Anastasia Grymalska, soffia il vento dell’Est sul tennis italiano

di - 10 Aprile 2008

Anastasia Grymalska

di Alessandro Nizegorodcew

Anastasia Grymalska è una delle giovani ragazze più promettenti del movimento tennistico italiano. La giovane azzurra, nata a Kiev ma di nazionalità italiana, ha conquistato pochi giorni fa il prestigioso titolo del Perin Memorial di Umago, in Croazia; dopo un inizio di stagione non fortunato, al di là dell’Oceano, Anastasia ha messo in fila una serie di risultati, sia a livello junior che pro, davvero invidiabile: finale al torneo Itf di Arezzo, partendo dalle qualificazioni, semifinale al G2 di Firenze e, come detto, la vittoria ad Umago (G1). Spazio Tennis ha raggiunto la diciassettenne Anastasia Grymalska, prosegunedo il cammino alla ricerca dei giovani azzurri, intrapreso ormai da parecchi mesi.

Anastasia, quando e dove hai iniziato a giocare a tennis?
Ho iniziato a 4 anni circa, con mio padre, che è maestro di tennis.

Con chi ti alleni adesso?
In questo momento mi sto allenando a Bologna con Cesare Zavoli. Prima ero seguita da Palumbo.

Descrivici il tuo tennis, il tuo stile di gioco..
Il mio è un gioco molto regolare; a livello tattico cerco di creare una situazione favorevole per chiudere il punto facilmente. Il mio colpo migliore è certamente il rovescio lungolinea! Ho tante cose però da migliorare, prima fra tutte il fatto che sto troppo lontana dalla linea di fondo; seconda cosa tendo a giocare molto lungolinea. La priorità infatti adesso è fare le scelte giuste in campo, cosa che spesso mi manca durante gli incontri.

Parliamo di questi primi mesi di 2008..
Purtroppo la stagione non è iniziata nel migliore dei modi; la trasferta australiana infatti, anche se è stata è una bellissima esperienza, non mi ha portato risultati importanti. A quel punto avevo bisogno di riprendermi fisicamente e per questo abbiamo deciso di giocare l’Itf di Arezzo. Sono arrivata in Toscana senza alcuna aspettativa ed invece ho giocato molto bene, arrivando in finale, dopo aver superato le qualificazioni. Subito dopo, sempre giocando un buon tennis, ho vinto un Open; successivamente sono arrivate la semifinale di Firenza e la vittoria di Umago.

E arriviamo proprio alla bellissima vittoria in Croazia..
E’ stato un torneo molto particolare; sono andata senza il mio allenatore e, praticamente in ogni match, ho rischiato di perdere! Ho capito di poter vincere il torneo dopo aver superato nei quarti di finale la testa di serie numero 1, la slovacca Tabakova. In finale invece ero sotto 4-0 al terzo set…

Alcuni tra gli addetti ai lavori, hanno criticato, in passato come ora, la scelta di disputare tanti tornei junior, tralasciando il tennis professionistico. Cosa ne pensi?
Uno dei miei obiettivi stagionali è quello di disputare gli Slam Junior. Questi tornei junior mi sono serviti per poter entrare nel main draw del Roland Garros.

In conclusione, quali saranno i tuoi prossimi tornei?
Il prossimo torneo che disputerò, grazie ad una wc, sarà il 25.000$ di Bari. Successivamente un altro Itf in Francia e poi Salsomaggiore.

Grazie Anastasia e in bocca al lupo
Crepi! Ciao e grazie a voi.

Leggi le Interviste/profili dei giovani azzuri/e:
Alex Colella
Alfredo Desiati
Nastassja Burnett

Alice Moroni
Vivienne Vierin
Gioia Barbieri
Costanza Mecchi
Valentine Confalonieri
Paola Cigui
Enrico Fioravante 

© riproduzione riservata

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *