Tennis Europe U12 Padova: in finale Bondioli e Costoulas

di - 17 Giugno 2017

(nella foto,da sx a dx, il tecnico federale Alberto Tirelli, Gabriele Vulpitta, Sebastiano Cocola, Federico Bondioli, Matteo Covato e il direttore del C.S. Plebiscito Gianfranco Maria Barbiero)

Di Giulia Rossi

Si avvia verso la conclusione il 9° torneo Internazionale Tennis Europe under 12 “Città di Padova” che ormai da più di una settimana sta animando i campi del C.S. Plebiscito. Si sono disputate ieri le semifinali dei singolari e le finali dei doppi maschili e femminili, terminate a tarda sera.

Campo n.5 inaugurato dal match che vedeva l’unica italiana ancora in corsa per il titolo, la napoletana Maria Pia Vivenzio. Purtroppo la tennista partenopea non riesce a replicare l’ottima prestazione registrata nei quarti di finale (duplice 6-0 alla russa Domova), ed è la tedesca Carolina Kuhl ad infrangere i sogni di gloria della Vivenzio superandola per 6-1, 6-3. Resta comunque grande la soddisfazione per la Vivenzio che lascia Padova accompagnata da una grande consapevolezza nelle proprie possibilità.

Nel primo pomeriggio si svela anche il nome dell’altra finalista: sarà Sofia Costoulas  a duellare in finale con la tedesca. La belga annienta la tedesca Angelica Flachs, ultima giocatrice proveniente dalle qualificazioni, con il punteggio di 6-1, 6-2, risultato fotocopia dei quarti di finale contro l’altra tedesca Buchwald. Sia la Costoulas che la Kuhl giungono in finale senza aver smarrito un set: appena 12 i game concessi dalla belga contro i 16 della tedesca.

Quest’anno il trofeo passerà nelle mani di una giocatrice non italiana, dopo che negli ultimi due anni avevano trionfato Lisa Pigato e Giorgia Pedone.

Per quanto riguarda invece il tabellone maschile il primo ad ottenere l’ambito posto in finale è ancora un rappresentante della Germania, Lasse Poertner, ai danni di uno stanchissimo Alessandro Versteegh: il tennista piemontese si è reso protagonista di una settimana di altissimo livello, cominciata sabato scorso con il primo turno di qualificazione e terminata solo oggi in semifinale, persa per 6-2, 6-1. Sono quindi tutte riposte in Federico Bondioli le speranze di avere colorare d’azzurro almeno uno dei due trofei: il tennista di Ravenna ingaggia sul campo n. 5 un’asprissima lotta durata quasi tre ore con il romano Daniele Rapagnetta, che si era portato avanti di un set e stava gestendo bene anche il secondo, fino a quando Bondioli suona la carica e ribalta le sorti di un match fino a quel momento per lui molto complicato. Il ravennate riesce a riportare la situazione in parità vincendo il secondo set per 6-4, e infine chiudendo i giochi 6-2 nel parziale decisivo. Il romano Rapagnetta dal canto suo non può che essere soddisfatto per l’importante risultato ottenuto, e per il livello di gioco dimostrato per tutta la settimana, a solo unici anni.

Tra i due finalisti il solo Poertner arrivano allo scontro diretto a punteggio pieno (e con 9 esigui game lasciati per strada) mentre l’italiano, prima del match di ieri contro Rapagnetta, non aveva ancora perso un set.

(nella foto,da sx a dx, il direttore del C.S. Plebiscito Gianfranco Maria Barbiero, Yu Kikawa e Anna Kobayashi, Nadin Barbarossa, Ioana Teodora Sava e il tecnico federale Alberto Tirelli)

Giungono all’epilogo i due tabelloni di doppio: le prime a scendere in campo sul campo n.5 sono le ragazze, da una parte del campo le due minute giapponesi Kikawa/Kobayashi, dall’altra la rumena Ioana Teodora Sava e l’italiana Nadin Barbarossa. È proprio quest’ultima coppia a laurearsi campionessa della nona edizione: la resistenza delle giapponesi dura un solo set, che le loro avversarie conquistano al tiebreak, poi la loro offensiva si sgretola e lasciano il titolo nelle mani di Sava/Barbarossa per 7-6, 6-3.

A seguire sullo stesso campo chiude il programma di giornata la sfida finale maschile, che vede nuovamente protagonista Federico Bondioli, in coppia con Matteo Covato, contro Sebastiano Cocola e Gabriele Vulpitta, in quella che è stata eletta la partita più emozionante di tutto il torneo. I quattro italiani scendono in campo all’imbrunire e disputano quasi tutto il match alla luce dei riflettori: dopo un primo durissimo set portato a casa al tiebreak, Bondioli e Covato subiscono il ritorno di Cocola e Vulpitta, che si impongono per 6-2 nel secondo parziale. Le sorti del titolo si decidono così al maxi tiebreak, così incerto quanto emozionante, finché, alle dieci e mezza di sera, la coppia Bondioli/Covato riesce a concretizzare il match point e chiudere 16-14. Incredibile torneo disputato anche dagli sconfitti, considerato anche il fatto che Cocola è del 2006. Bondioli avrà così la possibilità di bissare il doppio successo, in doppio e in singolare, già ottenuto nel torneo di Maglie.

Appuntamento per stamattina a partire dalle ore 10.30 quando scopriremo chi saranno i vincitori del 9° torneo Tennis Europe under 12 di Padova.

© riproduzione riservata

2 commenti

  1. We provide services in the field of enhanced commercial and residential landscaping across India; in short, our brilliant team of professionals makes your property more valuable, lavish and aesthetic by creating inventive and customized masterpieces for your residential or commercial land.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *