Nicola Vidal: “Occhio a Samuele Ramazzotti”

di - 17 Aprile 2015

Nicola Vidal interno

di Salvatore Petrillo

Nicola Vidal, 2.7 in forza al Ct Rovereto, è uno degli azzurri che più si sta mettendo in luce nel circuito Tennis Europe. Conosciamo meglio le ambizioni e i progetti del talento friulano classe 1999.

Parlaci un po’ di te Nicola, dai tuoi inizi alle tue peculiarità.

Sono originario di un piccolo paesino in provincia di Udine, dove ho cominciato a praticare tennis all’età di cinque anni, e da subito sono stato preso da questo sport. Ho giocato quasi esclusivamente su terra battuta, quindi sono nato come un giocatore piuttosto difensivo, ma nel 2013, dopo essermi trasferito all’Accademia di Luca e Andrea Stoppini, a Rovereto, mi sono allenato anche su altre superfici, migliorando nel gioco offensivo, anche se la mia superficie preferita rimane comunque la terra rossa.

Cosa ti aspetti dal tuo futuro prossimo? Tennis Europe, Slam Juniores, tornei ITF?

Nel 2015 penso che farò i tornei Tennis Europe principali in Italia e soprattutto cercherò di fare qualche torneo ITF U18 per provare a prendere qualche punto utile per l’anno prossimo. Penso che sarebbe bello inoltre riuscire a giocare almeno un paio di tornei Futures. Io non credo sia giusto darsi un obiettivo in una distanza di tempo troppo lunga ma quantomeno spero di riuscire ad arrivare al più alto livello che possa esprimere per non dover rimpiangere nulla.

Chi sono i ragazzi del circuito TE che più ti hanno impressionato e che vedi più in grado di far strada tra i “grandi”?

Nel circuito TE ci sono dei ragazzi che mi hanno molto impressionato e che penso possano fare veramente bene nei prossimi anni, soprattutto l’italiano Samuele Ramazzotti ed il tedesco Rudolf Molleker, oltre ai due fortissimi canadesi Muamba e Auger Aliassime.

C’è un tennista a cui ti ispiri e che vorresti emulare?

Il mio giocatore preferito è sicuramente Roger Federer. Ma nonostante questo, mi colpisce molto la tenacia e la voglia di vincere e di lottare di Rafa Nadal. Cercherò di seguire al meglio tutti e due, per diventare un giocatore il più completo possibile.

© riproduzione riservata

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *