Digiu in finale, brilla la Prosperi

di - 7 Febbraio 2012


(Valeria Prosperi)

di Giacomo Bertolini

DI GIUSEPPE TORNA IN FINALE, BRILLA LA STELLINA PROSPERI. TRIS KVATSABAIA

Prima settimana di febbraio ricca di sorprese e belle conferme nel mondo Itf con la pattuglia delle giovani promesse italiane al completo (Giorgi esclusa). Ottima finale per Martina Di Giuseppe ad Antalya che torna a sorridere dopo i problemi fisici della passata stagione. Titolo di Sunderland alla tedesca Gronert, mentre a Rancho Santa Fe si mette in mostra l’ennesima statunitense, Julia Boserup. Gemelle Pliskova ancora straripanti con Karolina che si prende la rivincita sulla sorella Krystina in finale e vince Grenoble. In Australia tutto facile per Olivia Rogowska, mentre si conferma a Mallorca Sofia Kvatsabaia, già al terzo centro stagionale. Ed è proprio nell’Itf spagnolo che l’Italia scopre il suo nuovo asso nella manica, la giovane promessa Valeria Prosperi, classe 1995 capace di arrivare sino in semifinale partendo dalle qualificazioni.

Antalya Kaya-Belek (10.000$): Bentornata Martina!
Torna a macinare buoni risultati dopo una stagione nera fortemente condizionata dagli infortuni la ventenne Martina Di Giuseppe nell’Itf turco di Antalya. Dopo i buoni segnali della settimana passata la Di Giuseppe conferma i miglioramenti fisici con una bella cavalcata sulla terra di Kaya-Belek, partita ancora dalle quali e terminata solo in finale. Sfuma il terzo titolo in carriera alla promettente azzurra che tuttavia può ampiamente ritenersi soddisfatta per il gioco espresso e anche per la facilità con cui ha eliminato gran parte delle avversarie prima dell’atto conclusivo. Successo finale della più esperta olandese Danielle Harmsen, classe ’86 e numero 445 Wta, brava a far fuori la Enache(2) in semifinale prima del 63 64 alla nostra Di Giuseppe. Per la Harmsen arriva proprio con la Enache anche il titolo di doppio.
Non riesce il colpaccio alla giovanissima Adriana Lavoretti (classe 1995) che al primo turno gioca alla pari per metà match con la Gledacheva(4) prima di arrendersi 76 62.

Grenoble (25.000): Inarrestabili Pliskova
Cemento francese portafortuna per le sorelle ceche Krystina e Karolina Pliskova che si confermano in grande forma dopo l’ottimo avvio a Andrezieux. Arriva in una finale tutta targata Pliskova l’ottavo titolo in carriera per Karolina(1) che si prende la rivincita sulla sorella dopo il confronto fratricida della passata settimana. Finale equilibrata e mai scontata portata a casa da Karolina solo dopo due tie break che hanno tolto la possibilità di bis alla determinata Krystina(3), alla seconda finale consecutiva.
Torneo di Grenoble dominato in lungo e in largo dalle gemelle della Repubblica Ceca classe 1992 che non hanno lasciato scampo alle avversarie neanche nella competizione di doppio, dove la collaudata coppia è risultata ancora vincente.
Aria di best ranking per l’iridata Karolina che potrà entrare ufficialmente trale prime 140 al mondo miglirorando il suo attuale miglior piazzamento alla posizione 143. Tra le azzurre la sola iscritta Gatto Monticone cede netto alla Zalhavova al primo turno 63 60.

Rancho Santa Fe (25.000): Usa pigliatutto
Ancora una settimana di dominio assoluto per le fila americane nell’Itf di Rancho Santa Fe, cemento, che vede un’altra giovane promessa degli States sugli scudi dopo i successi di Min e Davis. Arriva infatti sul cemento della Florida il secondo tittolo della carriera per Julia Boserup, classe 1991 e fresca di best ranking alla piazza 202, che a sorpresa fa sua la coppa sfrutando anche i ritiri al primo round e in semi di due scommesse Usa già affermate come Wandeweghe e Glatch.
Finale senza storia con la Boserup che fa un solo boccone della stella Lauren Davis, che al di là del netto ko si conferma giocatrice in crescita e di ottime potenzialità. Score totale 60 63. Inizio in salita per la Burnett, sgambettata al primo turno proprio dall’ostica Davis (61 64); out anche Gioia Barbieri con la Litvak dopo aver passato le quali.
Doppio, neanche a dirlo, tutto americano con Sanchez/Shnack iridate.

Burnie (25.000): Chapeau Hromacheva!
Sesto sigillo in carriera per l’australiana Olivia Rogowska che trova il successo nel 25k di Burnie, categoria che questa settimana risultava essere la più importante. E’ quindi profeta in patria la numero 141 al mondo, che da seconda favorita del seeding non sbaglia l’appuntamento clou con la finale e regola con un doppio 63 la brillante russa Irina Hromacheva, appena sedicenne e autrice di una settimana fantastica, che l’ha vista superiore a giocatrici ben più esperte di lei come Buyakackay(4) e Sema(1).
Importante successo per la ventenne di Melbourne sul cemento di Burnie che potrà così avvicinarsi alle prime 100 giocatrici al mondo, migliorando sensibilmente il proprio best ranking. Nessuna azzurra presente.

Sunderland (25.000): Sarah Gronert c’è!
C’è Sarah Gronert sul cemento di Sunderland e c’è anche l’ottavo trofeo della carriera per la venticinquenne tedesca che, fresca di miglior piazzamento al 192mo posto della classifica si regala l’Itf inglese a spese della connazionale Annika Beck(5), superata in rimonta 36 62 63. Nessun problema per la solida tedesca numero 3 del seeding che non ha di fatto mai faticato, prima della finale, a portare a termine i propri incontri, regolando in due set Nicole Clerico, Allertova, Stephenson e Arefyeva.
Buon avvio tra la rappresentanza azzurra per Anastasya Grymalska, che supera la Foster 63 63 prima di uscire agli ottavi con la sorpresa lettone Marcinkevica 62 64. Martina Caciotti ko all’esordio.

Altri tornei della settimana: Valeria Prosperi si presenta a Maiorca

Maiorca(10.000$): Ancora Kvatsabaia
E’ la georgiana Sofia Kvatsabaia a meritarsi il titolo di atleta del momento nel circuito Itf dopo l’ennesima settimana perfetta nei tornei del circuito cadetto. Inizio di 2012 come meglio non si poteva per questa 23enne numero 382 al mondo, che dopo il dominio registrato ad Antalya sbanca anche Mallorca, conquistando il quarto titolo in carriera ai danni della spagnola Cavalle-Reimers, stesa in finale 62 63.
Ma se la irrefrenabile Kvatsabaia si conferma come la tennista più in forma del momento a far parlare di se dopo l’ottima semifinale iberica è anche la giovane stellina tutta italiana Valeria Prosperi. Classe 1995 da Grosseto la Prosperi è stata protagonista di una settimana esaltante che, partendo dalle qualificazioni e da numero 1114 Wta, l’ha vista arrivare sino in semifinale, raccogliendo il risultato più importante della sua breve (e speriamo brillante!) carriera. In un torneo rallentato dalle condizioni meteo avverse (neve anche alle Isole Baleari!), la Prosperi ha esordito con una grande vittoria in tre set sulla spagnola Mocete Talamantes, 64 16 75, prima di firmare limpresa con la Cervera-Vazquez (di 500 posti avanti a lei nel ranking) battuta 75 63. Raggiunti i quarti la Prosperi ha poi usufruito del walk over della promettente russa Daria Salnikova, prima di arrendersi in semi alla Cavalle -Reimers 61 62.
La nostra giovane scommessa tra due settimane sarà già 959 del mondo (best ranking).
Balducci e Mair escono invece al primo round.

© riproduzione riservata

8 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *