Internazionali Under 12: Brilla Popyrin

di - 10 Maggio 2011


(Francesco Forti e Lorenzo Moja – Foto Paolo Pagliai)

di Alessio Pinto (Ufficio Stampa Internazionali d’Italia Under 12)

Completati i primi turni degli Internazionali BNL d’Italia under 12, in svolgimento al Circolo Canottieri Roma. Il personaggio del giorno è senz’altro Alexei Popyrin, australiano di chiare origine russe che ha battuto 6-4 7-5 l’italiano Fenoaltea. Un po’ ‘cavallo pazzo’ e già molto sviluppato fisicamente, Popyrin è in grado di risolvere i punti importanti con accelerazioni 3 metri fuori al campo o tirando la seconda di servizio più forte della prima! Un vero talento che non faticherà a trovare una dimensione ‘globale’ una volta raggiunto un maggiore equilibrio nella gestione dei singoli punti, e della partita. Nell’altro match di spicco della giornata, Nicolas Merzetti ha prevalso soprattutto di classe contro il forte belga Zizou Bergs, proveniente dalle qualificazioni come Popyrin e come l’altro personaggio di questo torneo Fetisleam. Il rumeno in 4 match (qualificazioni comprese) ha perso meno di 10 games e destino analogo ha riservato all’italiano De Cola, e ora sarà proprio il suo match contro Battista l’ottavo di finale più interessante in programma mercoledì, giornata in cui si giocheranno tutti gli ottavi maschili e femminili. Prosegue il buon momento dei portoghesi colla vittoria di Francisco Paulo che, come il connazionale Almeida, batte in rimonta Francesco Forti, e delle francesi, colla Plessy che raggiunge al secondo turno le forti connazionali Hamouti e Wargnier battendo la Infantino. Passano agli ottavi anche le italiane Carlone e Turconi (vittorie agevoli contro le qualificate Hart e Stoica), mentre impressiona la spagnola Guerrero Alvarez, una delle più grandi promesse di Spagna che batte Eleonora Aiello senza concedere neppure un game.

© riproduzione riservata

11 commenti

  1. Alessandro Nizegorodcew

    Oggi ho incontrato Luca Sbrascini al Foro Italico, che mi parlava benissimo di questo australiano… Se arriva ai quarti lo vedrò e ve ne parlerò anche io

  2. gianni

    Iannaccone che si allena solo 2 giorni a settimana a differenza di Popyrin che gira gia il mondo il 2010 a P.S.Giorgio gli ha rifilato 6-1,6-2.Attenzione……………………..fate capire che conoscete poco il tennis giovanile Italiano…………..Ramazzotti battista o merzetti a dimenticavo Baglietto nemmeno se lo sognano……quindi ripeto Attenzione…………

  3. prince

    Popyrin, mi ricordo nel 2009 allo smirkva Bowl, aveva vinto il torneo di consolazione perchè aveva avuto la sfortuna di incontrare al primo turno lo spagnolo Regalato che aveva vinto poi il torneo sul nostro Ramazzotti. Direi che lui era già professionista a 10 anni figuriamoci adesso che ne ha 12. Fate una ricerca su youtube, lo vedrete palleggiare con Jimmy Courier. La Famiglia Popyrin vive a Dubai ed ha grandi possibilità economiche.

  4. prince

    @Gianni

    Ma che Iannaccone si alleni 2 volte a settimana mi pare strano, tutti quelli che sono in tabellone a Roma si allenano come minimo 5 volte a settimana e forse alcuni anche di più. Quasi tutti gli italiani in tabellone erano anche convocati a Tirrenia per U12…. anche loro sono quasi professionisti, poi certo alcuni non hanno le possibilità di Popyrin ma certo non stiamo parlando di gente che il tennis lo vede come un passatempo……

  5. bogar67

    Pure io non ci credo che questo Iannaccone si allena solo due volte a settimana, se così fosse ci troveremmo di fronte ad un fenomeno con ampi margini di miglioramento ma anche prossimo a smettere o a prendere sempre solo batoste tennistiche.
    Gianni mi pare che su questo discorso delle due volte a settimana sei tu o il maestro del ragazzino italiano che non conoscete il tennis giovanile italiano. Chi fa sul serio si allena 5/6 volte a settimana, 75/90 minuti di preparazione atletica e il 75/90 minuti d tennis.

  6. gianni

    Allora se non credete a quello che dico chiamate a benevento al maestro leone e chiedete quante volte si allena poi lo avreste dovuto capire dal fatto che in alcuni tornei perde al primo turno e in altri fa il fenomeno se il maestro e poco credibile informate dai federali e fateci saper

  7. gianni

    bogart67 è vero che in europa tuuti i ragazzi dagli 11 anni fanno 3 ore tuuti i giorni ma il rischio che poi a 14 anni buttino la racchetta il percorso di iannaccone e poco e buono e fino a 14 anni senza usurarsi, e fare tornei non per i risultati ma solo per vedere se si è allo stesso livello degli altri poi dai 15 anni si passerà sempre se la sua volontà sara questa si inizierà a fare sul serio.

  8. nunziovobis

    Gianni se a 14 anni buttano la racchetta, non è di sicuro per il troppo allenamento, mia ifglia a quasi 5 anni ormai con me regge benissimo i 90 minuti di allenamento, certo variando tanto altrimenti si rompe le scatole e soprattutto se vede che in un giochetto rende bene non si stanca mai, dipende tutto dalle abitudini.

  9. prince

    @gianni

    Beh se veramente Iannaccone si allena solo 2 volte a settimana e gioca così è veramente un fenomeno, sicuramente ha grandissimi margini di miglioramento e per curiosità cosa fa gli altri giorni oltre a studiare immagino, fa qualche altro sport?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *