Prime conferme per Van Rijthoven, risale Travaglia

di - 18 Novembre 2015
2014_US_Open_(Tennis)_-_Qualifying_Rounds_-_Cagla_Buyukakcay_(15058701782)
Di Giacomo Bertolini
Resoconto Itf della settimana appena trascorsa che strizza l’occhio ai colori azzurri visto il nuovo successo del nostro Stefano Travaglia, impegnato a risalire la china dopo un 2015 piuttosto complesso. Per il tennista marchigiano, doppio 64 a Maxime Chazal(1) nella finale del 10k di Casablanca, e 11esimo sigillo complessivo in carriera. Rimanendo in tema di promesse da tenere d’occhio spicca questa settimana il secondo assolo stagionale del 18enne di Roosendaal Tim Van Rijthoven, che dimostra grande personalità nel rimontare per 46 63 75 l’americano Austin nell’epilogo del 10k su cemento di Heraklion, molto bene anche il portoghese classe 1995 Frederico Ferrerira Silva a segno a Sharm El Sheikh, cemento. E classe ’95 in grande evidenza anche a El Kantaoui (10k, cemento) dove a regalarsi il quinto trofeo della sua giovane carriera è il serbo Nikola Milojevic (26 75 64 a Hoang), si rivede anche il canadese Filip Peliwo re nel torneo britannico di Bath (15k, cemento). Prima tacca nel circuito Future invece per un altro jolly austriaco, il classe 1996 Lucas Miedler, capace al primo colpo di portarsi a casa sia il titolo di singolare che quello in doppio a Stellenbosh, mentre il suo connazionale Bastian Trinker prosegue la sua lenta ma costante ascesa imponendosi anche nell’appuntamento su terra di Niceville (10.000$, Florida).
Molto avvincenti questa settimana anche i movimenti tra le fila femminili, con diverse sorprese anche nei tornei di vetrina. Tennista della settimana è meritatamente la turca Cagla Buyukakcay, regina di singolo e doppio nel ricco 75.000 dollari di Dubai, si difende bene anche la giapponese Misa Eguchi che, trionfando nel derby con la Kuwata in quel di Bendigo (50k, cemento), conferma una volte per tutte il suo strepitoso finale di stagione. Continuando ad analizzare i risultati negli Itf di punta appena trascorsi si registra il colpaccio casalingo della statunitense Samantha Crawford, che migliora il suo best ranking a numero 172 Wta dopo aver regolato nella finale di Scottsdale (50k, duro) la svizzera Golubic, promossa anche la russa Irina Kromacheva regina in quel di Minsk (ko la Eraydin 62 75). Giovani speranze estremamente convincenti anche sul duro del 25k di Bratislava, dove a fare la parte della protagonista ci pensa la ceca classe ’94 Jesika Maleckova, mentre lo Zimbabwe scopre la sua stella nel 10k sudafricano di Stellenobosh con il primo, inatteso successo della numero 1007 al mondo Valeria Bhunu, nettamente superiore in finale alla tedesca Hering, spazzata via 64 60. Per quanto riguarda strettamente i risultati delle nostre portacolori migliore azzurra della settimana è la 22enne Stefania Rubini, costretta al ritiro nella finale del 10k di Casablanca, vinto poi dalla slovena Pia Cuk in singolare e dalla coppia italo-spagnola Rosatello/Azcoitia in doppio.
TENNISTA FUTURE DELLA SETTIMANA: TIM VAN RIJTHOVEN (NED)
MIGLIOR AZZURRO: STEFANO TRAVAGLIA
TENNISTA ITF DELLA SETTIMANA: CAGLA BUYUKAKCAY (TUR)
MIGLIOR AZZURRA. STEFANIA RUBINI
© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *