Andreas Seppi: Mi sento più sicuro al servizio

di - 5 Marzo 2012

Andreas Seppi, numero 1 d’Italia, è intervenuto ai microfoni di Radio Manà Manà Sport per raccontare i primi tornei della stagione. “Sono soddisfatto della trasferta australiana” – spiega l’altoatesino – “nonostante la sconfitta di primo turno a Melbourne contro Gasquet. Ho giocato bene anche a Doha dove ho raggiunto i quarti di finale, così come a Rotterdam. La sconfitta con Stepanek in 5 cinque set mi ha fatto sicuramente male, soprattutto perché disputata in una competizione importante come la Coppa Davis. L’incontro si è deciso su pochi punti e credo sia stata una partita di buonissimo livello. Il rientro in Coppa Davis dopo due anni mi ha lasciato solo sensazioni positive. Ci tenevo molto, anche se il risultato non è stato quello che aspettavamo. Speriamo di giocare un ottimo spareggio per rimanere nel World Group a settembre.“ Sui primi due mesi di 2012 Seppi ha aggiunto che “a Marsiglia ho perso contro Flavio Cipolla che è in un grande momento, mentre ho deciso di non andare a Dubai perché avevo giocato quattro settimane di fila e volevo riposarmi un po’. Mi sono allenato intensamente questa settimana per la trasferta americana che inizierà con il Masters 1000 Indian Wells.”

Seppi, numero 46 delle ultime classifiche Atp, si è soffermato sulle migliorie apportate e da apportate al proprio gioco: “Sto sicuramente servendo molto meglio e mi sento più sicuro. Insieme al mio coach Massimo Sartori abbiamo svolto un grandissimo lavoro su questo fondamentale durante la preparazione invernale, in particolare sulla spalla per renderla più elastica, visto che sono abbastanza rigido. Il prossimo passo sarà quello di essere ancora più aggressivo in campo e spingermi maggiormente a rete. In allenamento lo sto facendo con regolarità, anche se in partita mi tiro ancora un po’ indietro; è da 8 anni che non lo facevo e cambiare non è facile.”

L’altoatesino, classe 1984, si è soffermato anche sull’Olimpiade di Londra 2012, che per quanto concerne il tennis si svolgeranno a Wimbledon. “Per prima cosa spero di andarci. Sarebbe la mia seconda esperienza ai Giochi e giocare sull’erba di Wimbledon è sempre emozionante.” Se dovesse scegliere tra un grande risultato a Londra 2012, in uno Slam o a Roma Seppi non ha però dubbi: “Nel tennis i tornei dello Slam sono sempre al primo posto nella mente dei giocatori. E’ ovvio che Roma, per noi italiani, rappresenti comunque un torneo importantissimo.”

© riproduzione riservata

23 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *