Da Chennai a… Chennai

di - 9 Gennaio 2011

di Alessandro Nizegorodcew

Questo articolo non vuole ripercorrere le tappe più importanti della carriera di Xavier Malisse, ma i punti di svolta delle ultime stagioni, quelle in cui tutti lo avevano dato per finito. La finale di Chennai, dopo un buon finale di 2010, riporta in auge uno dei tennisti più talentuosi degli ultimi 10 anni. Un viaggio da Chennai a… Chennai

Gennaio 2007 – Chennai: Xavier si prepara per una volta in maniera impeccabile alla nuova stagione. Fisicamente non è mai stato così bene e al primo torneo, a Chennai, vince a mani basse il torneo superando un certo Rafael Nadal in semifinale (annichilito con uno spettacolare 76 64). Lo si attende in Australia con grande curiosità, ma il francese Clement lo stoppa in 4 set in un match comunque non giocato male. La fiducia rimane, ma dopo i quarti a Delray Beach arriva un grave infortunio, che lo tiene lontano dai campi praticamente per un anno. Sembrava essere l’ultima chiamata per il belga, ormai prossimo ai 28 anni. La semifinale di Wimbledon sembra essere un ricordo lontanissimo, così come altre belle vittorie e partire memorabili condite da colpi fantascientifici.

Aprile 2009 – Roma (Challenger Rai): Malisse, oltre a qualche sporadico risultato, non riesce a riprendersi e veleggia ancora abbondantemente fuori dai top-100. La classifica non permette di giocare i tornei che contano e il belga si iscrive al challenger capitolino della Rai. Al primo turno c’è il brasiliano Hocevar, non propriamente un fenomeno (eufemismo!). Xavier racimola 5 giochi e la sensazione, vedendo il match, è che Malisse a grande livello non possa tornare. Tanto per chiarire, qualche punto incredibile era riuscito a farlo anche in quel match.. e ne gioisco, per quanto possibile, con il collega (e ammiratore di Malisse) Massimo Capone (Tennis.it)..

Giugno 2010 – Wimbledon: Fuori dal campo numero 2 di Wimbledon (meraviglioso!) incontro un giornalista spagnolo, in una delle sue rarissime giornate NO e delle mie rarissime giornate SI (Fogni che batte Verdasco e Seppi che batte Almagro). Entriamo insieme nello stadio e ci posizioniamo in tribuna stampa. Malisse sta ridicolizzando Ferrero. Un paio di demi-voleé fanno letteralmente impazzire il pubblico e anche il giornalista iberico sembra estasiato da cotanta beltade tennistica, nonostante ci sia in campo “Moscquito”. Malisse si fermerà al terzo turno, dopo un match lottatissimo (perso 8-6 al quinto) con Sam Querrey.

Gennaio 2011 – Chennai: Da Chennai a… Chennai. Xavier arriva in India, probabilmente il “suo” torneo, e ridicolizza giorno dopo giorno buoni giocatori come Ilhan, Robert e Phau. Arriva poi la semifinale con Tipsarevic, apparso in forma smagliante il giorno precedente con Nishikori. Xavier perde male il primo set e poi inizia a tirare, tirare, attaccare ed attaccare. Il serbo va fuori gira e Malisse vince abbastanza facilmente. In finale due set alla pari con Wawrinka, con una fase di secondo set ottima, e poi il calo fisico finale. Ma Xavier è tornato e da domani sarà nuovamente tra i Top-50. Bentornato!

© riproduzione riservata

8 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *