Martina Caregaro: “Sono cresciuta alla distanza”

di - 21 Aprile 2010

Martina Caregaro
(Martina Caregaro – Foto Nizegorodcew)

di Alessandro Nizegorodcew

In quel di Bari si sta svolgendo un importante torneo Itf da 25.000$. Tantissime le azzurre al via e ben 5 si sono qualificate per gli ottavi di finale, in programma nella giornata di mercoledì. Una delle vittorie più belle e significative è stata quella di Martina Caregaro, che dopo un’estenuante lotta si è imposta 16 64 64 sulla tedesca Anne Schaefer. Martina, al termine del match, ha dichiarato a Spazio Tennis: “Sono partita piuttosto male, anche a causa del forte vento che non sono riuscita da subito a gestire. La Schaefer è una giocatrice che mi da particolarmente fastidio, perché ha un diritto molto carico di top-spin e ho fatto fatica a prenderle misure. Con il rovescio invece lei tira più forte e teso; una giocatrice ostica insomma. All’inizio non sapevo se aspettare o provare subito ad entrare e mi sono un po’ incartata. Il primo set è filato via abbastanza velocemente, anche se negli ultimi giochi l’incontro è divenuto, almeno sul piano dello scambio, piuttosto equilibrato. Il secondo parziale è stato molto intenso e sono stata brava a scegliere bene le palle sulle quali attaccare, mettendola in seria difficoltà. Nel terzo set, sulle ali dell’entusiasmo, ho sbagliato un po’ troppo cercando di strafare, soprattutto col rovescio. Risultato: 0-3 per lei… Poi mi sono rimessa lì a lottare punto su punto, cercando di giocare il mio tennis. Ho avuto una palla per il 5-3, che lei è stata brava ad annullare. Ma sul 4-4 ho piazzato l’allungo decisivo. Sono molto contenta. Adesso vedremo domani contro un’avversaria ancora più difficile come la Floris.”

Proprio Anna Floris è una delle altre 4 azzurre ad aver superato il primo turno. Le altre sono Anastasia Grymalska, Claudia Giovine e Giulia Gatto-Monticone. Tutte e 5 le azzurre sono presenti nella parte alta del tabellone, che vi proponiamo qui di seguito:

Tabellone Bari - Parte Alta

Tabellone Bari - Parte Bassa

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *