Il ritorno di Yari Natali: “Non conosco i miei limiti, posso fare molto bene”

di - 9 Febbraio 2009

Yari Natali

di Alessandro Nizegorodcew

Chi l’avrebbe mai detto? Yari Natali ritorna al suo primo amore: il tennis. Mancino, classe 1987 e vincitore di ben 4 prove del Lemon Bowl, Yari si era allontanato dai campi qualche anno fa. Da qualche mese è tornato a fare sul serio, pronto a vivere una carriera da professionista. Yari Natali è pronto ad inseguire il suo sogno.

Allora Yari, iniziamo dalla fine della tua prima avventura nel mondo del tennis. Sembravi destinato ad una rosea carriera, cosa ti ha fatto allontanare dai campi?
Ho smesso di giocare per una serie di motivi, in particolari familiari. Il divorzio dei miei genitori ha influito molto; ho passato dei brutti momenti..

Qual è stata invece la scintilla che ti ha sbloccato?
Ho ripensato al tennis questa estate in vacanza, in maniera piuttosto casuale. Nel villaggio dove stavo ho incontrato un ragazzo, un 2.3, con il quale ho giocato tutta la settimana. Così mi è tornata la voglia di tennis.

Dove ti stai allenando?
Mi segue Fabio Salustri alla Polisportiva Anzio; con me si allena anche Lallo Piccari.

Sei tornato in campo, a livello ufficiale, nelle qualificazioni di due futures isrealiani. Quali sono state le tue emozioni? Quali le sensazioni?
Devo dire che è stata una bella sensazione, una sensazione che mi mancava. Sono stati i primi tornei dopo 4 anni di inattività; mi sono serviti anche per capire il livello degli altri. Sono contento perché ho capito che se mi allenerò a dovere, riuscirò a togliermi ancora qualche soddisfazione con questo sport.

Hai sempre avuto un eccezionale rovescio a due mani. Il due colpo debole è il diritto. Su cosa state lavorando con Salustri in questa fase?
Si, sicuramente il rovescio è il mio colpo migliore. Sto lavorando evidentemente moltissimo sul diritto e devo dire che i risultati sono già buoni e lo gioco già meglio di due anni fa. Ho migliorato molto la prima di servizio, mentre c’è da lavorare sulla seconda. In più stiamo dando grande attenzione agli spostamenti.

Ti sei posto un obiettivo di classifica per il 2009?
No, non ho un obiettivo a livello di numeri. I miei limiti ancora non li conosco, vedremo cosa succederà. Spero di salire il più in alto possibile nel ranking.

Nel salutarti e farti un grande in bocca al lupo Yari, elencaci i tuoi prossimi tornei..
Ora vado in Spagna a giocare un 10.000$. La programmazione alternerà tornei Itf, qualche Open e alcuni challenger questa estate. Nel frattempo spero proprio che qualche sponsor possa darmi una mano..Ciao e Crepi il lupo

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *