Le Molette e il paddle: il successo continua

di - 29 Settembre 2014

paddle

(Saverio Palmieri, top-10 del ranking di paddle)

Le Molette e il Paddle, un matrimonio indissolubile dagli innumerevoli successi. Dagli atleti alle prime armi ai professionisti pronti a vestire la casacca della nazionale italiana, il circolo romano sta divenendo sempre più punto di riferimento del panorama nazionale. I Campionati Mondiali di Paddle, nuova disciplina che sta spopolando a Roma e in tutta Italia, si disputeranno dal 20 al 26 ottobre a Palma di Maiorca. E tra i pre-convocati dal Ct Gustavo Spector figurano ben 6 atleti del Tennis Club Le Molette: Isidoro Spanò, Fabrizio Anticoli, Stefano Pupillo, Gianmarco Toccini e Saverio Palmieri nel maschile; Beatrice Campagna nel femminile. “È per noi motivo di grande orgoglio avere tanti ragazzi pronti a vestire l’azzurro – spiega Isidoro Spanò, deus ex machina del Paddle a Le Molette – e speriamo di portare il maggior numero possibili di atleti in Spagna”. Uno degli atleti di punta è certamente Saverio Palmieri, trent’anni, appena entrato nella Top-10 della classifica italiana. “Ho iniziato a praticare il Paddle da un anno circa – ha raccontato il talento romano – abbandonando il tennis e una classifica di 3.2. È stata come una malattia, la passione mi ha preso visceralmente e non posso più farne a meno: mi alleno da solo per quanto riguarda la preparazione atletica e scendo in campo tutti i giorni. I risultati sono arrivati quasi subito e di conseguenza, grazie alla fiducia crescente, ho aumentato l’attività e la classifica ne risente in positivo. La possibile convocazione in nazionale? Sarebbe un sogno. Spero di essere tra i prescelti dal Ct Spector e di farmi valere a Palma di Maiorca. Per il momento posso dire che l’esperienza dei raduni in azzurro è stata indimenticabile”. Il prossimo raduno, previsto dal 26 al 28 settembre, si svolgerà al Circolo Dabliù nel quartiere Eur di Roma.

Paddle di alto livello ma anche appassionati della prima ora al Tc Le Molette. Nel weekend appena trascorso, infatti, Isidoro e Saverio Spanò hanno organizzato tre “Open Day”, con prova gratuita, che hanno riscosso immediato successo. “Ogni volta che organizziamo queste giornate di Paddle le adesioni sono numerosissime – ha spiegato ancora Isidoro Spanò – a dimostrazione della esponenziale crescita di questa disciplina in Italia e in particolar modo a Roma. Nascono campi come funghi e questo non può che renderci felici. Consiglio a tutti di venire a provare il Paddle qui da noi: è il classico sport per tutti, giovani e adulti, uomini e donne. Ci si diverte subito perché è piuttosto facile e con il campo particolarmente piccolo rispetto al tennis non obbliga a sforzi fisici così importanti”.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *