La Prima Volta di Florian il Genio…

di - 30 Settembre 2011

di Sergio Pastena

Finalmente. E’ proprio il caso di dirlo, perché era assurdo che un tennista dal talento di Florian Mayer a 27 anni non avesse in bacheca neanche un torneo minore. Ha vinto a Bucarest, lasciando solo nella schiera dei “belli e perdenti” Janko Tipsarevic. Certo, a dirla tutta, avremmo preferito comunque un finale diverso, non fosse altro che nel torneo rumeno avevamo ben tre rappresentanti nei quarti di finale, ma tutto sommato va bene così. Il tennista di Bayreuth ha fatto centro al quinto tentativo, contro Andujar, dopo aver perso quattro finali di fila contro Monfils, Federer e Davydenko (due volte).

Dicevamo dei nostri: ci si aspettava Starace, che invece si è fermato subito (come Naso), il quarto di finale di Seppi era tutto sommato nelle previsioni ma le migliori sorprese ce le hanno riservate un giovane e un veterano. Alessandro Giannessi ha esordito col botto nel circuito maggiore, mandando a casa prima Montanes e poi Gil prima di cedere dignitosamente ad Andujar. Ancora meglio ha fatto Volandri, perfetto fino alle semifinali dove ha dovuto cedere a un Mayer troppo in palla. Per entrambi sensibili miglioramenti nel ranking.

A Metz, invece, a vincere è stato Jo Wilfred Tsonga in finale sul redivivo Ljubicic. Cassius-Jo ha avuto qualche difficoltà contro Mahut ma poi ha ingranato ed è arrivato fino in fondo. Semifinali per Dolgopolov e per Gilles Muller, che tocca il suo best ranking. Male gli altri francesi e Kohlschreiber, eliminato da Sijsling.
Questa settimana sono in programma i tornei di Kuala Lumpur e di Bangkok. In Malesia c’è un ottimo schieramento di partenza, con Almagro, Troicki, Tipsarevic e Melzer a fare la parte dei leoni. Tra le teste di serie fuori subito Bogomolov Jr, battuto in due set da Baghdatis.

In Thailandia il seeding è ancora migliore: a guidare la truppa è Andy Murray e con lui troviamo Monfils e Simon. Poi un discreto “stacco” fino a Garcia-Lopez. Tra le teste di serie c’era anche Fabio Fognini: dopo la grandissima stagione che ha disputato sarebbe eccessivo essere critici per un passo falso… certo che però una sconfitta al primo turno contro Danai Udomchoke era difficilmente preventabile, anche considerando il fattore campo. Resta Bolelli, che ha un primo turno non facile contro Gulbis.

© riproduzione riservata

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *