche maschile), l’unica differenza è che lei non manda segnali forti all’esterno a parte quell’espressione diversa, quello sguardo che si rabbuia un po’. Quindi non sono d’accordo sul fatto che Camila non ha ceduto nel terzo, ha ceduto eccome dal punto di vista della concentrazione dalla fine del secondo e non l’ha ritrovata nel terzo, poi Venus ci ha messo del suo variando il gioco rispetto al primo set e da qui è scaturita la batosta finale.

    Come ho già scritto in passato su questo stesso sito, a Camila serve un qualche processo mentale per uscire dal buco nero quando ci entra, perché di solito se ci entra, non esce più fino alla fine, indipendentemente dal contesto e dall’avversaria. Il suo sguardo alle volte dice tutto.

    Purtroppo con questo tipo di gioco al limite estremo dell’aggressività basta poco in termini di focus per passare dai colpi super spettacolari ai gratuiti da mettersi le mani nei capelli. La chiave è il focus mentale, mi rendo conto che è più facile dare la colpa ai doppi falli, al padre, al piano B, ecc. ma così si rischia di perdere anni senza mai tentare di fare qualcosa su quel che servirebbe realmente. Avesse la solidità mentale della Sharapova farebbe la carriera di quest’ultima.

  2. Nikolik

    Sará facile dare la colpa ai doppi falli e sará anche un luogo comune, ma vedo che il problema persiste nonostante le, anche recenti, promesse.

  3. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @Nikolik
    I doppi falli sono tanti e gravi, ma se consideri che con la seconda (quando entra) prende sempre in mano il gioco non lo trovo IL problema

  4. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @Lukas
    Concordo quasi su tutto. E’ verissimo che fa fatica a chiudere i match e a giocare focus alcune situazioni. Secondo me è un problema di crescita, ma umana non tennistica. Prima giocava sempre senza pensare, da un po’ di tempo ha iniziato a pensare. Questo è un bene ma anche un male. E’ una fase che supererà. E’ una fase di crescita giunta in ritardo rispetto al normale

  5. cataflic

    Concordo in pieno con Alessandro.
    Ha iniziato a pensare!…e nonostante questo gravissimo handicap non mi pare che le cose vadano poi malissimo…!
    Camila adesso è come il vino buono….

  6. Nikolik

    No, no, Alessandro, certo, per carità, non voglio dire che oggi ha perso per questo né voglio negare, per carità, che il suo gioco sia efficace e la sua seconda palla di servizio sia forte e pesante, per carità.

    Dicevo solo che nel 2015 la Giorgi ha giocato 5 partite ed ha fatto, finora, 69 doppi falli.
    Marcia, quindi, a una media di più di 10 doppi falli a partita e, soprattutto, di più di uno a turno di servizio, per cui lei parte ad ogni turno di servizio da 0-15.
    Dal momento che lei è la n.33 del mondo lascio agli esperti dire se questo è un problema quando incontra una del suo livello, cioè una top 30.

    Ah, dimenticavo, anche io sono un esperto!
    Allora io dico che è un problema.
    Certo, non il solo problema ma è un problema.
    Non ho detto che iL problema, ma un problema si.
    Grave, come hai detto tu, anche perché ci avevano detto e spiegato, anche recentemente, che ci avevano lavorato a lungo.

  7. cataflic

    Ha giocato un 10k negli States e dopo due buonissimi match vinti con grande autorevolezza, ha perso da un ottimo giocatore.

  8. pasanen84

    Dai!! Diciamo che questo “ottimo” giocatore ha un tennis piu’ naturale di quell di gian

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *