Corinna Dentoni: “Ho cambiato e migliorato servizio e diritto”

di - 1 Febbraio 2008

Corinna Dentoni

Corinna Dentoni è una delle maggiori speranze del nostro tennis. Un grande finale di 2007, subito seguito da un grande inizio di questa nuova stagione, proclamano Corinna come una certezza per il movimento azzurro. Un inizio col botto in questo 2008, si diceva, con due semifinali, nel 50.000$ di Tampa Bay e nel 25.000$ di Waikoloa. Abbiamo raggiunto Corinna con i microfoni di Ho Scelto lo Sport per Nuova Spazio Radio..

Allora Corinna, un ottimo inizio di stagione. Come giudichi la tua trasferta americana?
E’ andata molto bene; sono molto contenta di questa trasferta: da una parte perché ho giocato molto bene, guadagnando punti importanti e dall’altra perché i posti dove ho disputato i tornei erano magnifici.

Quali sono i miglioramenti più evidenti che ha riscontrato nel tuo tennis in questi ultimi mesi, ricchi di soddisfazioni?
Ultimamente ho lavorato molto sotto l’aspetto mentale, in particolare con una psicologa sportiva, consigliatami dalla mia maestra. Ho acquisito grande sicurezza in campo. Dal punto di vista del tennis invece ho cambiato il movimento del diritto e accorciato quello del servizio.. diciamo che spingo di più e i miei colpi fanno molto più male!

Dal punto di vista fisico invece stai cercando di rinforzare la parte superiore (domanda di Roberto)?
Si, ci sto provando; non è facile ma piano piano spero di riuscirci.. sto facendo molti pesi..

La chiave del tuo salto di qualità è nel servizio?
Servizio e diritto!

In conclusione Corinna, quali sono i tuoi programmi futuri?
C’è stata molta indecisione per quanto riguarda la programmazione. Prima di iniziare con i tornei Wta, giocherò ancora dei 25.000 in Europa. Obiettivi a lunga scadenza invece, direi che l’anno prossimo voglio giocare gli Slam in tabellone. Se poi dovessi scegliere dei tornei dove vorrei fare bene direi Us Open, in particolare per la bellissima atmosfera che si respira a New York e, ovviamente, Roma.

© riproduzione riservata

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *