Mental Tennis

di - 29 Aprile 2012

di Sergio Costa

Ciao a tutti, mi presento e colgo l’occasione per ringraziare Alessandro e tutto lo staff di Spazio Tennis per questa opportunità.

Sono Sergio Costa, laureato oramai da un anno con il massimo dei voti in psicologia presso l’università di Roma La Sapienza. La mia grande passione per lo sport mi ha spinto ad interessarmi agli aspetti mentali ed emotivi che condizionano ed influenzano questo fantastico mondo. Ho giocato infatti per molti anni a tennis con risultati altalenanti fino ad arrivare alla classifica di 4.1, per poi decidere, circa 5 anni fa, di smettere forse proprio per la pressione e lo stress che non riuscivo più a gestire, e sono quindi tornato a praticare la mia passione giovanile, il calcio.

Tramite gli studi ho riscontrato che il contesto sportivo risulta essere uno dei tanti ambiti all’interno del quale diventa fondamentale l’apporto ed il supporto psicologico, non soltanto per le prestazioni di eccellenza ma per qualunque tipo di attività sportiva.

Dopo essermi laureato con una tesi sulla psicologia dello sport, nell’ambito del calcio, ho deciso di continuare ad intraprendere questo bellissimo percorso, sia attraverso il tirocinio obbligatorio per l’abilitazione alla professione, prima con Fabio Lucidi, professore universitario, e poi con Diego Polani, psicologo dello sport e con il quale sto tutt’oggi collaborando, che tramite progetti sul campo, grazie alla collaborazione con Aldo Grauso, anche lui psicologo dello sport, e lo stesso Diego Polani.

Parallelamente inoltre sto svolgendo a Milano un master in Sport ed Intervento Psicosociale dell’università la Cattolica, grazie al quale spero di completarmi e di acquisire le conoscenze e gli strumenti necessari per intervenire all’interno dell’ambito sportivo.

Concludendo, e sperando di non avervi tediato troppo, credo e mi auguro fortemente che questa collaborazione possa essere un momento di crescita e di approfondimento sulle tematiche della psicologia dello sport che più vi interessano, cercando di chiarirvi nel modo più semplice e completo possibile questo fantastico mondo.

Ci tengo inoltre a sottolineare come questa rubrica sarà curata dal sottoscritto, ma avrà la fortuna di essere supervisionata da altri esperti del settore, come Federico Di Carlo, che ringrazio qui pubblicamente per la gentile disponibilità, e vedrà al suo interno approfondite tematiche, circa una volta al mese, che sarete voi stessi a richiedere, in base ai vostri commenti, rendendovi quindi attivi e partecipi di questa grande ed innovativa iniziativa.

A seguito di questa presentazione seguirà una breve panoramica sulla psicologia dello sport, per introdurvi e farvi comprendere al meglio questo particolare mondo, per poi approfondire un tema che mi sta particolarmente a cuore, le convinzioni di efficacia personale, a tal punto da svilupparci un progetto di ricerca ed un relativo test che potrete voi tutti compilare, sia agonisti che non, e che vi darà la possibilità di riflettere  su alcuni aspetti psicologici, ma non solo, di particolare rilevanza per voi tennisti.

Ma prima di “svelarvi già il finale del film”, mi piacerebbe sentire da voi le prime impressioni e qualche consiglio utile per rendere questa rubrica davvero utile ed interessante.

Saluti

Sergio Costa

“Lo sport non forma il carattere, lo rivela”

Heywood Broun

© riproduzione riservata

16 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *