Michael Berrer: “L’obiettivo è essere nel main draw in Australia”

di - 4 Settembre 2009

Michael Berrer è da qualche settimana il nuovo allievo di Claudio Pistolesi. Il gigante tedesco, che nel 2007 ha raggiunto la posizione 51 Atp, sta iniziando la propria risalita verso il gotha del tennis. Berrer, che in passato ha superato giocatori quali Fish, Kohlschriber, Youhzny, Almagro, Montanes, Llodra, Canas e tanti altri, ci ha rilasciato una breve intervista, sulle prime settimane di lavoro al fianco di Pistolesi

Michael Berrer
(Michael Berrer – Foto Nizegorodcew)

di Alessandro Nizegorodcew

Come ti trovi con Claudio Pistolesi, dopo queste prime settimane di lavoro?
Mi sono sentito a mio agio dal primo momento in cui l’ho chiamato. Abbiamo avuto una straordinaria prima settimana di allenamento e poi abbiamo sofferto insieme le prime tre settimane di tornei, ma è stata la più pesante crisi di gioco della mia carriera; siamo rimasti comunque molto uniti e abbiamo sofferto insieme, uscendone fuori nel migliore dei modi. Sento di essere sulla strada giusta e ora bisognerà avere solo pazienza.

A New York, dopo una prima partita vinta solo 76 al terzo, hai superato agevolmente le qualificazioni, salvo poi perdere da Zeballos. Come giudichi questi match e il tuo torneo?
Il primo turno, dopo non aver vinto match per mesi, è stato la terza partita vinta da quando lavoro con Claudio, come dicevi tu per 76 al terzo. Da quel momento ho acquisito una certa sicurezza di andare avanti con l’aggressività giusta; se manterrò questo atteggiamento in campo vincerò molte partite.”

Quali sono i tuoi obiettivi di classifica per la fine del 2009?
Il mio obiettivo dichiarato è di essere nel main draw dell’Australian Open e andare in campo, da ora in poi, facendo il mio gioco, sempre e comunque..

Grazie Micheal e in bocca al lupo per i tuoi obiettivi
Grazie, tanti saluti ai lettori di Spazio Tennis

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *