Fed Cup: Ottima Giorgi ma non basta con Serena

di - 18 Aprile 2015

serena williams brindisi

di Paolo Angella

Il match di apertura dello spareggio di Brindisi per la permanenza nel World Group di Fed Cup è tra la numero 1 del mondo Serena Williams e la nostra Camila Giorgi, numero 34 del ranking mondiale, schierata un po’ a sorpresa dal capitano Corrado Barazzutti.

Un solo precedente tra le due giocatrici, a Charleston, sulla terra verde americana, nel 2013, finito 6-2 6-3 per l’americana.

Primi due games dell’incontro esattamente speculari, con 2 palle break salvate prima dalla Giorgi e poi dalla Williams. Nei due giochi successivi invece meno problemi per entrambe a tenere il proprio turno di servizio.

Con un ace Camila chiude il quinto gioco e va al cambio di campo sul 3-2 a proprio favore. Nel sesto gioco Camila, rispondendo in modo molto aggressivo riesce ad ottenere altre due palle break, una delle quali con una splendida vollèe smorzata, ma Serena riesce ad annullarle e si va sul 3-3. Anche i due giochi successivi rispettano la regola del servizio e al termine dell’ottavo game c’è assoluta parità, quattro giochi per parte con anche gli stessi punti vinti (28) da entrambe le giocatrici.

Camila tiene a zero il gioco successivo, realizzando anche il quarto ace della partita e costringe Serena ad andare a servire per salvare il primo set. La Statunitense gioca molto bene, e, nonostante due ottime risposte al servizio di Camila, si porta sul 5-5 senza concedere set-point.

Nell’undicesimo game, Camila commette subito un doppio fallo (il quarto), e Serena gioca con molta sicurezza senza sbagliare nulla, arriva ad avere una palla break, ma Camila è bravissima a non scomporsi e riesce ad annullarla e andare sul 6-5. Serena tiene a 15 il game successivo e si va al tie-break.

Il tie break è molto equilibrato e giocato ad altissimo livello da entrambe ma alla fine la spunta Serena per 7 punti a 5.

Primo set ottimamente giocato da Camila, che è riuscita a tenere il ritmo di Serena ed ha addirittura fatto più punti di Serena (45 a 43), ma purtroppo la differenza è stata fatta solo dall’esperienza della Williams, che, non a caso, ha una percentuale stratosferica di tie break vinti.

Splendida partita che sta facendo entusiasmare il corretto pubblico di Brindisi, testimoniata dal fatto che entrambe hanno fatto ben 17 vincenti a testa. Camila è anche riuscita a controllare gli errori non forzati commettendone solo 11. Serena Williams per portare a casa il set ha dovuto giocare in modo molto concentrato e attento facendo solo 9 errori non forzati. Fantastica la percentuale di punti vincenti di Camila quando è entrata la prima di servizio, 95 % (18 su 19). Peccato non sia bastato per portare a casa il set.

Il secondo set inizia con Serena che tiene agevolmente i primi due turni di battuta mentre la Giorgi ha più difficoltà dovendo concedere due palle break al secondo gioco e altre due al quarto, l’ultima delle quali risulta fatale per la Giorgi, che, commettendo un doppio fallo, concede il primo break della partita a favore di Serena Williams. Il gioco successivo viene tenuto a zero dalla Williams che si porta quindi agevolmente sul 4-1 in proprio favore.

Camila ha la forza di non mollare e tiene facilmente il proprio servizio, ma Serena non si distrae e a zero con un ace finale va sul 5-2. Nel gioco successivo Serena si procura due match point e la partita finisce con un doppio fallo della Giorgi.

Primo set giocato davvero in modo fantastico da Camila Giorgi che ha saputo tener testa alla indiscussa numero uno del mondo, facendo pochissimi errori e conquistando tanti punti con spettacolari vincenti.

Nel secondo set Camila ha continuato a giocare bene, le differenze in termini di punti non sono molte ma Serena ha saputo concretizzare a suo favore, da grande campionessa quale è, le occasioni che ha avuto dovute a piccoli cali nel gioco di Camila.

Risultato finale 7-6 6-2 per Serena Williams su Camila Giorgi in  un’ora e 40 minuti di gioco.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *