Tennis Europe: facile Von Der Schulenburg e Danilovic

di - 4 Novembre 2014

vlad dancu

(Vlad Andrei Dancu, vincitore del 7 Torneo Internacional Cadete Sanxenxo)

di Salvatore Greco

7 Torneo Internacional Cadete Sanxenxo, TEJT16&U, Sanxenxo (ESP)

In un torneo ricco di iberici, a spuntarla é il moldavo Vlad Andrei Dancu, tds 1, che non senza fatica si é imposto nella finale più attesa sul russo Kirovski, battuto al termine di tre tirati set. Semifinalisti il portoghese Rodrigues e il sorprendente qualificato spagnolo Chaves. Nel tabellone femminile si impone la russa Medvedeva, capace di eliminare tutte teste di serie più alte di lei, come la Jorge, favorita del seeding, la polacca Jaskewicz, numero 4, e in finale la Dancenco, tds numero 3.

Gran Canaria Yellow Bowl, TEJT14&U, Gran Canaria (ESP)

Tutto facile per il padrone di casa Nicolas Alvarez Varona, prima testa di serie, che non lascia per strada neanche un parziale per imporsi nel torneo di casa. Ecatombe di teste di serie nella parte bassa del tabellone, con una semifinale tra qualificati, Caldes e Grant, con quest’ultimo a spuntarla prima di arrendersi allo spagnolo. Stesso discorso nel tabellone femminile, con il percorso netto di Carlota Molina Megias. Troppo superiore a tutte le avversarie l’iberica, compresa la sorprendente Zara Ryan, irlandese in finale per la prima volta.

Davos Junior Trophy, TEJT16&U, Davos (SWI)

In Svizzera a imporsi é l’elvetico Von Der Schulenberg, che nel torneo di casa sbaraglia la concorrenza lasciando la miseria di 16 games nel torneo, compreso il connazionale Gian Gruenig, finalista a sorpresa. Bravo Mattia Bellucci, prima a qualificarsi, poi a raggiungere il secondo turno. Anche per Olga Danilovic (nella foto in homepage) non ci sono difficoltà. La serba fa valere il suo status di favorita e elimina con irrisoria facilità le avversarie, anche la Avilycheva, battuta in finale con un eloquente 6-2/6-3. Fuori al primo turno la qualificata Emilia Bezzo e Valentina Urelli Rinaldi.

Openbenjamins Gradignan-Gironde, TEJT12&U, Gradignan (FRA)

Nel derby tutto transalpino in finale a imporsi é Harold Mayot, che in un match dai continui capovolgimento di fronte batte Arthur Cazaux in tre combattuti sets. Buona semifinale per il più piccolo dei Von Der Schulenberg, Jeoffry. Ziva Falkner invece vince in campo femminile, battendo in finale la francese Morin. Torneo perfetto per la serba, che batte in semifinale la sorprendente Wild Card monegasca Helene Pellicano. Fuori al primo turno l’azzurra Sonia Cassani.

Gran Canaria Yellow Bowl, TEJT16&U, Gran Canaria (ESP)

La sorpresa della settimana arriva dalla Spagna, dove l’ungherese Dominik Buzonics partendo dalle qualificazioni conquista il torneo iberico. Battuto facilmente in finale Barreto Sanchez, mentre si ferma in finale Andrea De Berchi, bravo comunque a qualificarsi. Tra le ragazze si impone Angelina Wirges, alla prima vittoria in carriera con un solo set perso, che batte in finale la bravissima Wild card austriaca Osterreicher, perfetta fino all’atto finale.

© riproduzione riservata

10 commenti

  1. bernie

    La Pellicano è maltese si allena (allenava?) in Italia alla Bob Brett academy. E’ molto conosciuta ed è forte, come si può vedere dal profilo e dai risultati ottenuti. Nessuna sorpresa.
    De Berchi si è qualificato alle Canarie ma ha avuto la sfortuna di incappare in un primo turno tosto contro uno svedese forte ed ha perso al terzo dopo aver vinto il primo, quindi non è arrivato in finale come scritto nell’articolo. Poteva fare sicuramente ancora meglio con un pò di fortuna.
    Buzonics è un altro forte Ungherese ben noto (anche a mio figlio sighh….) quindi nessuna sorpresa.
    Non vuol dire nulla negli under 12 qualifiche o WC in quanto non ci sono ancora classifiche quindi uno o una fortissimi possono essere esclusi dal main draw e comunque vincere.

  2. Alessandro Nizegorodcew

    @bernie
    Ovvio anche che chi scrive debba entrare nel mondo TE e che non possa conoscere i singoli giocatori. Alcune sorprese sembrano tali ma tali non sono ma non è facile capire quali lo siano e quali no. I tuoi commenti aiutano sicuramente Salvatore a prendere maggiore confidenza con la materia, che è molto complicata

  3. Kaiser Sose

    Molto valido il piccolo Jeffrey Von Der Schulenburg (2002 – non sapevo che avesse un fratello ancora più forte), che ho avuto il piacere di conoscere e veder giocare al torneo TE di Trieste questa estate. Completo in tutti i fondamentali, palla pesante, atteggiamento solare in campo, una vera delizia per gli occhi. Un mio personale circoletto rosso ed un nome da segnare per il futuro…

  4. bernie

    Si lo so Ale ovvio non volevo fare il maestrino, mi spiace se è parso così.
    Solo che la realtà not ranking degli under 12 è diversa da tutte le altre categorie dove si può parlare di sorpresa (sempre relativa in quanto non si parla di professionisti) quando un not ranking o un’atleta di basso ranking ben figura battendo quelli più in alto di lui.

  5. bernie

    Stefano
    Jeffrey Von Der Schulenburg, Leandro Riedi e Jean Marc MALKOWSKI sono i 3 svizzeri più forti e giocano tutti e 3 molto bene.
    Brutti pesci.

  6. Kaiser Sose

    Bernie,
    anche la mamma di Jeffrey V.D.S., Signora molto simpatica ed estremamente gentile – peraltro molto appassionata delle mie zone in Toscana dove possiede una casa – mi ha parlato molto bene di Malkowski, che sosteneva essere il più forte dei tre.
    Indubbiamente hai ragione, in tabellone meglio stare alla larga…!

  7. Salvatore Petrillo

    @bernie
    Accetto volentieri commenti come i tuoi Bernie, sarà il terzo-quarto resoconto TE che faccio, ogni settimana trovo dei nomi nuovi, quindi risposte come quelle mi aiutano sicuramente… Non l’ho preso come critica, figurati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *