Diario di Bordo da Madrid (2)

di - 1 Maggio 2011

di Alessandro Nizegorodcew (da Madrid)

La Caja Magica è veramente un bel casino. Per iniziare ad orientarmi ho dovuto aspettare 3-4 ore. Inutile provare a descrivervi i perché: vi basti pensare che i campi sono su due piani e che la sala stampa, per motivi di lavori (stavano ultimando le ultime questioni organizzative), ha cambiato entrata 3 volte nel corso della giornata. L’impianto è comunque molto bello, anche se, come mi spiegava anche Flavio Cipolla, c’è un punto pensato veramente male. I campetti più i campi di allenamento (una dozzina di campi in tutto), sono raggiungibili tutti tramite un passaggio strettissimo; considerate che sabato (giornata con pochissimo pubblico) a volte si faceva fatica a passare. Già da domenica e lunedì sarà un’impresa.

Ma veniamo alla giornata di sabato nel dettaglio. Arrivo alla Caja Magica dopo un’oretta di metropolitana. Dopo aver ritirato il badge vengo accolto al desk della press room da Patrizia, una delle due ragazze che parla italiano (anche perché l’inglese qui in Spagna a me sembra che non lo parli nessuno…), che mi fa fare una sorta di visita guidata. Alla fine ovviamente mi porta al mio desk di Tennis Oggi, dove inizio a lavorare.

Alla ricerca della Pista 3 per vedere Fognini, riesco a trovare il campo dopo 20 minuti! Arrivo sul 2-1 Del Bonis nel primo con break. Da quel momento “Fogna” giocherà in maniera straordinaria sino al 6-3 4-2 con l’argentino inerme e inerte di fronte alla superiorità del ligure. Ma poi, come avrete letto nella cronaca, Fabio si è spento, complice il problema all’anca che certamente è ancora lontano dal passare.

La terra, a Madrid, è rossa… ma c’è un campo in terra blu di prova, dove si sta allenando una ragazza che non riconosco. Ecco a voi le immagini… non sembra male!

Dopo aver scritto alcuni pezzi mi dirigo verso l’ultimo campo, il numero 7, dove Flavio Cipolla sta per sfidare Gabashvili. Della partita vi ho già ampiamente raccontato negli altri articoli. Posso raccontarvi che ho provato ad incitare Flavio dall’inizio alla fine, punto su punto, insieme ad altri 4-5 italiani. Inoltre due vecchietti spagnoli accanto a me si sono innamorato del gioco di “Cipo”, parlando del suo back in toni entusiastici. Anche Corrado Barazzutti era sugli spalti. Bellissima vittoria di Flavio che oggi affronterà Olivier Rochus (“avrei preferito Souza” – mi confessa dopo a cena).

Il tempo è brutto e le partite sono state interrotte un paio di volte. E’ finita la giornata e sfrutto la transportation di Flavio per andare verso il suo albergo e, quindi, a cena. Stesso ristorante ma tentiamo l’avventura con qualche nuova specialità della casa.. Uovo strapazzato con patate e prosciutto… Notevole! A cena si parla dei più svariati argomenti, tra cui Rafael Nadal. Ovviamente non sto qui a raccontare nel dettaglio, ma ne è uscito fuori il racconto di una persona davvero straordinaria…

Tornato in albergo crollo distrutto… con il diario di bordo che salta a domenica mattina.. Oggi vado a vedere Pennetta, Cipolla, Errani e Golubev… A dopo, amici di Spazio Tennis, in diretta dalla Caja Magica!

© riproduzione riservata

6 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *