Diario di Bordo dal Bonfiglio (2)

di - 21 Maggio 2014

Simone Roncalli
(Simone Roncalli – Foto Panunzio)

da Milano, big lebowski

Un venticello piacevole, ma freschetto accoglie i tennisti che oggi completeranno il primo turno maschile e femminile del 55° Trofeo Bonfiglio, Internazionali d’Italia Juniores quando alle 9.30 scendono in campo.

Milano in certi giorni è poco trafficata, penso che molti si siano rotti dell’automobile e preferiscano biciclette, scooter e mezzi pubblici; per quanto mi riguarda, dovendo accompagnare a scuola la piccola, non ho scelta.

Cappuccino, brioche e marlborino nei pressi di Parco Sempione e ottimo parking vicino al circolo, non la tocco più fino a questa sera. Posso trattenermi fino alle 11 circa, poi il dovere mi chiama.

Sono le ragazze ad iniziare su tutti i campi e parto da Schmiedlova, slovacca tds 4 opposta alla francesina che mi era piaciuta nelle qualificazioni. La ova di turno ha un peso di palla troppo superiore e, fatto non secondario, le tira sempre vicino alle righe e spesso negli angoli. Dopo 5 giochi durati poco, sul 4-1 mi dico che il tennis così pulito e ordinato di Salas non ha chance.

Accanto sta giocando l’unica italiana ad aver superato le non facili qualificazioni, Silvia Chinellato, che colpisce la palla grantolando, un neologismo da composizione, credo di Clerici, derivato dai termini grugnito e rantolo.

Nonostante metta in mostra saltuariamente qualche colpo potente ed anche non banalmente angolato, la ragazzotta, razza piave dal fisico di una giavellottista, non sembra una cuor di leone e, spesso, tende a rallentare o addirittura pallettare.
Finirà per perdere il primo set al tiebreak dopo aver sempre condotto.

Noto una certa “ressa” in un campo secondario dove leggo si sta esibendo la piccola Sartori contro la australiana Mendez (classe 1999) di padre, e coach, sudamericano.

Ancora più minuta della Turati, d’altra parte è proprio una bambina, si dimostra più propositiva della nostra che resiste fino al 4-4 per poi perdere piuttosto nettamente pur dimostrando grinta e carattere.

Recandomi al bar per un caffè, incontro il possente coach africano del tennista del Burundi Iradukunda, al quale chiedo qualche informazione sul percorso tennistico del suo allievo.

Mi racconta brevemente che usufruiscono dell’aiuto del Grand Slam Development Found, un organizzazione creata dall’Itf allo scopo di supportare i tennisti promettenti di paesi di tutto il mondo, in particolare quelli in via di sviluppo.
Sono da alcuni anni di stanza in Marocco e di questo progetto fa parte anche l’egiziana Samir che gioca il tabellone femminile con la tds 10.

Sono incuriosito e gli chiedo se è possibile scambiare due parole anche con il ragazzo, che è in procinto di scendere in campo ( vincerà 76 61) e prendiamo appuntamento per domani in funzione dell’order of play, anche con l’altro coach che mi dice di essere americano.

Se qualcuno avesse qualche curiosità, può postare sotto e vedo se sarà possibile soddisfarle.

Ritorno al primo campo, quello di Schmiedlova – Salas, vedendo che lo score è ora di 62 34 e palla break a disposizione della francese che ottiene il punto del 5-3.

Nel proseguimento del match la slovacca ottiene 16 punti contro 5/6 dell’altra e chiude 7-5.
Non ho idea di quel che può essere successo nella parte centrale del match, vado a lavorare con il pensiero che forse ha ragione chi dice che “il tennis è la dimostrazione che Dio non esiste”.

Domani programma ricco con tutti gli incontri del secondo turno di entrambi i tabelloni.
Saranno quattro gli italiani impegnati nel tabellone maschile (Pellegrino, Roncalli, Stefanini, Turchetti) e 3 in quello femminile (Brescia, Lombardo e Turati). Baldi ha perso dal colombiano Valero 36 62 76.

COMUNICATO STAMPA

Milano, 20 maggio – È un day 2 shock quello che scuote il 55° Trofeo Bonfiglio. La sorpresa è di quelle negative, e a firmarla – suo malgrado – è stato proprio Filippo Baldi. L’azzurro più atteso della vigilia ha steccato all’esordio contro il colombiano Luis Valero, bravo a rimanere attaccato al match nonostante un avvio difficile. Sì, perché l’azzurro, diventato testa di serie (n.17) dopo il forfait del brasiliano Marcelo Zormann, si è portato avanti di un set prima di lasciare strada con il punteggio di 3-6 6-2 7-6. Una sconfitta che brucia ancora di più se si considera che il 18enne lombardo ha avuto anche un match point, sul 5-4 del terzo set, ottimamente annullato con servizio e diritto dal sudamericano. Gli ottavi di finale dello scorso anno (sconfitta dal futuro vincitore tedesco Alexander Zverev) resteranno così il miglior risultato di sempre del vigevanese agli Internazionali d’Italia junior in tre partecipazioni. Ma per una sorpresa negativa, eccone una positiva. L’autografo è di Simone Roncalli, che supera il primo turno sfruttando il ritiro della testa di serie numero 14 del tabellone, il peruviano Nicolas Alvarez. Dopo essere andato sotto di un set, il lombardo ha pareggiato i conti e nel terzo parziale è scappato sul 4-1 prima di poter alzare le braccia al cielo anzitempo sfruttando il ritiro dell’avversario. A fine giornata sarà la sua l’unica vittoria azzurra di questo martedì milanese soleggiato ma non eccessivamente caldo. Al prossimo turno affronterà il burundese Iradukunda, proveniente dalle qualificazioni: per Roncalli, insomma, il torneo può avere ancora molto da dire.

Nulla da fare invece per gli altri tre italiani impegnati oggi. Soltanto due game raccolti da Giovanni Oradini, fratello minore del pro Atp Giacomo e ripescato dopo la sconfitta al terzo turno delle qualificazioni. Il trentino è stato sconfitto dal cinese Weiqiang Zheng col parziale di 6-1 6-1. In campo femminile, Giulia Sartori lotta alla pari per un set ma alla lunga deve cedere all’australiana Seone Mendez. La figlia di Max, coach di lunga data del n.34 Atp Andreas Seppi, era in tabellone grazie a una wild card. Più o meno stesso canovaccio anche per il match che ha visto protagonista la canturina Silvia Chinellato, proveniente dalle qualificazioni. La lombarda ha perso al tie-break il primo parziale per poi subire un più secco 6-2 nella seconda frazione. Tra gli stranieri, da segnalare il successo di Michael Mmoh, testa di serie n.4 e capace di rimontare un set al russo Pokotilov nonostante fosse atterrato a Milano – da New York – soltanto qualche ora prima di scendere in campo. Domani, quando si disputeranno tutti gli incontri di secondo turno, gli azzurri impegnati saranno dunque sette (oltre a Roncalli, anche Jacopo Stefanini, Nicolò Turchetti, Andrea Pellegrino e, tra le donne, Beatrice Lombardo, Georgia Brescia e Bianca Turati). Si comincia alle 9, su otto campi: l’ingresso resta libero e gratuito, come per tutta la durata della manifestazione. Le finali del singolare, trasmesse in diretta da SuperTennis Tv, si giocheranno domenica 25 maggio.

Tabellone singolare maschile, primo turno

A. Molcan (SVK) b. W. Duncan (USA) [LL] 6-1 6-1, M. Mmoh (USA) [4] b. B. Pokotilov (RUS) 2-6 6-1 6-4, R. Matos (BRA) [Q] b. D. Karimov (UZB) [Q] 6-3 6-1, G.O. Iradukunda (BDI) [Q] b. A. Lopez San Martin (ESP) 7-6(4) 6-1, S. Roncalli (ITA) [WC] b. N. Alvarez (PER) [14] 2-6 6-4 4-1 rit., B. Mousley (AUS) [12] b. L.Y.R. Lin (TPE) [Q] 6-4 6-2, W. Zheng (CHN) b. G. Oradini (ITA) [LL] 6-1 6-1, L. Valero (COL) [Q] b. F. Baldi (ITA) 3-6 6-2 7-6(2), R. Safiullin (RUS) [6] b. M. Polmans (AUS) 6-0 6-0, A. Lizen (GBR) b. Z. Qiu (CHN) 7-5 6-2, D. Uspensky (USA) [Q] b. L. Pane (ARG) 6-3 6-3 [Q].

Tabellone singolare femminile, primo turno

I. Ducu (ROU) b. R. Zaratua (MEX) 7-5 7-5, C.C. Bellis (USA) [7] b. R. Clark (MEX) [Q] 6-2 6-1, K. Sebov (CAN) [Q] b. O. Fridman (UKR) [9] 6-1 5-7 6-4, S. Mendez (AUS) [Q] b. G. Sartori (ITA) 6-4 6-1 [WC], A. Pospelova (RUS) [Q] b. L.G. Vidal (BRA) 7-5 6-2, M. Lumsden (GBR) [Q] b. S. Chinellato (ITA) [Q] 7-6(3) 6-2, J. Mikulskyte (LTU) b. J. Ostapenko (LAT) 2-6 6-3 6-4, K. Schmiedlova (SVK) [4] b. E. Salas (FRA) [Q] 6-2 7-5, M. Njoze (GBR) [Q] b. A. Nefedova (RUS) 6-0 6-2.

BONFIGLIO NETWORK – È possibile seguire la 55a edizione del Trofeo Bonfiglio sul sito internet ufficiale del club (www.tcmbonacossa.it), con il live score Tennis-Ticker (scaricando la app) e sul profilo ufficiale di Facebook. Su Twitter sarà attivo l’hashtag #TrofeoBonfiglio.

COME ARRIVARE AL BONACOSSA – Con i mezzi pubblici: tram 1, 14, 19 e 33 (fermata Piazza Firenze) oppure autobus 43, 48, 57, 69, 78, 90, 91, 163. In auto, dalla rete delle tangenziali milanesi prendere l’uscita Certosa, seguire per il centro e imboccare la circonvallazione su Viale Monte Ceneri (cavalcavia della Ghisolfa). Il club è in via Arimondi 15.

© riproduzione riservata

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *