Kick e Kick Twist…

di - 16 Gennaio 2011

di Fabio Lavazza (allenatore presso la Bob Brett Academy e coach di Ksenia Sharifova)

Buonasera a tutti, il caro Alessandro mi chiede di intervenire nella discussione che si sta sviluppando, riguardante il servizio kick. Ho letto molte cose che condivido, prima su tutte l’importanza della variazione di traiettoria, velocita’ e rotazione della palla quando si serve a livello professionistico e non.

A mio avviso, e grazie alla fortuna di lavorare sul campo con giocatori del calibro di Marin Cilic, la caratteristica piu’ importante e’ la rotazione, che permette alla palla di prendere, appunto, una traiettoria consona al servizio che vogliamo effettuare.

Per fare questo in modo efficace, bisogna sviluppare, tramite anni e anni di esercizio sul campo, la capacita’ di giocare i tre tipi di servizio “arrotato”: slice, kick e kick-twist mantenendo lo stesso lancio di palla, lo stesso grip e la stessa preparazione. Basta che una di queste caratteristiche venga a mancare e il servizio diventa leggibile (ovviamente per un buon ribattitore).

Visto che c’e’ molto fermento riguardo la differenza tra il kick ed il kick-twist provo a dire la mia in parole povere. Non ho mai sentito Bob Brett dire ad un allenatore che vuole imparare i suoi trucchi: “fai attenzione all’angolo di 180° o che l’impugnatura sia continental, piuttosto che eastern di rovescio” quindi basta un buon occhio, perche’ la racchetta a certi livelli viaggia veloce e parecchia esperienza maturata sul campo.

Facendo l’esempio del suddetto giocatore, lui utilizza il kick twist sia da destra che da sinistra per allontanare l’avversario dalla riga di fondo campo e muoverlo verso il rovescio (per un destro) con una palla che diventa molto pesante grazie alla doppia rotazione che la palla riceve rimbalzando sul terreno in avanti e verso destra.
Utilizza invece il kick classico, quello con “sola” rotazione top spin, piu’ per sorprendere l’avversario e per non dare punti di riferimento, che per pura efficacia. La utilizza sia da destra che da sinistra per giocare alto al corpo, oppure da destra (molto importante in questo caso il lancio che deve essere il piu’ cammuffato possibile) verso il dritto dell avversario che invece si aspetta una palla carica sul suo rovescio.
Spero di essere stato il piu’ chiaro possibile, ma per facilitare la cosa aggiungo alcune foto, 3 di un kick-twist da sinistra e 3 di un kick “sorpresa” sul dritto da destra.

Notate, per quanto si possa vedere nelle foto tratte da un video di bassa qualita’, che non si trovano grosse differenze di caricamento, impatto ed uscita dal colpo, ma in entrambe si nota l’equilibrio nel caricamento, l’impatto molto avanzato per essere un kick e l’uscita, che in entrambi i casi porta il polso a ruotare verso destra per dare alla palla la rotazione necessaria.

Quindi si tratta di una questione di piccolissimi dettagli che il giocatore di livello sente quando colpisce, tramite la maggiore o minore influenza del polso genera sulla palla una singola o doppia rotazione.


(Caricamento Kick Twist)


(Caricamento Kick)


(Impatto Kick Twist)


(Impatto Kick)


(Uscita Servizio Kick Twist)


(Uscita servizio Kick)

© riproduzione riservata

11 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *