Ana Bogdan: “Grazie a Simona Halep è cresciuto il movimento rumeno”

di - 18 Maggio 2016

Ana Bogdan

Dall’inviato a Caserta, Daniele Sforza

Prima testa di serie nel torneo da 25 mila dollari di Caserta, Ana Bogdan, n.163 del ranking Wta, ha brillantemente passato il primo turno. Superata Amanda Carreras si è concessa ai nostri microfoni per qualche minuto per rispondere alle nostre domande.

Una gran bella vittoria quella di oggi (6-3 6-1) contro una tennista in forma come Amanda Carreras, come ti senti?

Sono molto felice quest’oggi perché era il mio primo match dopo l’infortunio, all’inizio non è stato semplice ma il mio livello di gioco è stato un crescendo quindi sono davvero contenta per il match giocato.

Notavo quest’oggi come è già la terza volta consecutiva che decidi di non giocare le qualificazioni di uno Slam, è un caso?

Ora ho preso questa decisione perché sono stata ferma, volevo quindi partecipare a un evento minore per prendere più confidenza con il campo.

Ti piace giocare qui in Italia?

Si, è davvero splendido. Mi piace il posto qui ma in generale amo l’Italia, il cibo ed è bello che le persone siano sempre gentili qui.

Se dovessi scegliere il miglior match giocato in carriera?

Sicuramente uno dei migliori match giocati è stato quello con Alja Tomljanovic a Bad Gastein (vinto in due set quando era top 50) oppure quello con la Pliskova, nonostante la sconfitta e sempre a Bad Gastein.

Abbiamo visto a Madrid 4 rumene ai quarti, cosa è successo al tennis rumeno? Sembra veramente in crescita …

Credo che sia stato tutto merito di Simona (Halep, ndr). Da quando lei ha raggiunto la top 5 le altre ragazze hanno capito di potercela face e si sono impegnate per fare meglio, si sono allenate meglio e di più e soprattutto credono in un obiettivo raggiungibile.

Visto che hai citato Simona Halep, la conosci?

Si, la conosco da anni, siamo praticamente cresciute insieme. È di grande ispirazione per me ma posso dire che lo è sempre stata ed ora sono ancora più determinata a raggiungere i miei obiettivi.

Obiettivo quindi?

Top 100!

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *