(Video) Alona Bondarenko: “Non è facile tornare, ma mi mancava troppo il tennis”

di - 5 Agosto 2016

Alona Bondarenko

di Giulio Gasparin (@giuliogasparin)

(You can read the original version here)

Alla vigilia del suo trentaduesimo compleanno, Alona Bondarenko ha deciso di mettersi in gioco e tornare a calcare i campi da tennis, ripartendo da zero nella difficile impresa di ritornare là dove aveva lasciato il tennis ben cinque anni or sono. A causa di diversi infortuni, uno dei quali al ginocchio destro che ancora tiene protetto da un leggero tutore, aveva lasciato le comeptizioni, ma dopo la nascita del suo primogenito, Evgen, è arrivata la scelta di riprovarci. Partendo da zero, quindi dal livello più basso dei $10k, la tennista ucraina ha ritrovato il campo dopo la lunga assenza proprio in Italia, nel piccolo circolo di Tarvisio (UD). Nonostante fosse la storia più attesa del torneo, lei si è sempre dimostrata umile e generosa di sorrisi con chiunque la fermasse per una parola o un autografo. La sua cavalcata è durata solo due turni, ma sotto uno spesso velo di polvere, è stato possibile vedere la giocatrice capace di issarsi fino alla diciannovesima posizione mondiale, a cui serviranno solo pazienza, diversi match e un pizzico di fortuna per tornare lì dove aveva lasciato tutto cinque anni fa.

Innanzitutto, è un piacere averti qui a Tarvisio. Ma cosa ti ha spinto a questo ritorno alle competizioni?

Sicuramente è stato l’amore per questo gioco e il fatto che mi mancasse tantissimo dopo esser stata costretta a smettere non quando volevo io, ma perché un infortunio mi ha fermata. Dopo che ho avuto il mio bambino, ho provato a giocare di nuovo e vedendo che il mio ginocchio teneva ho pensato di riprovarci e ora sto vedendo se è possibile tornare.

Come ti sei sentita a calcare un campo ufficiale di nuovo dopo cinque anni di assenza?

È stata dura, sopratutto perché in allenamento sento che il mio gioco è buono, non come prima di smettere, ma quasi. Poi in campo durante la partita è difficile essere allo stesso livello, perché ti senti nervosa. Ma sapevo che sarebbe stato così e quindi per ora provo soltanto a scendere in campo e giocare punto per punto, gioco per gioco. Per ora posso essere contenta, credo.

Nel secondo match, anche se il punteggio è stato più severo della realtà, è sembrato che fossi più rilassata e anche i colpi uscissero meglio.

Sì, è vero, mi sono sentita nettamente meglio. Però ci sono alcuni problemi, per esempio non mi fido ad andare lungo linea, ma resto solo sull’incrociato e quindi faccio pochi vincenti. Ora però lo so e mi ci metterò sotto per migliorare.

Sicuramente ci vuole un po’ di temo per questo, ma è bello vederti sorridere anche dopo una sconfitta.

Va bene così, perché sono venuta a Tarvisio per testarmi e testare il mio ginocchio: ora so che posso giocare anche due giorni di fila senza dolori ed è quello che speravo. Ora andrò al prossimo torneo e da lì a quello dopo, valutando di volta in volta.

Come mai hai scelto di tornare a giocare in Italia? È per il fatto che il tuo primo titolo ITF è arrivato in questa nazione, anzi proprio in questa regione, a Fontanafredda?

Forse (sorride). A dire il vero, adoro questa nazione e l’ultima volta che ci sono stata era nel 2010, quindi ho deciso di tornare a giocare proprio qui perché un po’ mi mancava!

Che ruolo ha giocato nel tuo ritorno l’esempio di tua sorella, dato che anche lei era tornata a giocare dopo la gravidanza?

A dire il vero non penso sia la stessa cosa per noi due, perché lei è tornata a giocare dopo un anno e mezzo, quindi è stato più facile. Aveva anche il ranking protetto… è stato certamente difficile anche per lei, ma meno che per me. Io ho ricominciato solo da poco e sopratutto solo per vedere se fosse possibile, ora vedremo cosa ne sarà.

E com’è viaggiare e giocare con Evgen?

Questo è stato solo il primo torneo, ma direi che non è andata per niente male. Gli piace il clima, viaggiare e sembra dormire meglio che a casa! Direi che è una bellissima esperienza anche per lui.

Ed io l’ho visto prendere una delle tue racchette mentre ti scaldavi!

Sì, quando sono tornata ad allenarmi lui aveva quattro mesi e lo portavo in campo con me, quindi non appena ha cominciato a camminare ha preso la racchetta e quando vuole gioca un po’ con quella e le palline.

Quindi forse ora sto parlando con due campioni qui…

lo spero! Chissà, forse un giorno… comunque se vorrà e gli piacerà, sarebbe bello giocasse a tennis anche lui.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *