A Doha in campo i giganti

di - 3 Gennaio 2012

di Sergio Pastena

Un tris di tornei 250 apre la stagione 2012 del circuito Atp. Si gioca a Chennai, Doha e Brisbane, ovvero India, Qatar e Australia.
Ovviamente il palcoscenico è tutto per il torneo qatariota, che vede la presenza in tabellone di gente del calibro di Nadal, Federer e Tsonga. Proprio a Doha, in attesa dell’esordio dei big, hanno ben figurato i nostri rappresentanti: Andreas Seppi ha mostrato subito una forma convincente eliminando in due set il polacco Kubot mentre Filippo Volandri, pur perdendo, ha tenuto bene contro l’americano Bogomolov. Considerando che il livornese non gioca praticamente mai sul cemento e aveva di fronte un avversario che su quella superficie è di casa, averlo portato al terzo set è già un successo. Parte bene anche Flavio Cipolla, che però ha praticamente usufruito di un bye: il 6-0 6-0 rifilato in poco più di mezz’ora al diciassettenne Jabor Al Mutawa fa testo solo per le statistiche. Per inciso: Doha ricade nel vecchio vizio, quello di mandare al macello un dilettante, più sensato sarebbe stato concedere la wild card a giocatori non forti ma quanto meno competitivi come i kuwaitiani Ghareeb e Maqdas, che nelle qualificazioni hanno opposto una valida resistenza a Golubev (poi eliminato da Bachinger) e Meffert.
Decisamente più azzeccate le wild card di Chennai, torneo che vede la presenza di Tipsarevic, Almagro, Wawrinka e Raonic. Il giovane talento locale Yuki Bhambri ha superato in modo convincente il più quotato slovacco Karol Beck, ma la più grande sorpresa della giornata per poco non è arrivata da Vishnu Vardhan, che ha portato via il primo set a Dodig e l’ha costretto a salvare ben cinque match point nel secondo prima di perdere il tie break e crollare nel parziale decisivo. Totalmente da dimenticare l’esordio di Fabio Fognini, che contro Sela praticamente non è sceso in campo, racimolando solo un game.
Infine abbiamo Brisbane, con un tabellone nobilitato dalla presenza di Andy Murray. Questo è anche il torneo nel quale, complice il fuso orario, si è disputato il primo match della nuova stagione, che ha visto il promettente James Duckworth superare in due set Nicolas Mahut. Bene anche Tomic, che ha avuto la meglio sul più esperto Benneteau al termine di tre set molto lottati, mentre Baghdatis ha battuto Ryan Harrison nel match più interessante del primo turno. Nessun rappresentante azzurro presente in tabellone.

© riproduzione riservata

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *