Mammaleturche!

di - 14 Luglio 2014

istanbul

di Sergio Pastena

Nessun profeta in casa, e la Turchia si affida a Caroline Wozniacki: è lei la prima testa di serie del torneo di Istanbul, peraltro a rischio fin da subito visto un primo turno abbastanza insidioso contro Belinda Bencic.

Wta Istanbul

A noi, però, interessa di più la seconda testa di serie, visto che risponde al nome di Roberta Vinci: se a Bucarest contro Simona Halep era forse troppo difficile, non altrettanto si può dire del torneo turco, che vanta come altre teste di serie principali Klara Kouka-Zakopa-Koukalova e Elina Svitolina. Sempre nel tabellone turco troviamo Francesca Schiavone, impegnata al primo turno contro la serba Jaksic, e Karin Knapp che è capitata dalle parti della Wozniacki ma se non altro ha un primo turno abbordabile contro la wild card locale Soylu.

Piccola curiosità: il destino della Knapp ultimamente si incrocia spesso con quello delle tenniste turche, se è vero che ha raggiunto la finale di doppio di Bucarest (persa al terzo) con la Buyukakcay.

Non è sempre domenica

Se in passato gli organizzatori del torneo di Bastad avevano avuto il piacere di ospitale Caroline Wozniacki e Serena Williams, pur avendo per il resto un tabellone di medio livello, nel 2014 nessuna top player farà parte del torneo svedese.

Wta Bastad

La prima testa di serie, infatti, è custodita dalla francese Cornet, che al momento non rientra neanche nelle Top 20, mentre la prima rivale accreditata era la russa Anastasia Pavlyuchenkova, caduta però subito contro Grace Min.

Per le italiane, tuttavia, il torneo è interessante perché il podio delle favorite è completato da Camila Giorgi, alla ricerca di riscatto dopo la delusione di Bad Gastein e impegnata contro una qualificata nel primo turno. A proposito di qualificate, ne avevamo due in tabellone: Gioia Barbieri ha battuto la cilena Seguel ma ha perso al terzo contro la Hogenkamp, giustiziera al primo turno (e sempre al terzo) di Maria Elena Camerin.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *