ITF: Vincono ancora Kubler e Dzumhur

di - 7 Febbraio 2012


(Jason Kubler)

di Giacomo Bertolini

DZUMHUR TORNA A COLPIRE, BUONA LA TERZA PER KUBLER. BIS EGIZIANO PER KUZNETSOV

Tre giovani talenti in forte ascesa hanno caratterizzato la settimana appena trascorsa nel circuito Futures. Damir Dzumhur, asso bosniaco autore di uno splendido 2011, si conferma anche in questo inizio 2012 facendo suo il Futures di Belconti. Jason Kubler, australiano classe ’93, alla terza finale conquista il titolo numero tre sulla terra di Palm Coast. Per Andrey Kuznetsov infine gioia doppia sulla terra egiziana del Cairo dopo il bel successo di sette giorni fa. Tra gli altri iridati bene il veterano Estrella che fa 16 a Mexico City e il belga Authom in Francia; Langer batte Oswald nella finale del torneo tedesco di Nussloch. Italiani in ombra dopo lo scoppiettante avvio di stagione con solo i quarti di Arnaboldi e Trevisan da segnalare.

Antalya Belconti (Turchia): Si sposta a Belconti il tradizionale torneo settimanale sul cemento della Turchia che fa segnare il nuovo colpo del gioiellino Damir Dzumhur (nella foto), il talento bosniaco classe ’92 al quinto successo in carriera.
Dopo il boom assoluto del 2011, che da illustre sconosciuto lo ha proiettato nei primi 400 Atp, torna alla carica il talentuoso tennista di Sarajevo facendo suo il Futures di Belconti grazie al 64 76 in finale all’austriaco Nicolaus Moser(8), ventenne di Vienna numero 508 al mondo.
Per Dzumhur, attualmente 339mo al mondo, riparte nel migliore dei modi la stagione della consacrazione definitiva con un torneo facilmente gestito dall’inizio alla fine (un solo set lasciato per strada) e un torneo di doppio dominato con il connazionale Setkic.
Dzumhur, su tutti, ma anche Setkic e Brkic per una nazione, la Bosnia Erzegovina, che sta conoscendo da un anno a questa parte una vera esplosione di giovani promesse, tanto vincente quanto inattesa.
Tra le fila azzurra esordio disastroso al primo turno con quattro azzurri su cinque subito ko: cedono infatti nella prima giornata Bega, Vilardo, Capone e Ghedin. Si salva solo Andrea Arnaboldi che da primo favorito del seeding arriva sino ai quarti prima dello stop con Moser 76 62.

Palm Coast (U.S.A.): Aveva impressionato a Plantation nella sfida dei giovani talenti con Sock, si era confermato a Weston cedendo solo al più esperto Baker e adesso alla terza chance non fallisce l’appuntamento con il terzo titolo Futures della carriera sulla terra americana di Palm Coast. Il soggetto in questione è uno tennisti più in forma di questo inizio 2012 e risponde al nome di Jason Kubler. Australiano di Brisbane, città che da qualche anno ospita il primo torneo Wta dell’anno, classe 1993, Kubler, che viene già definito la versione destrorsa di Rafael Nadal, ha fatto suo il torneo su terra di Palm Coast rompendo il ghiaccio in una finale senza storia con la sorpresa Rhyne Williams, battuto 62 63.
Continua il momento magico per il giovane Kubler nei tornei statunitensi che dopo i primi successi nell’ottobre 2011 a Birmingham e Niceville lo vedono ancora vincere dopo aver disputato una settimana pressochè perfetta come testimoniano tutte le sue vittorie in due rapidi set. Male i favoriti Souza(1) e Lindell(3), che però si consolano vincendo assieme il torneo di doppio. Italiani assenti.

Il Cairo (Egitto): Conclude il terzetto dei giovani protagonisti di questa settimana il russo Andrey Kuznetsov, che sulla scia del bel trionfo della scorsa settimana su Recourdec torna ad imporsi sulla terra egiziana, beffando la prima testa di serie slovacca Pavol Cervenak 63 63. Ancora convincente la settimana disputata dal giovane russo classe 1991 che con questo successo, il settimo in totale, ritornerà tra i primi 200 giocatori al mondo ( è stato anche numero 163 nell’agosto 2010). Dagli italiani nessun risultato particolarmente soddisfacente: male Oradini, Frigerio, Burzi(5), Torresi e Giustino esclusi all’esordio, Torroni e Vierin (fratello di Nathalie) raggiungono invece gli ottavi.
Come da copione arriva ai quarti Matteo Trevisan che da ottava testa di serie non riesce a rovesciare i favori del pronostico e va ko con Cervenak(1) 63 63.

Nussloch (Germania): Cala il tris il tedesco Nils Langer sul carpet di Nussloch che dopo aver perso clamorosamente la finale di Stuttgart-Stammheim con Pepe non si lascia nuovamente sorprendere e davanti al suo pubblico mette al tappeto l’austriaco Philipp Oswald(1) con il punteggio di 76 76. Come già accennato si tratta del terzo titolo complessivo per il numero 568 Atp, impegnato a riavvicinare il suo best ranking raggiunto due anni fa, quando arrivò ad un solo passo dai primi 350 al mondo. L’unico italiano al via, Marco Crugnola, non riesce a confermare la bella semi di Kaarst, ed esce subito per mano di Fisher 46 64 63.

Altri tornei della settimana: i veterani non stanno a guardare, iridato Victor Estrella

Concludiamo l’analisi settimanale dei tornei Futures presenti nel calendario con gli ultimi due appuntamenti di Mexico City e Feucherolles che non vedevano nostre rappresentenze nei main draw.
Ancora un successo Futures per il domenicano Victor Estrella (classe 1980) che sul cemento di Città del Messico conquista la sedicesima coppa della sua carriera. In una finale tra prime teste di serie superato Marcel Felder in tre set 76 36 62
Al giocatore belga classe ’87 e numero 226 Maxime Authom va invece il titolo del Futures transalpino di Feucherolles. La testa di serie numero 3 del seeding ha avuto la meglio abbastanza agevolmente in finale sul francese Gregoire Burquier(4) 64 62 giungendo così a quota 7 nel conto del trionfi in carriera.

© riproduzione riservata

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *