Spazio Tennis: La Scaletta della Puntata n.48 (21/10/10)

di - 21 Ottobre 2010

Stasera andrà in onda la consueta puntata di Spazio Tennis, dalle 20 alle 21 sulle frequenze di Nuova Spazio Radio. Apriremo eccezionalmente con lo Scofield’s Corner di Fabio Colangelo, con il quale faremo il punto della situazione per quanto concerne i tennisti italiani (inserite domande attraverso i commenti su qualsiasi giocatore). Sarà quindi la volta di Fabrizio Caldarone, Presidente di Tennis Consulting, società di marketing, servizi e management tennistico, che ci racconterà di un bellissimo progetto riguardante Tennis For Africa. Non mancheranno ovviamente curiosità sul suo lavoro (Fabrizio gestisce un’accademia a Padova, è manager di giocatori quali Karlovic e Rochus e si occupa di tennis a 360°). Parleremo poi di tennis internazionale in previsione dei Master, maschili e femminili, con Andrea Scanzi e Riccardo Bisti. Chiuderà come di consueto Il Punto Itf di Luca Brancher. Aspettiamo le vostre numerose domande. (In studio con me Roberto Bontempi)

Roberto Bontempi, Matteo Di Lelio e Alessandro Nizegorodcew
(Roberto Bontempi, il regista Matteo Di Lelio e Alessandro Nizegorodcew)

Per ascoltare Nuova Spazio Radio:

88.100 in Fm per chi è di Roma

– per tutti gli altri ottimo streaming audio su www.nuovaspazioradio.it

Per intervenire, anche nel corso della diretta, e porre domande ai nostri ospiti:

diretta: 0635511660

sms: 3356637853

email: vastic82@gmail.com / spaziotennis@gmail.com

blog: potete scrivere le vostre domande anche attraverso i “commenti” a questo articolo (preferibilmente prima dell’inizio della trasmissione)


© riproduzione riservata

12 commenti

  1. Simone

    per Scanzi e Bisti:

    Cosa pensate del tennis femminile attuale? Il livello è buono ma non ci sono protagoniste come qualche anno fa, soprattutto in momenti come questo in cui le Williams non giocano. Meglio rispetto a 2-3 anni fa, ma il livello del maschile è ancora lontano anni luce…

  2. Carlo D

    per Congy:

    Vorrei da te un parere sulla Serie A, che a causa di varie ragioni, tra cui le nuove regole, è partita nettamente in sordina. Molte squadre hanno schierato dei ragazzini o comunque dei giocatori non di livello. Inoltre, vorrei chiederti, visto che conosci moltissimi giocatori, se gli ingaggi sono diminuiti e quanto questo potrà influire sulla stagione prossima di alcuni tennisti italiani

  3. Carlo D

    per Caldarone:

    Mi sembra di capire che lei non abbia giocatori italiani sotto la sua ala protettrice.. come mai?

  4. Mario Polidori

    x Colangelo
    cosa consiglierebbe ai nostri tennisti per capitalizzare il loro talento?
    ma innanzitutto, c’è talento? sia maschi che femmine…..

  5. anto

    @Riccardo Bisti….una domanda scomoda….è mai possibile che si sono scritte dozzine di editoriali che si interrogavano sulle cause del fallimento nel rapporto Piatti-Bolelli, con quest’ultimo che sviscerava le cause del divorzio, senza che nessun giornalista, si prendesse la briga di sentire anche l’altra campana..ossia il tecnico piemontese più titolato d’Italia,,,,,non credi che in questo caso la stampa abbia peccato di superficialità, un abbraccio Anto.

  6. andrew

    x Fabrizio Caldarone:

    bellissima iniziativa. Inattaccabile dal punto di vista umano, tennistico e sociale. Sono convinto che sia la strada giusta per aiutare i tennisti tanzanesi a capire che possono invece farcela da soli.

    Mi rendo disponibile a cantare in un eventuale coro di We are the world, we are the children, we are the ones that make a brighter day, so let’s start giving…..

    ps. sono un po’ stonato.

  7. andrew

    ancorra x Caldarone:

    Se servono anche un paio di ROM, rivolgersi a: Carabinieri c/o Centro di espulsione (fare presto perché domani già potresti non trovarli)

    Se invece servono un paio di veterani del Vietnam, rivolgersi a: Associazione Italia-USA

    Nel caso avessi spazio per un paio di ceceni, rivolgersi a: Putin (non è detto che arrivino vivi)

  8. Nikolik

    Per Colangelo:

    Quest’anno Trevisan ha giocato 15 challenger in italia, 14 su terra battuta.
    Ha ottenuto 12 wild card in tornei challenger giocati in Italia, quest’anno.
    Se non ho sbagliato i conti, finora Trevisan ha avuto, nella sua carriera, 43 wild card in tornei italiani, di cui una al Foro Italico per le qualificazioni, 31 in Challenger e 11 in Futures.
    Ora sta giocando la serie A.
    Quest’anno ha giocato 53 partite, 52 sulla terra, una sola sul cemento, a Cremona, perdendola.
    Ma non solo: prima di Cremona, l’ultimo torneo sul duro giocato da Trevisan risale (addirittura) ai primi di marzo del 2009 ma solo perché c’era il challenger di Bergamo, in Italia. L’ultimo torneo su una superficie diversa dalla terra giocato da Trevisan all’estero risale, nientemeno, che al gennaio del 2008, un Future in Germania.
    Colangelo, io sono un tifoso di Trevisan, quanto devo preoccuparmi di questa situazione?
    E’ una situazione grave, considerando che, ridendo e scherzando, ha comunque già 21 anni, oppure si può sperare in bene?

  9. monet

    @ Congy primo complimenti per l’evoluzione a mio aviso tecnica e fisica di Brizzi….se solo ci credesse anche lui…….2° di continuare su questa strada,coach giovani e preparati l’italia non ne ha e il futuro se continuerà a fare le cose per bene ,non puo che sorridergli
    à Scanzi chiedo un vino…altoatesino,sempre che di buoni ce ne siano e sopratutto lo informo che a giorni potrò fornirgli un nominativo di uno champagne sconosciuto ,a prezzo interessantissimo per vedere cosa ne pensa

  10. Giovanni

    Per Caldarone: perchè ha preso solo giocatori stranieri, e se i Bolelli i Fognini e gli Starace secondo lei possono avere mercato oppure no. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *