Fabio Fognini: “Sono pronto a ripartire”

di - 2 Luglio 2007

Fabio Fognini

Fabio Fognini è pronto. Dopo un piccolo stop per infortunio, il giovane ligure si candida per un posto nel tennis che conta. Dopo il traferimento a Barcellona Fognini sembra più tranquillo sul piano mentale e sembra soprattutto essersi preso maggiori responsabilità rispetto a qualche mese fa. Semplicemente, per un ragazzo di 20 anni, si può dire che sta crescendo..

Un piccolo infortunio, come detto, lo ha fermato per qualche giorno: “Adesso sto molto bene e ho ripreso ad allenarmi. Ho subito un piccolo infortunio muscolare all’adduttore in Germania, che ho prontamente curato a Barcellona (dove ha appena sistemato casa..). Adesso sono pronto a ripartire. Oggi per la prima volta ho giocato punti in allenamento.

Al primo turno del challenger di Torino, Fabio affronterà l’austriaco Oliver Marach (n. 131). “Marach sta giocando di nuovo bene dopo un periodo negativo; è un avversario ostico, non sarà facile anche perchè lui è stato anche top 100. Ma spero vivamente di poter affrontare Filippo Volandri al secondo turno. In Italia, a Torino, sarebbe davvero bello.”

Obiettivo di Fabio è quello di migliorare la continuità all’interno del torneo e di una stessa partita: “Sto lavorando tanto sul servizio che è il mio tallone d’achille e spero di raggiungere i risultati che mi sono prefisso. Per il resto il livello ormai c’è, ma devo trovare la continuità di rendimento, cosa che ultimamente sta avvendendo

Chiudiamo con i programmi di Fabio: “Ora giocherò qualificazioni Atp a Gstaad, Stoccarda e Kithzbuel; tra qualche tempo poi la programmzione riguarderà il cemento americano, perchè se voglio giocare a certi livelli devo poter giocare molto bene anche lì. A Washington potrei giocare il mio primo torneo Atp in tabellone. Giocherò sicuramente le qualificazioni a Cincinnati, Montreal e Us Open.”

Forza Fabio!

Intervista realizzata da Alessandro Nizegorodcew all’interno della trasmissione “Ho scelto lo sport” su Nuova Spazio Radio (www.nuovaspazioradio.it)

© riproduzione riservata

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *