Atp Il Punto della Settimana

di - 11 Agosto 2008

di Fabio Danzetta

Sono iniziati i giochi olimpici e mentre il mondo volgeva lo sguardo verso la Cina, a Los Angeles l’argentino

Del Potro vinceva il suo terzo torneo ATP in circa 3 mesi dimostrando di aver fatto dei progressi enormi e lasciando noi italiani con l’amaro in bocca nel vedere come i nostri giocatori rimangano “arenati” nelle seconde file del tennis che conta pur non essendo inferiori a questo giocatore.

Probabilmente il problema è sempre il solito: la mentalità italiana nell’affrontare i match, i tornei ecc con la dovuta concentrazione e continuità. (ripetendolo ad ogni articolo forse alla fine qualche cosa si smuoverà!) .

Il giocatore argentino con questa prestazione guadagna ancora altre cinque posizioni in classifica arrivando al numero 19 a poca distanza dalla top 15.

Del potro in finale ha superato la testa di serie numero uno Andy Roddick per 6-1 7-6 .

Gli italiani in tabellone erano due: Fognini e Stoppini proveniente dalle qualificazioni.

Il primo purtroppo è stato battuto al primo turno dal tedesco Gremelmayr per 6-4 6-2 mentre Stoppini dopo aver superato le qualificazioni ha superato il primo turno battendo il russo Kunitsyn per 6-1 6-3 prima di cedere al futuro vincitore del torneo per 6-4 6-2 .

Comunque un buon torneo per il nostro giocatore.

Da segnalare anche l’ottimo torneo del tedesco Gremelmayr giunto fino in semifinale e le pessime prestazioni della seconda testa di serie Verdasco battuto al primo turno da Serra e della quarta Feliciano Lopez anche lui superato al primo turno da Gremelmayr.

Al momento mentre scrivo sono terminati gli incontri dei nostri tre portacolori alle olimpiadi: Starace pur fornendo una splendida prestazione è capitolato davanti a Rafael Nadal in tre set, Bolelli purtroppo ha perso in tre set dal rumeno Hanescu ma per fortuna Andreas Seppi ha superato 8-6 al terzo set lo spagnolo Robredo.

Al momento non solo per la classifica ma anche per la continuità, Andreas è il nostro numero uno ma aspettiamo fiduciosi Bolelli.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *