Scofield’s Corner da Melbourne

di - 12 Gennaio 2012


(Marco Crugnola, Fabio Colangelo e Alberto Brizzi)

di Fabio Colangelo

Sono da qualche giorno a Melbourne e ho potuto assistere a molti match, tra cui quelli di alcuni italiani. Non ho potuto purtroppo seguire l’impresa di Matteo Viola perché, arrivato sul suo campo e visto che stava sotto 0-5 al terzo sono andato via……

Non ho assistito anche i match di Camerin, Burnett, Vagnozzi e Floris. Partiamo dalle ragazze e dalla vittoria di Karin Knapp su Ekaterina Bychkova col punteggio di 64 63. Si è visto sin dall’inizio che Karin aveva margine e ha infatti amministrato con calma. Si vede che è di un’altra categoria rispetto a molte delle giocatrici viste in quali. Corinna Dentoni ha perso 62 62 contro Marta Domachowska, che si trova molto bene su questi campi. E’ stato un match complicato perché sono giocatrici simili ma la polacca ha qualcosa sul piano del tennis e dell’esperienza. Ho visto Corinna parecchio sfiduciata purtroppo.

E’ stato bravissimo Simone Bolelli perché il vento è stato il vero protagonista della prima giornata di qualificazioni. Ho visto solamente il terzo set, sotto una vera e propria bufera. E’ stato lì e ha lottato nonostante subisse più di Lammer le condizioni ambientali. Si nota che manca ancora un po’ di fiducia, ma sul 5-4 al terzo ha giocato un game da giocatore vero con 4 punti sempre in spinta e a cercare il punto. E’ contento della preparazione in Argentina ed è fiducioso nei piccoli cambi tecnici che ha apportato.

Bravo anche Marco Crugnola, perché l’avversario (Weintraub) era perfetto per il suo gioco ma per colpa del vento poteva succedere di tutto. E’ andato sotto 1-2 con break ma non si è innervosito e, per le condizioni ambientali di forte vento, ha giocato bene. Chiudiamo con un altro bel colpo azzurro: la vittoria di Gianluca Naso, bravo a vincere il tie-break del secondo dopo aver avuto tanti set point in precedenza. Non ha giocato forse benissimo ma come primo match stagionale è stato direi buono.

© riproduzione riservata

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *