Giudizi Affrettati..

di - 10 Gennaio 2009

di Alessandro Nizegorodcew

In questi giorni sono rimasto sorpreso da alcuni articoli e commenti, relativi a Simone Bolelli, Flavio Cipolla, Potito Starace. In alcuni casi si tratta di pareri giornalistici, in altri di opinioni di appassionati o addetti ai lavori. Cerchiamo di fare chiarezze, ristabilendo i giusti equilibri..

Simone Bolelli
La Hopman Cup è una manifestazione che non attribuisce punti Atp. Ciò non toglie che l’agonismo sia di livello piuttosto elevato, anche perché sono tutte partite fondamentali in vista degli Australian Open. Si è detto che Simone, sconfitto da Safin, avesse iniziato male la stagione. Si è detto che Bolelli avrebbe dovuto vincere contro un Safin ormai lontano parente del vero Marat. Ma non era una manifestazione di scarso interesse dal punto di vista agonistico? Non si è detto che non valeva nulla? Certo che si. Perché Simone ha superato nei giorni successivi sia l’ostico Lu, sia soprattutto Gilles Simon. Bolelli ha superato Simon 63 63, giocando un ottimo tennis  e dimostrando di essere cresciuto tecnicamente e tatticamente rispetto allo scorso anno. Ma a questo punto, quelli che ci capiscono, sottolineano la scarsa rilevanza della vittoria di Simone. Quando si perde con Safin, nessuna attenuante, quando si batte Simon invece è il francese che non si è impegnato. Tanto non si è impegnato il tennista francese, che nei restanti due match di singolare ha superato si Safin che Lu, in entrambi i casi in due set. Lascio a voi giudicare..

Flavio Cipolla
Flavio, secondo alcuni, non avrebbe superato la prova del 9. Al secondo turno del torneo Atp di Chennai, il romano è stato sconfitto da Phau, dopo aver battuto al turno precedente Wawrinka, numero 2 del tabellone e 15 del mondo. Per prima cosa, bisognerebbe ricordare ai grandi esperti di tennis che Flavio ha saputo di poter partire per l’India all’ultimo istante, a causa di alcuni problemi con il visto. Flavio è arrivato a Chennai, passando dal gelo romano al caldo torrido indiano. E’ sceso subito in campo, superando ben 3 turni di qualificazione. Prima dell’ultimo match di quali contro Satschko, Flavio ha avuto seri problemi di stomaco, che avevano messo in serio dubbio la sua presenza in campo. Cipolla è sceso in campo e ha lasciato 4 giochi all’avversario. Il giorno dopo, al primo turno, ha superato, dominandolo, Stanislas Wawrinka, nella più classica delle rivincite. Contro l’ostico Phau invece, Flavio è arrivato stanco e scarico mentalmente. Si spiega così una, per alcuni, indegna sconfitta. Ripeto: attenzione ai dettagli. Prima di scrivere o parlare, bisogna conoscere tutti gli elementi.

Potito Starace
Se è vero che sull’erba e sulle superfici indoor (che da questa stagione non ci saranno più) Potito ha un rendimento piuttosto mediocre (eufemismo!), è pur vero che sul cemento all’aperto il campano può giocare un ottimo tennis. Si è letto in questi giorni, che avrebbe avuto difficoltà ad arrivare persino al secondo turno di qualificazioni a Sydney; che avrebbe avuto serissime difficoltà a battere giocatori come Klein o Istomin. A me sembra di ricordare che Potito ha messo in seria difficoltà un certo Nadal sul cemento.. Forse mi sbaglio..

© riproduzione riservata

6 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *