Itf: Pieri, Chiesa e Stefanini avanti di slancio a Pula

di - 1 Maggio 2019

Giornata, come di consueto, farcita di impegni per il tennis azzurro a livello ITF. Ben 16 gli azzurri impegnati, fra campo maschile e femminile, al primo turno dell’ITF di Santa Margherita di Pula. In campo maschile approdano al secondo turno solo tre azzurri, di cui due impegnati nei derby, ossia Federico Iannaccone e Luca Tomasetto. Iannaccone, in tabellone grazie ad una wild card, ha sconfitto con il nettissimo punteggio di 6-1 6-2  il qualificato Filippo Giovannini ed al prossimo turno affronterà la testa di serie numero 1 del torneo, Lloyd Glasspool, che ha battuto con un doppio 6-3 6-3 l’altro giovane qualificato azzurro Gabriele Bosio. Tomasetto, proveniente dalle qualificazioni, ha invece sconfitto con un doppio 6-2 l’altoatesino Georg Winkler ed al secondo turno troverà la terza testa di serie del tabellone, l’argentino Manuel Pena Lopez, che ha sconfitto nettamente (6-1 6-2) il qualificato azzurro Luigi Sorrentino.  L’ultimo azzurro a qualificarsi al secondo turno nella giornata odierna è stato Mattia Frinzi. Il diciannovenne veronese ha infatti sconfitto, in rimonta (4-6 6-3 6-2), il francese Benjamin Pietri. Il giovane azzurro al prossimo turno affronterà la seconda testa di serie del torneo, ossia Fabrizio Ornago.

Sconfitti, invece, tutti gli altri italiani impegnati nella giornata odierna. Mirko Cutuli ha ceduto con lo score di 6-2 6-4 al qualificato tedesco Jakob Sude. Successivamente ha salutato il torneo anche Giacomo Dambrosi. Decisamente più positiva, invece, la giornata in campo femminile. Infatti, oltre al derby dominato da Lucrezia Stefanini, che ha sconfitto 6-1 6-0 la wild card Costanza Traversi, ben altre tre azzurre approdano al secondo turno. Jessica Pieri, sesta testa di serie del torneo sardo, ha sconfitto con un netto 6-1 6-2 l’egiziana Sandra Samir ed al secondo turno affronterà proprio la Stefanini. Deborah Chiesa, testa di serie numero 7, ha battuto facilmente (6-0 6-1) la WC australiana Yasmina El Sayed e al prossimo turno sfiderà la qualificata tedesca Lisa Matviyenko. Monica Cappelletti, in tabellone grazie ad una WC, invece approda al secondo turno in seguito al ritiro della sua avversaria, la britannica Gabriella Taylor, testa di serie numero 5 del tabellone. La ventenne tennista dell’Argentario sfiderà al secondo turno la qualificata francese Margot Yerolymos. Sconfitte, invece, l’altra WC Barbara Dessolis e la qualificata Lucia Bronzetti. La Dessolis è stata superata 6-4 6-3 dalla turca Basak Eraydin, terza testa di serie del tabellone. La Bronzetti, invece, è stata eliminata 6-1 7-5 dall’impronunciabile francese Tessah Andrianjafitrimo, testa di serie numero 8.

Una vittoria e una sconfitta: questo il “resoconto azzurro” nel 15.000 di Tabarka. In campo maschile, infatti, approda al secondo turno Alessandro Ingarao, bravo a sconfiggere con lo score di 6-2 6-3 il qualificato belga Tom Pisane. Il ventenne azzurro al prossimo turno affronterà il francese  Samuel Brosset, sesta testa di serie. Niente da fare, invece, in campo femminile per la qualificata Alessia Tagliente, sconfitta 7-5 6-3 dalla bulgara Ani Vangelova, testa di serie numero 7.

Vincono, invece, Alessandro Coppini, impegnato nell’ITF di Las Palmas de Gran Canaria, e Andrea Bessire, impegnato nel 15.000 di Accra. Coppini, proveniente dalle quali, ha battuto con un doppio 6-3 il qualificato thailandese Chanon Phunsawat ed al secondo turno si troverà di fronte il belga Martin Van Der Meerschen. Bessire ha invece inflitto un pesante 6-3 6-1 al britannico Darryl Hale e sfiderà al prossimo turno il giocatore della Namibia Tukhula Jacobs, quinta testa di serie del torneo portoghese.

Niente da fare, invece, per Stefania Rubini, impegnata al primo turno del 60.000 di Les Franqueses del Valles e per Ilaria Sposetti impegnata al primo turno dell’ITF del Cairo. La Rubini è stata sconfitta 6-4 6-1 dalla serba Nina Stojanovic, testa di serie numero 4 del torneo, mentre la Sposetti è stata battuta 6-1 7-5 dall’indiana Saumya Vig.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *