I Ragazzi che mi hanno colpito…

di - 27 Ottobre 2011


(Erik De Santis – Foto Nizegorodcew)

di Alessandro Nizegorodcew

Premessa: in questo articolo parlerò solamente dei ragazzi che ho visto all’opera dal vivo e in almeno 3 circostanze. Perché il numero 3? Credo sia il numero minimo di partite per poter dare un giudizio su un giocatore. A dire il vero a livello junior ne servirebbero almeno 5 e su almeno due superfici, ma il valore di massima penso si possa dare anche dopo 3. Ribadisco che scriverò solo dei ragazzi visti dal vivo, non dovranno quindi offendersi o rimanerci male i genitori o i ragazzi che non ho mai visto all’opera, alcuni dei quali di sicuro valore e talento. Vorrei però che parlaste voi dei giocatori che maggiormente vi hanno impressionato, scrivendo ovviamente il perché..

Erik De Santis
Erik è un classe 2000 marchigiano, che si è messo in luce al Lemon Bowl 2011 e agli assoluti under 11. Nel primo caso ha raggiunto i quarti partendo dalle pre-quali, mentre agli assoluti ha perso in finale contro Navarra. Figlio d’arte (il papà Marco è stato ottimo giocatore a livello nazionale), esprime un tennis brillante e offensivo. Il diritto è eccellente, così come il rovescio. Bello anche il movimento del servizio. Ottimo il tocco e il gioco di rete. Si allena a Pesaro con Roberto Antonini. E’ un 2000 ma si allena al centro periferico con tutti 1999. Il suo difetto è per ora la statura, infatti è ancora piuttosto piccolo e minuto. In campo si diverte e ha sempre il sorriso sulle labbra, dettaglio da non sottovalutare.


(Arianna Capogrosso – Foto Nizegorodcew)

Arianna Capogrosso
Figlia del maestro Andrea Capogrosso della Ferratella, Arianna ha nel diritto un vero e proprio colpo da K.O. A livello under 12 ha disputato una stagione encomiabile, vincendo moltissimi tornei. Forse ha giocato un po’ troppo, non riuscendo a portare in partita il lavoro fatto in allenamento. Andrea è persona di grande intelligenza ed esperienza e pensiamo saprà istruire al meglio, in tutti i sensi, la talentuosissima figlia, che quando lascia partire il diritto sembra quasi uno smash!

Lorenzo Baglietto
Il piccolo ligure, classe 1999, dal fisico ancora molto esile, ha nel diritto il colpo migliore. Riesce a giocarlo sia anomalo che a sventaglio senza alcuna difficoltà ed è bravo anche in fase di difesa (seppur ancora non velocissimo). Il rovescio è buono ma ci si può lavorare.

Rosanna Maffei
La piccola campana è maestra di tattica e tecnica. Purtroppo per lei è davvero piccoletta e, per un giudizio esuastivo, bisognerà attendere una maggiore crescita in altezza. Imbriglia le avversarie con palle lunghe e strettoni, con smorzate e pallonetti. Ha una intelligenza tennistica fuori dal comune per una ragazza della sua età, considerando che la parola “potenza” non fa ancora parte del suo vocabolario.


(Alexei Popyrin – Foto Nizegorodcew)

Alexei Popyrin
Russo nazionalizzato australiano è forse il più grande talento che ho visto all’opera nel 2011. Ho potuto assistere ad alcuni suoi match durante gli Internazionali d’Italia Under 12 e, per dirlo con le parole del tecnico nazionale Silvano Papi, “sembra Malisse”. Diritto e rovescio colpiti sempre con un timing impeccabile, mano delicatissima (smorzate e voleé di estrema classe), movimento del servizio da giocatore vero. Svolge attività internazionale tutto l’anno, è già un piccolo professionista. Economicamente può permetterselo.

Ingrid Di Carlo
La giovanissima abruzzese non mi ha colpito tanto per il suo talento o per le qualità tecniche, quanto per una determinazione e grinta fuori dal comune. L’ho vista tentare rimonte (a volte riuscite) contro avversarie più quotate, cambiando il proprio gioco (passando dalla difesa all’attacco alcune volte). Una ragazza che, se fatta crescere nel modo migliore, potrà diventare una bravissima tennista.


(Marco Furlanetto – Foto Nizegorodcew)

Marco Furlanetto
Giocatorino completo il piccolo Marco Furlanetto, under 10 che ha vinto il Lemon Bowl 2011. Il ragazzo è costruito in maniera impeccabile e i genitori sono ottime persone (cosa non da poco). Marco ha anche una grande grinta e determinazione e, già da piccolo, sembra avere voglia di arrivare in alto.

Elisabetta Cocciaretto
“Quel rovescio lungolinea sembra quello della Pennetta” – ripetono spesso i tanti appassionati presenti durante i match della piccola marchigiana under 10. Il suo tennis è geometria e potenza (per la sua età ovviamente) e quel rovescio, come si suol dire, parla da solo. “Mi alleno con un ragazzo fortissimo a Porto San Giorgio, è il fratellino di Gianluigi Quinzi.” – mi ha detto Cocò (come la chiama il tecnico federale Luca Sbrascini). Speriamo che la piccola Cocciaretto abbia ragione anche su questo…

Edris Fetisleam
Parliamo del vincitore degli Internazionali d’Italia under 12. Piccolissimo fisicamente è un genio della tattica e ha un rovescio sublime, col quale riesci a tirare fuori colpi impensabili. Il diritto è piuttosto costruito e brutto da vedere ma non lo sbaglia assolutamente mai. Ragazzo da tenere d’occhio

Nicolas e Sascha Merzetti
Talento, grande timing, piedi un po’ lenti e un carattere… completamente diverso. Nicolas è molto più estroverso in campo, Sascha più riflessivo e calmo, Nicolas tira fuori colpi che non esistono nella realtà, mentre Sascha è più centrato, più giocatore. Entrambi di poche parole, lasciano parlare il campo. Sono seguiti da Silvano Papi, garanzia di professionalità.

Samuele Ramazzotti
I tecnici federali lo chiamano “Il Ragioniere”. In campo fa sempre la scelta giusta, anche se non è appariscente e particolarmente talentuoso. Ma uno che sa fare tutto, se fatto crescere bene, può diventare un professionista modello, soprattutto quando arriverà anche la potenza a dare una mano. Ragazzo su cui puntare assolutamente.


(Andrea Pellegrino – Foto Nizegorodcew)

Andrea Pellegrino
Classe 1997, rovescio bimane bellissimo da vedere e soprattutto molto efficace, ha nel diritto il colpo meno forte. Pugliese, seguito dal bravissimo papà, il maestro Mimmo Pellegrino, cresce ogni anno tecnicamente a vista d’occhio. Il suo è un tennis brillante e possiede un ottimo timing.

Marco Mosciatti
Ribatezzato il “Nieminen de noartri”, assomiglia in tutto e per tutto la bravissimo giocatore finlandese. Tennista da veloce, mancino come Jarko, ha un rovescio pazzesco, che riesce a colpire in maniera impeccabile anche in controbalzo. Grando mano e un diritto un po’ ballerino. Tennista, per ora (anche per la stazza “minuta”), da veloce.

Riccardo Perin
Altro classe 2000 da tenere sotto stretta osservazione. Ottima tecnica, grande intelligenza, anche se forse gioca in maniera un po’ troppo difensiva. Ma crescendo imparerà a mettere in atto tattiche più offensive. Bravissimo ragazzo, innamorato di questo sport.

© riproduzione riservata

777 commenti

  1. bogar67

    Ha ragione andrew, sono quasi tutti del centro Italia :):):)
    Alessandro li avrai visti tutto al lemonbowl e neL macroarea di Roma, cmq grazie!

  2. Barbara

    vi dico un nome nuovo, l’ho vista giocare dall’under 10 e mi e’ sempre piaciuta tantissimo Drouisille Dzeubou primo anno under 16 2.7.
    Ha un fisico pazzesco quest’anno credo che esordira’ con la Stampa in serie A.

  3. emanuela

    che dire di iannaccone federico il primo dal grande talento ma che si allena poco ma ben presto sentiremo parlare di lui e lorenzo battista piccolo ma tutto pepe.

  4. bogar67

    Va beh Alessandro per vederli tre volte li hai visti nella zona, 🙂 🙂 piuttosto quest’articolo finirà a chi segnala più Junior.
    Abbiamo già Drouisille Dzeubou, Iannaccone federico e lorenzo battista, di qui ad una settimana……………..

  5. @bogar67
    I tornei erano in zona ma non erano di zona..
    Questa volta il tuo commento e’ inappropriato,
    Lasciatelo dire..
    @Emanuele
    Battista molto buono ma l’ho visto per pochi giochi, mentre iannacone per un set. Bravo sicuramente ma ho visto
    Anche li troppo poco

  6. Luca

    So che ho molta possibilità di sbagliarmi, siccome ha solo 12 anni, ma io vedo un futuro per Arianna Capogrosso almeno da top 100 Wta. Vedremo.

    Sostenere invece, come lo fa Alessandro, che Arianna non é riuscita a portare in partita il lavoro fatto in allenamento mi sembra un po’ assurdo, visto che ha vinto quasi tutti i tornei che ha disputato. Doveva forse vincerli o stravincerli tutti?

  7. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @Luca
    Forse mi sono spiegato male, cercherò di farlo in maniera più esaustiva.
    Arianna vince perché è molto più forte ma spesso lo fa in maniera monocorde, giocando sempre nello stesso modo. Senza riuscire a portare in partita ciò che sicuramente fa in allenamento (cambi di ritmo, gioco offensivo). A volte tende a mettersi lì e a rimandare la palla di là, sapendo che comunque l’altra sbaglierà per prima. Quello che intendo, quindi, è che non pensa sempre a giocare i match per allenarsi e migliorarsi, ma spesso e volentieri per vincere. E c’è una bella differenza.. Bisogna crescere ancor prima che vincere..

  8. bogar67

    @Alessandro Nizegorodcew
    scusa se insisto non sto sminuendo ne il valore dei ragazzi ne i tornei dove li hai visti, forse mi sto spiegando male, intendo solo che li hai visti nella zona tua di residenza per cui se ad esempio Giulia La Rocca fortissima 2000 di Palermo non è venuta nel Lazio a fare lemonbowl o eta non penso tu abbia avuto la possibilità di andarla a vedere giocare a Palermo.
    Intendevo solo questo, poi se mi dici che la Capogrosso sei andato a vederla all’International Junior Championships of Baden in Germania, oppure Ramzzotti allo Junior Open Radenci in Slovenia oppure Baglietto al Riga Open in Lettonia etc etc allora mio intervento è inappropriato.

  9. bogar67

    alessandro Nizegorodcew scrive
    @bogar67
    I tornei erano in zona ma non erano di zona..

    appunto e io questo intendevo 🙂 🙂 🙂

  10. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @bogar
    Contesto due cose infatti io: il valore dei tornei (altro che macroarea con tutto il rispetto) e il fatto che siano tutti giocatori della zona da me citati come sostieni in uno dei primi commenti. Baglietto (Liguria), Cocciaretto e De Santis (Marche), Maffei e Perin (Campania), Pellegrino (Puglia), Furlanetto (Toscana), Di Carlo (Abruzzo). poi ci sono Moasciatti, i Merzetti e Capogrosso romani, ma sono comunque di valore nazionale, non certo regionale. Con il tuo commento mi facevi passare per quello che parla solo dei giocatori del Lazio del tornei di macro-area. Ho messo anche un romeno e un australiano! Che poi manchino in questo articolo tanti nomi di ragazzi fortissimi è evidente, come detto nella premessa! Ma questo è un altro discorso..

  11. bogar67

    Si rileggendomi sul discorso che siano tutti laziali o quasi ho toppato, chiedo scusa!! non volevo sminuire cmq valore dei ragazzi ne quello dei tornei dove giocavano quando li hai visti.

  12. Barbara

    Bogar
    Io vi ho indicato quel nome perche’ e’ l’esempio di una forte che non fa junior, suppongo per i motivi indicati da Monet, ci sono anche loro.

  13. Angeli Pierre

    Grazie per l’articolo Alessandro.

    I tornei under14 sono difficilissimi da seguire per i non addetti ai lavori ed ogni intervento è utile per capire la situazione del tennis italiano a livello giovanissimi.

    Sono anche curioso di vedere quanti di questi giovanissimi arriveranno a giocare i tornei under18 e quanti decideranno di smettere prima.

  14. david

    @alessandro, se dovessi fare un nome, a chi accomuneresti il movimento del servizio di popyrin?

  15. Roby

    Mi sembra troppo escludere la compionessa d’Italia Pieri con il suo talento. Nei maschi seguirei Micca uno che ha fisico e tira tutto come anche Arnaboldi. Nulla da dire su quelli citati ma alcuni fisicamente non danno garanzie e nel tennis maschile se sei maschio e non hai fisico non è che hai tante speranze…

  16. @roby
    Come ho spiegato ho scritto solo di quelli visti dal vivo.. La pieri sono sicuramente molto promettenti e chiedo spesso ad Ivano come vanno le cose, ma non le ho mai viste.. Arnaboldi l’ho visto e non mi e’ dispiaciuto affatto.. Ma ho visto solo due set e non mi sento di dare ancora un giudizio

  17. PELABROC

    Alessandro ha solo lanciato una rubrica, è vero ha menzionato solo giocatori del centro sud, ma credo sia logico. Sta a noi segnalare
    altri nomi, ho 2 ragazzi che giocano un ’96 e un ’98, come ’96 siamo concittadini di Baldi Filippo e li c’è poco da aggiungere, come ’98 vi posso dire che è un annata pazzesca, nomi come MORA, ZANCHI, FONIO, hanno veramente buone prospettive.

  18. nole

    Camilla Rizza Uner 12 marchigiana, finalista Maglie Quarti agli Italiani vincitrice del Doppio a PSG e Padova, poca tecnica ma in campo un Computer…..ottime possibilità di miglioramento, Emiliano Maggioli 2001 di Pesaro oltre ad alcune Tappe el Circuito di Macroarea…sa fare tutto , ha vinto la Coppa PIA insieme a Quizi senza perdere 1 incontro , lo zio è 2 metri e 10 cm e lui è già molto alto…..assolutamente da tenere in considerazione !!!!

  19. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    Si infatti per il Nord mi affido agli utenti di Spazio Tennis.

    @nikolik
    La Simonelli l’ho vista anche io e mi è piaciuta, ma avendola osservata solo in doppio e un anno fa, mi sarebbe sembrato azzardato dare un giudizio.

    @PELABROC
    Zanchi l’ho visto a maggio 2010 agli under 12 al Canottieri Roma (ETA). Mi era piaciuto da morire. Tecnica, corsa, grinta.. colpi veri. Ma è tanto che non lo vedo. Per curiosità, quanto è cresciuto in altezza?

  20. Roby

    Leggendo i vari commenti e indicazioni vi segnalo un fatto forse unico in Italia: Cocciaretto, Quinzi e Rizza sono dello stesso circolo CT P.S.Giorgio. Anche Quinzi grande ha iniziato li ed allora mi viene da pensare che o sono fortunati o in quel circolo si lavora bene.

  21. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    Per chi l’ha vista…

    Ci descrivete Drouisille Dzeubou? Dove si allena e con chi?

  22. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    Dovevo una risposta anche a david.
    Più che accomunare il movimento di popyrin a qualcuno, potrei dirti che la caratteristica che più si nota è la fluidità. Non fa fatica e tira già sia forte che piazzato.. (ogni tanto gli ho visto fare anche serve & volley). Spero torni a giocare in Italia per rivederlo anche nel 2012

  23. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @Roby
    Si è vero, ma in generale nelle Marche si lavora benissimo. I complimenti vanno anche al giovane e preparatissimo presidente del comitato regionale Emiliano Guzzo. Mi dicono che anche i CP funzionino molto bene.. (sempre meglio..)

  24. PELABROC

    x Alessandro
    Zanchi M. come hai potuto constatare è minuto e sta iniziando a pagare fisicamente in termini di risultati, anche se ha un braccio che gira velocissimo, l’ho rivisto a Livorno agli Italiani U13 e per ora non si è alzato molto, un altro Lombardo che non ho menzionato e che ha un fisico esagerato è DE ROSSI, l’anno prima mio figlio ci aveva vinto 64 62 quest’anno in un macroarea ci ha perso 61 61.
    Nei maschi è fondamentale la potenza e la fisicità…. vedi Dallavalle vincitore a Livorno

  25. diabiolik

    si potrebbe fare un analisi regione per regione dall’under 10 all’under 14 dei migliori prospetti così non si esclude nessuno. bogar la potrebbe fare per la Sardegna, ecc, ecc.

  26. Barbara

    Alessandro
    Io non sono molto attendibile sul tecnico, ma oltre al fisico veramente notevole mi aveva colpito il modo di andare addosso alla palla, muoveva benissimo i piedi nonostante l’altezza.
    Si allena alla Stampa Sporting di Torino con Arbino credo, ma sentivo che quest’anno esordira’ in A1 con il suo circolo.
    I genitori sono veramente molto carini ed appassionati, assolutamente rilassati.

  27. bogar67

    diabiolik
    In Sardegna, nun ci sta nisciuno!! :):)
    a parte scherzi, io ho visto giocare poche ragazze e quesi nessun under.
    Atleticamente e fisicamente tra le ragazze ci sarebbero da prendere la Idini che è una 94, la Carboni che è una 95 e la Mone che è una 97 però io scrivo sempre che qui in Sardegna non ci sono ne le strutture, ne i programmi ne i maestri per cui per dirla realisticamente come scrisse il delegato tecnico regionale anno scorso, dobbiamo essere felici se riusciamo a formare una terza categoria.
    Secondo me se almeno una di queste tre avesse avuto un buon coach e un buon programma dagli 11/12 anni, a quest’ora parleremmo di ragazze lanciate (Mone ancora in tempo) verso buone prospettive nei tornei da 10000 dollari. La Carboni ha un punto wta in doppio!!

  28. magandumai

    Meno male che in Sardegna abbiamo Bogar che supervisiona tutto. Mi sa che quelle che hai menzionato non le hai mai visto giocare.Ci sono ottime 96 e soprattutto buonissime 98. Che la Sardegna sia trascurata e sotto strutturata e invece purtroppo un dato di fatto. Ma a te che ti frega tanto hai la tua Sicilia che ti aspetta.

  29. pino

    La toscana e’ stata la dominatrice dei vari campionati italiani giovanili specialmente al femminile.
    under 16 f Prosperi campione
    under16m capecchi finalista stefanini semifinalista
    under 14 f pieri finalsta
    under 13 f pratesi finalista in singolo e vincitrice doppio,Simonelli semifinalista
    under 12 f Pieri campionessa
    under 11f piccinetti semifinalista in singolare e vincitrice in doppio,peoni semifinalista in singolare e finalista in doppio in coppia con la Fedele

  30. Maurizio

    C’è una ragazza in Sardegna novembre 97 alta 1,75, tecnica migliorabile con pochi accorgimenti, la prima di servizio se la scordano tante professioniste, i preparatori federali hanno detto che era dai tempi della Schiavone che non si vedevano test atletici di quel livello, ebbene? Nulla, “marcisce” nel suo circolo quasi ignorata. Pensate l’avesse il Lazio una così, invece vive in Saedegna ed il buon Valeri (non è colpa sua va dove lo mandano), non sa neanche che faccia abbia

  31. Pinot

    domani, il trofeo Morini a Prato. Praticamente ci sono i migliori 99.
    Dei 2000, tra i detti, e con Navarra, v’è da segnalare Cecere.

  32. Madmax

    Giorgio..

    Quella purtroppo non ha chances per via del suo maestro… E’ troppo scarso!! 🙂

  33. bogar67

    Maurizio ti quoto in pieno il post 42, stessa ragazza diverso ambiente sarebbe altra storia, altri risultati, altra classifica e altre speranze.

    @magandumai, tuo nick in siculo che vuole intendere ma quando mai, si scrive maquannumai!!
    io ho cmq premesso di aver visto giocare poche ragazze, 96 non ve ne stanno, 97 solo la Mone. Le 98 buone sono in 4 e ne ho visto giocare tre, a quanto pare la FIT non crede in nessuna di queste, non è colpa mia!!!.

  34. pulsatilla

    Pino,
    ti sei dimenticato la Benanchi, altra toscana, una 2001 che secondo me è fortissima.
    Però mi hanno detto che ha smesso per via di un rimprovero del padre. Speriamo ci ripensi.

  35. bogar67

    Pulsatilla
    ecco perchè mi meravigliavo di non averla vista al master lotto e non capivo perchè, grazie! Speriamo ci ripensi!
    Vedo che sei informatissimo, effettivamente a non esere anonimo non so se postatvi questa notizia.

  36. Maurizio

    Provo io a sbilanciarmi su Alessia, prima di tutto bisogna dire che ha avuto un inizio non facile e ha dovuto recuperare il tempo perduto, se avesse iniziato subito bene, oggi sarebbe più avanti. Gioca un tennis molto aggressivo colpendo quasi sempre in anticipo, alla Camila Giorgi per intenderci. Ma il suo grande pregio è un altro, un pregio che viene spesso trascurato ma è il più importante secondo me, ha un enorme capacità di lavoro, sacrificio ed abnegazione che solo i grandi atleti posseggono.
    Se fossi il suo allenatore, ma credo ce il padre già lo stia facendo, lavorerei molto sui colpi al volo, back e smorzate perchè credo che nel femminile non basterà più applicare il tennis di potenza, (perchè saranno tutte potenti), ma serviranno tante variazioni.
    Aggiungo poi che il padre ha una dote che forse nessuno di noi ha, è un Visionary, non nella traduzione italiana di visionario, ma in quella inglese di colui che non solo sogna ma si adopera per realizzare i sogni.

  37. pulsatilla

    Comunque più che della concentrazione di giovani talenti a Porto S. Giorgio, io mi sono sorpreso della presenza contemporanea di due come Piccinetti e Benanchi in un paesino di montagna sperduto.

  38. andrew

    non dimentichiamoci di tutti i ragazzi del 99…

    in generale, saranno il nostro baluardo nel 2018, quando tedeschi e austriaci tenteranno la spallata nei challenger del nord-est.

  39. bogar67

    Pulsatilla
    mi sono sorpreso pure io leggendo Piancastagnaio, ho studiato pure come era situato geograficamente, sono andato a vedere come era situato circolo con numero campi.
    Io mi sono fatto un’idea, a liveo under 10, se hai bimbi di qualità la differenza spesso è data dal programma di allenamento, dalla quantità intesa come ore passate a giocare e dalla qualità intesa come rapporto maestro che sappia insegnare i fondamentali numero di allievi.
    Se a livello under 10, hai iniziato precocemente, sei un iperspecializzato allenadoti tanto e hai qualità i risultati vengono di conseguenza.

  40. Madmax

    Maurizio ha ragione su tutta la linea.. E il ritardo a cosa e soprattutto a chi è dovuto accidenti a tutti i maestri a cui vorrei strappare le palle?? 🙂

    Ed infatti lo dico sempre, se non fosse partita con quel ritardo che purtroppo è molto grave non tanto per il ritardo in se ma perchè rallenta la sua crescita tennistica in quanto ha fatto si che non “senta” e non “veda” proprio certe situazioni, ora non perderebbe mai nemmeno a livello europeo…

    Vabbè, inutile recriminare su quello che poteva essere e non è stato e molto meglio concentrarsi su quello che dovremo fare e migliorare da oggi in poi.. (ed è in questo modo che noi lavoriamo ormai da fue anni e abbiamo cominciato il terzo)

    Ma è proprio per questo che io parlo sempre di percorso..

    Infatti ora il lavoro di Alessia è per il 70% volo, back, palle corte, stretti e variazioni in genere e lei ce l’ha anche già più che discreti questi colpi se sa di dover fare quel determinato colpo, addirittura ce l’ha se è lei a decidere prima (che so di fare un serve and volley perchè ovviamente si aspetta di dover giocare la volè), ma il guaio nasce se deve giocarli per i naturale evolversi dello scambio..

    Lei poi che vuole sempre e cmq vincere, non ci sta per nulla a commettere errori e fa in modo che lo scambio vada in direzione che si ritrovi a dover giocare come lei sa fare meglio..

    Cosa in generale positiva, ma che veramente positiva sarà solo quando saprà fare e sentirà suo tutto perchè allora non cercherà di fare sempre le stesse cose..

    Questo è il motivo per cui fino all’anno scorso si è allenata con una molto inferiore a lei e perchè ogni qualvolta la partita lo consente la faccio giocare con degli obblighi tecnici..

  41. Giorgio il mitico

    x Alessandro Niz.

    come ribadito più volte sono un tifoso appassionato che vuole imparare dagli esperti che pullulano nomerosi su questo formidabile blog, da tifoso le dico due cose : quella ragazzina ha classe da vendere e ho cominciato a vederla giocare nel 2005-6, per una valutazione tecnica completa lei , che ha tante conoscenze , si può rivolgere ai maestri di Castelli e Zerulo, di sicuro sono più adatti a dare voti e ad evidenziare pregi e difetti delle giovani giocatrici in questione.

    Su TUTTE le giovani promesse le dico soltanto alcune cosette:

    1) Non si devono guastare con il crescere, si deve fare sempre
    vita da atleta.

    2) Le famiglie pensano anche alla carriera scolastica dei ragazzi
    e quindi occorre che Federazione e CONI facciano pressioni in
    sede governativa affinchè agli AGONISTI DI OGNI SPORT sia ri-
    conosciuto uno “status” giuridico particolare che consenta a
    questi giovani promesse di tutti gli sport di conseguire, ma-
    gari con un anno di ritardo, un titolo di studio.
    Se così non si farà saranno le famiglie a fare smettere ai fi-
    gli l’agonismo sportivo, soltanto pochi proseguiranno.

    3) Vede caro Alessandro, seguo da qualche mese questo blog, ho
    notato che i partecipanti alle discussioni sostengono posi-
    zioni diverse su quali siano i metodi migliori per creare
    forti agonisti; alcuni dicono viva i Centri Periferici,
    altri dicono viva il “fai da te”, altri ancora dicono evviva
    le accademie stile Bollettieri, ci sono i sostenitori di un
    mix tra le varie cose e così via.
    Però tutti questi percorsi hanno in comune una cosa : costano
    una VAGONATA di soldi, senza i soldi veri si combina molto
    poco, quindi la Federazione deve tirare fuori più soldi per
    i giovani, altrimenti addio sogni di gloria, ci ridurremmo a
    sperare solo nel talento nato quasi per caso.

    4) Come CONSEGUENZA LOGICA del punto 3 penso ci si debba
    sforzare di reperire ulteriori risorse per il movimento
    tennistico giovanile ed i loro circoli di appartenenza.
    Cosa fare ? Il momento economico è critico e quindi ci si
    deve arrangiare da soli, ho osservato il bilancio FIT 2009
    ed ho notato due voci sulle quali si potrebbe lavorare, cosa
    d’altronde normalissima in periodi critici, mi riferisco al
    costo di circa 12 milioni di euro per l’organizzazione dei
    Campionati Internazionali (e altri eventi) ed agli introiti
    da promozioni pubblicitarie per poco meno di 1 milione di
    euro.
    Credo sia importante fare una analisi di TUTTI i costi
    relativi ai campionati ed altro per vedere se mettendo sempre
    più in concorrenza i fornitori di beni e servizi non si possa
    risparmiare forse quel 10-15% , a parità di servizio
    erogato, che su 12 milioni farebbe “saltare fuori” un bel
    po’ di soldini. Spero che la FIT pubblichi le spese in modo
    ancora più particolareggiato di quanto fatto fino ad ora, ciò
    stimolerebbe tutti a dare il proprio contributo di idee e pro-
    poste in modo sempre più concreto e costruttivo, spero che lei
    Alessandro si farà interprete di questa mia (e di tantissimi
    altri) speranza.
    Inoltre sono convinto che si possa incrementare di molto
    l’incasso dalla pubblicità, almeno si deve triplicare,
    qualche idea in merito c’è.
    Non ho trovato il bilancio 2010, spero che le cose siano
    migliorate e che si vada nella direzione da me auspicata
    per il bene comune del mondo del tennis. Inoltre è evidente
    il miglioramento sul 2002, è notevolissimo.

    5) La FIT spinge sui campi veloci, fa benissimo , ma per fare in
    fretta e bene servono soldi e parecchi, per cui reperire
    nuovi introiti e risparmiare su alcune voci di spesa si
    impone con urgenza.

    Caro Alessandro a lei le risposte.

  42. emanuele

    X bogard67 iannaccone con la racchetta ci scrive e si allena pochissimo e chi lo conesce lo sa ,battista e tra i migliori d’italia e questo ve lo dice chi i tornei li segue sempre e non si ferma alla singola giornata del lemon ball o al torneo del canottieri i ragazzi vanno visti in tutti i tornei.
    iannaccone a porto san giorgio a popyrin gli ha rifilato 6-1-6-2 al vincitore di quest anno del torneo in francia aurey dopo 30 minuti era sul 5-1 non gli ha fatto vedere palla poi è calato ma per il poco alenamento.

  43. bogar67

    emanuele
    scusami ma perchè ti riferisci a me? autore articolo è Alessandro Nizegorodcew, 🙂 🙂 è lui il novello talent scouts 🙂 🙂 🙂 su Iannaccone neanche so in che categoria junior si trovi poi se ci fai capire che ha talento ma si allena poco vuol dire che non avrà grande futuro.

  44. Madmax

    Ovviamente spero che non sia il caso di Iannacone che non conosco, non ho mai visto giocare e a cui auguro una carriera da top ten, ma attenzione perchè chi si allena poco dal giorno che poi è obbligato ad allenamenti duri (e per diventare forte non si può fare in modo diverso) passa poco tempo e smette..

    E qui nomi di potenziali promesse che hanno poca voglia di lavorare ne ho letti più di uno, sappiate che quelli giocatori pro non diventeranno mai a prescindere dal talento (io lo chiamerei estro) che possono avere..

    Anche perchè nel tennis professionistico non è richiesto che si sappia scrivere con la racchetta 🙂

  45. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    Caro Emanuele,
    non riesco proprio a capire il tono “fastidioso” e “infastidito” del tuo ultimo commento. Ho scritto nella premessa che avrei parlato solo dei giocatori visti almeno 3 volte. Non ho parlato di Battista, che so avere grandi qualità, proprio perché non ho avuto modo di ammirarlo. Iannacone l’ho visto solo sconfitto da Taraborrelli (altro interessante ragazzo abruzzese) e, nonostante non mi sia dispiaciuto, non mi sono sentito di dare un giudizio. Qui nessuno vuole fare né il novello talent scout né tantomeno il conoscitore assoluto del tennis giovanile. Quindi non farmi passare per ciò che non sono e non mettermi in bocca parole che non ho detto. Bastava scrivere di Iannacone e di Battista, descrivendoli, invece di fare la figura di quello che a Roma si chiama con una sola ed eloquente parola “ROSICONE”..

    Nella premessa ho scritto: “non dovranno quindi offendersi o rimanerci male i genitori o i ragazzi che non ho mai visto all’opera, alcuni dei quali di sicuro valore e talento”.. probabilmente non l’hai letta..

    Raccontaci un po’.. perché Iannacone non si allena tanto?

  46. bogar67

    Alessandro Nizegorodcew
    sul novello talents scout scherzavo anche se essendo tu un’intenditore, appassionato, giornalista e conoscitore dell’ambiente, la veste potresti rivestirla benissimo per cui non fare il falso modesto 🙂 🙂

  47. nunziovobis

    Quoto in pieno le parole di Mad Max , ma è possibile che ancora al giorno d’oggi qualcuno dica che si allena poco?

  48. pino

    non mi sono dimenticato della Benanchi ma e’ una 2001 e quindi non ha partecipato agli italiani.Piancastagnaio e’ un paesino di tremila abitanti della provincia di Siena(ha circa 80 km da Siena)ha un circolo di tre campi nato nel 2001.Ha un vivaio giovanile molto buono
    nel 2011 si e’ aggiudicato tre titoli toscani a squadre e il campionato under 8 per scuole pia(secondo titolo in tre anni).Il merito di tale successo va ad una dirigenza molto attiva che nel giro di pochi anni ha creato un vero e proprio gioiellino e da un maestro che con grande passione e lavoro ha costruito molti buoni giocatori e anche con molta incoscienza e coraggio basti pensare che nel 2001 quando e’ nato il circolo aveva soltanto 5 persone ai corsi.Attualmente sono circa 80 con dei picchi di oltre 100.La scuola tennis e’ aperta 12 mesi l’anno e nel periodo estivo e sede di allenamento di giocatori di livello nazionale ,questa estate ci si sono allenate GEnnari Norma e Gennari Emma vincitrice del master nazionale bye lotto di Casteldisangro.Le punte di diamante del ct piancastagnaio oltre alle gia’ citate Benanchi e Piccinetti sono Ronconi Alessandra classifica 32,Costa Giulia 28,Monelli Selene 33 e altri giovani di belle speranze

  49. Madmax

    Onestamente è proprio questa la cosa che mi disturba maggiormente e cioè che ogni pretesto è buono per far pubblicità ai vari circoli usando i ragazzi..

    Quando poi si parla di risultati under 8 beh che dire, mi viene il voltastomaco…

    Vomito del tutto alla lettura di successo e molto buoni giocatori…

  50. nole

    Federico Iannacone, anno ’99 molisano, tecnicamente è dotato in tutti i colpi, forse troppo poichè spesso gioca soluzioni sbagliate e leziose in situazioni che richiederebbero un classico dritto incrociato oppure un semplice rovescio lungo, fisicamente dotato, buona velocità di piedi, caratterialmente un po’ pigro e indolente, poco abituato ad allenarsi con una certa intensità, ciò lo porta a giocare 30 minuti da fenomeno e 1 ora da buon giocatore di categoria ( vedi il numero di sconfitte al terzo set), ottima propensione ad allenarsi (sarebbe ideale Tirrenia) se stimolato , urge struttura adeguata e contesto ideale per l’allenamento ( gruppo ragazzi con gli stessi suoi stimoli) !!!!

  51. Kill Bill

    ”urge struttura adeguata e contesto ideale per l’allenamento”
    come per tutti gli altri …

  52. atti

    Come talento puro, il veronese Semprebon (classe 97) merita una nomination….dalle mie parti è sicuramente uno dei piu’ dotati in questo senso….

    Come potenza ed esplosività (in prospettiva)…la ’98 Tozzo Beatrice (vicentina) non è seconda a nessuna…la palla già ora, viaggia a velocità fuori media…

  53. andrew

    Ottimo talento ma scarsa affidabilità futura per questi due:

    Marco Visita, 2000, TC Peto

    Franco Tiratore, 2001, GR2 Parlamento

  54. andrew

    Ecco invece due che faranno strada:

    Aurelia Via, 20xx, TC Raccordo Anulare (verrà approvata con il nuovo piano regolatore)

    Angelo Vendicatore, 2012, TC Paradiso (gioca da Dio)

  55. nole

    @Alessandro
    Federico vive in un piccolo Paese del molisano, si allenava 3 volte a settimana a Benevento e le altre volte giocava in un campo in cemento che si trovava tra due palazzi e il padre si portava la rete ( di proprietà ) dietro per paura che qualcuno gliela rubasse…..da quest’anno si allena un paio di volte a Bari nel CPA della Puglia e qualcosina è migliorato……

  56. simplypete

    Volevo solo fare i complimenti ad Alexia, (figlia di nicoxia) finalista al master mondiale ttk che si sta svolgendo a Barcellona alla Sanchez Casal vittorie contro un inglese, estone, croata, turca e domani o spagna o germania sperem…. forza ale………

  57. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    Tantissimi complimenti ad Alexia.. attendiamo qualche commento di Nicoxia che ci racconti il torneo.. 🙂

  58. Vincenzo Gerbino

    Buonasera a tutti ho da segnalarvi 1 bambin o del 2001 che adesso e’ straordinario si allena al country Cuneo con il maestro moreno baccanelli e si chiama Andrea Gola.

  59. pulsatilla

    Pinot,
    tutta la mia solidarietà.
    Se in uno sperduto paesino di montagna c’è un maestro che dal nulla ha creato una situazione di diffusione della pratica sportiva tra i giovani, tirando su qualche buon under, a lui va tutta la mia stima.
    Hai parlato di lavoro e di passione, e anche di coraggio e incoscienza, concordo, sono queste la caratteristiche prioritarie.

  60. bernie

    Grazie Bicio (Mattia è mio figlio) ma di under 10 in giro ce ne sono un sacco di bravi e io ne ho visti tanti…e altri ne stanno crescendo, anche fra i 2002. Potrei citarvene subito alcuni come Lorenzo Musetti, Riccardo Trione, Biagio Gramaticopolo ma ce ne sono ancora ed ancora (Tabacco, Pieri e ancora e ancora).
    E mettere sul piedistallo gli under 10 (ma anche gli under 12 tutto sommato) è a mio avviso una sciocchezza.
    Per tanti che scrivono qui dentro datevi un occhio al risultato conseguito dal bravissimo Furlanetto (uno fra i migliori 2001 italiani, perchè definire migliore in assoluto un 2001 non si può a mio avviso in quanto mancano controprove e non c’è il campionato italiano) in Spagna ad un torneo con alcuni spagnoli e un serbo di valore…….ma quelli cosa sono extraterrestri?????
    It’s the long way to Tipperary! Testa bassa e lavorare con molta molta umiltà.

  61. nicoxia

    Bernie Furlanetto ha perso solo in finale dal numero 1 spagnolo dopo aver sprecato tre match point consecutivi,la Bestetti è riuscita a vincere lottando da leonessa come sempre,mentre Alexia si è scontrata contro il muro Spagnolo un po bloccata sia nel fisico che dall’emozione della finale,Galli l’altro finalista under 14 maschile non ha espresso il suo massimo livello come visto nella semifinale e neanche lui c’è l’ha fatta,comunque una gran bella esperienza.

  62. Bernie

    Nicoxia stiamo parlando di due manifestazioni diverse probabilmente.
    Guardati il sito di Marco e i commenti del suo maestro.
    Marco ha perso in semi 4-1 4-0 dal più forte spagnolo presente, testa di serie numero 2.
    Nella finale per il terzo posto ha perso dal serbo, tds. n. 1, 6-1.
    Per la cronaca lo spagnolo che ha battuto Marco ha perso netto la finale contro enfant du pais locale che a sorpresa ha battuto il serbo in semi (tds 1) e anche il miglior spagnolo in finale.
    Marco alla Smirkva Cup ha perso al primo turno (da tds n.2) netto da uno spagnolo di seconda fascia (ventesimo nelle classifiche spagnole, per quello che possono valere le classifiche under 10), che poi non è avanzato nel tabellone.
    Marco ha vinto il tabellone di consolazione fra i perdenti del primo turno in finale che un altro ottimo italiano 2001 Vianello.
    Non mi parlare della categoria under 10 maschile perchè quello è un territorio che conosco molto bene, per forza di cose, e seguo da molto vicino.
    Con questo non si pensi che ritengo Furlanetto scarso, tutt’altro. E bravissimo! Io l’ho visto giocare più di una partita. Può darsi soffra un pò i confronti internazionali, anche perchè si giocano con palle dure e racchette normali, mentre lui fino a poco tempo fa (sta cambiando adesso) giocava con racchetta junior anche con palle dure. Certo è che questi risultati sono un salutare bagno di umiltà per tutto il movimento e fanno riflettere. Lavorare lavorare lavorare.
    I risultati utili sono quelli che arriveranno più avanti, se arriveranno, altrimenti tutta salute…………

  63. Bernie

    Nicoxia tu parli probabilmente delle finali TTK, giocate per squadre.

    Quelle sono un’altra cosa ed ho visto solo risultati dei primi turni nel sito di Marco. Nel sito TTk non c’è ancora niente fino a ieri.
    Sono contento che Marco abbia giocato bene!
    Da quello che dice il suo maestro è questione di intensità, deve alzare il livello quando si affrontano certi avversari. Il gioco c’è.

  64. Bernie

    http://www.warriorstour.net/news.php?blog=114

    Infatti non c’è ancora niente nè nel sito di Marco nè nel TTk. Sarebbe bello che mettessero formazioni e risultati di ogni singolo match ma il sito TTk è uno schifez…….
    Il sito di Marco è aggiornato alle fasi si qualifica. C’era anche un’altra formazione italiana ma chi giocava?? Bohhhhhhhh

  65. Bernie

    Quindi se Marco ha impegnato uno dei migliori spagnoli, probabilmente uno di quelli presenti a Burgos, arrivando ai match point l’esperienza di Burgos è servita per alzare il livello. Ottimo!
    Tante volte un match fa prendere coscienza di molte cose…….e poi sono bambini, da un mese all’altro cambiano! Complimenti al team Italia arrivato alla finale ma mi dite dove si possono vedere i risultati??????

  66. Madmax

    Bernie..

    Tu sei esperta di under 10, io però purtroppo ci sono già passato!! 🙂

    Che certi risultati siano salutari non v’è alcun dubbio, la soluzione però è un problema tutto nostro..

    Infatti alcuni anni fa mia moglie che è russa tornò a casa per 15 gg (era estate) e le chiesi di farsi un giro a Mosca al circolo dove si allenavano tutte le migliori tra cui la Miskina..

    Mi chiamò sconvolta (per modo di dire nel senso che me l’aveva già preannunciato) perchè per bambini di 6 anni avevano stilato (per i tre mesi estivi) programmi di sei ore al giorno..

    Noi vogliamo che siano i primi della classe a scuola, che abbiano il tempo per il pc, per le feste con gli amici e la settimana bianca…

    Quindi che loro siano un altro pianeta mi sembra logico e direi scontato…

    Cmq e con il tempo te ne accorgerai questi non sono nemmeno da considerarsi risultati, è meno dello zero assoluto..

    Io ogni giorno che passa me ne rendo sempre più conto e tutte le volte mi viene da piangere pensando a tutto il tempo perso nel fare cose non giuste.. (e mia figlia ha solo 13 anni non 20)

    Se penso alla maggior parte degli altri che non se ne rendono conto sorrido quando vengono fatti confronti con gli altri paesi.

    Il nostro tennis lo si può tranquillamente paragonare alla nostra politica… Tu dai un voto alla politica e lo stesso è quello dovrai dare al nostro tennis..

    Il mio è stato -1000!!

  67. Madmax

    Eccio tu dici che ha alzato il livello.

    Ora aspetta qualche anno e segui i risultati che i ns faranno dall’under 14 in poi a confronto con i migliori..

    Ti accorgerai di cosa avranno innalzato…

    Anzi te lo dico io: l’unica cosa innalzata sarà la spesa per l’attività.. In compenso si abbasseranno le aspettative e le tensioni….

  68. Bernie

    Eheheheheheh Andrew sempre lapidario……
    Però dobbiamo intenderci: vogliamo le 6 ore estive, disciplina ferrea, uno su mille ce la fa ma sotto tutti come le bestie (alla russa), oppure bambini che non ci facciano pena, abbiano un’infanzia serena senza stress (l’agonismo lo è) e crescano senza affanni?
    Certe esagerazioni sono troppo (ci intendiamo Andrew) e il troppo storpia, però la sensazione è che in Italia sia così, poverini non possono sostenere quei carichi (quello che lo dicono parlano di fare fare calcio ai propri figli 2 volte alla settimana………..troppo! devono studiare (2° o 3° elementare…).
    Io sono per mettersi sotto, se uno ha dei mezzi, sotto perchè le cose si devono fare per bene. Il tennis adesso è questa roba qui, SOTTO, e se non ti piace meglio capirlo subito perchè dopo è anche peggio..

  69. Madmax

    Bernie..

    Brava questo è l’atteggiamento corretto, speriamo che sia lo stesso di chi segue tuo figlio!!

    Andrew cmq penso si poter dire che non intendesse che le fa pena il bambino perchè lavora troppo, ma perchè persegue il suo obiettivo all’interno di un circolo!! 🙂

  70. bogar67

    Appoggio post 97 di Bernie, mettersi sotto superato fase della multidisciplina anche se fare altro fa sempre bene.
    Per la programmazione settimanale di tennis di mia figlia mi sono basato su quanto mi ha indicato proprio bernie e l’amico Zanetti da Palermo e vi dico che in campo si vede!! Se son rose fioriranno!

  71. Bernie

    Al momento mio figlio è in ottime mani. I risultati della squadra lo denotatno. Non potrei desiderare di meglio (sono masculo). Certo può essere una combinazione fortunata, un momento……un colpo di culo! Speriamo di andare avanti così e, perchè no, migliorare anche!!!

    Ma i risultati della TTK?????? qualcuno sa dove sono o è solo il tam tam dei genitori?

  72. andrew

    bogar…

    dacci dentro… crea un bel sito con i risultati racchetta fumo di londra di tua figlia…

  73. bogar67

    andrew
    no no io condivido solo con pochi amici su fb, di siti con vamos 🙂 🙂 non è ho bisogno, sono per pochi slogan e fatti concreti!! tanto fino a 16/17 anni e anche più sono solo spese, più che risultati interessa vedere che price money sia superiore a spese mie 🙂 🙂 🙂

  74. nicoxia

    Berni io non conosco bene il livello under 10 posso solo dare un opinione su quello che ho visto,i nomi che ha battuto sono Quinn macleod selezione Sanchez accademia ,Oscar Irdoja Estonia,Miguel Briega Ramo Croazia,in semi Otto Virtanen Fillandia ed in finale Javier Molino.C’erano i vincitori dei master di 16 nazionalità.

  75. Bernie

    Javier Molino è lo spagnolo che l’ha battuto nettamente a Burgos (4-1 4-0). Se questa volta è arrivato ai mp è stato bravissimo e denota un carattere notevole non partendo battuto da un giocatore che solo 1 mese fa l’ha steso. Bravo lui! Peccato non abbia vinto ma è il vincitore morale in questo contesto.
    Madmax lo spero anche io………

  76. Bernie

    No non c’è stato in quanto la Fit non ammette circuiti diversi da quello federale…..peccato.
    Nicoxia sai i nomi dell’altra squadra italiana presente alle finali?
    Chi erano gli under 10 maschile e femminile dell’altro gruppo?

    grazie

  77. nicoxia

    L’Italia aveva 2 rappresentanti perchè la Francia non è venuta,Italy 1 selezionatore Tartarini Simone incaricato dalla ttk e Marco Borri per Italy 2,Italy 1 Musetti lorenzo 10 Gotti simone 12 Kevin menia 14,Rossi Federica 10 Traversi Costanza 12 Bestetti giuliana per Italy 2 Furlanetto marco10,Picchi Lorenzo 12,Galli Samuele,Del Marco Valentina 10,Carlone Alexia 12,Furlanetto Sara.La Bestetti ha vinto mentre Carlone Galli e Furlanetto hanno perso in finale,Bernie Furlanetto ha perso il primo 4 1 ha vinto il econdo 4 0 era in vantaggio 6 3 nel tiebrek decisivo è ha perso 6 8.

  78. bernie

    Sono di Trento (vedi intervento 73).
    Comunque sono squadre formate per convocazione, senza selezione. Musetti è addirittura un 2002, bravissimo, ma pur sempre 2002 e ci sono ovviamente dei 2001 più forti di lui, Vianello, Moroni, Bellucci, De Michelis per fare nomi.
    Probabilmente il selezionatore lo conosce ed ha pescato nel bacino toscano.

  79. bernie

    Lo provano anche i nomi under 10 femminili. Nessuna delle migliori 2001 d’Italia del momento (Cocciaretto, Truden, Bezzo, Alessi sempre per fare qualche nome).

  80. bogar67

    Certo se come dice Bernie la Alessi è una delle migliori d’italia che è una 2001 mi convinco sempre di più che la Paoletti 2003 è un FENOMENO, prego leggere ultime 4 righe!! 🙂 🙂

    Da FOLIGNOCITY.COM
    “”A Ferrara in un torneo nazionale organizzato dalla Federtennis con la partecipazione di tantissimi giovanissimi provenienti da tutta Italia, ha visto una folignate guadagnare il podio. Un risultato importante quello conseguito dalla rappresentante di Villa Candida nella categoria riservata agli under 10 femminili e maschili. In pratica hanno partecipato alla competizioni le sedici migliori “racchette” italiane delle rispettive categorie. Hanno brillato soprattutto le ragazze che con Linda Alessi, giovane folignate del Circolo di Villa Candida. L’Alessi peraltro è stata battuta nella finale per ilo primo e secondo posto da un’altra umbra, la Matilde Paoletti del Tennis Club Perugia. Tale match si è risolto solo al tie-break, è stato un incontro molto combattuto che aveva visto i primi due set andare una per parte. Lina Alessi ha 10 anni, mentre la perugina è addirittura under 8″”.

  81. nunziovobis

    Per Mad Max: tu hai detto che in Russia ai bimbi di 6 anni facevano fare 6 ore al giorno di tennis, ma tu come giudichi questo fatto? lo ritieni una cosa fattibile oppure pensi che alla fin fine di quelle 6 ore di reale lavoro ce ne siano massimo 2 e le altre 4 si tratta di cazzeggio, lo dico perchè anche a me avevano proposto dei campi estivi dalle 8,30 alle 13 ma praticamente in 5 ore facevano meno di quello che facevo fare io a mia figlia in 60 minuti.

  82. Madmax

    Nunzio..

    Là il cazzeggio NON esiste, ma non più come accadeva una volta quando ne facevano morire 999 perchè dovevano per forza tirarne fuori una, bensì per una cultura differente dalla nostra.. Là nessun genitore potrebbe accettare che il figlio faccia sport così tanto per fare semplicemente perchè per loro ogni sconfitta è un’umiliazione.. Loro vogliono solo vincere non frega nient’altro e per farlo si butterebbero e soprattutto butterebbero nel fuoco i ragazzi.. E questo anche se hanno i milioni di dollari in banca..

    Detto questo nelle otto ore c’era un po’ di tutto….tutto tranne però il cazzeggio!!

    Se poi vuoi una mia opinione trovo che quando a sei anni un bambino fa un’ora di tennis, un’ora di giochi propedeuci e un’altra oretta di PA (che non è la stessa cosa dei giochi anche se molti lo credono) basta e avanza..

  83. nicoxia

    Bernie hai ragione Marco Borri ha avuto solo pochi giorni per reclutare la sua formazione,e non avendo tutti i contatti e non potendo conoscere tutti ha fatto del suo meglio.

  84. Bernie

    Salvatore la Paoletti è un fenomeno di precocità e grinta. Molto brava e una fighter eccezionale. Gennaio 2003. Come ti dicevo anche la nostra Delai, ottobre 2002, e anche l’Asia Serafini fra le 2002 sono molto brave.

  85. bogar67

    @bernie
    fighter che cultura, 🙂 🙂 sono dovuto andare a cercare su wikipedia :):) se vediamo dna e carattere piccola è di mia moglie sono strafregato!!

  86. andrew

    …a che serve, non so…

    So però a CHI serve, ossia ai maestri e ai circoli per risparmiarsi la fatica di essere delle associazioni sportive…

  87. Bernie

    Ragazzi ma di cosa stiamo parlando? Essere dei campioni di precocità serve a diventare campioni in tanti casi. Fra le donne è tanto più vero (non cito), ma esistono anche degli esempi fra i maschi quale Gasquet e altri. Nel dubbio vorreste che vostro figlio battesse quelli più grandi o che venisse battuto da quelli più piccoli, con conseguente disistima? No così ehhhh…..
    Certo che ciò non è garanzia di successo (non lo è nulla a questo mondo e dobbiamo intenderci sul significato di “successo”) ma se devo scegliere preferisco che sia bravo da subito e che continui su quella strada divertendosi.

  88. bogar67

    Bernie siamo in sintonia 🙂 🙂
    Quinzi è precoce? 🙂 direi di si, gli servirà esserlo stato? bohhhh

  89. Madmax

    Direi che è doveroso fare una precisazione..

    Da una parte ha ragione Pulsatilla, dall’altra prò si devono comprendere i genitori dei giovanissimi che ancora devono arrivare a capire le cose…

    Io quando Alessia aveva 8/9 anni la pensavo più o meno come loro.. Quello che mi ha salvato è stato il conoscere fin dall’inizio la vera importanza della PA

    In linea generale è chiaro che Pulsatilla dice una grandissima verità perchè essere fortissimi subito conta meno di zero e sono centinaia se non migliaia gli esempi di ragazzini che a 8/10 anni perdono dai migliori e poi a 13 li battono tutti o ci giocano alla pari per superarli poco dopo.. Mia figlia è una dei tanti esempi..

    Non c’è alcun dubbio però che essere precoci ha i suoi bei vantaggi..

    Due però sono le cose da capire:

    1) che l’essere precoci significa essere fortissimi (primi 100) entro i 17 anni a livello femminile e entro i 20 a livello maschile.

    2) che diventare dei PRO (quindi veri Pro quellli cioè che campano del loro lavoro) a quell’età non significa assolutamente esssere i più forti a 10/12 (uno degli esempi più eclatanti sono Kvitova e Vaidisova con la seconda sempre più forte della prima da under ma che poi nella storia ci è entrata la prima..)

    3) che per essere forti a 17 anni è quasi automatico non poter essere il migliore a 10/12 per il semplice motivo che a quell’età per poterlo diventare in seguito è necessario lavorare su aspetti che sono ben poco d’aiuto alle vittorie di quell’età…

    Almeno fino a quando l’under 10 sicuramente ma io ci metterei anche l’under 12 non si giocherà su campi di minori dimensioni..

  90. Madmax

    Perciò nulla ha a che fare l’essere precoci con l’essere il migliore d’Italia (uno lo fosse almeno del mondo..) a 8/10 anni!!

  91. bogar67

    mad max
    spiega bene il discorso delle minori dimensioni a bernie, io sto seguendo i tuoi consigli, 🙂 trovare però sparring under 10 per fare gara a campo ridotto è un problema per cui segno campo ridotto a 19,77 e trovo compromesso, mia figlia esegue servizio a qualla misura mentre sparring a 23,77. I punti però saranno validi solo a campo ridotto.

  92. Bernie

    Sul campo ridotto sono d’accordo.
    Alleni i tempi di reazione (ne ho parlato a lungo con Luca Bottazzi). Sul fatto che un under 10 non possa (anche) vincere giocando bene (in prospettiva) non sono d’accordo. Si può. Bisogna allenarsi imparando a giocare bene, aggressivi, mettendo i piedi in campo appena si può e cercando di fare il punto. Su questo un maestro moderno non transige…..
    Perdere games, qualche partita ma giocare bene, tirare il servizio, entrare sulla seconda, aggressività.

  93. Bernie

    Max hai ragione perfettamente sulla precocità. Io dico che nel dubbio e sapendo che del diman non c’è certezza preferisco avere un bambino precoce, che denota già delle qualità.
    Certo che poi può accadere di tutto. Dipende da molti fattori…
    Ci sono bimbi che sono molto dotati, e che sarebbero precoci, ma iniziano tardi e quindi non si capisce per un pò che sono dotati. Arrivano dopo ma bruciano le tappe. Mi hanno segnalato un 2002 di Pavia, zona Baldi, che è proprio così.

  94. nicoxia

    Secondo me essere precoci serve se si è nelle mani giuste,se no è controproducente perchè siccome vince si curano meno aspetti fondamentali,Max un po di autocritica tu hai sempre sostenuto la professionalità di Catizone dici che ti segue da quando Alessia era piccola ,poi dai la colpa ai maestri iniziali ma sei tu che non hai seguito i consigli tecnici di Catizone è vero che dal punto di vista tecnico non aveva il temp di seguirti ma consigli te ne avrà dati sei tu che hai sbagliato nella tempistica di attuazione.

  95. Madmax

    Beh non mi sembra difficile da capire!!

    Un under 8 è grande come uno di 20 anni??

    Se si vogliono ricreare le identiche situazioni di gioco ci si dovrà allenare anche con identiche prospettive..

    Ma non solo come si fa nel minitennis qui da noi dove lo si usa solo finco a che non si è in grado di giocare a campo intero e quinsi sempre e solo palleggiando ma anche giocando veramente a tennis e cioè scendendo a rete attaccando e via dicendo.. Chiaramente con un campo ridotto l’altro sbaglierebbe perchè spesso tirerebbe lungo e quindi i ragazzi sarebbero spinti ad attaccare.. Con il vantaggio enorme di prendere confidenza con la rete che tra l’altro richiede un maggiore tocco di palle..

    Stesso discorso per il servizio che tirato da più vicino e con rete abbassata invoglia perchè è più facile a cercare l’ace..

    I bambini se voi ci fate attenzione cerchranno sempre di fare le cose che riescono a fare semplicemente perchè sono quelle adatte alla loro età.. Voi fareste guidare la macchina a vostro figlio??

    E il facile o difficile risiede solo nella nostra testa perchè facendoli che so giocare a rete in realtà li si mette in grande difficoltà visto che è ben più difficile giocare una volè che palleggiare da fondo ma in quel modo non si accorgono o meglio lo accetttano perchè capiscono che a quelle distanze con le palle giuste e la rete più bassa è una cosa alla loro portata ed allora lo faranno molto volentieri perchè diventa una sfida (ed i ragazzi sono molto competitivi) e perchè a quel punto palleggiare da “fondo” diventerebbe troppo facile..

    Da qui sio mette in moto un meccanismo dove saranno loro a cercare di far cose sempre più difficili… per la loro gioia e miglioramento..

    Io sono veramente addolorato di aver imparato tutte queste cose troppo tardi… Cerco in tutti i modi di ovviare ma non è semplicissimo..

  96. nicoxia

    Ho visto bimbi precoci vincere giocando con una full western,uno può pensare segue la filosofia che l’impugnatura se la veste il giocatore e siccome vince sempre più non si fa nulla,invece secondo me scendere con l’impugnatura è fisiologico se non si fanno le cose giuste e si pensa solo a vincere,ti ricordi Max 2 anni fa quando ci siamo visti tu mi mostrasti le tue perplessità sulla western di Alexia sposando la estern piena la sera stessa dopo analisi e prove Alexia la cambiata in una semiwestern noostante due giorni dopo avesse una finale di torneo,la conoscenza il coraggio la tempistica fanno e faranno sempre la differenza.

  97. nicoxia

    Max,sai che ti voglio bene ,pemettimi di insistere ,per lo stesso motivo evidenziato ora da te sul conoscere prima la conoscenza dei prossimi step è fondamentale saperla adesso,per attuarla nella tempistica giusta.

  98. Madmax

    Nico..

    Quello che non mi piace di te è che scrivi delle cose senza assolutamente sapere le come sono andate le cose veramente!!

    Alessia l’ho portata alla Sat un mese prima che compisse 6 anni e Giovanni è arrivato un anno e mezzo dopo SOLO per la PA..

    Quando a 8 anni ho cominciato a rendermi conto che alcune cose non andavano come dovevano ho chiesto a lui e visto che in quel momento non aveva tempo mi ha consigliato di andare alla Vavassori che pur senza essere il massimo sarebbe stato cmq molto meglio di dove si allenava in quel momento Alessia (Tecnico Nazionale)..

    Il primo anno le cose sono andate abbastanza bene, il secondo sono arrivati bambini in massa ed è stata la tragedia..

    Ma IO fino a quel punto osservavo e basta e solo nella seconda parte del secondo anno vedendo che le cose non andavano come dovevano ho chiesto aiuto a Giovanni che pian piano stava rientrando nel tennis.. Allora ho cominciato ad essere molto più presente e a rompere le palle e la portavo una volta in meno all’accademia per farle fare io le cose stabilite con Giovanni.. MA RIPETO AVEVA GIA’ 10 ANNI!!

    Nel frattempo avevo cominciato ad andare da lui tutti i week end così mentre Alessia lavorava con lui io imparavo..

    Dall’anno successivo ho deciso di prendere in mano la situazione ed insieme a Giovanni abbiamo stilato anche il prgramma tecnico..
    Per tutto il primo anno ho continuato ad andare da lui nel week end mentre dall’anno scorso andiaamo una o due volte al mese..

    PERCIO’ DA QUANDO HO DECISO DI SEGUIRE GIOVANNI ANCHE NELLA PARTE TECNICA L’HO SEMPRE ASCOLTATO!!

    Ed anche quest’anno che ormai ho preso totalmente in mano il timone quello che insegno è quasi totalemnte il suo metodo semplicemente perchè è stato lui a formarmi..

    Poi andando da altri coach importanti è normale che abbia appreso qualcosa d’altro a sempre ne dicustiamo prima insieme poi chiaro che sono io a decidere..

    Detto questo ribadisco che di tutti quelli che ho incontrato è nettamente una spanna più in alto e questo anche se poi in alcuni piccolissimi dettagli posso anche pensarla in modo diverso.. Ma questo dipende solo dal fatto che Alessia la vedo molto più io di lui e spesso è proprio Giovanni a chiedermi cosa ne penso io visto che ci lavoro insime tutti i giorni…

  99. nicoxia

    Max ma io ho detto esattamente questo,che se avessi iniziato da subito quindi a otto anni avresti guadagnato due anni,poi posso essermi sbagliato ma mi sembrava che tu avessi detto che avevi programmato tutto prima che nascesse non pensavo schersassi.

  100. Madmax

    Quindi lo sapevo prima!! :)..

    Bah sai io credo di avere una fortuna immensa..

    Intanto non ho bisognoi di chiedere a nessuno come si fa a portare un atleta al top, mentre per le problematiche tecniche la cosa importante è venirle a sapere le cose il tempo c’è sempre.. E qui con l’aiuto mensile e a volte quindicinale di chi atleti nei 100 li ha già seguiti tanto in ritardo non si arriva..

    Chiaro se alcune cose le avessi sapute prima ora probabilmente staremmo parlando di una imbattuta nel mondo con un mega contratto della IMG, ma tutto sommato non mi posso lamentare!! 🙂

    E cmq ormai io ho tarato tutto il percorso sulle nostre possibilità (in tutti i sensi) è la strada è già segnata per cui di problemi non ce ne sono più di nessun tipo..

    Le scelte le abbiamo fatto abbiamo già deciso a cosa dover rinunciare per recuperare il tempo perso per cui il resto ormai sono solo chiacchere da bar..

    Noi tra quattro/cinque anni saremo dove deve essere una per essere considerata precoce…

  101. Madmax

    No no non scherzavo..

    E se mia nonna avesse avuto le ruote sarebbe stata una macchina!!

    Programmare a mio avviso è il percorso in generale.. Quello tecnico devo dire che è quello che conta meno..

    Le cose fondamentali nel programmare un atleta sono prima di tutto CREARE l’atleta..

    Un vero atleta è uno che è atleta fisicamente, uno che si allena quanto e con l’intensità di un atleta (e visto che uno sportivo intorno alla trenitna smette deve cominciare moolto preso) ed uno che si comporta dentro e fuori dal campo come un atleta..

    Per il resto è normalissimo in qualsisi sport cominciare con allenamenti abbastanza normali a livello qualitativo per poi salire man mano che uno lo merita..

    I giocatori di calcio si allenano con il parroco con l’assicuratore appassionato etc poi se dimostrano di essere forti vanno al milan inter o juve ma anche lì non è che subito si allenano con mourinho..

    I nostri già sono dei super fortunati che sin dall’inizio hanno ricevuto info da coach di livello internazionale..

    Ma ripeto tutto deve partire dalla persona dal fiico e dalle abitudini…

  102. quindi quello che ci dici adesso e’ il Verbo ma quello che ci dicevi prima non lo era e magari fra tre o quattro anni non lo sara’ neanche quello che ci stai dicendo adesso perche’ le cose che saprai allora ora non le sapevi ancora?
    Interessante …si chiama Revisionismo Storico o anche Io comunque non ammettero’ mai al momento di poter sbagliare,magari solo dopo, ad anni di distanza …e comunque anche allora riusciro’ a farvi credere che comunque io ve l’avevo sempre detto,io …

  103. david

    @chiunque voglia rispondermi, conoscete ragazzi/ini (anche non ai vertici delle loro categorie) che reputate interessanti? Grazie mille

  104. Comunque, piu’ o meno sarei anche d’accordocon molte delle cose da te ( ma non solo da te) sostenute ma continuo a credere che la capacita’ di autocritica non guasti e ti renda anzi anche piu’ credibile …

  105. andrew

    @ David

    Certo, gli stranieri…

    Allora:

    Niven David, 2003, TC Tube, London, Gioca un tennis aristocratico e porta già i baffi.

    Zapata Emiliano, 2002, TC Narcos, Mexico, Gioca un tennis rivoluzionario e porta già i baffi.

    Godzilla, 2003, TC Sushi, Tokio, Fiammate di tennis spettacolare ma non porta i baffi.

    Ce ne sono molti altri…

  106. pulsatilla

    Devo dire che i post scritti da genitori di under del 2001, 2001 e 2003 si riconoscono subito. e confesso che ho un po’ di nostalgia del periodo delle grandi illusioni.

    Si parla spesso dei piccoli under che vincono, ma quasi mai del loro gioco.
    eppure ci sarebbe da discutere molto su questo, perchè fino ai 12 anni in media vincono spesso i regolaristi. servizi mosci, vincenti pochi, corsa tanta, due metri dietro la riga, alla minima difficoltà il pallonetto, tecnica approssimativa etc…
    ecco perchè il prcocismo non mi convince.
    vincere a 10 anni è molto, ma molto più difficile cercando una prima palla potente, una seconda lavorata, stare con i piedi sulla riga, giocare in anticipo sulla palla etc…

    se poi i regolaristi (come dice Ivano che predilige il controllo sulla potenza) avranno un’evoluzione verso un gioco più adulto sarà tutto di guadagnato, per loro s’intende, sennò a 13-14 anni verranno presi a pallate, inizieranno a perdere con coloro che prima c’avevano sempre vinto.
    ne ho visti già un po’, hanno delle facce tristi…i genitori ancora di più.

  107. be’, di questo devo dare atto a max, che la sua alessia non ha mai giocato in difesa, anzi,: non so se ha mai imparato ad andare a rete, ma con lei dopo due colpi il punto era finito… Mio figlio pure, diciamo che arrivava anche a 5-6, ma le sue partite son sempre state un accatastarsi di croci sul petto a segnare da un lato i winners e dall’altro gli unforced errors…40 per parte … e comunque ancora recentemente deve essere stato l’unico 12-14 enne a cui cercassero di far capire il concetto della consistency, della pazienza, etc…perche’ poi , tutto vero pulsatilla, ma poi cosa succede? ti rompi di non vincere mai, perdi fiducia, perdi, ti cagi addosso, perdi, perdi, e infine sai cosa fai? smetti…e’ un cane che si morde la coda… meglio imparare anche a vincerle,le partite…almeno una ogni tanto, senno’ finisce che ti piace piu’ giocare a calcio…a tutti anzi piace di piu’ il calcio, ma quelli che vincono a tennis scelgono poi il tennis perche’ a calcio quando perdono e’ sempre colpa dei compagnidi squadra che sono piu’ tristi e allora tanto vale giocare da soli, vincere e prendersi tutto il merito… in quel brevissimo periodo in cui mio figlio vinceva, fra i 10 e i 12, in Florida, vinceva tirando e sbagliando, e se perdeva era perche’ s’incazzava, prendeva deienalies e dei default, ma mai si metteva a trattenere il braccio…ogni tanto pero’ penso che se l’avesse fatto, magari saremmo ancora qui a provarci…voglio solo dire, e’ difficile trovare l’equilibrio… Io ho la faccia triste anche per altre cose e mio figlio dice che a giocare a tennis lui ci ha provato ,a proprio non si divertiva…io credo che non si divertiva perche’ alla fine perdeva…e perdendo ha finito col perdere soprattutto le motivazioni … Peccato, perche’ due settimane fa ha giocato da dio,dandomi un 61 senza farmi letteralmente vedere la palla…e 5′ prima avevo dato un 6 a un 4.3 di 28 anni … poi e’ entrato in campo lui e io non ho fatto un punto : servizio vincente, oppure risposta e bang! dopo due colpi o anche meno,dritto o rovescio ,winners a campo aperto, con geometrie perfette …
    Che spreco!

  108. Maurizio

    Pulsatilla, il problema dei ragazzi che provano a giocare a tennis ed elevare il livello di gioco, è che devono tenere duro altrimenti anch’essi sono soggetti al ritiro precoce, soprattutto se non hanno dei genitori motivati ed incontrano sulla loro strada tecnici non lungimiranti federali o meno che siano.

  109. Bernie

    @Pulsatilla
    questo è mio figlio in alcune fasi con maestro (almeno si capisce). A me non sembra uno due metri fuori dal campo con colpi approssimativi e vince pure… con quelli più vecchi. Adesso batte molto bene. A rete migliorabile. Perso un match nella vita con un pari età, a Castel di Sangro con Lorenzo Musetti 46 64 73, mai perso un set con pari età nella vita a parte quella partita pur avendo giocato 2 anni la Pia Cup sia qualifiche che fase nazionale ed ha giocato con bambini bravi (quest’anno Pieri, Rottoli, Tabacco). Nulla osta under 12 nazionale al primo anno under 10 (sono in due in Italia, lui e Trione), sarebbe già agile 4.5 se potesse avere classifica e secondo me passa under 12 4.3 nel gennaio 2013 (scommessa….). Tralascio altri risultati, ma secondo me che sono suo papà, scarso 4.1, è bravo. Giocato 77 match circa quest’anno, vinti 59, comprendendo anche partite u12 e negli U10 giocava contro 2001. Se continuerà così solo il tempo lo dirà…….. è pure un ottimo agonista sugli sci (molto bravo e io sono maestro agonista master di sci, almeno lì posso parlare con cognizione).

    http://www.youtube.com/watch?v=JKkU4Pr2CAE

    Il bimbo di Pavia si chiama Davide Brindisi

  110. Maurizio

    Stefano 14 anni per un maschio sono davvero pochi, tutto può ancora succedere, io nutro ancora speranza.

  111. Bernie

    Ho postato un commento con un video di Mattia così si capisce di cosa stiamo parlando (2 metri dentro o fuori dal campo) ma è in attesa di moderazione. Non so se si possono postare link a video youtube, casomai chiedo scusa.

    Se guardate youtube

    bernietn1962
    l’ultimo video postato
    “Mattia from Trento (Italy) tennis 9 years old. October 2011”
    vedete Mattia in azione con il maestro.

    @Pulsatilla
    questo è mio figlio in alcune fasi con maestro (almeno si capisce con il video). A me non sembra uno due metri fuori dal campo con colpi approssimativi e vince pure… con quelli più vecchi. Adesso batte molto bene. A rete migliorabile. Perso un match nella vita con un pari età, a Castel di Sangro con Lorenzo Musetti 46 64 73, mai perso un set con pari età nella vita a parte quella partita pur avendo giocato 2 anni la Pia Cup sia qualifiche che fase nazionale ed ha giocato con bambini bravi (quest’anno Pieri, Rottoli, Tabacco). Nulla osta under 12 nazionale al primo anno under 10 (sono in due in Italia, lui e Trione), sarebbe già agile 4.5 se potesse avere classifica e secondo me passa under 12 4.3 nel gennaio 2013 (scommessa….). Tralascio altri risultati, ma secondo me che sono suo papà, scarso 4.1, è bravo e mi sorprende ogni giorno. Non diventerà un campione, non so nemmeno se sperarlo, ma adesso è molto bravo pensando che ha 9 anni. Giocato 77 match circa quest’anno, vinti 59, comprendendo anche partite u12 e negli U10 giocava contro 2001. Se continuerà così solo il tempo lo dirà…….. è pure un ottimo agonista sugli sci (molto bravo e io sono maestro agonista master di sci, almeno lì posso parlare con cognizione).

    @David il bimbo di Pavia si chiama Davide Brindisi

  112. Bernie

    Se si guarda nella mia pagina youtube (bernietn1962) ci sono altri video della crescita ed evoluzione tennistica di Mattia, posto che interessi a qualcuno. Altri li ho ormai cancellati I primi sono di inizio 2008, ma Mattia gioca con l’agonistica dal 2007.
    Quello di giugno 2011 “Mattia vs Davide tennis training june-2011” è con il compagno di allenamenti e giochi Davide Santuari, ottimo ottobre 2001, con palle mid e racchette junior.

  113. Jho

    Bernie.. tuo figlio è indubbiamente bravo..ma tu facci un favore..comprati un cavalletto o si rischia il mal di mare a vedere i tuoi filmati ^_^

    Con simpatia

    Jho

  114. Bernie

    Li faccio con il telefonino quando mi viene in mente ;-))))
    Non porto nemmeno la Canon fotografica che avrebbe miglior risoluzione. Devo imparare da Bogar in questo senso che è un professionista dello slow motion. Ma insomma, almeno si capisce che non alza pallonetti.

  115. bogar67

    Questa cosa dei semipallonetti in fase difensiva io la intendo così:
    a) Nelle gare dove sei superiore di livello se ne fai uno è già una bestemmia!
    b) Nelle gare dove sei di pari livello ne puoi fare 3/4 ma sempre e solo in fase difensiva.
    c) Nell gare dove sei sotto livello ne puoi fare 7/8 ma sempre e solo in fase difensiva.

    Vi dico che alla Simonelli di cui parecchi avete considerazione contro la Ginocchio di questi semipallonetti in fase difensiva ne ho visto fare ma è anche vero che appena aveva la possibilità tirava certi dritti impressionanti.
    Io non sono per tirare tutto ma tirare al momento giusto!!

    Per le slow motion, non è vero quello che dice bernie,:) devo imparare meglio ma avendo bimba piccola ho tempo, per la videoanalisi uso una exilim, per essere uno strumento utile però bisogna usarlo in gara o cmq in una situazione di movimento, è inutile a mio avviso stare li con atleta in posa e cesto.

  116. atti

    A tutti i genitori underground ten…
    Capisco che l’entusiasmo è difficile da frenare….
    state buoni..se potete.

    L’unica utilità del vincere da piccoli, oltre all’effezionarsi a questo sport… è solamente ottenere visibilità in prospettiva, per la federazione che poi ti da assistenza crescente, eo per qualche sponsor tecnico…stop.

    Controindicazioni…molte di piu’…
    In priomis, se vincono li fanno giocare in tutte le competizioni possibili e immaginabili, col rischio che poi accumulino difetti tecnici e sopratutto vincano alzando pallonetti …
    Oppure (sopratutto se frequentano tornei di fascia media) che si abituino troppo alle vittorie facili…

  117. bogar67

    ATTI
    fino under 10 solo tornei CNG, lemon e smirna al 2° anno, tanta ma tanta formazione e gare nel we.

  118. pulsatilla

    bernie,
    complimenti,
    ho visto i video, impossibile negare l’evoluzione migliorativa negli anni. Mi piace veramente molto Mattia, fa lo step, si muove molto bene in campo (sempre pensato che lo sci è un grande sport propedeutico per il tennis), non ha paura di anticipare la palla.
    Sul servizio c’è da lavorare molto, sul dritto ho l’impressione che stacca la mano sinistra un po’ troppo presto, dovrebbe accompagnare la racchetta un po’ di più, apre bene con tempismo ma non mi rendo conto della velocità di palla, mi piacciono gli appoggi, il caricamento della spalla e anche la pronazione dell’avambraccio nella fase finale del gesto, che a questa età è raro riscontrare. Non male nemmeno il rovescio, ma non riesco a capire il grip.
    A questo punto direi che puoi abbandonare il cellulare e che Mattia si merita una bella videoanalisi, non credi?

  119. Stefano
    mi ha colpito questo passo del tuo post 146:
    ” e comunque ancora recentemente deve essere stato l’unico 12-14 enne a cui cercassero di far capire il concetto della consistency, della pazienza, etc…perche’ poi , tutto vero pulsatilla, ma poi cosa succede? ti rompi di non vincere mai, perdi fiducia, perdi, ti cagi addosso, perdi, perdi, e infine sai cosa fai? smetti…e’ un cane che si morde la coda… meglio imparare anche a vincerle,le partite…almeno una ogni tanto, senno’ finisce che ti piace piu’ giocare a calcio…”

    Ho riletto il passo diverse volte e mi sono chiesto: se mi capitasse personalmente una cosa del genere continuerei pervicacemente con le mie convinzioni o proverei ad ascoltare i consigli di chi mi dice che per portare a casa qualche partita forse, dico forse, sarebbe meglio provare a cambiare? Se mi interessasse veramente ottenere certi risultati, metterei da parte le mie convinzioni e proverei a cambiare. Se come mi pare di capire tuo figlio è rimasto abbastanza insensibile ai consigli, alle istruzioni, alle raccomandazioni etc. arrivate da varie parti, ti è mai venuta in mente il dubbio o il sospetto che potrebbe (uso il condizionale) essersi trattato di sconfitte in qualche modo “premeditate” o per lo meno non totalmente indesiderate?

  120. emanuele

    x gli interessati un commentatore o scopritore di talenti sa giudicare un ragazzo a prescindere se la partita la vince o la perde,e non si sofferma se il talento del ragazzo si spegne dopo un ora o tre ore ma deve vedere e capire se questo ragazzo è uno standard ho ha delle potenzialità non valorizzate per vari motivi su iannaccone io punterei forte è completo deve solo lavorare bene con persone capaci e risultati non tarderanno ad arrivare poi mi sono informato è un 99 molisano che si allena solo 2 volte a settimana a benevento xchè a campobassso dove abita non è vistio dagli addetti ai lavori (e che addetti e che ambiente)come una risorsa ma come un problema,povero il padre che da come ho letto gira con una rete per farlo allenare e da premiarlo, a prescindere che sia il figlio, quanti lo farebbero?e poi ho saputo che fino ad oggi gra parte del merito e suo se il figlio è tra i piu forti d’italia,pur di aiutare il figlio a perseguire il suo sogno si è improvvisato coach aiuto maestro organizzatore trasferte e tutto cio che serviva per cercare di dare il meglio x il figlio ma è giunto il momento di abdigare e lui lo sa.BRAVO.

  121. emanuele

    x nole
    il papa di iannaccone mi riferisce come fa questa persone che dice di chiamarsi nole a sapere della rete, dettaglio conosciuto a pochi e non sapere delle ore e i luoghi di allenamento conosciuti da tutti????strano forse è una di quelle persone che hanno visto il bambino uno dotato di troppo talento e il padre come una minaccia solo perchè piu capace, degli addetti ai lavori che ci vivono con questo sport.gelosi e poco lungimiranti.

  122. bernie

    Avevo scritto una risposta fiume che mi si è cancellata…
    Mattia ringrazia tutti per i complimenti 🙂
    Il papà mette il grano, prima ha messo geni e passione..
    Il piccolo gioca all’Ata Battisti Trento, circolo ambizioso con squadra in serie A e una in serie B con Bellotti e giocatori home made. I maestri che lo seguono sono Max Labrocca, coach Salernitano con molta esperienza che ha già cresciuto buoni giocatori, e Luca Stoppini fratello di Andrea. Ha la fortuna di essere inserito in un ottimo gruppo di amici, un pò più grandi di lui, che lo hanno tirato su al traino e lui seguiva bene, con i maestri che hanno colto il buon potenziale. In particolare anche il dualismo e l’amicizia con Davide Santuari hanno contribuito alla crescita tennistica di entrambi. Mattia gioca 5 giorni alla settimana, 1 ora e mezzo con 5-6

  123. bernie

    ..continuo… bambini (anche meno a volte) su 2 campi e 2 maestri più uno sparring (2.6). Poi fanno 1 ora di ginnastica prima o dopo allenamento. I preparatori sono isef e sono seguiti saltuariamente da Lisa Sartori che imposta il lavoro e suggerisce esercizi. L’estate giocano di più, tempo pieno, con 1 ora circa al mattino tennis più ginnastica e 1 ora e mezzo pomeriggio tennis. Poi ci sono i tornei….e i raduni ecc. ecc. quindi spesso si gioca sabato e/o domenica.
    Il servizio sta migliorando, ci lavorano, e si vede. Mattia usa una semi western sul diritto e una continental sulla mano dominante nel rovescio. Riesce a giocare il diritto con più potenza anche con la eastern ma perde controllo. Nel rovescio colpisce molto piatto, tende a non chiudere il movimento perchè lo strappa un pò. Ho visto il tedesco Bachinger l’anno scorso e il rovescio è molto simile (mutatis mutandis…). Sbaglia di più rispetto al diritto, che rimane il suo colpo migliore, in quanto il colpo è piatto e lui è alto 140 cm. Quando cresce penso sarà un colpo ficcante e incisivo. Tende a colpire in controbalzo, ha l’anticipo facile, e spinge anche le palle ad altezza spalla e sopra. Non perde partite alla sua portata, l’ho visto alzare il livello al momento giusto (e non cagarsi sotto come il papà), nelle strette di solito riesce a portare la partita dalla sua, quindi ha buone doti mentali. Questo il quadro. Spero non leggano i maestri se no mi fucilano…..;-)
    Speriamo duri……ma non ne faremo drammi. Importante che crescano sportivi e con degli interessi.

  124. bernie

    L’amico Bicio si è offerto di fare riprese in slow motion con videonalisi. Le facciamo quanto prima…..
    Notte a tutti o buongiorno se mi leggete domani mattina.

  125. buona sera signor bernie , complimenti è veramente portato.
    il bimbo ha dei piedi rapidissimi, cercando il pelo nell’uovo, secondo me il raccio sinistro nel diritto potrebbe essere un problema quando le palline arriveranno più pesanti.
    comunque averne bambini così di nove anni………………
    complimenti

  126. bernie

    Grazie Gerbino

    penso che ci siamo conosciuti alla Pia Cup un attimo. Lei era lì con la Sicilia o sbaglio (forse omonimo. C’era una bimba con il suo cognome che giocava con la squadra)? Mattia ha giocato con Tabacco, molto bravo e genitori simpatici con i quali ho simpatizzato, con fratellino del 2003 altrettanto bravo.

  127. bernie

    Ahh ecco! Grazie ancora. Ho notato guardando la ripresa criticamente quel difetto del braccio sinistro che abbandona troppo presto la racchetta sull’apertura….Forse era enfatizzato in quel frangente perchè a Mattia veniva richiesto di aprire subito con testa racchetta molto alta, che non è esattamente il suo movimento ma un’evoluzione. Ci starò attentoc e parlerò con i maestri.

  128. nicoxia

    Bernie,complimenti il mio parere vale poco,l’accompagnare la racchetta con il braccio sinistro serve per favorire la rotazione del tronco a me sembra che Mattia nonostante l’abbandoni prima la rotazione la faccia quindi il segmento di spinta lo ha acquisito quindi secondo me non hai maestri disattenti anzi molto bravi.

  129. zorromancino

    ciao a tutti , Voi superspecialisti degli Under mi potete dare anno di nascita di TAROBELLI-GOTTI-STRADI- MIGLIORINI- NICOLAS MERZETTI- DE GIORGIO-NARCISI-MOSCIATTI.
    Grazie per l’aiuto…e buon BLOG A TUTTI

  130. bicio

    quando vuoi daniele facciamo le riprese, ma secondo me sarebbe meglio la prima volta fargliele a sorpresa e non dire niente a mattia, in modo da vedere come porta il colpo in condizioni normali, in allenamento. comunque ne parliamo.

    ciao Bicio

  131. andrew

    Bernie…

    Complimenti a Mattia, bambino molto vispo e capace.

    Dal tipo di allenamento visto nel video, io resto sempre molto dubbioso vedendo un bambino di nove anni e 1,40 m cercare di coprire il campo e sbracciare furiosamente.

    Ci credo che deve migliorare la voleè, ma semplicemente perché non arriva neppure a rete, neanche volendo…

    Temo che lo sbracciare furiosamente, con il tempo, ti porti comunque a giocare sempre più indietro…

    mia opinione generale…

  132. Bernie

    Grazie Andrew detto da te vale quasi doppio! 🙂
    Tieni conto che era un allenamento particolare, tutto svolto con il maestro che spinge di più di un bambino e li metteva alla frusta.
    Spesso si allenano fra di loro, con il maestro che corregge la tattica e suggerisce quando entrare, andare a rete o sostenere lo scambio senza forzare. A rete ci sta andando pian piano di più anche perchè fanno allenamenti specifici per curare le voleè partendo da dietro e avanzando. Ok Bicio ci sentiamo.

  133. andrew

    Bernie…

    era solo per affermare in generale come non sia necessario aver fretta di mettere i bambini, anche i più dotati e predisposti e allenati, di fronte all’obbligo di coprire un campo troppo grande per loro.

    Esempio: mattia viene dentro il campo a colpire un rovescio in avanzamento. L’istruzione successiva è “copri” e lui da due metri dentro il campo torna indietro al centro a coprire. OK. Saggio perché molto probabilmente in partita contro un u12 quel rovescio non avrà fatto troppo male e la palla tornerà alta e profonda. Tuttavia, in una situazione di tennis “reale”, se torni indietro da lì sei morto e quindi un’allenamento su un campo ristretto che lo faccia rimanere in avanzamento se non proseguire a chiudere di volo, sarebbe certamente più rispondente alla realtà del tennis anche se non alla realtà dell’under10 che gioca l’under12.

    poi, si sa, sono scelte…

  134. Bernie

    Avete perfettamente ragione e da giocatore (scarso) vi capisco.
    Sono le cose che dice Luca Bottazzi, come dicevo sopra. Si dovrebbero rivoluzionare i metodi di apprendimento e di insegnamento…adattando il tutto alle misure di un bimbo.
    Però è anche vero che quei meccanismi si adeguano con la crescita, le situazioni si adattano con l’aumento della velocità di palla, della fisicità, della potenza e quindi, ad esempio, una situazione come quella partirebbe da un rovescio più offensivo e incisivo seguito da una discesa a rete ovvia se l’avversario si trovasse in difficoltà. Quello che mi trova più d’accordo sul fatto della riduzione delle misure sono i tempi di reazione. Bottazzi mi faceva un discorso sulla palla che va e che viene ai massimi livelli in 1 secondo e mezzo circa. Se ti abitui a giocare in 3 o 4 secondi non alleni la reattività, la destrezza, la rapidità necessarie a diventare forte. Stessa cosa per servizi e risposte, ovviamente, che sono la base del tennis moderno.

  135. prince

    zorromancino says:
    ciao a tutti , Voi superspecialisti degli Under mi potete dare anno di nascita di TAROBELLI-GOTTI-STRADI- MIGLIORINI- NICOLAS MERZETTI- DE GIORGIO-NARCISI-MOSCIATTI.

    Taraborelli, Gotti, Stradi, Migliorini, Nicolas Merzetti, De Giorgio sono 99

    Narcisi e Mosciatti mi pare 97

  136. Nikolik

    Intervengo solo per ricordare a madmax, che ha detto che ” l’essere precoci significa essere fortissimi (primi 100) entro i 17 anni a livello femminile”, che in questo momento nessuna atleta è tra le prime 100 del mondo della classifica WTA a 17 anni.
    La più giovane è Sloane Stephens che è nata il 20-3-1993 e, quindi, di anni ne ha quasi 19.
    Per la precisione.

    Ecco, ora Atti interverrà per dire che io dico solo statistiche.
    Ma che ci posso fare?

  137. Atti

    Nikolik, sono d’accordo con te.
    In questo caso faccio un eccezione….

    Statistica utile per meditare…
    Ti diro’ di piu’, che ultimamente essere troppo precoci è addirittura negativo… in tante hanno smesso e/o non ancora
    mantenuto del tutto le premesse/promesse…

    vedi ad esempio, la mai dimenticata… Larcher de Brito….
    Non è che avevi pronosticato un futuro roseo pure a lei ?

    Sembra facile…sembra….

  138. Nikolik

    Caro Atti,
    Ma non so, oltretutto, di quale precocismo parlano questi tuoi colleghi Genitori.
    L’unico precocismo, ormai passato, peraltro, perché, come detto, ora la più giovane top 100 ha quasi 19 anni, è quello delle ragazze dell’est.

    Che, com’è noto, come è veramente noto a tutti, imbrogliano, poverine, sull’età.
    E quando non imbrogliano sull’età, ahiloro, poverine, prendono strane sostanze fin dalla più tenera età, essendo pronte a tutto, al contrario delle nostre ragazzine, pur di affermarsi.

    Quindi, Atti, di che precocismo parliamo?

    Ed è un bene, Atti, un gran bene, anche perché, come ti ho già detto una volta (anzi, scritto) io, di Hingis, tra le vostre figlie, con rispetto parlando, proprio non ne vedo.
    Quindi, bene che il precocismo non vi sia! Bene che il precocismo non esista più.
    Perché, se vi fosse, poveri voi…

  139. Madmax

    NIkolik e Atti…

    Come al solito parliamo di cose differenti… E non sarà certo l’ultima volta.. 🙂

    Ora di precoci non ce ne sono semplicemente perchè non ci sono delle fuoriclasse, che sono precoci proprio per questo..

    Ma infatti fa ancora finale agli US Open Serena che si allena nei ritagli di tempo dopo un anno che non giocava e che ha rischiato la vita..

    Ci fosse una nuova Sharapova state tranquilli che non solo a 17 anni sarebbe nelle 100 ma vincerebbe ancora uno Slam come ha fatto lei… La Kvitova che come ricorderete in tempi non sospetti dissi che mi piaceva moltissimo gioca praticamente da ferma… Questo è il livello attuale..

    Poi se per voi è lo stesso arrivare anche più tardi essendo obbligate poi a fine carriera a riprenedere la racchetta in mano per fare le maestre (a meno di trovare l’ennesimo sponsor, questa volta un marito) va benissimo, la mia invece a 19 anni se nelle 100 non sarà farà l’Università..

    Scelte… Spero si possa ancora decidere autonomamente nel nostro paese..

  140. Madmax

    Non a caso la Stephens che tutto è tranne che la prossima numero 1 al mondo ci è entrata a 18…

  141. Madmax

    E la differenza tra chi ci resta e chi no o tra chi ci rimane senza mai diventare una verà top e chi vince gli Slams, non è a che età ci arrivi ma cosa hai fatto prima, che determinazione hai e cosa farai da quel momento in poi..

  142. Madmax

    Nikolik..

    Magari mai, chi lo sa.. Quel che è certo che fino a che ci sono io dovrà farlo entro i 17 perchè poi ci sarà solo l’Università..

    Quando invece l’ha finita e quindi da maggiorenne deciderà lei cosa fare..

  143. bogar67

    Pulsatilla,
    ci sta mio figlio, gennaio 2010, 🙂 🙂 ha un tocco delicato e una visione di gioco eccezionale, purtroppo quando sbaglia si arrabbbia e butta arrabbiatissimo racchetta per terra, gli ho già dato un paio di sculacciate, che dici faccio bene? 🙂 però che coincidenza proprio oggi ho condiviso su fb due foto del mio piccolo dal titolo “il piccolo federer”, chiedi a Bernie che mi ha messo mi piace nelle foto o ad Alessandro, Mad Max o Nicoxia che magari avranno visto visto che fanno parte della mia ristretta cerchia di amici su fb!!

  144. Madmax

    Diego..

    A casa mia funziona diversamente e maggiorenni si diventa solo quando si va vuori di casa..

    Mio figlio grande fino a 18 anni non è mai uscito di sera.. (due volte per dei compleanni e quindi in casa.. accompagnato e ripreso dalla mamma..)

    Fino a quel momento si fa ciò che dico io altrimenti la strada per la porta è conosciuta.. 🙂

  145. Madmax

    E infatti quando a 18 anni ha deciso di lasciare all’ultimo anno Ragioneria, ha dovuto lasciare anche la casa.. 🙂

    E ancora oggi mi ringrazia perchè se non si dava da fare moriva di fame ed oggi a 21 anni se la cava bene da solo..

  146. Madmax

    Beh scusa se a 45 anni non riesco ad impormi con i miei figli soprattutto quando sono minorenni ma anche dopo ancor di più se siamo a casa mia allora è meglio che mi ammazzo!!

  147. bogar67

    mad max va beh post 198 è istigazione al suicidio, 🙂 🙂 io con bimba di 7 anni non ci riesco, almeno per la parte tennistica, tanto è vero che sono costretto ad affidarla ad altri.

  148. per andare all’universita’ bisogna comunque diplomarsi prima … e poi essere ammessi. E’ indubbio che Agassi, Federer,Djokovic, Murray non siano certo stupidi ma nessuno di loro e’ mai giunto nemmeno ad un passo dal diploma perche’ hanno tutti smesso credo dopo la terza media per dedicarsi al tennis…fra le donne mi pare solo la Watson ha finito l’high svhool… si, lo so anch’io di Blake e McEnroe e Isner…pero’ per arrivare a ‘provarci’ prima dei 17-19 impone delle scelte che potrebbeto precludere le altre scelte del poi… e’ questo il grande inghippo… in us tutti o quasi quelli che ci provano, dopo i 14-15 fanno home learning ( magari col tutor)… in america con l’home learning si va anche ad harvard…Oppure comunque vai in queste scuole sportive tipo quella di Bradenton che ti permette programmi lessibili e modellati sulla tua attivita’… quello che voglio dire, e comunque mi fa piacere notare che max sia piu’ possibilista rispetto gia’ a due tre anni fa, meno che non se ne renda conto,quello che voglio dire e’ che la Sharapova era un fenomeno certo ma che avesse continuato ad andare a scuola non avrebbe vinto a Wimbledon a 17 anni…siccome ha vinto a W a 17 anni non e’ andata a scuola…e quindi non e’ andata all’universita’…me’ una sorta di Catch 22 che pero’ colpisce quelle ragazzine/i che a 14-15 anni potrebbero forse essere delle Sharapova, smettono di andare a scuola, non vincono a wimbledon e quindi…non possono piu’ andare a 19 anni all’universita’…
    Anche in Italia, mi pare, non sia poi cosi’ piu’ semplice entrarci con questi esami di ammissione… Col tennis si puo’ magari andare in Us ma occhio che le Borse di Studio non le regalano: magari ti accettano, ma devi pagartela!!! oppure sei davvero bravo a tennis, hai anche voti buoni o hai finito il liceo e vieni accettato in quanto minoranza straniera di cui vantarsi nel curriculum della scuola…ma allora significa che hai gia’ sacrificato un po’ del tuo tennis per il pezzo di carta… insomma, come dicevo, un classico Comma 22: in tempo di guerra chi e’ pazzo puo’ chiedere di essere esentato dalle missioni di volo ma chi chiede di essere esentato dalle missioni di volo non e’ pazzo…

  149. atti

    Il punto Max è di essere precoce provenendo dal sitema Italia… cosa ancor piu’ rara….
    Cioè una precoce, puo’ essere la Bencic…che sta bruciando tutte le tappe…una Kolar …classe 94….
    Parliamo di giocatrici che fin dall’U10 stavano già ad un livello di 2-3 anni piu’ avanti rispetto al loro…

    Io parlo per quello che vedo … poi tutto puo’ succedere…
    Per assurdo molte cosiddette precoci si sono anche poi subito “bruciate”…come ricordavi anche tu, per esempio la Vaidisova…e la kvitova con piu’ calma a 20 anni ha raccolto….

    Sicuramente gli sponsor vogliono fenomeni da esibire sempre piu’ freschi e giovani…
    Perchè oltre al fisico, alla tecnica…occorre che l’atleta sia anche maturo e in grado di reggere la preassure e lo stress che provoca girare il circuito fin dalla tenera età…

  150. Madmax

    Atti..

    Ti rinnovo la mia convinzione, poi uno può essere d’accordo o meno… ai posteri l’ardua sentenza..

    Non penso assolutamente che una Bencic o qualsiasi altra che fin da subito è stata forte sia destinata ad essere più precoce (per quello che intendo io e cioè entrare nelle 100 a 17 anni)..

    Anzi per come la penso io è vero l’esatto contrario nel senso che chi punta a vincere subito deve per forza tralasciare qualcosa qualcosa che però è fondamentale per vincere dopo (vedi Larcher de Brito)…

    Voglio dire se io punto a vincere le Olimpiadi nei 100 metri non è detto per forza che debba essere in testa ai 50..

  151. Madmax

    E cmq la strada del precocismo è l’unica praticabile per chi vuole provarci davvero e tutto il mondo lo sa a parte noi..

    Ulteriore prova l’ultimo articolo di Ubitennis sulla bambina americana di 7 anni..

    999 falliranno ma quella che resiste a 17 anni rivincerà uno Slam, sarà su tutte le copertine più importanti e gudagnerà valanghe di milioni di dollari.. come sempre èstato come è tutt’ora e come sempre sarà… amen

  152. cataflic

    @Madmax
    Non è che delle 1000 ne arrivi solo una, magari altre 2/3 fanno una carriera da tenniste anche se con risultati più modesti… Mentre se puntano ad avere una dottoranda giocatrice, forse ne arriva 1 a giocare gli itf!

  153. bogar67

    Da Ubi
    “”Il padre gliel’ha messa in mano per la prima volta quando ha soffiato su tre candeline e non l’ha più mollata: dall’anno successivo l’ha mandata a lezione due volte a settimana, lo stesso ritmo che mantiene anche adesso!!””

    Mia figlia ha pure 7 anni, anche io ho messo racchetta in mano a 3 anni e di ore a settimana ne fa 12/15 (5/6volte) per cui il suo ritmo è sicuramente inferiore al nostro e come la mia in Italia senza andare negli USA ve ne saranno decine e decine, soprattutto figlie di maestro per cui questo articolo è come scoperta acqua calda, un pò come quei servizi dei corrispondenti della RAI a Mosca o Londra che spesso ci raccontano le banalità che capitano in quelle metropoli.

  154. Madmax

    Cataflic..

    Questo è l’ultimo dei problemi e credo sia una cosa su cui nemmeno dover riflettere.. Uno ci prova e poi valuta se riesce o meno a farlo..

    L’importante nella vita è provare sempre e cmq, sicuramente a dire che è difficile ed impossible lo sanno fare tutti ma soprattutto non si prova mai e se non si prova è garantito che non ci si riuscirà ..

    Tra l’altro per fortuna non tutti sono uguali e non tutti non hanno voglia di fare un caxxo o di usare il tennis per non andare a scuola..

    In questo caso poi è perfino inutile parlare di dottorato perchè è il liceo che si deve riuscire a portare a termine per poter andare all’università o in caso di insuccesso o eventualmente a fine carriera se si è ancora dell’idea..

    Tra l’altro a dirla tutta non sono nemmeno poi del tutto convinto che sia impossibile riuscirci visto che nel tennis cmq qualche buon giocatore c’è che non si allena tantissimo e si alza poco prima dei match… dopo essere stato a fi.a tutta la notte..

    Ecco magari provando a usare quel tempo in modo migliore un tentativo lo si può anche fare..

    Parliamoci chiaro gente che fa tre lavori o che lavora 12 ore al giorno ne esistono e forse sono anche lavori un po’ più stressanti oltre che molto meno pagati, per cui smettiamola perchè poi per forza che i ragazzi alle primme difficoltà sciolgono come neve al sole.. Basta con gli alibi..

  155. Madmax

    Bogar, perchè tu ci credi? I casi sono due o la bambina non è un fenomeno (che poi a quella età esserlo conta meno di zero) oppure due sono si ma gli allenamenti che fa al giorno..

    Come si sa tutto il mondo è paese percià anche là sono tutti fenomeni che non si allenano mai poi si scopre che hanno costruito il campo a casa e due volte sole vanno al circolo!!! 🙂

  156. bogar67

    Mad max io quello ho letto, si allena due volte a settimana ma è considerato fenomeno. Faccio una ricerca su Youtube per vedere se di fenomeno si tratta ma dopo la partita del Palermo 🙂

  157. nunziovobis

    certo che questi americani li trovano tutti loro i fenomeni, e vince gia con bimbe di 12 anni, praticamente questa se incotra la Capogrosso le rifila un 6-0 6-0 come se nulla fosse, bah io rimango sempre piu esterefatto dalle cazzate che si dicono in giro, comunque la boiata più interessante è che si allena 2 volte a settimana, questa è troppo bella

  158. per essere dei fenomeni bisogna inventarsi qualcosa di diverso da quello che fanno gli altri SAT Accademie etc diventerai un buon giocatore ma non un professionista
    la mia ricetta è questa
    M

  159. per essere dei fenomeni bisogna inventarsi qualcosa di diverso da quello che fanno gli altri SAT Accademie etc diventerai un buon giocatore ma non un professionista
    la mia ricetta è questa
    Mancinismo indotto da piccoli
    Stratching da 6 anni in tutte le salse
    Sviluppo dell’anticipazione motoria
    Allenamento quotidiano con la massima varietà possibile
    Fare in modo di caricare la molla della motivszione per poi essere massima nell’età della scelte difficili 13/1$

  160. nunziovobis

    La mia ricetta invece la prendo dagli scacchi, un grande scacchista dell’800 diceva che per vincere a scacchi erano necessarie tre cose: allenarsi con cura, allenarsi con cura, allenarsi con cura

  161. nicoxia

    Francesco la nostra 2003 ha iniziato con il metodo biomeccanico fluido in più fa tutte le cose da te proposte compreso il mancinismo,se avrò tempo manderò un filmato del servizio e non temo paragoni con qualsiasi uner 10 in Italia.

  162. nicoxia

    Naturalmente anche lei è seguita nella preparazione atletica da Catizone si chiama Caldera Sofia.

  163. nicola tennis

    Una domanda. Sono un vostro lettore e papa’ di un under 10.A proposito di preparazione atletica da iniziare da subito, ho letto su Supertennis e ieri ho sentito l-interista a Buzzelli che parlava della sua “scatola magica“ per fare allenamento specifico per il tennis e per un buon lavoro di reattivita’ per i bambini. Qualcuno di voi ne sa qualcosa? l’ ha vista usare realmente da qualche ragazzino? La cosa mi incuriosisce

  164. bogar67

    Nicola Tennis, vai sul sito del professor Buzzelli, ci sta tutta la spiegazione e alcune esercitazioni. Il sito è salvatorebuzzelli . it

  165. nicola tennis

    Grazie Bogar67 quello l’ho gia visitato. Cercavo qualche testimonianza con i bambini

  166. bogar67

    Nicola Tennis
    allora Nicoxia forse potrebbe risponderti, la mia è troppo piccola per usare la scatola magica, tieni sempre presente che anche a farci pensierino devi poi trovare modo di usarla, la stragrande maggioranza dei circoli in Italia e i maestri non vogliono interferenze, lasciare bimbo o bimba e passare a pagare a fine mese, e come dargli torto infatti i risultati si vedono, soprattutto in campo maschile abbiamo grandissimi giocatori. 🙂 🙂 🙂

  167. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @Nicola Tennis e Tutti,
    Questa è bellissima: Sto facendo varie sedute di fisioterapia (instabilità della rotula) all’Isokinetic di Roma. Sto per finire la parte in palestra (1 mese) per passare a quella in campo. Venerdì il preparatore di campo ha cominciato ad usare (l’avevano appena comprata) il Senso-Training. Potrò quindi sperimentarlo in prima persona. Potrò dunque scriverne con cognizione di causa! Certo, non sono un under, però qualche indicazione ve la potrò dare… 😉

  168. bernie

    Cosa intendete per mancinismo indotto? Far giocare di sinistro un bimbo destro? Non sono d’accordo

  169. bernie

    mi è scappato invio. Penso che sia un grande rischio far giocare di sinistro un bimbo destro. Si possono sortire più danni che guadagni a mio avviso.

  170. Secondo il mio parere i mancini veri non hanno0 molti vantaggi perchè sono soggetti a subire il dritto dell’avverdario sul rovescio invece i mancini creati vedi il segreto di Nadal fratelli Qunizi evntuale boy Piatti sono destrosi a cui si è imposto di giocare con la sinistra
    Il vero segreto di Nadal ( a dire di tutta la sua famiglia un imbranato motorio ) è questo oltre a una preparazione fisica micidiale
    Nadal non è un talento naturale tipo Federer ma con queste due sceklte iniziali è arrivato iin capoal mondo

  171. pulsatilla

    Nella biografia di nadal è scritto che questa storia del mancinismo indotto sia una bufala.

  172. ma ri-Guardatevi SensoBuzz Addenda su i Colpi di Grazia o su Tennis Genitori e Figli con la scatola magica del Prof ( ma il video credo sia anche sul suo sito) e Nicholas nel cortile di casa mia ad Abuja, ( per dire che e’ tanto comodo che lo potete prendere anche in tram!!! ), musica dei Coldplay…
    e ri-leggetevi i miei articoli e l’intervista al Buzz che scateno’ l’ira funesta di alcuni quando invece tutto quel che si voleva dire era che … Non e’ che sia uno strumento indispensabile nel senso di necessario sine qua non ma puo’ essere uno strumento assolutamente molto utile…Negare questo a mio avviso e’ pura non dico malafede ma tifo da ultras ( per preparatori che non siano il Buzz). poi potremo discutere del prezzo o del fatto che un PA in persona sia meglio e altre menate… Ma per un Academy, un circolo d’Agonisti, un Centro Periferico… mah, per me continua a sembrarmi manna piovuta dal cielo e faccio fatica a capire perche’ non venga utilizzata, soprattutto mei CP…

  173. Vincenzo Gerbino

    Ciao Francesco quello che so da zio Tony, e quello che ho visto dai video fatti a casa a manacor , sia rafael che i figli di zio Tony , colpivano la palla impugnando a due mani da entrambi i lati.

  174. Maurizio

    francescococachgemelli, avevo già postato in questo blog sia la versione in spagnolo sia la traduzione dell’altra biografia di nadal “Cronica de un fenomeno” dove dice che Nadal era quadrumane e quando decisero di staccare una mano optarono per usare la sinistra perchè rafa a pallone calciava prevalentemente con il sinistro, questo è l’unico motivo, la stessa cosa viene ribadita anche in quest’altra biografia appena uscita.

  175. Madmax

    Il Dott. Grazia dice riguardo al Senso Buzz..

    mah, per me continua a sembrarmi manna piovuta dal cielo e faccio fatica a capire perche’ non venga utilizzata, soprattutto mei CP…

    Caro Stefano purtroppo devo dire che molte sono le cose che fatichi a comprendere…

    Ad esempio rimani ancora esterefatto quando senti molti che non parlano benissimo della Bollettieri (e non parlo di me che non ci sono mai stato ma sono fior di tecnici che lo sostengono e a dir la verità dopo aver guardato oggi Nishikori non mi sento di contraddirli perchè risultano evidenti alcune mancanze a livello tenico che ovviamente devono essere imputate a chi lo allena e mi riferisco ad esempio alla sua volè di rovescio giocata a due mani che trovo una bestemmia nel 2011, soprattutto per un maschio, ma anche il servizio lascia più di un dubbio..), o quando qualcuno ti da contro rispetto alla storiella dell’ “It’s may nature” disse lo scorpione o ancora quando ti veniva rimarcata la bassa intensità del lavoro che facevi svolgere a Nicky..

    Intendiamoci pensarla diversamente dagli altri non significa per forza sbagliare (e te lo dice uno sempre in conflitto con il mondo intero), però tuo figlio ha smesso e perciò qualche dubbio dovrebbe almeno venirti.. 🙂

    Tornando al Senso Buzz, probabilmente hai ragione a dire che è uno strumento utile (anche se a dire la verità so di gente che l’ha acquistato, l’ha usato quattro/cinque volte e messo poi da parte), il punto è che probabilmente i vantaggi sono molto inferiori a quelli che dovrebbe offrire in rapporto al suo costo..

    E questo è un fattore di cui devono essesene accorti in molti perchè mi pare che ne siano stati venduti pochi rispetto a quanto preventivato.. E questo nonostante la pubblicità..

    Quindi ho paura che anche se continuerai a non comprenderne il motivo dovrai fartene una ragione del fatto che non venga usato nei CP!!

  176. be’, max, ma non sei tu che di recente ti paragoni sempre a Bollettieri quando qualcuno ti ricorda che non sei pasato all’esame di istruttore di primo grado? cosa fai, usi Bollettieri solo quando ti fa comodo?Comunque, di come giocava Bollettieri a 20-30 anni non abbiamo record ma…si alza ancora adesso tutte le mattine alle 5 e alle 6 e’ gia’ sul campo, non ha mai avuto un filo di grasso, ha continuato a praticare tutti gli sport e coi ragazzini da giovane correva, nuotava, giocava a basket, soccer, whatever…diciamo chebin un certo senso conduceva con l’esempio … adesso certo, fa afatica anche a fare il feeding, ma ha quasi 80 anni!!!Comunque io della Bollettieri ho elencato sempre con molta onesta’ pregi e difetti e per quanto la mia esperienza. possa essere stata negativa, continuo a credere che dipenda molto dalla maturita’ e dalle motivazioni di chi ci va…anche l’Academy, come il SensoBuzz, e’ uno strumento e dipende da te imparare a suonarlo al meglio…
    Se mi fai il discorso del rapporto costo-benefici, potresti anche avere ragione se parliamo di acquisto da atleta singolo ma per esempio uno che come me e’ in africa o comunque in regioni in italia dove Catizzone non c’e’, e mi pare che J.Ch. non sia ancora ubiquitario, cosa deve fare? a volte non capisco bene: ma se uno non abita nel raggio di 100km da dove vive Jo Catizza che ha da fare? smettere prima di cominciare perche’ tanto, secondo Mad Max, non ce la puo’ fare?
    Sul resto … certo, anch’io ho commesso tanti errori, ma non credere, di stronzate ne hai sparate tante anche tu…come mai non ci dici nulla sull’infortunio di Alessia? ma come, non dicevi che con Catizzone non ci si infortuna mai? ma come, non ti incazzavi con me quando scrivevo che esiste anche la sfiga? delle due, o la sfiga esiste o tu e Catizzone avete commesso un errore…o no?
    E dammi retta, ne hai fatti tanti altri, solo che ancora non lo sai … purtroppo, lo scopriamo sempre dopo, il difficile e’ semmai ammetterlo…

  177. Atti

    Vedo che l’argomento sensobuzz suscita sempre pareri “contrastanti”….
    Nei CP, almeno nel nostro, la PA è ancora sui generis…di livello nettamente inferiore rispetto alla parte tecnica.
    Parlo da osservatore, ma credo che il sensobuzz potrebbe diventare un ottimo strumento e metodo per futuri centri di allenamento periferico, ma solo se :
    – ogni ragazzo che partecipa ai CP prima fosse inizialmente valutato (una sorta di test di ingresso)
    – fosse stilato un programma per ciascuno (dal Buzz e/o da suoi collaboratori)
    – durante la PA si lavorasse con programmi generici, con programmi specifici, e di tanto in tanto con dei test intermedi.

    Ecco che l’utilizzo del sensobuzz semplificherebbe molto la parte programmatica del lavoro da fare, e diventerebbe un metodo generale uniforme dalla Sicilia alla Val d’aosta…
    E fin da subito darebbe un idea su come debba lavorare un ragazzino che vuol provare a diventare un atleta professionista (cosa che molti imparano quando è troppo tardi).

    Non sto dicendo che risolva tutti i problemi, anzi, al contrario, è solamente un opportunità…poi rimane sempre una grossa fetta che è demandata alle specifiche competenze del singolo PA …e alla volonta del ragazziono di applicarsi.

    La stragrande maggioranza dei ragazzi non ha assolutamente (nei circoli) un supporto adeguato per la PA rispetto agli obbiettivi…se aspettiamo, caso per caso, di trovare il PA giusto e focalizzato su di te…campa cavallo…
    Cosa di meglio e di relativamente poco costoso e immediato (per la FIT) di utilizzare le potenzialità a 360 gradi di questo strumento ?
    Che non toglie nulla alla bravura del PA di turno…e di certo male non fa !

    Non costa poco, ma un conto è investire come famiglia, un altro è ammortizzarne uno o due per regione… purche poi venga adeguatamente usato.

  178. Nikolik

    Sì, ma quanto costa?
    Nessuno lo ha mai detto.
    Quanto costa?
    Se non si sa quanto costa, come si fa a dare un giudizio?
    Eh!

  179. Chi agisce, corre il rischio di sbagliare.
    Chi non fa nulla questo rischio non lo corre.
    Meglio fare e sbagliare piuttosto che rimanere inermi, tutta la vita!!!!!! Chi osa, ha una chance per riuscire. Chi rimane fermo è tagliato fuori a prescindere.
    Il giorno in cui le smanie di perfezionismo abbandoneranno le menti dei genitori forse sarà il giorno in cui i tennisti entreranno in campo con la consapevolezza che non esiste la partita perfetta. Forse allora giocheranno senza timore di sbagliare e commettere errori che sono normali in una partita di tennis. Forse saranno anche in grado di prendendosi ed accettare i rischi e le responsabilità che comporta giocare a livello agonistico senza inventare scuse e pretesti. Forse…….

  180. FDC, vedi perche’ io ti chismavo, prima della querela, Bacio Perugina? Perche’ leggendo il tuo post 235, io penso e spero che tu ti rivolga a Max ( visto che io i miei dubbi ed errori li ho srmpre dichiarati) ma sono altrettanto sicuro che lui leggendoti penser’: ecco, vedi che ho ragione io, anche Federico glielo ha detto chiaro e tondo…
    E tu ridponderai: ma io mi rivolgevo a tutti e due!
    Banale come un libro di Leo Buscaglia, Romano Battaglia o Alberoni…
    Poi io sono d’accordo, solo chi non fa non commette errori, anche tu con tutto il tuo PNL, chissa’ quanti ne hai commessi… il difficile e’ riconoscerli…per esempio, nicoxia, come mai non dice nulla sul SensoBuzz?

  181. pulsatilla

    Stefano,
    a suo tempo sei stato un grande estimatore di Open, la biografia di Agassi. Senza ripercorrere le tappe del suo cammino tennistico, quando lo allenava il padre non aveva un PA, quando lo allenava Bollettieri gli aveva affibbiato un PA che aveva impostato un lavoro completamente sbagliato (fa venire i brividi solo a leggerlo). In soldoni lui ha iniziato una PA seria quando era già adulto, lasciandola e riprendendola a seconda delle vicende familiari e personali.
    Eppure è diventato Agassi anche senza il sensobuzz, strano eh?

  182. nicoxia

    Vedi Stefano io non mi confronto per vedere chi c’è l’ha più lungo,questo voi lo fate da sempre per questo non mi riesco a rapportare ma chi mi conosce sa che cerco di essere obbiettivo senza pretendere di avere la verità in privato nonho nessun problema a confrontarmi ,anche sul senso ma qui sono solo una pedina da muovere quando fa comodo per avvallare chi c’è l’ha più lungo ,tagliamo la testa al toro vi regalo un millimetro perchè il centimetro è troppo e quando vorrai passare al vero confrono sono atua disposizione.

  183. bogar67

    Nicoxia con 2000 euro più iva mi vengono più di 2 anni di preparazione atletica con istruttore laureato in scienze motorie e con programma personalizzato per mia figlia 4 volte a settimana.

  184. Stefano,
    una volta si diceva che “sbagliando si impara”. Oggi invece tutto deve essere sempre perfetto. Non viene tollerato niente a meno che non sia perfetto!!!!! Quando un giocatore sbagliava un colpo, si diceva che stava “aggiustando il tiro”, adesso invece sicuramente ha qualche difetto nella biomeccanica, nello spostamento etc…….
    L’apprendimento per prove ed errori è un percorso naturale e scontato (ed a proposito, la domanda sorge spontanea; quando è che può essere considerato terminato il processo di apprendimento di un tennista?), ma qui sembra invece che tutti vogliano tutto e subito. Anch’io, come tutti quanti, certamente in passato ho commesso errori, ne commetto e ne commetterò tanti. Ma ci sono tre caratteristiche che differenzia chi commette un errore: la buona fede o meno delle intenzioni; la capacità a meno di imparare dai propri errori; l’intelligenza o meno di ammettere ed accettare gli errori ed assumersene le responsabilità e le conseguenze.

  185. Madmax

    Ma infatti ormai Alessia si allena da un mese e Giovanni c’entra ben poco con il piattisomo di Alessia… Jesus C. si, Dio no… 🙂

    E non chiederlo a me di Bollettieri chiedilo ai coach (Piatti per esempio) e a chi ha lavorato con lui (Fabio ad esempio che è al disopra di ogni sospetto visto che non è coach e addirittura lavorava con lui!!) che non ne parlano bene… Per me possono allenare tutti (lo faccio anch’io figurati 🙂 ) poi sarà il campo a dire chi può farlo o meno (ma il credito non è illimitato però e anche uno come Trapattoni ora le squadre al top non lo cercano più avendo fatto il suo tempo..) chi lo fa meglio e chi peggio..

    Atti..

    Secondo me tu non hai capito cosa sia il Senso Buzz..

    Il Senso BUzz è uno strumento (come altri) da poter usare per fare PA..

    Per farlo funzionare ci vuole il programma di un preparatore..

    Se il programma te lo da A avrai un risultato se te lo da B ne avrai un altro e con quello di C ne avrai un altro ancora..

    Lo stesso accade se tu al posto del Senso Buzz usi un tapis roulant, una gradinata oppure anche un bastone o una palla medica…

    Puoi lavorare benissimo o malissimo, dipende da cosa fai, dai tempi di lavoro, di recupero e dalle intensità..

    Che tu parta al suono del Senso BUzz o al suono di un fischietto non cambia nulla come non cambia se parti all’accendersi si una sua data luce o alla visione di una data pallina colorata..

    Quindi averlo in mano senza avere un programma non serve a nulla se il programma ti viene dato è come avere in mano il programma di un PA.. Uno userà il senso buzz altri useranno altre cose..

    Al massimo essendo una valigetta sarà più comodo..

    Su Federico..

    Federico alla fin fine conti ragiona da maestro come è giusto che sia.. E questo è quello che fa anche Giovanni… Appunto perchè lo sono.. E non sono i padri dei ragazzi..

    Detto questo poi è difficile essere d’accordo su tutto con una persona e sempre..

    Io ad esempio collaboro con Giovanni ormai da cinque anni e mzzo eppure qualche piccola divergenza esiste.. E ci mancherebbe..

    Anche perchè in campo ci sono io, perchè chi conosce Alessia e ci vive insieme 24 ore al giorno sono sempre io, ma banalmente perchè il progetto è il mio… che ha scelto i vari professionisti per la diverse arie tecniche..

    Ad esempio lui sul rapporto con i ragazzi la pensa esattamente come Federico, io no…

    O meglio, la penserei come loro se allenassi un’atleta che non fosse mia figlia o se non dovessi provare a farla diventare forte molto presto..

    Ma infatti a loro (e a qualunque tecnico mi rivolga) io chiedo aiuto e pareri tecnici e non come fare a portare al top un giocatore perchè quello so farlo da solo e di conseguenza uso il mio di metodo..

  186. Madmax

    Ed ecco che Federico ti ha svelato l’arcano…

    Cambiare idea su alcune cose non è fare il voltagabbana semplicemente è accettare i propri errori e limiti per far sempre meglio..

    C’è sempre da imparare se una cosa la fai da quarant’anni figurati se lo fai come me da 6/7 anni con numeri limitatissimi su cui poter sperimentare..

    Ecco è questo che intende sempre NIco e cioè che a sapere prima le cose si farebbe prima visto che si eviterebbero gli errori ma visto che di necessità si deve sempre farne virtù mi accontenterò di arrivare all’obiettivo dopo aver sbagliato innumerevoli volte!! ah ah 🙂

  187. Quindi, secondo quel che Lascia intendere mad max nemmeno tanto sottklmente, JC si ma Buzzelli e’ una chiavica…ora che lo difenda io non conta, e sicuramente il Buzz di difetti ne ha ma io sono ormai un vecchio amico e poi non ho i titoli per hiudicarlo in quanto padre di extennists, ma che non lo difendano nicoxia e FDC mi fa un po’ specie: chi meglio di loro che sono amici ed estimatori di max e conoscono comunque il lavoro del Prof? loro forse potrebbero essere ascoltati con maggiore attenzione da max…
    Per il restoquello che scrive nel post 244 max e’ ne’ piu’ ne’ meno quel che abbiamo srmpte scritto noi, gli estimatori del sensobuzz, e quindi…faccio sempre piu’ fatica a capire, mi sembra la storia di Toto’ e Pasquale…

    Pulsatilla, non ho capito bene l’accostamento, anche perche’ io non ho mai detto che il sensobuzz sia indispensabile per diventare agassi, semmai e’ solo utile…Agassi comunque si allenava da Bolletta con Pat e sai chi era quel Pat? Etcheberry, considerato il piu’ grande PA di tutti i tempi nel tennis ( dopo J Ch, ovviamente) e l’autore riconosciuto dei successi di Courier, Henin e Fish… Con Agassi non ha funzionato, ma perche’ era sbagliato il programma o era, al tempo, sbagliato Agassi? Che con Gil Reyes trova un amico che gli da le motivazioni giuste ma poi non mi ridulta che Gil fosse o sia tuttora un laureatoin scienze motorie… A dimostrazione poi del fatto che se sei Agassi o Sampras arrivi al top anche se la PA non la fai e mangi mcdonald e patatine fritte…pero’ non fraintendetemi: per gli altri, i mortali, la PA e’, era e rimane fondamentale…ma piu’ che la PA direi il footwork, imparare cioe’ il footwork precoce,fin dall’inizio…avrei un paio d’aneddoti nigeriani da raccontarvi ma adesso sto scendendo in campo per giocare 4-5 ore ( qui e’ public holiday oggi e domani quindi se non tispondo non e’ perche’ mi avete lasciato senza argomenti …:)! e quindi vi lascio, ma ci tornero’ sopra, se non vi dispiace troppo…

  188. Madmax

    Stefano… Io non ho sottinteso nulla…

    Qui non era in discussione il valore dei due PA, qui si parlava del Senso BUzz..

    Ora il Senso Buzz abbiamo chiarito che è un attrezzo che ha bisogno di un programma di lavoro, di conseguenza è il programma la vera attrezzatura da acquistare, poi che a complemento ci sia il Senso Buzz o un bastone è quasi irrilevante.. Con la differenza che se dai il bastone non puoi chiedere 2.000 euro.. Tra l’altro è un programma per nulla personalizzato..

    Quindi una volta assodato questo e assodato che il Senso Buzz ti viene venduto senza la presenza di Buzzelli si evince che spendo 2.000 per il programma di Buzzelli.. (ma poi cambia o è sempre il medesimo?? se lo chiami dopo sei mesi ti da un programma differente?? e ti vede una volta al mese per consigliarti cosa è meglio per te??)

    Per quello di Giovanni (fatto su di te e per te) si spende 1600 ed una volta al mese ti vede.. anche sul campo per veder come riesci a trasferire il lavoro dalla palestra al campo…

    E’ una questione di scelte.. io ho fatto la mia..

  189. Madmax

    Altra visione del tutto Graziana è quella del footwork associata alla PA…

    Il footwork serve per ricercare al meglio la palla, quindi è da intendersi di lavoro tecnico..

    Visto però (ed è qui che fanno l’errore molti maestri) che ad essere veloci con i piedi si deve essere intensi e quindi si fa fatica, credono che se si lavoro bene con il footwork si alleni anche il resto.. Peccato che con il footwork non si alleni ne l’intensità ne l’esplosività e nient’altro..

    Non a caso anche giocatori velocissimi con i piedi quando sono stanchi non alzano più i piedi…

    Per cui e si ritorna sempre lì, se non hai un buon programma di lavoro che indica perfettamente cosa e in che % devono essere allenate le varie capacità hai voglia a fare footwork e ad avere tutte le attrezzature al completo Senso Buzz in testa..

  190. Madmax

    Altro passaggio della visionaria idea Graziana della vita e del tennis nello specifico..

    “si alza ancora adesso tutte le mattine alle 5 e alle 6 e’ gia’ sul campo, non ha mai avuto un filo di grasso, ha continuato a praticare tutti gli sport e coi ragazzini da giovane correva, nuotava, giocava a basket, soccer, whatever…diciamo chebin un certo senso conduceva con l’esempio”

    Guarda a Demuro l’ho portto ad essere uno dei migliori fantini del mondo quando già pesavo 87 kg andando tutti i giorni al ristorante e allenandolo sulla spalliera del divano prima e su un cavallo meccanico poi..

    In uno sport dove più di 48/50 non devi essere…

    Inoltre in qiuel lavoro ci si alza alle 5/6 massimo 7 del mattino.. ed effettivamwnte quello lo facevo anch’io.. anzi no.. rientravo a quell’ora mi cambiavo e andavo direttamente a lavorare!! 🙂

    Quindi il mio esempio non c’era.. Al contrario c’era eccome perchè non sono quelle le cose che contano… ma tanto non ci arrvi per cui..

    Ah dimenticavo.. Non io ho mai montato in corsa.. 🙂

  191. nicoxia

    Stefano secondo me ha ragione Max,il senso è un attrezzo se non lo si usa correttamente serve meno,Buzzelli tramite il senso può determinare il suo programma e cosa che non può fare un bastone,da una valutazione in qualsiasi momento da poter comunicare al preparatore,Buzzelli con il senso fa propio quello da Max richiesto cioè personalizza in base all’allievo cambia il programma in base alla progressione dell’allievo con la sua metodologia,naturalente essere seguiti in questa maniera non è compreso nel costo del senso,ci sono linee guida con esercizi ma la personalizzazione la si dovrà fare con il propio allenatore e se è scarso…..,comunque Buzzelli è sempre disponibile per consigli per applicare al meglio la sua metodologia.

  192. nicoxia

    Mi risulta che la federazione Cinese ne abbia comprati per adoperarli ,anche se secondo me se prende piede in Cina se ne venderanno molti ma cloni,però non è un problema per Buzzelli perchè dimostrerebbe la validità del sistema.

  193. nicola tennis

    Speravo in una testimonianza da parte di qualcuno che lo utilizza o come ho appreso leggendovi, l’ha messo via perche’ inutile. Grazie . E’ chiaro che ci vuole un programma da un esperto, ma questo l’ha detto anche Buzzelli nell’intervista.

  194. Stefano,
    con tutto il rispetto e la stima per il prof Buzzelli, dal momento che non mi intendo personalmente di preparazione atletica specifica al tennis, non avendo avuto modo di verificare personalmente il lavoro fatto da qualche preparatore atletico di mia conoscenza usando il senso touch, non mi permetto di dire niente a riguardo.

  195. Atti

    Max…
    fra fare PA quotidiana con Buzzelli (o Catizone e/o altri) senza questo strumento… e fare PA solo con il sensobuzz (e/o con programmi di lavoro)…ma a casa e da soli…. ovvio e scontato che sceglierei il Buzzelli di turno con il fischietto …!!!
    Qui stavamo parlando non di questo, ma di e se usarlo come integrazione di un metodo di valutazione e allenamento in un progetto, come per esempio quello in corso con i Centri periferici…dove la federazione vuole arrivare ad offrire qualità anche su questi aspetti, sempre incredibilmente troppo trascurati e sottovalutati, in primis dai maestri..
    Se la FIT metterà a disposizione bravi PA per ogni CP…ben vengano i fischietti e i birilli….
    Non sostituirà mai il lavoro di un bravo PA.
    Trovo pche per un circolo che ha una palestra e magari un PA non specifico…avere un Sensotoutch in piu’ da mettergli a disposizione , non sia una tragedia….
    In fondo costa meno di un tapis roulant che serve solo per correre….e con il ST possono lavorare piu’ atleti contemporaneamente e ad un intensità elevatissima.

    Comunque Buzzelli da ampio supporto, prima durante, dopo…e indipendentemente se compri o no il suo sensobuzz…persona disponibile e appassionata (oltre che competente)…
    Mi risulta che tanti giovani tennisti (da nord a sud) si stiano rivolgendo a lui…non ha certo bisogno della mia promozione (e/o di quella di Stefano).

    In altro articolo anche tu commentavi sulla prematura chiusura (per certi obbiettivi) di una struttura come Caldaro…che è un peccato…..
    Ecco, Il budget non è mai un aspetto secondario, alla fine si finisce sempre a parare sui costi…il rapporto qualità/prezzo/tempo è il problema principale…

    Quindi si tratta, con una coperta che sai già essere corta…di prendere meno freddo possibile.

    Tu invece hai un bel piumone ? beato te….

  196. nicoxia, secondo me col tuo post 250 dai ragione a me invece che a max ( ma forse e’ solo questione di punteggiatura)… qui si e’ sempre confuso il mio caso personale con quello che fa Buzzelli col suo SensoTraining …Se proprio tu dici che Buzzelli da pienamente il suo appoggio, il suo programma, la sua assistenza, cosa vuoi di piu’, che lo faccia anche lui al posto dell’atleta? quello che diceva max invece era che il sensotraining col programma di A o B o C e’ diverso…e grazie al cazzo, ovvio che se io uso il sensobuzz da solo avro’ risultati peggiori che se lo uso seguito regolarmente da buzzelli o baraldo o capogrosso e non cito catizzone perche’ a questo punto non credo lo usi…che l’abbia acquistato l’isokinetic pero’ dovrebbe far pensare perche’ all’isokinetik ,sia pure di zbologna, lavora quel Dr Roi che collaboro’ con Catizzone e fu citato da Max come uno dei pochi o l’unico medico sportivo che ne capiva qualcosa…ma allora capiscono solo quando fa comodo a lui o forse ogni tanto fa come la rana dalla bocca larga che si allarga un po’… Comunque, quoto Atti e facciamola finita li’, e non stiamo neanche a parlare del bastone che lanciato in aria in 2001 A Space Odissey si trasforma in astronave…che poi non era un bastone, era un osso usato come clava…. ma a volte mi sembrate un po’ refrattari al progresso… Ma non e’ neanche questo, mi sembrate a volte ostili per partito preso … e che condanniate il sensobuzz solo perche’ l’ho propagandato io per primo…ma che c’entro io? io potro’ anche essere uno stronzo che ha sbagliato tutto ma non per questo buzzelli o il sensotraining devono per forza essere scartati a priori in quanto scelti da me… lo usa anche Nicoxia!!! la Capogrosso!!! e chissa’ quanti altri…chiedete a loro…poi e’ chiaro, se lo usate 5 volte e poi vi stancate, non serve a un cazzo…come andare da Catizzone 5 volte e poi smrttere, pero’, e mi risulta che lo abbiano fatto in parecchi…E quindi? E’ colpa del Senso, del Prof o di Catizzone?

  197. Atti
    scrivo a te ma lancio una provocazione a tutti, soprattutto ai “federales”.

    “Qui stavamo parlando non di questo, ma di e se usarlo come integrazione di un metodo di valutazione e allenamento in un progetto, come per esempio quello in corso con i Centri periferici…dove la federazione vuole arrivare ad offrire qualità anche su questi aspetti, sempre incredibilmente troppo trascurati e sottovalutati, in primis dai maestri..”.

    Per far arrivare in alto i ragazzi di talento parliamo spesso di iperspecializzazione. Ma se vogliamo aumentare la qualità dell’insegnamento dobbiamo elevare anche la qualità e soprattutto la struttura della classe docente. E’ stato spesso detto e ribadito dalla letteratura scientifica che a livello di formazione il periodo che va dai sette ai 12 anni è fondamentale per le basi di un tennista agonista. Il tennis moderno dimostra che le abilita atletiche e mentali diventano sempre più un vantaggio competitivo. Ed io vi chiedo: è possibile che iper-specializzazione vada d’accordo con la parola “maestro” al singolare? Se il maestro di circolo canonico, non può, non ha il tempo, non vuole, non è in grado di seguire tutte le macro abilità a livello iperspecializzato, non sarebbe forse il caso che le diverse federazioni formassero e demandassero l’insegnamento della parte atletica e mentale a maestri diversi da quello canonico che segue soprattutto la parte tecnica e tattica? O vogliamo continuare a sperare in genitori martiri che per dare un’adeguata formazione (come dice Stefano facciano “assemblaggio” o abbraccino il fai da te -Max)guidino per migliaia di chilometri su e giù per l’Italia (quando va bene….), oppure nelle coincidenze e nelle congiunzioni astrali perchè si realizzi il connubio nel maestro perfetto?

  198. andrew

    solo 2000 + iva?

    faccio un appello a circoli e maestri: acquistatelo prontamente, barboni!!!

  199. Madmax

    Federico..

    Parole sante ma ho paura che sia una missione impossibile.. 🙂

    Cmq la speranza è l’ultima a morire, nel frattempo però fammi organizzare che se per caso non se ne dovesse far nulla almeno sarò già a metà strada!! 🙂

    Atti..

    Appunto la coperta è corta e tu butti nel cesso 2400 euro??

    Io trovo molto più utile fare tre ETA.. Poi tu fai come ti pare..

    Stefano..

    Tu spiego la differenza..

    Uno non usa il Senso (che lo può adoperare come gli pare e quindi all’intensità che vuole) perchè non lo trova utile perchè non si diverte o per qualsiasi altro motivo..

    Da Giovanni chi va via è solo perchè non resiste!! 🙂

    E da noi non resiste quasi nessuno cosa direttamente proporzionale al numero di nostri under che diventano dei Pro..

  200. Madmax

    E poi guarda basta che domandi al tuo amico Atti..

    Le sue figlie (una del 95 e l’altra che sta nel gruppo delle migliori e quindi due agoniste) sono venute ad un mio stage e facevano fatica a fare il 50% (cinquanta per cento!!) del programma di Alessia… E ricordo che non era un programma particolarmente faticoso..

    Vedi tu..

  201. Atti

    Si Max, era aprile 2010…. ricordo….da allora ne è passata di acqua sotto i ponti…
    Indubbiamente, e lo dico non da ora…la mole di lavoro a parità di età è ancora di 4 a 1 per Alessia rispetto a Vale…..non c’è match come lavoro atletico svolto
    Mica dipende dal metodo Catizone o da Buzzelli e il suo sensot…..

    Tu hai imposto un metodo spartano… io invece lascio che sia lei…a volerlo !!!Nel frattempo gioca, si allena e si diverte….
    Il tempo dirà chi ha ragione… e/o se ci siamo sbagliati entrambi alla grande…
    perchè il rischio nausea…è uguale al rischio sconfitta..emtrambi causano ritiri prematuri….

    Negli ultimi mesi, grazie alla collaborazione con Buzzelli, la musica è cambiata…e posso solo ringraziarlo per la disponibilità.
    Io ho anche un “piccolo” problema logistico…con 2 che giocano è difficilissimo far coincidere, .allenamenti, studio e tornei…

    Ciononostante, è talmente poco preparata, che vince le campestri scolastiche sui 1500 con 30-40 mt sulle altre…vedi 10 gg fa…
    Pensati se si allenasse bene… 🙂

    Pedalare, pedalare…

  202. Madmax

    Atti..

    Le campestri…

    Ma ti rendi conto di quello che scrivi?? (tra l’altro quelle di giorni fa è quella della scuola… dopo man mano si arriva fino ai Nazionali..)

    Le campestri a parte quando trovi atlete di livello nazionale (e può capitare addirittura di essere battute dalla campionessa italiana in carica..) si corrono contro bambini con la pancia e che il massimo sforzo lo compiono per fare il corrdoio della scuola all’intervallo..

    Il tempo dirà chi ha ragione?? Ma cos’è, una barzelletta? Se veramente ancora hai dei dubbi il dubbio significa che sei malato, molto malato…

  203. ma cosa e’ adesso, Atti paga il fatto di essere mio amico? Che poi, guardate che essere amici non significa mica pensarla sempre allo stesso modo, significavsemplicemente scambiarsi opinioni con civilta’ e tolleranza … e senza spocchia!

    Pulsat, non so i CP ma se di sensobuzz ne sono stati venduti solo una trentina mica vorrai dare la colpa dello stato del tennis italiano solo a loro, semmai potrebbe essere vero il contrario! Comunque faccio fatica a capire cosa vi disturbi del sendo…non e’ che dodtituisce la PA, e’ solo un segmento di essa, come il treadmill, come i coni, il trampolino, l’agility ladder, gli ostacoli, il nastro, il gesso, il fischietto… be’, magari un po’ di piu’, ma certo non indispensabile, non insostituibile, non alternativo…insomma, ma cos’e’del sensotraining che vi fa tanta paura?

  204. pulsatilla

    a me disturba solo il fatto che se ne parli così tanto.
    E’ così irrilevante nell’economia del percorso tennistico dei ragazzi e ci sono al contempo problematiche così gravi che accendere ogni volta una discussione sul sensobuzz pare assurdo.

  205. Madmax

    E cosa avrebbe pagato Atti?? Lui ha raccontato una barzelletta e io ho riso, stop…

    Poi si magari standoti vicino le cose sono peggiorate ed ha contratto anche lui la Grazite acuta che fa credere che gli asini possano volare o che nevica rosso, ma quello l’ha voluto lui ed essendo maggiorenne e vaccinato ne pagherà le conseguenze.. Tutto li..

    E tanto per essere chiari se si sono venduti solo una trentina di Senso Buzz è semplicemente perchè fondamentalmente non servono ad un caxxo… non ci sono altre motivazioni..

  206. andrew

    NO, NO…il sensotouch deve diventare un MUST HAVE come i completini fit-store, altro che balle!!

    FIT-STORE.IT
    Vesti lo stile FIT!

    Sei un appassionato di tennis? Oppure un maestro che vive sui campi da tennis ogni giorno?
    Vuoi dare al tuo Circolo un’immagine vincente?
    Clicca subito su http://www.fit-store.it e troverai prodotti FIT by Australian di qualità italiana.
    Puoi scegliere tra i completi da tennis “Italia”, tute, giubbini invernali o da mezza stagione e soprattutto le felpe dal look aggressivo e sportivo.
    Collegati direttamente da casa o dall’ufficio e scegli di ricevere in assoluta comodità e tempestività i MUST HAVE della stagione tennistica. Indossa i capi di abbigliamento FIT, metti in gioco lo stile Italiano che il mondo ci invidia!

  207. andrew

    NO, NO…il sensotouch deve diventare un MUST HAVE come i completini fit-store, altro che balle!!

    FIT-STORE.IT
    Vesti lo stile FIT!

    Sei un appassionato di tennis? Oppure un maestro che vive sui campi da tennis ogni giorno?
    Vuoi dare al tuo Circolo un’immagine vincente?
    Clicca subito su http:// www .fit-store.it e troverai prodotti FIT by Australian di qualità italiana.
    Puoi scegliere tra i completi da tennis “Italia”, tute, giubbini invernali o da mezza stagione e soprattutto le felpe dal look aggressivo e sportivo.
    Collegati direttamente da casa o dall’ufficio e scegli di ricevere in assoluta comodità e tempestività i MUST HAVE della stagione tennistica. Indossa i capi di abbigliamento FIT, metti in gioco lo stile Italiano che il mondo ci invidia!

  208. nicoxia

    Max anche il programma di catizone se non è fatto bene serve a poco,il valore aggiunto del senso è che può dettare le progressioni,naturalmente se gli esercizi sono fatti come si deve,e quì subentra la bravura del supervisore,un limite che ho già fatto notare a Buzzelli è che cambiano di mezzo secondo sarebbe meglio di decimi per ottimizzare le progressioni, invece di spostare le distanze,i segnali portano a visionare il limite e a condizionarlo a piacere constatando la forma immediata,e programmarlo a piacimento in base alle propie esigenze,in sostanza se usato bene è molto utile come sono molto utili altre cose sempre se usate bene,il difficile è saper usare bene le cose.Se costasse 200 euro mi sentirei di consigliarlo a chiunque anche i meno preparati perchè può anche divertire l’allievo nella novità.

  209. nicoxia

    Comunque i programmi di Buzzelli sono tarati nel senso secondo il suo metodo quindi non risentono della problematica da me sollevata secondo il mio uso.

  210. Madmax

    Ora siamo indubitabilmente che Mr Grace è completamente rincoglionito.. E se non ha ragione non può prender sonno quindi per favore Nico dagliela..

    Però per farci due risate (stasera le barzellette si sprecano!!), lui dice: il Senso è un attrezzo utilissimo soprattutto per chi non ha la possibilità di avere un PA a disposizione… Ovviamente non è indispensabile e si puoò discutere sul fatto che è caro.. OK perfetto

    Max il demonio che dice invece? Che è un attrezzo come tanti altri quindi eventualmente anche utile ma non indispensabile e che per essere usato ha bisogno del programma di un PA, programma che ti viene fornito al momento dell’acquisto, uguale per tutti e sempre lo stesso nel tempo, se vuoi di più ovviamente paghi (e ci mancherebbe mi verrebbe da dire).. Di fatto essendo un programma con un attrezzo a supporto mi viene da dire che costa un patrimonio e che preferisco tutta la vita un programma con palla medica, step, scaletta e qualche pesettino, che con 200 euro sono a posto.. Ci siamo? E’ ok?

    Nico cosa dice? Che ho ragione ma che in più è uno strumento di valutazione.. (Con Giovanni in questi giorni abbiamo fatto una serie infinita di test e la cosa più costosa era il cronometro!!)

    Poi Nico dice anche che se costasse 200 euro si sentirebbe di consigliarlo a tutti.. (Io dato che su ebay si trova a 200 euro consiglio a tutti di acquistare un treadmill di quelli grossi, poi ovviamente serve il programma.. 🙂 ) Chiaro quindi cosa ha detto??

    Benissimo, il Senso costa 2400 euro… Ora secondo voi chi ha ragione?? ah ah ah

  211. Veramente a me, che stavo e sto in africa, e’ stato dato un programma personalizzato … ma continuo a credere che acquistata da circoli agonistici,academies, coaches o preparatori e perfino da centri di re-hab come l’isokinetic, Centri d’Eccellenza FIFA, abbia una sua utilita’…. chi non la vede secondo me pecca di cecita’ ma certo, il ragionamento che e’ utile ma costa troppo non fa una grinza e infatti nessuno dice che e’ obbligatorio acquistarla a livello individuale… Poi a me sembrava che nicox scrivesse un’altra cosa ( che se fatto bene e’ molto utile … ) …. comunque, a me sembra una polemica talmente sterile e soprattutto dettata dall’astio e dal tifo ultras che chiudo qui…il Prof non lo sento da mesi ma a questo punto fa bene a non intervenire, a discutere con gli idioti finisce che qualcuno da lontano potrebbe non notare la differenza …

  212. Comunque, perche’ non chiedete a Capogrosso e figlia? io non li conosco, magari dicono che e’ in effetti una ciofeca, o che l’hanno usato per un po’ e poi hanno smesso, oppure dicono che e’ una parte importante del loro training … alla fine, che ne parlino bene o male quelli che non la usano fa un po’ sorridere …

  213. E un’altra cosa, prima che Qualcuno mi accusi, infondatamente, di malafede: malafede e’ parlare sempre male aprescindere di qualcuno…io di Max parlo spesso anche bene, a meno che dargli del Principe Buzzurro non sia cosiderata un’offesa,intervengo di solito solo quando Lui parla male di altri … a volte anche quando tutti i torti non li avrebbe ma in questo caso contesto piu’ che i modi, i toni da Portatore del Verbo…vabbe’, vecchia storia anche questa, avete ragione, meglio passare ad altro …

  214. Atti

    Max…post 262-265….
    Simpatico !!! grazie.
    Sempre pronto a far passare quello che dicono gli altri come fischi per fiaschi.

    Cmq, come al solito, non hai capito una mazza di quello che intendevo dire…
    A parte il vedere sempre complotti di “amici” contro di te.
    Se vedessi “nemici” nel blog…non perderei tempo a scrivere…

    Mi fermo qui, se no do ragione a Nikolik, che ci accusa di litigare sempre…a vanvera.
    Passiamo oltre…ne riparleremo piu’ avanti….tempo al tempo.

  215. Diego

    E’ ovvio che a Max il “SensoBuzz” non serve, lui ha il tempo,la voglia,e finora le capacita’ di seguire la figlia 24 ore al giorno.
    Non tutti hanno queste “possibilita’” e quindi questo strumento puo’ essere utile come un “lanciapalle” ed insieme possono svolgere una parte del lavoro di un agonista.
    Poi le indicazioni ed il controllo del lavoro da svolgere devono darle un PA ed un buon Maestro.
    Concordo con Max sul metodo per chi ha ambizioni da pro (primi 100),
    pero’ tale metodo per funzionare deve essere applicato ad un cavallo vincente.
    Con il “metodo” di Atti o meglio quello che seguono le sue figlie ed la maggior parte degli agonisti e’ difficile competere alla lunga con chi si allena il doppio o il triplo delle ore.
    Come dicevo prima pero’ i cavalli vincenti sono veramente pochi e quindi la stragrande maggioranza degli agonisti non arriverebbe comunque a certi livelli (primi 100).

  216. Madmax

    Stefano..

    Abbiamo già chiesto a tanti.. 🙂

    Anzi ti dico di più, prova a far chiedere in separata sede un parere alla Garbin!!!

    E che sicuramente sbglia perchè come ti ripeto lo stesso Giovanni ha detto che è un buon prodotto e se costasse 2/300 euro sarebbe da comprare.. A 2400 al contrario nemmeno da prendere in considerazione..

    Atti..

    Guarda, ridendo e scherzando sono passati quattro anni e tra tre o quattro si saprà tutto perciò ormai di tempo ne è rimasto ben poco.. 🙂

    Mi verrebbe da dire godetevi il momento ma poichè sono un inguaribile ottimista vi dico solo giù il crapone e lavorate..

    diversamente però..

  217. Madmax

    Diego..

    Questo è abbastanza ovvio, il punto è che dal momento che sei nel gruppo dei migliori (soprattutto se hai seguito un metodo standard), per forza di cose devi uno essere portato e devi avere qualcosa più degli altri.. Se poi questo lo fai giocando anche bene è una certezza…

    Il punto è che da qui in poi però devi non perdere più tempo e lavorare bene altrimenti anche il tuo talento va a farsi benedire..

    Ma vi siete mai chiesto come mai tutti i nostri ragazzi migliori arrivano nei 10/15 mila e ci si fermano anche quattro/cinque anni mentre quelli buoni ce ne stanno un paio??

    Perchè quando i nostri ci arrivano ci arrivano a mani nude e senza armi e da quel momento guardando gli altri cominciano a lavorare su quello che manca..

    A quel punto non solo spesso è troppo tardi ma serve avere la Banca D’Italia a disposizione perchè devi giiocare molti tornei cercando punti nelle località più incredibili..

    Se uno è buono e completa dopo qualche esperienza gioca i tornei sotto casa (per modo di dire) li vince e passa oltre..

  218. Madmax

    Ti dico di più..

    Qui da noi dal momento che si trova la quadra tra risultati (??) e gioco si sentono tutti felici e contenti dimenticandosi completamente del percorso e di quello che realmente serve..

    E allora veramente tempo al tempo, perchè tra poco ci si troverà di fronte al famoso imbuto…

  219. bogar67

    La Garbin è stato già scritto sul blog dice che è uno strumento che aiuta la PA ma non sostituisce il preparatore e su questo ci eravamo già arrivati.

  220. Atti

    Max…
    tutto sono meno che un illuso…stai tranquillo…ci vedo benissimo….da solo.

    Sul lavoro non si discute, ma devono capirlo loro…non io.
    E’ la loro motivazione che fa la differenza…non la mia o la tua !!!

    …se è troppo tardi pazienza…questo è il massimo che noi potevamo fare partendo da zero.
    …in futuro, spazio ai migliori….come sempre.

  221. Madmax

    Atti

    E sarebbe un peccato perchè Vale vale… o meglio varrebbe..

    Fai in modo che la facciano lavorare in modo che aumenti la sua velocità di palla..

  222. urcaurca

    @Atti

    ora puoi dormire sogni tranquilli hai il plauso di Madmax

    la Vale vale… o meglio varrebbe..

  223. nicoxia

    Atti non si può pretendere la motivaione, fino ad una certa età per forza di cose deve essere determinata dal genitore come per l’educazione non si può pretendere che sia innata e neanche aspettare la loro maturazione si insegna punto,io il loro sacrificio lo faccio scegliere a loro ma se non fossero disposti al massimo gli obbiettivi cambierebbero e di conseguenza il mio impegno,di sicuro non scriverei sul blog per cercare più informazioni possibili perchè il loro percorso sarebbe già compromesso.

  224. nicoxia

    Non mi sembra difficile da capire,il senso è utile se viene usato correttamente,per Buzzelli è indispensabile perchè non c’è nessun altro allenamento dove si allena l’attenzione con la stessa efficacia, per Max il rapporto qualità prezzo non è soddisfacente,probabilmente se avesse tanti soldi lo comprerebbe anche solo per il gusto di provarlo e verificare di persona la validità,non c’è problematica se non quella ancora di ……

  225. Madmax

    Bogar..

    Assolutamente no, ormai lo sanno tutti ed è per questo che ne hanno venduti 30 e non 3000!!

  226. Nikolik

    Madmax,

    parli, come tuo solito, con la solita sincerità e chiarezza, mista a molta praticità e senso pratico della realtà, che a me piace molto, in specie quando frusti, e frustri, i tuoi colleghi Genitori, che anni fa difendevi a spada tratta ma, ora, ti accorgi di chi aveva ragione, all’epoca…

    Però c’è un però. Un però che ti ho già detto/scritto tante volte.

    Io capisco che tu dici: ma la mia strada è l’unica che ti può far sperare di avere il successo; altre strade più facili non sono percorribili, nemmeno la speranza di successo ti danno, queste altre strade.
    E abbiamo capito tutti, abbiamo fatto l’esempio del papà della Giorgi, che anche lui fa come te, l’esempio di tanti campioni, che avevano sempre, o quasi, un genitore molto presente e, come dire, molto esclusivo.

    Il però è questo: la soluzione non può essere quella che tu indichi, cioè il Genitore che abbandona tutto, lavoro, abitudini, hobby, casa e anche il resto della famiglia.
    E’ un prezzo troppo caro.
    Ti lamenti del prezzo del Senso-Buzz e poi paghi un prezzo umano molto più elevato.

    Il prezzo deve essere inferiore, non può essere così salato; la ricetta non può essere così indigesta.

    Io son cinico, per carità, molto cinico e cattivo; ma nemmeno io mi sento di dire ai tuoi Colleghi Genitori: ma che volete, ma che dite, dovete stare addosso al vostro figliolo 24 ore al giorno, lasciare lavoro e resto della famiglia, dedicarsi professionalmente alla carriera del figlio, abbandonare tutto, improvvisarsi maestro di tennis e preparatore fisico…

    Cos’è che stai propronendo, di fatto, Madmax, al buon Atti?
    Di lasciare il lavoro? Di lasciare perdere le altre due figlie e la moglie per concentrare tutto sulla “Vale che vale veramente, o meglio varrebbe…”?
    E che proposta è?
    Eh, lo so anche io che se ti concentri, tutta la vita, per anni, su una cosa sola, alla fine qualche risultato lo ottieni.

    Non funziona così, Madmax; tu fai bene, io lo so che fai bene; io lo so che non sbagli, ma la ricetta non è applicabile in vasta scala; il ticket costa troppo.

    Il conto è troppo salato.
    Da vecchio federale direi: dobbiamo trovare una ricetta, e un costo umano e sociale, più sostenibile.
    La sfida di una Federazione è quella.
    Tracciare la strada per diventare campioni, pagando e sputando sangue, quello sempre, ma senza rischiare la rovina.

    E senza sfide non si va da nessuna parte.

    Non mi trattare male Atti: facciamo vincere questa sfida anche a lui.
    Troviamo un sistema, per lui, anche per lui.
    Per tutti coloro che non se la sentono, per un sogno di successo, di sovvertite totalmente la propria esistenza.

    Ma ora Stefano Grazia dirà che sono diventato da “Bacio perugina” anche io?

  227. Atti

    Nicoxia…
    certo, è indubbio che dobbiamo accompagnarli…in tutti i modi.
    Ma tu che come me di devi affidare a terzi, sai benissimo che non è facile …far quadrare il cerchio.
    Quotidianamente non ci vado mica io in campo…

    Ma cmq, la motivazione è meglio che imparino a mettercela loro….e alla svelta, perchè il tempo passa…e nessuno sta fermo… tutti vogliono migliorarsi.
    Se vuoi diventare un tennista…dimostramelo !

    E la motivazione serve anche…per il resto …non solo per il tennis…
    Senza un obbiettivo…si fa poco in ogni campo della vita.

  228. Atti

    Nikolik.. sono quasi ..commosso !
    Se non fosse…che ci stai prendendo per l’ennesima volta… per i fondelli !.

    Cmq bravo…ottimo discorso…

  229. pulsatilla

    Il costo umano e sociale è troppo alto e…non solo quello purtroppo.
    Perchè chi dispone di mezzi economici senza limiti può scegliere e cambiare quando vuole.

  230. bogar67

    @vecchio federale Nikolik
    leggo che l’ITF qualche mese fa, ha comunicato un cambiamento di regole: dal 2012 tutte le gare dagli Under 10 in giù si giocheranno su campi adeguati all’età dei partecipanti.
    Nikolik che significa per la FIT? si adeguerà? saranno di nuovo ridotti i campi per i tornei under 10? sarà così anche per i prossimi macroarea?

  231. Nico,
    “Non mi sembra difficile da capire,il senso è utile se viene usato correttamente,per Buzzelli è indispensabile perchè non c’è nessun altro allenamento dove si allena l’attenzione con la stessa efficacia,……….”
    Sul fatto che questo attrezzo le cui applicazioni conosco limitatamente sia il miglior allenamento per l’attenzione ho molti dubbi. Se non ricordo male il concetto di allenamento dell’attenzione del senso touch è basato su segnali luminosi da una posizione fissa distante 6-7 metri rispetto all’utente che usa il macchinario. I segnali visivi che provengono dal campo invece, arrivano da circa 20 metri rispetto al giocatore e riguardano un oggetto in movimento, la pallina che nel suo procedere cambia di traiettoria, angolazione, profondità etc. Non mi pronuncio per ciò che riguarda la preparazione atletica, però per ciò che riguarda l’allenamento dell’attenzione, a mio modo di vedere, la situazione di gioco con la pallina in campo è di gran lunga preferibile. Inoltre, è verissimo che il momento in cui il giocatore avversario impatta la pallina è importantissimo (segnale di start del macchinario), ma è altrettanto vero che il momento di attenzione più importante per un tennista è il proprio contatto, ed in questo senso, che io sappia, il senso touch non è propedeutico in alcun senso. Sarei comunque felice di essere smentito e di sapere da qualcuno che lo usa che queste mie considerazioni sono erronee.

  232. erratacorrige

    Nikolik modifica l’ultima riga:

    “Per tutti coloro che non hanno bisogno di sovvertite totalmente la propria esistenza mascherando scelte radicali, necessarie e obbligatorie, con un sogno di successo”

  233. rikys

    Io direi solo per i ricchi, perchè puoi essere affamato fin che vuoi ma se non hai i soldi per poterti allenare in un certo modo e giocare i tornei di un certo tipo col cavolo che arrivi. Il problema è che il tennis sta diventando uno sport sempre più competitivo a livello mondiale e quindi arrivare “presto” è più difficile oggi che non 10/15 anni fa e lo sarà ancor di più fra 5/10 anni. Ma permettetemi di fare una piccolo intervento sul discorso PA e sensotouch. Qui mi sembra che stiamo discutendo del tipo di sciolina da utilizzare se voglio fare una discesa libera buttandomi dalla cima dell’everest, ma non perchè lo strumento sia una ciofeca o non serva a niente, anzi il contrario. Il problema vero è che la PA con o senza sensotouch nel 99,9% dei casi nei circoli, academy….ecc, in Italia non si fa e lo torno a ripetere la PA in Italia non esiste ( sto parlando di giocatori under ). E allora a cosa mi serve uno strumento del genere quando al massimo in una seduta di PA faccio un po di palla medica e qualche andatura? Non piu tardi di qualche mese fa proprio su questo blog il Maestro Pieri candidamente ammetteva che i brillanti risultati ottenuti delle proprie figliole erano stati fatti praticamente senza PA. E’ giusto? E’ sbagliato? di questo secondo me bisogna discutere. Come bisogna anche sapere che da un certo momento in poi se vuoi provare a diventare un giocatore bisogna fare scelte obbligate ( scuola in primis ) e badate bene sto dicendo “provare a diventare” un giocatore. Proprio il sig. Monet ( che per esperienza vissuta non credo sia l’ultimo arrivato ) sempre su questo blog affermava che l’attività di un giovane agonista mal si addiceva ad un percorso scolastico “standard”.

  234. pulsatilla

    Rikys,
    parole sante.

    PS che fine ha fatto Monet? che si sia rotto le balle anche lui a sentir parlare di sensobuzz?

  235. bogar67

    @Maurizio
    cercando notizie su Sartori, mi sono imbattuto nel tennisBordighera dove risulta in piatta stabile come maestro dello staff e da qui nel risultato di Alexei Popyrin che ha perso con Diego Morelli che ha poi raggiunto finale del torneo internazionale di Davos in Svizzera.
    Maurizio che un sardo arrivi in finale in un TE è evento straordinario, raro, che mi dici del ragazzo? hai mai visto giocarlo? mi risulta tesserato fino paio di anni fa al geovillage che però adesso ha ridotto al minimo le proprie attività.

  236. Madmax

    Nikolik..

    La prima cosa che mi viene da dire leggendo il tuo post è ma di quale caro prezzo stai parlando, di poter stare molte ore al giorno insieme a mia figlia e a mia moglie?? Auguro a tutti i lettori del blog di poter un giorno godere anche loro di questa gioia immensa, ma soprattutto di poterselo permettere…

    E non mi sto riferendo certo al poterselo permettere economicamente, io intendo a livello interiore come persone…

    E sono certo che qui non saranno in molti ad arrivare ad un punto così alto della loro esistenza..

    Tornando invece alla sostanza del post, purtroppo questa volta anche tu sei caduto nell’errore che qui fanno in molti e che è quello di fare un’analisi corretta partendo però da un punto di partenza sbagliato, che determina di conseguenza un risultato finale lontano anni luce dalla realtà..

    Partiamo quindi dalla tua idea di voler trovare una soluzione per il buon Atti..

    Per trovare una soluzione è necessario capire che tipo di problema dobbiamo affrontare..

    Il tennis che una volta era soltanto un gioco a cui partecipavano 7/8 paesi al mondo ora è diventato uno sport a cui partecipa tutto il mondo..

    E questo perchè appunto essendo diventato uno sport è anche diventato un’industria, un business e quindi per molti un’attività lavorativa (tennisti coach scouts manager etc etc)..

    L’attività lavorativa del tennista inizia a 17/18 anni e termina intorno ai 35..

    Conseguenza di ciò è che formazione, specializzazione e apprendistato devono per forza terminare prima dei 17/18 anni…

    Ulteriore conseguenza è che partendo dai 6 anni ogni due anni il livello dell’insegnamento dovrebbe man mano aumentare di qualità fino ad arrivare a 15/16 anni dove si dovrebbe avere il massimo possibilie a propria disposizione…

    Stabilito questo e visto che vuoi ragionare da vecchio federale cosa potrebbe e dovrebbe fare una federazione..

    Cominciare con il dare direttive tecniche di alto livello a chi si occupa dei più piccoli, monitorarli, ma soprattutto quello che dovrebbe fare è che una volta scovati i talenti riuscire a portarli a diventare dei campioni anche se questi sono figli di due operai della Fiat..

    A questo dovrebbe pensarci il Progetto PIA che però come fa a funzionare se la PA (che il punto da cui dovrebbe partire ogni cosa) non funziona nemmeno a livello di CP??

    Acclarato ciò è chiaro che non si può pensare che chi è rimasto un po’ attardato venga ora aiutato a recuperare il tempo perduto ed anzi purtroppo se non si interviene direttamente il gap è destinato ad aumentare, perchè da seconde linee contributi e opportunità varie (convocazioni, match con i vari team nazionali) saranno inferiori a chi invece è un po’ più avanti..

    Detto ciò però questa è la vita nel senso che se domattina uno vuole aprire un’attività non pretende che gli dia i soldi lo stato…

    E come abbiamo detto questa è diventata a tutti gli effetti un’attività… (ma per rimanere nel campo dei ragazzi basta pensare a quanto costa far laureare un figlio).

    Quindi di fatto ci siamo resi conto che la soluzione federazione è poco percorribile in quanto qualche aiutino se la ragazza lo meriterà le verrà dato, ma non sarà tale da poter incidere in modo significativo..

    Pensiamo allora a cosa può fare il buon Atti per risolvere il suo problema e vediamo come si comporterebbe se fosse che so ad esempio un cuoco, pensasse di essere bravo e volesse aprire un ristorante..

    Caso 1) Ha i soldi, va da un intermediario sceglie un ristorante e lo acquista.

    Caso 2) Non ha i soldi ma ha una casa e crede molto in se stesso quindi vende la casa o la ipoteca e compra il ristorante.

    Caso 3) NOn ha i soldi ma crede fermamente in se stesso e quindi va a lavorare presso un ristorante aspettando di mettere da parte la cifra che gli permette di acquistare o almeno avere l’acconto da dare per l’acquisto del ristorante..

    Caso 4) Non ha soldi ma li potrebbe avere, di contro però non è sicurissimo della riuscita e non vuole correre rischi e quindi alla fine desiste e non acquista il ristorante..

    Caso 5) Ha qualche risparmio da parte e se lo perde non casca il mondo ed allora decide di acquistare il ristorante nel deserto per rimanere nel budget… Ovviamente fallisce per mancanza di clienti, però magari si è divertito e si è tolto qualche piccola soddisfazione.. 🙂

    Ora la figlia sappiamo che è una tennista di buon livello, perciò faccia le sue valutazioni e decida cosa fare.. E che sclega tra queste proposte perchè altre non ne esistono e se qualcuno gli dice il contrario lo vuol fregare!!

  237. Lorenzo Falco

    Buonasera a tutti. Ho letto le vostre considerazioni. E’ molto difficile poter rispondere compiutamente a tutti.
    Farò alcune considerazioni ed esporrò una personale valutazione.
    1. non esiste un mezzo di allenamento migliore di un altro. Esiste un programma sensato e ben strutturato che riesce a concatenare validamente i mezzi a disposizione. Traduzione: impiegare il solo ST, all’interno di una neutro minestrone in cui si inserisce ogni tipologia di allenamento, non ha alcun pregio.
    2. gli allenamenti – tecnici e fisici – producono effetti soltanto se personalizzati, controllati, valutati e revisionati. Traduzione: la preparazione fisica specifica ha finalità significative se il carico di lavoro è individualizzato.
    3. l’allenamento delle qualità attentive legate all’anticipazione motoria, alla reazione semplice e complessa non è modulabile in quanto non è possibile stabilire un reale carico coordinativo specifico. Traduzione: non riuscirò con certezza a determinare il carico coordinativo adeguato per trasferire i miglioramenti esecutivi all’interno della disciplina in cui gli atleti si cimentano.

    Esperienza personale.

    Io, in questo periodo, ho l’occasione di impiegare il ST.
    Io sono un preparatore fisico. Lavoro nel campo delle Scienze Motorie. Ho alcuni clienti che seguo in veste di allenatore personale. Ho alcuni gruppi di lavoro formati da 4 o 5 persone.
    Il ST – su cui tra breve scriverò un articolo specifico – mi ha permesso di variare positivamente alcuni contenuti della preparazione fisica specifica. I miei ragazzi si trovano bene e si sentono ben stimolati dall’allenamento con questo mezzo.
    Per completezza, affermo che ogni scelta che io opero è finalizzata a costruire gli obiettivi di un programma, che non si esauriscono nell’impiego di un solo mezzo.
    Il costo? Se lavorate nel campo delle Scienze Motorie e avete persone che vi seguono privatamente, ammortizzate in poco tempo il costo del macchinario.
    Conosco personalmente il prof. Buzzelli. Apprezzo il lavoro che svolge e la serietà che impiega nel tentativo di creare, per i suoi ragazzi, un valido metodo di lavoro.
    Un osservatore distratto che legge le righe del forum potrebbe pensare che vi siano enormi contrasti sul piano personale tra il professor Catizone e il professor Buzzelli.
    Gentile Madmax, io ritengo che le tue parole, non sempre misurate e le tue conclusioni, spesso umilianti e poco gentili verso alcune persone, possano danneggiare indirettamente gli uomini e le idee di chi tu ritieni di difendere.
    Il ritratto di Giovanni Catizone che emerge dalle tue parole è inquietante. Ho avuto la fortuna di conoscere Giovanni durante un corso di formazione: uomo disponibile, ha risposto con celerità alle mie mail, è una persona brillante e simpatica. Ha una forte capacità di trasferire contenuti ed è leale e rispettoso delle metodologie di colleghi e tecnici. Buzzelli stima Giovanni Catizone. Sono entrambi, in modo diverso, una risorsa per il nostro movimento. Madmax, mi permetto di ricordarti che la qualità delle persone nasce dalla concordia, dallo spirito di condivisione e di conciliazione, non dalla contrapposizione netta e forzata nè dalla diffamazione ad ogni costo.
    Lavoriamo tutti i giorni con ragazzi, qualcuno ha figli. Le nostre parole devono essere rispettose e misurate. Ogni collega può trasferire le proprie conoscenze agli altri e ricevere nuovi insegnamenti.
    Buzzelli porta avanti un progetto da alcuni anni. Lui ha finalizzato i suoi obiettivi in una certa direzione. L’esperienza quotidiana lo migliora. Ogni professionista serio opera in tal modo.
    Io, da preparatore di poca esperienza ma di grande voglia di impegnarmi nel mio lavoro, giorno per giorno, per tentativi ed errori, cerco di costruire una strada maestra sui cui poter fondare un metodo efficace e razionale.

    A breve un resoconto sul sensotraining. Buonanotte a tutti.

    Lorenzo Falco

  238. Madmax

    Lorenzo se tu bevi è un problema tuo… Quale sarebbe il ritratto inquietante??? E poi lo conoscerò bene io o no??

    Se tu ti sbatti perchè non ti si fila nessuno domandati semmai il perchè questo accade e non dare colpe ad altri che al contrario non ne hanno..

    non ti permettere nemmeno più di nominarmi o di rivolgerti a me…

    NOn vi rendete conto che siete voi che mi fate diventare antipatico uno (Buzzelli) che non conosco nemmeno

  239. Lorenzo Falco

    Grazie mille per le tue parole Massimiliano.

    Ho deciso: quest’anno non farò le ferie nelle valli di Lanzo come ogni caldo agosto. Verrò a cercarti, voglio conoscere tutto di te, voglio imparare il mio mestiere osservandoti giorno dopo giorno, voglio scrivere un libro celebrandoti, voglio chinarmi ogni giorno a te, voglio recitare ogni giorno una preghiera per te, voglio adularti, sono disposto a qualsiasi sacrificio per difenderti, ogni giorno venererò la tua sacra immagine, mi batterò perchè ogni comune d’italia intitoli a te una via, mi batterò perchè in ogni stadio d’Italia dopo l’inno si canti un inno alla tua gloria, mi batterò perchè tu possa essere, nel 2013, il nuovo presidente della Repubblica, mi impegnerò a promuovere il tuo processo di santificazione, mi impegnerò a renderti eterno.

    Grazie per quello che fai per tutti noi, ogni giorno.
    Grazie Massimiliano D’Auria.
    Amen.

  240. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    Nessuno qui ha la verità in mano. Ognuno esponga le proprie idee in maniera ragionevole per favore. Qui nessuno di chi scrive ha ottenuto “risultati” rilevanti. Tutti si fanno un gran mazzo per ottenere il meglio secondo il proprio “credo” professionale. Max, in particolare dico a te che non puoi chiedere a qualcuno di non rivolgersi a te. E’ fuori luogo in un blog dove si dovrebbe discutere. Non credi? Anche perché i toni usati da molti utenti è pacato e rispettoso e non vedo perché si debba rispondere in maniera così aggressiva. Io so benissimo il grande lavoro che stai facendo con Alessia e i tanti sacrifici fatti. Spero possa essere la strada giusta per te. Ma le strade degli altri non possono essere sbagliate a prescindere. Se falliranno o se riusciranno, lo sapremo solo tra molti anni. Armiamoci tutti di santa pazienza e di forza di volontà. Ognuno nel suo campo. Ognuno con rispetto. Ognuno con il proprio sogno/obiettivo. Grazie

  241. pulsatilla

    Lorenzo,
    è da un po’ di anni che seguo il blog, mi permetto di darti un piccolo consiglio.
    Prima faccio una premessa, sei molto efficace e chiaro nella scrittura, ad esempio il tuo ultimo intervento è stato più chiarificatore sul ST che mille discussioni precedenti.
    Non piccarti se Max si rivolge a te con toni esagerati, è il suo stile, per quanto deprecabile sia, non possiamo farci niente. Il post 306 è veramente divertente. Ma lui non cerca vie cittadine a suo nome, lui nella sua natura più profonda è un giocatore, uno scommettitore, dunque un agonista. Lui cerca di dirci che in questo sport non esistono sfumature, o si è bianco o si è nero e le scelte non possono che essere radicali, fin da subito.
    Lorenzo, se ci pensi bene, non troverai nessun altro genitore che attribuisce così tanta importanza alla preparazione atletica nel tennis fin dalla più tenera età. E questo messaggio per chi fa la tua professione (così bistrattata) dovrebbe essere manna dal cielo.
    Anche un maestro di tennis, genitore di due figlie note a livello under, ha confessato di averne fatto a meno, prediligendo altri aspetti dell’allenamento (e da qui puoi immaginarti la querelle con max…terminata con insulti e quant’altro).
    Però non sentirai mai dalla bocca di max una parola che sminuisce l’importanza della preparazione atletica, mai.

    Se un giorno vi conoscerete di persona vorrei esserci anch’io.

  242. Io penso che risolvere il problema della PA nelle SAT e Accademioe è praticalmente impossibile perchè dal punto di vista commerciale una PA fatta per creare un agonista secondo i crfiteri di Catizzone porterebbe all’abbandono del 99% degli allievi come ben dice Max quando asserisce che solo Alessia regge mentlmente e fisicamente agli stimoli proposti
    Un maestro o un gestore di Accademia preferisce i genitori che sono convinti che il figlio sia un campione e poise non riuscirà a raggingere gli obiettivi la colpa sarà solo della sfortuna , intanto il cliente sarà fidelizzato per un numero cospicuo di anni e i profitti per loro ci saranno sempre

  243. Ciao Lorenzo,
    dal momento che usi il ST abitualmente, mi piacerebbe ricever un tuo commento al mio post 296, inerente all’allenamento dell’attenzione.
    Grazie sin da ora per la disponibilità e l’attenzione che vorrai prestare a questa richiesta.

  244. Lorenzo Falco

    Pulsatilla, ti ringrazio per il consiglio e per i complimenti.
    Scrivo e collaboro in questo spazio da poche settimane.
    Il tuo intervento mi ha aiutato a comprendere la reale portata degli interventi di Massimiliano. Dietro alle parole, seppur battute su una tastiera, si nascondono le qualità, le intenzioni e lo stile delle persone. Io ho compreso tutto.

    Mi trovo in accordo, in linea generale, sul ridimensionamento della preparazione fisica specifica per i ragazzi in “tenera età”.

    Sostengo che i giovani atleti, che hanno una spiccata attitudine all’apprendimento rapido delle abilità motorie generali, non abbiano la necessità di affrontare un percorso di assimilazione dei contenuti condizionali che invece si trasferiscono bene ad un adolescente evoluto.
    Grande rilevanza è attribuita al gioco in forma libera, ai percorsi di destrezza, all’equilibrio, alla mobilità articolare, al lancio e alla reazione complessa.

    Un saluto a tutti.
    Lorenzo

  245. nicola tennis

    Qualcosa e’ più’ chiaro dopo l ‘intervento del preparatore Falco e mi pare di capire che in pratica di questo attrezzo ne parla bene chi lo usa e lo sminuisce chi non ce l’ha! Interessante

  246. ivano

    @ Bolletta de noartri
    Finalmente trovato il preparatore atletico……..
    Altro che Catizone…….hihihihihih……. 🙂 🙂 🙂
    Signor Catizone sto chiaramente scherzando……non la conosco nemmeno e quindi non mi permetterei mai di giudicarla……
    Sicuramente sara’ un grande professionista che ha avuto soltanto la sfortuna di imbattersi nella persona sbagliata….. 🙂 🙂 🙂
    Succede anche questo nel nostro lavoro !!!!!!!!!

  247. ivano

    Atti
    Ho avuto la fortuna di stare 5 gg con un’altro genitore (oltre Monet) che ha una figlia fuoriclasse…….
    Ho paura che qualcuno fara’ la stessa fine della primogenita !!!!!

  248. Madmax

    Forse Ale non hai ben letto il primo post di Lorenzo, perchè io è sempre e solo dopo che io mi arrabbio.. come sempre..

    Nicola l’attrezzo è eccezionale e fondamentale vallo a commprare subito!!

    Le persone è giusto che vengano inculate per il semplice motivo che la loro massima aspirazione è il dopo e cioè quando possono raccontarlo.. boh..

    Ivano, ricorda sempre che sei già stato fortunato una volta perchè c’era Alessia.. Non sfidare la fortuna..

  249. Madmax

    Lorenzo..

    Ma io NON sono un preparatore atletico, per cui da me non potresti imparare il tuo lavoro..

    Da me puoi imparare come si prende un ragazzo e lo si porta in cima alle classifiche mondiali ADOPERANDO i tecnici preposti….

    E la difficoltà più grossa è sceglierli dopo (cosa ancora più difficile) averli trovati

  250. Atti

    Max…ho capito cosa vuoi dire…
    Pero’ un figlio non è un ristorante… il suo futuro non è una scommessa o un tentativo.
    Il sistema tennis, non permette di fare molto di piu’ di quello che stiamo già facendo.

    Se non appunto, mettendosi in gioco in prima persona, come stai facendo tu.
    E non staro’ certo lì a farti le pulci se è conveniente economicamente, e bla, bla, bla….quelli sono cavoli tuoi.
    Se a te a tua figlia va bene così, va bene a tutti.
    Sabato una ragazzina ha detto che lei e suo padre (allenatore ed ex giocatore di ottimo livello) sono una cosa sola…la miglior risposta che un genitore si aspetta in questi casi.

    Io pero’, sono anche assalito dal dubbio morboso di capire se e quanto effettiva sia la passion…ad oggi non ho ancora una risposta certa (parlo per me)….cioè per loro è certa….per me no.
    Non a 13 anni. E in Italia, pur in crisi, ci sono mille alternative per un ragazzino.
    Basta un attimo e puff… il giocattolo si rompe in mille pezzi.

    Anche facendo tutto benissimo, nel tennis moderno, è sufficiente ? ovvio che bisogna fare tutto benissimo, se no sei spacciato… ma basterà ?
    Si, ho un ottimo dritto, corro veloce, conosco la tattica… e poi ?

    La cosa che invece è fondamentale, che farà sempre piu’ la differenza rispetto a tutto il resto, è l’aspetto mentale, cioè la capacità di gestire un match emotivamente, trovando soluzioni anche in condizioni tattiche di estrema difficoltà, e soprattutto mantenendo una costanza di rendimento per gran parte di una stagione… cioè la voglia, la fame o come volete chiamarla….
    E quella caro Max, ne io ne te siamo in grado di prevederla, dubito molto anche di allenarla.
    La simulazione è una cosa…..la realtà un’altra.
    Se no diventeremmo dei robot.
    Infatti sono contrario, in linea di principio (cioè salvo casi molto particolari) a forme di allenamento mentale prima dell’età adulta. (basta e avanza un educazione quotidiana).

    Ecco i motivi, i miei, per cui, anche potendo/volendo…, ora come ora, non consiglierei di investire tutto, sulla carriera di un figlio tennista. Non a 13 anni.
    Nel frattempo si va avanti e si cerca di stare comunque al passo.
    E già così l’impegno quotidiano non è poco.
    Senza sentirsi inferiori e/o monchi di chissa cosa…. a 13-14 anni il mondo è ancora tutto da scoprire
    ..ma che scherziamo ! Pedalare, pedalare….

    Nikolik… ti va bene come risposta ? spero di essere stato, se non coerente, almeno divertente…

  251. vergogna

    @pulsatilla

    il tuo post 309 lo potevi risparmiare e’ da lacchè di prima classe!

    @Lorenzo
    il ‘principe buzzurro’ non merita la tua replica, forse non l’ha nemmeno capita tutta.

    @ivano
    il tuo ultimo post e’ di difficile interpretazione, cosa fa la primogenita?

  252. Atti

    Ivano…
    non ho capito la battuta….

    Resta il fatto che un perfetto sconosciuto, un non maestro… sta battendo il 99% dei maestri plurimegadecorati…
    Questo meriterebbe almeno una piccola riflessione, o no ?

  253. Atti,
    “Infatti sono contrario, in linea di principio (cioè salvo casi molto particolari) a forme di allenamento mentale prima dell’età adulta. (basta e avanza un educazione quotidiana).”

    Prima di un’affermazione così generica bisognerebbe mettersi d’accordo su che cosa si intende per “allenamento mentale” e cosa si intende per “età adulta”.
    Stiamo portando avanti un progetto pilota di allenamento mentale con bambini del 2002 e 2003. I risultati sono strabilianti!!!!

  254. Madmax

    Atti..

    Mi meraviglio di te che se non ricordo male lavori in banca o giù di lì..

    Ma scusa per te esiste qualcuno che nel lavoro (e l’eventuale acquisto di un ristorante lo è fino a prova contaria) fa scommesse e tentativi??

    Assolutamente no ed è per questo che prima di fare certi passi è necessario considerare molto bene tutte le varie possibilità..

    QUello che dico io è che se però si hanno dei dubbi o non si vuole come dici tu rischiare non si può pretendere pi nulla o lamentarsi che ad altri venga dato di più…

    Ed è solo una tua idea che a questa età ci sia ancora tutto da scoprire, tu dopo 6 anni che un ristorante è aperto capiresti se va bene o male?? OPpure in un altro lavoro che comincia a 30 anni e finisce a 70, cominceresti a capire a 40 come si sta sviluppando la carriera di una persona??

    Certo poi può sempre accadere qualcosa che stravolge in bene o in male le cose ma è un po’ come vincere al Superenalotto che è quello che sto evitando di ricercare.. 🙂

  255. bogar67

    @tutti i genitori
    una bimba di anni 12 che ha fatto la Lamberteghi 2012 e che gioca da quando aveva 5/6 anni ha smesso di giocare, dice che tennis gli da nausea e che ne non ne vuole più sapere, al di la se aveva o non aveva le qualità per diventare una professionista ma sapete quanti soldi hanno speso i loro genitori in lezioni private? meditate gente meditate fino a quando i vostri cognomi non spunteranno tra i primi nella pagina 272 del televideo RAI tennis è tutta un’illusione!!!!

  256. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @Max
    Guarda che ciò che scrivevo non era rivolto solamente a te, anzi. La seconda parte di ciò che scrivevo, quando ti ho nominato, era a te rivolta. Partendo dal presupposto che, come dice Atti, tu stia facendo un lavoro straordinario, dico anche che i tuoi modi, per chi non ti conosce, possono apparire di un certo tipo. E chi non ti conosce o non ti legge da anni, può reagire in un certo modo (a ragione a mio avviso). Quando vi siete “trasferiti” su Spazio Tennis ricorderai quanto, anche violentemente, ci siamo beccati io e te. Col tempo, seppur beccandoci ancora, abbiamo imparato a capire nel dettaglio il significato di tutti i nostri interventi. E questo potrà accadere con i nuovi utenti, ecc, ecc.

    E sulla frase di Atti nel post 320 bisogna fare 10 riflessioni, non una..

  257. andrew

    Atti:

    se davvero aprirai un ristorante, ti consiglio di aprire un ristorante take-away di polenta e baccalà in groenlandia…dicono che lassù vanno fortissimo…

    invece, cerca di metterti in testa che il percorso lo devi fare (e lo deve fare anche tua figlia) insieme a persone che si mettono in gioco e rischiano di fallire. Questo i circoli e i maestri non lo fanno, anzi sono bravissimi a fare il contrario. Quindi, ne dovevi stare lontano già da subito. Ora è troppo tardi e cominci già a ragionare come loro….

  258. Madmax

    Ale, ora ho capito..

    Di sicuro c’è che nel nostro tennis ad oggi non esiste ancora un percorso certo e uguale da Pordenone a Messina..

    Ma quando dico uguale non intendo che tutti debbano ritrovarsi con lo stesso dritto o lo stesso servizio, visto e considerato che giustamente una volta che vengono rispettati determinati canoni è necessario poi dare spazio alle varie personalizzazioni..

    Quello a cui mi riferisco io è il percorso e questo DEVE e PUO’ essere SOLO UNO uguale per tutti perchè è uguale per TUTTI gli sportivi che diventano dei Pro ed è identico a tutti quelli che nel lavoro raggiungono posizioni importanti ma anche no..

    Voglio dire se uno si vuole laureare alla BOcconi non è che può stare a casa guardando per aria e facendo tutti le notti baldoria.. E non è che può essere uscito con il minimo dal Liceo..

    Perciò trovo che non ci sia da fare nessuna riflessione su di me dato che è molto più facile di quel che sembra e cioè sono uno dei pochi che sta facendo l’unico percorso possibile..

    Gli altri al contrario (cosa molto comune agli italiani) cercano come al solito scorciatoie vogliono fare dei propri figli ulteriori tuttologi e cioè campioni di tennis laureati che possibilmente abbiano tutto il tempo per i loro hobbies e ovviamente che siano poi super longevi per poter giocare fino a quarant’anni visto e considerato che prima erano in altre faccende affaccendati….)

    Non a caso Piatti in questi annio non l’ho quasi mai sentito parlare di tecnica e ha sempre posto l’accento sui comportamenti ad esempio di Nadal e Zio, sul percorso di miglioramento continuo in generale e sull’importanza della PA…

    Sarà un caso?? Non credo proprio..

  259. Nikolik

    Bravo Atti, sono molto compiaciuto della tua risposta!

    Ma ora ti faccio anche una domanda, a te come agli altri.

    La domanda è: ma capire se è giusto investire economicamente in un figlio/a campione, o presunto tale, di tennis, non è, alla fin fine, molto più semplice e molto meno tragico di quanto lo facciate Voi Genitori?
    Ma, dico, a 13-14 anni, che poi è anche l’età in cui si comincia a spendere pesantemente, perché prima di quella età abbiamo sempre concordato tutti che si spende relativamente poco, visto che i tornei e le spese sono molto minori, dico, a quella età, non dico che si capisce bene, ma si capisce o no, chiedo, se vale la pena investire o no?
    Modestamente, per me sarebbe facile capirlo, al di là di quello che mi diccono i maestri, modestamente penso che lo capirei bene anche da solo.

    Chiedo, Atti, domando: ma alla fin fine, di che stiamo parlando?
    Ma non si capisce bene, conoscendolo bene il proprio figliolo/a, guardando l’impegno che ci mette negli allenamenti, guardando i risultati che fa, guardando gli altri coetanei, chiedo, ma non si capisce bene, a 13-14 anni, che è poi il momento della spesa, dell’investimento, dei sacrifici, perché prima son relativi, non si capisce bene se vale la pena?

    E allora chiedo nuovamente: non è che i genitori che si lamentano e che piangono e polemizzano è perché, come dire, ce l’hanno con il mondo perché a un certo punto il figlio/a è rimasto drammaticamente indietro, per suoi demeriti?

    Chiedo, Atti, se è così facile (e per me è facilissimo) capire se vale la pena investire su un figlio campione, di che polemizziamo? Di che parliamo?

    Temo, atti, che gli investimenti su un figlio/a campione sia proporzionali agli incoraggiamenti che il figlio/a stesso/a ti dà; lo capisci bene, a 13-14 anni, se il tennis è una passione (anche) sua; lo capisci bene da come gioca, da come si allena, da come parla, da come giocano gli altri, dai risultati che fa…

    Dimmi, Atti, ti rifaccio una domanda che già ti feci e mi rispondesti male, trattandomi male, ingiustamente, all’epoca: guarda il tabellone dei campionati italiani che ha giocato quest’anno tua figlia; leggi i risultati dei primi due turni, con che divario c’è tra le migliori e le altre; non sono forse arrivate ai quarti sempre le solite che arrivano nei quarti?
    C’è qualche difficoltà a capire già ora chi può e deve investire e chi no? C’è qualche dubbio? Qualcuno può sbagliarsi? C’è qualche equivoco o è tutto chiarissimo su chi sono le più forti e che hanno qualche speranza?
    E pensa anche che sono i campionati italiani, per cui già perdere al primo turno vuol dire essere tra le migliori!
    Figuriamoci le altre!

  260. nicoxia

    Quando Piatti diceva bisona prima costruire l’uomo non faceva un riferimento fisico,i ragazzi oltre dirgli le cose bisogna dargli l’esempio,saper cogliere quello che di buono c’è nell’altra persona è un insegnamento fondamentale,non si può uccidere l’interlocutore alla prima non condivisione di un pensiero,Max quando dici che la preparazione atletica è fondamentale io sono daccordo,quando Ivano dice che non vuole correre il rischio di romperle sono daccordo,allora cosa faccio li abituo alla preparazione con la metodologia che reputo migliore mettendo attenzione agli aspetti tecnici e di abitudine al lavoro per poi quando saranno maturi averli pronti per caricare,non rischio di romperli e non rischio di trovarli impreparati qando sarà il momento di caricare.
    L’esempio, Max quando dopo essere stato tutto il giorno con i bimbi al momento di andare a letto io vado a lavorare do un esempio,quando mia moglie dopo essersi alzata alle sei la sera li segue nella prevenzione da un esempio,se io spendo tutto nella maniera da te elencata do un esempio,giusto o sbagliato lo determina la propia filosofia di vita,i miei figli non hanno un capo firmato se non ttk gratis, e se gli chiedo sacrifici non hanno problemi a farli,i risparmi sono per un progetto comune condiviso da tutta la famiglia,fare il taxista di notte lo possono fare tutti il difficile è farlo.
    Bisogna saper fare le cose giuste al momento giusto ma per far questo c’è bisogno dell’aiuto di tutti,Lorenzo ha dato un contibuto come è possibile che alla prima osservazione per te sbagliata,foss’anche una castroneria tu chiudi il rapporto,così facendo potresti confrontarti solo con i perfetti,e a parte me non ne conosco,digli cosa ha detto di sbagliato e apri il confronto.
    C’è da chi più e da chi meno ma ho imparato da tutti,tanto sono sempre io che scelgo cosa fare mio e cosa no.

  261. Madmax

    Nico..

    Te lo spiego subito..

    Perchè a differenza di te che hai bisogno del disegnino, io capisco cosa voglia dire uno quando è ancora a metà della frase..

    Ad esempio tu del mio post (e non è la prima volta) non ci hai capito un acca

    Io ho scritto che Piatti non ha mai parlato di tecnica mentre invece ha parlato di crescere prima l’uomo (qunado ho scritto dei rapporti Nadal-Zio) e dell’importanza della PA..

    Vabbè forse tu che l’hai incontrato solo mezza volta non sarai stato attento..

    Ed il buon Lorenzo che si è subito delegittimato da solo ora si aggrappa (ed insulta oltre che da giudizi) sugli specchi andando in difesa di gente indifendibile..

    Ma non è che essendo diventato un istruttore di 1° ora ragioni come uno di loro?? Dimmelo perchè già faccio fatica a parlare con i maestri figurati con gli istruttori che invece quando li incontro mi giro dall’altra parte…

    e visto che nessuno di noi ha bisogno dell’altro forse sarebbe meglio che cominciassimo a farlo anche noi a partire già da qui..

  262. nicoxia

    Max di sicuro io non ho bisogno di te come tu di me,ma che tu non abbia bisogno di altri ho i miei grossi dubbi,il problema che così facendo stai creando terra bruciata intorno e anche quelli di cui avrai bisogno ti staranno alla larga.Di Ansaloni non ce ne sono molti.

  263. pulsatilla

    @319 vergogna

    “@pulsatilla

    il tuo post 309 lo potevi risparmiare e’ da lacchè di prima classe!”

    Ah ah ah ah ah ah, mai nessuno mi aveva definito di prima classe.

    ora ufficialmente mi dichiaro lacchè di max.

    Anzi, mi rivolgo direttamente a max:
    mi puoi prendere in prova come apprendista genitore?

  264. Madmax

    Nico..

    Tieniti i tuoi dubbi che io non ho bisogno di nessuno, ma proprio nessuno te lo garanisco!!

    E terra bruciata intorno è quello che mi impegno tutti i giorni a fare.. 🙂

    E normalmente gli obiettivi li raggiungo sempre.. Purtroppo però in questo caso non sono ancora a buon punto e non sarà facile andando avanti a levarmi dalle palle tutti i rompicazzo!!

    Anche dopo sbagli, infatti purtroppo il mondo è pieno della gente che hai nominato, ma in quei casi però sono veramente un fenomeno a riuscire a sganciarmi!!

    Perchè tutto si può fare mno che dimenticarsi il vero target..

  265. nicoxia

    Max,hai sempre parlato bene di Della Vida,e penso ti dia anche una mano,ma se questo tuo modo di porti rovinasse il tuo rapporto con lui,per te non sarebbe una buona cosa.
    Ti dico questo perchè so che dovrebbe collaborare con Buzzelli per la commercializzazione del senso,in più larga scala e a costi più contenuti,visto che ne sono stati venduti 30 perche ne sono stati prodotti 30 con evidenti costi maggiori.
    Non dico questo per valorizzare il senso ,ognuno se ne faccia l’opinione che vuole,ma per farti capire che alcuni atteggiamenti hanno delle conseguenze che non sempre sono programmabili.

  266. pulsatilla

    @ vergogna (che poi sarebbe STEF, l’ammiratore triestino di max)

    leggi il 340, classico avvertimento similmafioso. ora capisci perchè mi piace max?
    perchè lui si espone sempre, ci mette la faccia, è sempre sopra le righe senza pietà, anche a costo di rimetterci la faccia.

  267. bogar67

    @vecchio federale Nikolik
    leggo che l’ITF qualche mese fa, ha comunicato un cambiamento di regole: dal 2012 tutte le gare dagli Under 10 in giù si giocheranno su campi adeguati all’età dei partecipanti.
    Nikolik che significa per la FIT? si adeguerà? saranno di nuovo ridotti i campi per i tornei under 10? sarà così anche per i prossimi macroarea?

  268. nicoxia

    Pulsatilla te da cinico sei contento,io sicuramente sbagliando,ma in buona fede cerco di allertare di smussare a mio modo di aiutare,perchè Max si sa difendere benissimo dagli altri e da se stesso che ha qualche difficoltà.

  269. Maurizio

    Il post 309 di pulsatilla l’ho inserito nella mia personalissima top ten dei post scritti su g&f, perchè è riuscito in un solo colpo a disinescare la diatriba Lorenzo/Max, in un mondo dove è sempre piu’ difficile comunicare e dove si gode quando gli altri litigano (vero nikolik?), trovare chi riesce a unire a non a dividere ha tutta la mia ammirazione. Bravo Pulsa!!!

  270. Maurizio

    Bogar, ti dovevo una risposta su Morelli, ti dico solo che se fosse laziale avrebbe il triplo della considerazione e degli aiuti.

  271. andrew

    Informazione importante:

    Sono in prevendita i biglietti per assistere al passaggio del cadavere di Max sul fiume. L’evento si terrà, in caso di fallimento del progetto di Max, all’idroscalo di Milano.

    Le tipologie dei biglietti sono le seguenti:

    1) Palco federale. Riservato alle autorità. Euri 5000
    2) Tribuna d’onore. Per maestri e dirigenti di circolo. Euri 1000
    3) Prato. Per gli altri. Euri 100

    Sono inoltre previsti dei posti speciali per bambini su battelli che affiancheranno il percorso del corpo.

    Non si danno garanzie sull’effettivo svolgimento dell’evento e i soldi non verranno restituiti.

  272. Nikolik

    Oh Bogar67,
    ma che ne so!!!

    Avrò detto mille volte che con la FIT non c’entro nulla!

    Sono un vecchio federale ma di altre federazioni e, soprattutto, di mentalità!

  273. bogar67

    grande andrew post 347,
    verità sacrosanta, credo che lo stesso mad max ne sia consapevole come è altrettanto vero che se progetto riesce ci saranno parecchi che cercheranno di salire sul carro del genitore vincitore, io per ora ci credo e cerco di aggrapparmi chiedendo consulti 🙂 🙂

  274. Kill Bill

    Pulsatilla,
    per curiosità …
    ”@ vergogna (che poi sarebbe STEF, l’ammiratore triestino di max)”
    come fai a sapere chi è Vergogna ? …. sei esperto di linguaggio blogbistico tanto da ricondurre a un nome ben preciso un post anonimo ?

  275. Kill Bill

    Nikolik,
    ” Sono un vecchio federale ma di altre federazioni … ”
    gasp .. addirittura di altre ( più d’una )!!!!!

  276. pulsatilla

    @342 Nicoxia
    non ho capito, però se mi dici così mi metto a piangere e non mi fermo più.

    @345 Maurizio,
    grazie. Il tuo post 346 mi dà lo spunto per approfondire. Non conosco il caso di cui parli, però non mi stupirebbe per niente. La FIT e, più in generale, l’ambiente del tennis, è un ambito politico. E questo Max lo sa meglio di me. Max sa anche che sarebbe preferibile muoversi in silenzio, cercando amicizie “utili” e creando alleanze favorevoli, come si fa in questi ambienti omertosi. Se non lo fa – e lui fa esattamente il contrario – a lui va tutta la mia ammirazione.
    Poi lo ammiro anche per altre cose, ad esempio il coraggio di fare scelte radicali, mettendo in conto naturalmente un eventuale insuccesso.
    Quello che non mi piace, e non ho mancato mai di dirglielo, è che si lascia prendere troppo la mano, usa la sciabola quando basterebbe il fioretto e offende, cosa che in un blog pubblico non si fa mai, perchè si perde anche di autorevolezza e di credibilità.
    Ora il suo nemico, autoelisosi Stefano Grazia, è Ivano. E’ un’altra voce molto interessante, benchè diametralmente opposta, che va ascoltata con attenzione. Poi il tempo ci dirà chi avrà ragione. Sarà un duello tipo Graf-Navratilova?

  277. pulsatilla

    @350 Kill Bill

    Forse ti sei perso qualche puntata. Il linguaggio e lo stile è quello. Mi piace di più quando parla in triestino puro e prende per i fondelli senza pietà. Non compare più come STEF forse perchè Max ha fatto qualche protesta vibrante con Alessandro,però è lui. Appena la discussione inizia a scaldarsi intorno a max ricompare.

  278. atti

    Andrew…
    è un peccato che il tuo pargolo non giochi piu’ a tennis… con il tempo avresti capito meglio….
    E non offendere…corpo di mille balene !!!!

    Nikolik….
    se ti dicessi che non vedo neanche giocatori giovani già in classifica mondiale …che secondo me, non hanno la giusta mentalità.. che mi dici ? figurati dei ragazzini…
    Certo se vincono e sono nel cerchio ristretto…sembra, ma è ancora presto…. ne ho visti troppi sciogliere….
    Tu forse ti riferisci alla predisposizione, al talento, al fisico…. ma per il resto…parliamone.

    FDC
    …certo sicuramente avete dei risultati… ma io parlo che possano portare a fare un professionista.
    Certe qualità sono innate… possiamo migliorarle..ma sono innate.

  279. L’autoelisosi Stefano Grazia conferma la sua antica diagnosi … si chiama sindrome maniacale ciclica ossessivo-compulsiva: ma per mad max io ho coniato un nuovo termine, Sindrome dell’Old Faithful ….c’e’ la deflagrazione, poi la calma che segue la tempesta, comportamento normale e anzi esemplare quanto a sobrieta’ tanto che chi ti sta intorno crede che tu sia cambiato, poi dopo un po’ cominciano a riapparire segnali qua e la’, poi sempre di piu’, quasi prendesse coraggio e al contempo perdesse i freni inibitori, fino al delirio megalomane puro e all’esploaione finale quasi liberatoria…poi un periodo di silenzio piu’ o meno lungo, poi la ricomparsa con post sobri e a volte perfino moderatori… fino di nuovo all’escalation finale che mi ricorda l’Old Faithful, il geyser dello Yellowstone, cosi’ chiamato perche’ regolarmente compare col suo getto ogni due,tre ore circa …prima qualche zampillo, poi un zampillo sempre piu’ grande, infine uno scoreggione fragoroso e scoppiettante … Non tradisce mai …Sono pero’ contento di aver letto il post di nicoxia, e non lo dico per seminare zizzania, ma ne avessi letti altri, magari avrei prestato anche piu’attenzione alle sue critiche nei miei confronti ( era questo che intendevo dire negli ultimi due,tre anni…) …Comunque, io ho fallito su tutta la linea e la mia opinione non conta nada…

  280. Vincenzo Gerbino

    Ciao mad, io ho iniziato a scrivere su questo blog perche sapevo che qualcuno riportava cose lontane dalla verità .
    Sono sicuro che hai capito, e sono sicuro che hai aiutato tanti genitori a vedere la strada verso l’alto livello, così nello stesso modo come faccio io da sempre.
    Mettendoci la faccia come fai te. Prendendo rischi e senza risparmiare energia.
    Ma gli altri genitori cosa ti hanno dato?

  281. Madmax

    Ecco un’altra puntata di Scherzi a Parte..

    Nico forse tu facendo il tassista non hai la possibilità di sapere prima le cose perchè i clienti non sai mai quanti saranno, mentre io ho sempre fatto altro e le cose le ho sempre dovute sapere per forza prima..

    Prima di tutto però mi preme consigliarti di non spendere parole di cui non ne conosci il significato perchè l’amicizia per me è una cosa molto seria e importante e visto che noi ci siamo visti solo quattro o cinque volte escludo a priori la possibilità al momento di essere amici..

    A proposito di questo io e Fabio ci conosciamo da vent’anni, dopo di che lui è un professionista vero che ha “scelto” Alessia senza nemmeno sapere che fosse mia figlia e quindi l’aiuta non certo per la nostra amicizia e non smetterà certo di aiutarla se mai un giorno dovessimo smettere di essere amici.. (cosa di cui non ne esiste nemmeno lontanamente il motivo)

    Ma visto che appunto l’amicizia c’è io potrei mandare a cagare dalla mattina alla sera Buzzelli che il nostro rapporto non cambierebbe lo stesso ed anzi se io gli dicessi che il SB è una cagata ne prenderebbe probabilmente le distanze.. Semplicemente perchè sa che se lo dico è vero..

    Cosa che assolutamente non farò perchè una cagata non è se preso per quello che è realmente, infatti la porcata è far credere che sia quello che non è e che possa sostituire quello che non potrà mai sostituire e non dire che è un buon attrezzo di supporto..

    Tra l’altro poichè Fabio si è accorto che la PA in Italia è prossima allo zero in questo momento è sensibile a qualsiasi cosa che possa aiutare il nostro tennis in questo senso e non sarò certo io a disilluderlo visto tra l’altro è quello che vado dicendo (anche a lui) da sempre..

    Entrando poi nello specifico dell’avere bisogno di qualcuno o del modo di pormi anche qui essendo un tassista mastichi molto poco di politica al contrario di me che la conosco come le mie tasche..

    Fino a che esiste la possibilità che mia figlia diventi forte posso dire e fare ciò che voglio che tanto tutti (ma proprio tutti) continueranno a starmi attacati con il lucchetto chiuso a doppia mandata.. Ovviamente perchè sanno che altrimenti dopo sul carronon ci salgono.. E ad oggi le possibilità sono molto alte..

    Dal momento che non esisterà più questa possibilità non solo mi mollerebbero tutti, ma chi ne fosse nelle condizioni cercherebbe anche di farmela pagare ma a quel punto non avrei più bisogno di nulla perchè Alessia smetterebbe di giocare o lo farebbe da sola per puro divertimento e al massimo andrebbe all’Università..

    Per cui vai tranquillo che so cavarmela benissimo da solo anche senza i tuoi consigli.. Se un giorno invece dovessi decidere di fare il tassista stai tranquillo che saresti il primo ad essere interpellato.. 🙂

  282. Madmax

    Vincenzo..

    Non ci crederai ma oggi leggendo alcuni post mi sei venuto in mente e ho capito tutto!! 🙂

    E’ vero mi hanno dato poco (alcuni però qualcosa mi hanno dato soprattutto quelli da cui non mi sarei aspettato nulla), ma io e questo è evidente sono un libidinoso di natura per cui dire tutto prima e un giorno ricordarglielo di averlo fatto mi alletta alquanto… 🙂

    E poi qualcuno mi ascolta per cui se un giorno anche un solo ragazzo avrà potuto beneficiare dei miei consigli ne sarà valsa la pena.. 🙂

  283. Atti,
    i bambini con cui stiamo portando avanti il progetto non sono cavie…… Sono bambini che hanno una ottima predisposizione al tennis e buone prospettive. Forse non arriveranno ai vertici del tennis mondiale perchè è un percorso per certi versi imponderabile, ma posso garantirti che la loro risposta sta superando le più rosee aspettative. Ti dico di più: questi bambini sono la testimonianza che si può fare mentale dalla più tenera età in un certo modo e che si può lavorare sin da giovanissimi perche non si abbiano certi atteggiamenti in campo controproducenti da adulti. Vedere questi bambini comportarsi in un certo modo, vederli divertirsi anche in competizione in modo sano e positivo alla loro età è una soddisfazione immensa che ripaga di tanti sacrifici e di tante battaglie!!!!

  284. Vincenzo Gerbino

    Grazie madmax , nelle vacanze di Natale faro molto probabilmente uno stage con due coach italiani molto preparati che sanno come si vince.
    Se vuoi venire ad allenarti con noi, dal 26 dicembre al 31 dicembre fammi sapere. per tua figlia lo stage sarebbe gratuito.

  285. pulsatilla

    Vincenzo,
    sei riuscito a passare indenne attraverso il tritamaestrimax. Non è cosa da poco.

  286. Vincenzo Gerbino

    Pulsatilla
    Passione, motivazione , coraggio , ci accomunano .
    Molti al mio posto avrebbero fallito qui in valle d’aosta.
    Senza amici (quelli veri pero ci sono sempre) e tanti nemici pronti a sbranarti, ma e proprio grazie ai nemici che so quanto valgo.
    Io come altri andiamo in campo e diamo tutto quello che abbiamo, in campo che ci sia uno che non l’acchiappa mai o uno buono per me e’ uguale, ho scelto di fare il maestro del circolo, ma dipende come lo fai.
    Il mio sogno un mio allievo/a in cima alle classifiche vere.
    molti sogni li ho già realizzati.

  287. ivano

    Pulsatilla
    Provo a scrivere di nuovo un post pseudo serio,perchè non ho veramente piu’ voglia di aver a che fare con il “Bolletta denoartri”…..che peraltro oggi ha di nuovo mostrato tutto il suo valore passando addirittura alle minacce…(post numero 317)…….si è ulteriolmente qualificato da solo…….si è mostrato per quello che è…….qui mi fermo perchè non voglio mettermi sul suo stesso piano…..
    Allora tornando al post vi faccio un bel paragone con il golf che è la mia passione preferita……
    Se io da domani decidessi di far iniziare mia figlia a giocare a golf e mollo qualsiasi cosa e la faccio allenare 6-7 ore il giorno (io che a golf non sono nulla) è chiaro ed evidente che nel giro di 3-4 anni mia figlia sarebbe una delle prime d’Italia della sua eta’…….
    Bisogna capire pero’ bene il perchè !!!!!
    Allora la mia risposta è questa,le altre ragazzine italiane che vanno a scuola non hanno la possibilita’ di allenarsi tutti i gg 6 ore quindi è evidente che io in un anno faccio quello che loro hanno fatto in 4,ma questo non è assolutamente garanzia di successo…..
    Stesso vale per la PA………
    Pero’ cosa succede a un certo punto,quando si arriva a 16-17-18 anni….primo tutti i ragazzini sono sviluppati quindi si comincia a ragionare alla pari…poi in quel momento tutti i ragazzini sapranno giocare bene a tennis…….tutti i ragazzini saranno bene allenati tecnicamente e soprattutto fisicamente(perchè a quel punto tutti potranno reggere certi carichi di lavoro)………
    Quindi cosa fara’ la differenza tra un buon giocatore e uno che riuscira’ a sfondare????? semplicemente le maggiori energie psichiche la maggior voglia di arrivare all’obiettivo……ma se io ne ho sprecate tantissime prima arrivo a quell’appuntamento che sono scarico,quindi quando le partite inizieranno a girare su pochi punti non saro’ in grado appunto per minor forza psichica di portarle a casa……..oltre che faro’ sempre di piu’ enorme fatica per esempio anche ad andare in giro per il mondo,perchè sono gia’ bello e spremuto………ricordatevi che anche i grandi fuoriclasse sono degli esseri umani con tutti i problemi comuni che si possono avere,non sono dei robot…….
    In conclusione vi dico che per me la cosa piu’ importante nella crescita dei nostri figli sta soltanto nella ricerca giornaliera di serenita’(sul campo da gioco) nel vederle sorridere mentre si allenano e nel non vedere quei visi bianchi latte con occhi neri di fatica che solo a guardarli ti dicono”Non ne posso piu”……….
    E se poi sbagliano 3 diritti in piu’ ed anche se perdono 10 volte al primo turno ma chi se ne frega…….l’importante e’ che il viso sia sereno e che ci sia il sorriso sulle labbra……..
    Cari genitori ricercate solo questo…….il mio è sempre e solo un consiglio fate poi quello che volete…….

  288. Maurizio

    Ivano, in linea tendenziale sono d’accordo con te, ho più volte detto in questo blog che per “provarci” non sono disposto a pagare qualsiasi prezzo, esistono però due questioni, una è che la competizione tennistica professionistica è talmente elevata, che solo una impostazione oserei dire “talebana” può portare a sperare in certi risultati. Non ritengo quindi giusto dire ma se perdono 10 volte al primo turno, ma chi se ne frega, uno perchè chi lo dice è abituato con i figli a vincere e quindi è poco credibile, due perchè se è vero che lo sport deve essere anche una scuola di vita non si può insegnare al proprio figlio che se si perde è meglio riderci su, io preferisco insegnargli che se perdi devi impegnarti di più.
    La seconda questione, l’ho vissuta sulla mia pelle, ho avuto dei genitori che mi hanno fatto fare sport molto serenamente, anche troppo, nel senso che poi è mancato l’auto e lo sprone che invece mi sarebbe servito.
    penso che anche su queste questioni la via di mezzo sia quella corretta, è giusto sdramatizzare, ma se vuoi ottenere risultati devi lavorare e anche duramente, e non vale solo per il tennis, ma per tutti i campi della vita.

  289. Madmax

    Vincenzo…

    Non so che dire sono quasi commosso.. 🙂

    E assolutamente faremo di tutto per esserci… Tienimi per favore informato se farai o meno la cosa…

    Pulsatilla…

    Vincenzo è passato indenne non certo perchè mi ha dato spesso ragione o perchè mi ha fatto qualche complimento, ma semplicemente perchè non conoscendomi di persona e guardando solo i fatti mi ha trattato alla pari e apertamente come si dovrebbe fare con qualsiasi persona che si occupa delle stesse cose…

    Poi magari ci incontriamo mi vede all’opera e dice apertamente che secondo lui è stato un caso e sono stato solo fortunato.. A quel punto uno potrà essere d’accordo o meno ma sarà la sua opinione secondo il suo metro per qualcosa che ha valutato di persona..

    Voglio dire, dice quello che è o quello che per lui è ma non vende nulla per quello che in realtà non è e non travisa la realtà..

    Basta leggere qui sopra cosa scrive il pagliaccio e se uno non sapesse come stanno esattamente le cose penserebbe che mentre tutte le altre ragazze dell’età di Alessia vanno a scuola lei si sveglia il mattino e va sul campo ad allenarsi, quando al contrario lei non solo va a scuola esattamente come le altre (e nemmeno tutte) ma è dalla prima elementare che risulta sempre la migliore della sua classe e una delle poche che non ha mai e sottolineo mai, NON fatto i compiti a casa e i compiti delle vacanze..

    Quindi non è che io sia il tritamestrimax, sono loro che mi triturano i coglioni con le loro cazzate ed io stare a sentire gente che racconta cazzate dalla mattina alla sera senza dir nulla con il rischio che qualcuno ci caschi anche, non riesco a farlo..

    Poi tocca il punto più alto quando ci racconta cosa bisogna fare per raggiungere l’obiettivo e cosa accade a 17/18/19 anni..

    Glielo avrà detto qualcuno o l’avrà letto da qualche parte perchè lui di sicuro non lo può sapere..

    Al contrario di me ad esempio che lo so benissimo perchè ci sono proprio passato da quello specifico periodo e so anche cosa è stato fatto per arrivare a quell’età ed essere in grado poi di spiccare il volo..

    Lui e tanti altri però parlano.. E cosa ci vuoi fare finchè glielo permettono..

  290. nicoxia

    Max,hai ragione non hai bisogno del mio parere,che ci vuoi fare sono solo un povero taxista senza esperienza di vita .

  291. Madmax

    Guarda Nico, qui non è nemmeno un problema di esperienza, perchè quella chi più chi meno ce l’hanno tutti ed anzi una persona di 70 anni l’ha ancora più di noi, ma questo non significa che dobbiamo stare ad ascoltare chiunque dica la sua..

    Arrivo anche a dirti che non ho nessun problema a credere che tu dica certe cose in buona fede e per darmi un buon consiglio ma tu pensi che per una cosa del genere non abbia valutato tutto dalla A alla Z da tempo ??

    Se lo pensi ti sbagli e di grosso… E nessuna possibilità esiste che mi possa sbagliare… in questo..

    Mia moglie ormai si mette tutte le volte a ridere perchè le dico prima cosa accadrà nei sei mesi successivi e puntualmente accade..

    Cmq dai chiudiamola qui e organizza una bella giornata di allenamenti quando vuoi così facciamo pace.. 🙂

    P.S. Solo se parli da tassista però, da Istruttore ti mando a cacare!!!

  292. ivano

    Maurizio
    Il messaggio che da il “bolletta denoartri” non solo è sbagliato,ma è anche controproducente e lesivo per i bambini…..
    A quanto ho capito sono circa 3 anni che ha fatto sta roba…..bene a 10 anni la bambina non era sicuramente in grado di scegliere quindi è stata una sua imposizione(sicuro!!!!)……
    Cosi’ non si costruisce la persona,cosi’ non si lavora sulla crescita dell’individuo,in questo modo si espleta una vera e propria dittatura………
    Chi dice che non si deve lavorare duro???
    Cè pero’ un limite a tutto………qui siamo molto oltre,qui siamo alla follia………
    NO QUESTO MESSAGGIO NON DEVE ASSOLUTAMENTE PASSARE MAI,E SOTTOLINEO MAI……..
    In un post rivolto ad Atti vi ho detto di una fuoriclasse…….
    Bene il suo percorso fino a 17 anni è stato esattamente quello che vi sto dicendo io,ne piu’ e ne meno………
    Poi cè pure chi arriva con il percorso Bolletta !!!!!per l’amor del cielo,ci mancherebbe altro!!!!!
    Pero’ che lui abbia la presunzione di dire che sia l’unico modo di arrivare è pura falsita’……
    La fuoriclasse da me menzionata ha fatto esatto contrario…….
    E la sorella???? che faceva percorso bolletta ha smesso a 16 anni……
    Odia infinitamente il tennis e il padre………
    In definitiva per me ci sono varie strade percorribili che devono tener pero’ ben presente uno sviluppo psico-fisico armonioso e rispettoso nei confronti dei ragazzi……questa è la prima cosa!!!!!!
    Tanto arriva solo chi ha la stoffa ricordatevelo!!!!!!

  293. ivano

    Parlando di stoffa,quindi di capacita’ vi tiro in ballo un argomento….
    Come mai negli ultimi 30 anni non abbiamo avuto un maschio top ten mentre invece nelle donne si ??????
    La risposta la si puo’ trovare andando nel mezzo di una qualsiasi scuola calcio di buon livello……ecco allora capirete il perchè!!!!!
    I migliori bambini in termini di capacita’ cordinative a 5-6 anni sono indirizzati dai genitori nel calcio,poi che succede dopo 2 anni quando a calcio fanno panchina decidono allora di venire a tennis…….
    Ma se non son buoni a calcio(e quindi scarse capacita’ cordinative)io a tennis che ci devo fare???? la fittura di pesce !!! il cacciucco!!!
    Di sicuro non posso nutrire speranze da top player!!!!
    Mentre nelle donne dove siamo piu forti dove abbiamo sfornato annualmente quantomeno delle top 20,il tennis è la prima scelta da parte del genitore assieme alla pallavolo,quindi per forza che i risultati son diversi……ci ritroviamo quantomeno le migliori bambine qualitativamente parlando sul mercato……….
    Ecco da qui si parte!!!!! poi viene tutto il resto(lavoro duro,programmazione e bla bla bla bla bla gia’ detto e ridetto 1000 volte)

  294. ivano

    Apparte Nadal che è l’eccezione che non fa la regola,guardate la nazionalita’ di tutti i grandi del tennis accorgendovi che la loro provenienza è da paesi dove il calcio è poco famoso dove con il calcio si guadagna poco quindi i migliori talenti sono sicuramente stati indirizzati da subito al tennis……
    Svizzera,Serbia,Stati uniti,Svezia,Repubblica ceca,Romania,Australia…..
    In questo modo vi accorgerete di quello che ho scritto sopra…..

  295. Maurizio

    Ivano, guarda che l’abbiamo detto altre volte, il problema maschile, non è solo italiano, ma statunitense, australiano, inglese etc, ma chi è il pazzo di un atleta americano o dei suoi genitori che anzichè far giocare il figlio a footbal, basket o baseball lo fà giocare a tennis, allenandosi il doppio guadagnando meno e con enne possibilità in meno di diventare professionista.

  296. Maurizio

    Ritornando al discorso di prima, immaggina che un genitore con figlio/a di 5/6/7 anni si avventura per la prima volta in questo sito e legga il tuo post dove dici, ma chi se ne frega se perde 10 volte al primo turno, a parte che ribadisco con le figlie vincenti che hai non sei credibile, sai cosa succede quando un ragazziono perde 10 volte al primo turno? nella migliore delle ipotesi cambia sport, nella peggiore non praticherà più sport.
    Io ho capito il tuo messaggio, però a mio avviso non è così chiaro per chi non ci è ancora passato.

  297. Maurizio

    Poi il discorso della stoffa, è di un disfattismo incredibile, ci sono bambini che sembrebbe non abbiano la “stoffa ” per nulla, studio, sport, musica, cosa facciamo li mandiamo al macero?
    A me piace pensare e così mi propongo come educatore che se una persona si dedica anima e cuore ad un progetto può realizzarlo e questo è un concetto che vorrei che mia figlia facesse proprio e lo passasse un domani ai suoi figli.
    Ivano ciò che è devastante per i nostri figli è il cosidetto “cazzeggio”, non avere un obiettivo chiaro e forte nella vita. Poi, l’obiettivo puoi anche non raggiungerlo, ma ti puoi impegnare come stai facendo tu a farlo raggiungere a qualun’altro, Fosccolo diceva che non è la festa ad essere bella, ma i suoi preparativi.

  298. ivano

    Maurizio
    Puo’ darsi che se mie figlie hanno vinto mezza partita sia proprio da motivare con il fatto che siano tranquillissime sia che vincono sia che perdono???????
    Devono solo pensare a divertirsi e migliorare?????
    Domande no certezze !!!!!

  299. ivano

    Maurizio
    Perfettamente daccordo…….
    Chi ha detto al macero!!!!
    Pero’ nemmeno illuderli va bene……..
    Il cazzeggiooooo…..lo odioooooo……….perfettamente daccordo……

  300. ivano

    Maurizio
    post 373
    Non avevo visto che parlavate di questo in altri post…..
    E allora mi domando…..come mai dovete andar contro la fit,i maestri e i circoli se si comprende che il problema sta alla base sta nel reclutamento……

  301. pulsatilla

    Ivano
    a proposito del 365
    in linea di massima non posso che essere d’accordo
    però il pensiero nasce dalla tua esperienza personale, due figlie che fisicamente non sono in grado di sopportare carichi di lavoro di un certo tipo etc…
    Malgrado questo, vincono in Italia tutto quello che c’è da vincere, e qui tu dimostri come genitore di avere i piedi ben piantati per terra.
    Io sono nella condizione opposta, ho un figlio con un fisico da paura, non conosce la fatica, ha una passione (purtroppo per me) travolgente per il tennis, vorrebbe un allenamento più duro e, quando nei mesi estivi ha avuto un allenamento durissimo di 8-9 ore al giorno, voleva fare di più, voleva allenarsi di più. Io non sono nella condizione di soddisfarlo. Naturalmente tutto nasce da lui.

    Volevo dire che se il tuo punto di partenza fosse stato diverso, probabilmente anche il tuo pensiero lo sarebbe stato. I ragazzi sono tutti diversi. Ognuno ha caratteristiche fisiche diverse e motivazioni personali-intime diverse. la bravura del maestro sta anche nel comprendere quanta profondità di motivazione risiede in ognuno.
    Non so quanto e come si allena Alessia, ma io non credo alla storia dei bambini spremuti come limoni. I bambini hanno risorse di energia inesauribili e se le esauriscono prima del tempo o se compaiono dolori strani, allora bisogna indagare sulle motivazioni e si scoprirà che non sono poi davvero così profonde.
    Non credo nemmeno alla storia del genitore che impone il suo sogno al figlio. Se succede questo, e il sogno non è corrisposto dal figlio, prima o poi il giocattolo si rompe.

    Per quello che riguarda ciò che hai detto dell’energia psichica non sono d’accordo con te. Quella di cui parli è un’energia che può mancare a ragazzi per niente spremuti (e ce ne sono tanti) e viceversa può crescere durante la maturazione caratteriale di ragazzi spemuti al massimo. Open di Agassi è illuminante al riguardo: chi c’era in giro più spremuto di lui? Eppure si può dire che sia cresciuto come forza mentale solo quando era già vecchio per il tennis, spinto da nuove motivazioni e con una situazione affettiva finalmente soddisfacente.

    P.S. perchè bollettadenoartri? E’ un po’romaneggiante non trovi? Allora meglio: bollettaghepensimì.

  302. Maurizio

    Chiedo scusa per la citazione del post 375, non è Foscolo ma Leopardi “Il Sabato del Villaggio”.

  303. Mastro Ivano, a volte posso non essere stato d’accordissimo con te ( per esempio quando all’inizio cinguettavi con mad max non sapendo a cosa andavi incontro o con certe tue filosofie minime ma qui si tratta di background culturali diversi e il discorso sarebbe troppo lungo) ma come forse si leggera’ dal prossimo articolo se mai trovero’ il tempo di finirlo, non ho mai capito perche’ nella faida fra te e max, nessuno abbia davvero e sottolineo davvero preso le tue parti…in fondo, voglio dire, anche come risultati, Ivano batte Max 3-0, anche se come ben sappiamo tutti e tutti ci ripetiamo fino alla nausea a questo livello quel che conta di piu’ non e’ vincere i Nazionali ma il Pitential e magari, non so, dico magari, quello potrebbe averlo di piu’ Alessia rispetto alle due Pierine … nulla di male, nulla di cui vergognarsi, nulla di cui disperarsi,NULLA DI CUI VANTARSI …ognuno ha fatto e fatto il suo lavoro, non sta qui la follia…la follia e’ che qui c’e’ uno, mio excompagno di merende e da me difeso anche strenuamente nei primi due anni in quanto giudicato allora duro e puro, si arroga il diritto di fustigare tutti, e fin qui nulla di male, pero’ poi s’incazza, s’adombra, si offende se poi qualcuno non ci sta …E fin qui si tratta semplicemente di relazioni interpersonali… ma la follia, secondo me, e’ che qui in molti hanno cominciato a credergli, a credere davvero che Lui sieda alla destra dei grandi, che Piatti gli telefoni alla sera per chiedergli consigli su come fare a crescere Rocco, che Sartori lo chiami per dare un’aggiustatina al dritto di sua figlia, che Della Vida gli chieda il vincente per la quinta corsa ( be’, magari questa e’ l’unica cosa vera…)
    incredibilmente, io sono stato e sono tuttora un grande estimatore di D’Auria Massimiliano ma non lo sono piu’, e da tempo, del Max a cui affibbiai una volta l’azzeccato ma affettuoso nomignolo di Mad ( si, fui proprio io…) e che invece ora di e’ trasformato nella Parodia di Se Stesso, il Portatore del Verbo, il Guru…ma vaffanguru, guru … sono i modi, i toni, il porsi …
    D’Auria Massimiliano sembra un padre affettuoso, uno studioso del gioco, un simpatico conviviale, un geniale ‘assemblstore’… mad max e’ invece un megalomane cafone pieno di se’ che ha probabilmente perso ogni contatto con la realta’, Principe Buzzurro e Abominevole Uomo delle Reti in toto… Magari dalla geniale combinazione delle due anime salta fuori la formula del Perfetto Genitore del Tennista, chissa’… Comunque, tornando ad Ivano, i due posts 371 e 372 sono brutalmente esplicativi e vecritieri…oddio, c’eravamo arrivati anche noi in precedenza, ma in effetti cosi’ brutalmente la verita’ non era mai stata presentata … E infatti abbiamo sempre scritto che il tennis e’ l’unico sport femminile che offre soldi e stardom alla pari di uno sport maschile, nfl basket baseball in us o soccer nel resto del mondo… poi ci sono i fenomeni come Tiger o Usai Bolt o la Pellegrini in Italia, ma alla fine il tennis per una donna e’ come il calcio per un uomo e quindi se sei una donna e vuoi eccellere nello sport, scegli il tennis…se sei un maschio scegli il calcio o se sei in us scegli football, basket, baseball, golf… in newzealand scegli il rugby, poi il rugby e infine se proprio non c’e’ altro scegli il rugby…

  304. ivano

    Pulsatilla
    Preciso e perfetto come al solito !!!!
    Allora io ho sempre detto che il vestito va calzato a secondo di che abbiamo davanti…..
    Nel caso specifico di tuo figlio è chiaro che deve fare tanto ma tanto di piu’ rispetto alle mie…..
    Pero’ quanti anni ha tuo figlio????

  305. Maurizio

    Ivano, io personalmento non sono contro la Fit, sono contro alcune cose che ha fatto la fit, guarda che la rovina dell’italia, è proprio questa visione manichea delle cose, o sei totalmente con me o sei un traditore.
    Io più semplicemente penso che la fit ha lavorato bene ma che ha fatto anche degli errori alcuni evitabilissimi, il più grave dei quali a mio avviso è stato non collaborare e comunicare a sufficenza con il principale sponsor del tennis giovanile, i genitori.
    Detto questo e qui porto acqua al mio mulino, ti sembra normale che un responsabile tecnico abbia due regioni in affidamento ed in una stia lavorando da 5 mesi, e nell’altra non conosca nemmeno il viso degli atleti?
    A me non sembra normale.

  306. Ivano,
    “Quindi cosa fara’ la differenza tra un buon giocatore e uno che riuscira’ a sfondare????? semplicemente le maggiori energie psichiche la maggior voglia di arrivare all’obiettivo……ma se io ne ho sprecate tantissime prima arrivo a quell’appuntamento che sono scarico,quindi quando le partite inizieranno a girare su pochi punti non saro’ in grado appunto per minor forza psichica di portarle a casa……..”

    Su questo punto sono in totale disaccordo per diversi motivi. Come ho detto e ripetuto migliaia di volte, il mentale NON è qualcosa che ti porti dentro alla sacca del tennis, lo usi in partita e poi lo rimetti a posto insieme all’altra attrezzatura. Il mentale te lo porti dentro e fuori del campo perchè è parte integrante del tuo carattere. Ed il lavoro sul carattere dei bambini va fatto sin dalla tenera età. Se non ti bastano le mie parole ti cito l’esperienza di uno che quanto a forza mentale è secondo a pochi altri: “Non ricordo di una volta in cui io non sia stato mentalmente forte. E’ una cosa che ho fatto sin da quando ero junior. Non sono stato grosso o forte come molti altri giocatori. Dovevo trovare un vantaggio competitivo sugli altri giocatori perché certamente non li avrei superati per la potenza o per un servizio migliore.” Hewitt

  307. sono anche d’accordo sulla precisazione di Maurizio: se perdi 10 volte di seguito e ti sei divertito un sacco, magari qualcosina che non va c’e’…se perdi 10 volte di seguito e non senti l’impulso di lavorare di piu’ o diversamente per migliorarti, questo la dice lunga… pero’ in generale vale sempre il mio vecchio motto: non conta il vincere, non conta aver perso…cio’ che conta veramente e’ how you fight, l’aver ben combattuto…
    A mio figlio di recente dicevo:
    ma tu oensi che io sarei orgoglioso di aver come figlio Balottelli?
    Risposta: no
    Di aver come figlio Zuckermann, il nerd che ha inventato Feisbuk e che non ha mai fatto sport in vita sua?
    Risposta: ancora no
    Di aver come figlio uno che ad A non ci arriva a scuola e che non va oltre il secondo terzo turno di un torneodi qualsiasi sport MA s’impegana ogni giorno, studia, si alza al mattino alle sei e va a correre, poi arriva casa e si allena con entusiasmo, fa i compiti e magari trova il tempo dopo cena per 45′ di sensobuzz 🙂 ! …
    Risposta: Abso-fuckin’-lutely ( si, NdT)
    E se questa filosofi vi sembra in contraddizione con la storia della canaglia, rileggetevi TUTTI i miei articili o post, non ho mai sostenuto il contrario, o almeno mi sembra…che poi uno potrebbe essere una Simpatica Canaglia anche senza per forza primeggiare o perdersi nelle retrovie …

  308. ADDIRITTURA

    la lucida follia del progetto max spaventa addetti ai lavori “vecchio stampo” radicati al pensiero originario che il “Campione lo manda sempre e comunque il Barbetta”.
    Io rimango convinto avendo seguito sin dalla sua genesi l’epopea G&F che escludendo il fattore SFIGA, i percorsi per il successo siano vari e singolari per ogni Campione, ma per l’Atleta Moderno(sicuramente predisposto ma non dico predestinato!) alcuni punti CARDINE, fermi e ricorrenti del percorso siano definiti.
    Max che cmq si sente sempre “work in progress”, dispostissimo a farsi aiutare da chi ritiene all’altezza, li ha capiti.
    Da quello che ho visto in campo e fuori, credo che se la figlia di Max decidesse di smettere, ebbene sarebbe una decisione comune come quella di provarci SERIAMENTE.

  309. Maurizio dice:Ivano, io personalmento non sono contro la Fit, sono contro alcune cose che ha fatto la fit, guarda che la rovina dell’italia, è proprio questa visione manichea delle cose, o sei totalmente con me o sei un traditore.

    Completamente d’accordo, ed e’ questo, non credi?, il veleno che sta corrodendo Mad Max …

  310. ivano

    Maurizio
    Vedi sono modi diametralmente opposti di vedere le cose…….
    Io non mi porrei la domanda se è normale o no che un tecnico faccia questo…..
    Io farei di tutto per far si che il tecnico sia obbligato a tenermi in considerazione,(in termini di gioco e purtroppo si anche di risultati,perchè per essere considerati un minimo ci vogliono)questo è come ragiono io…….cerco sempre di risolvere il problema alla base(se riesco)

  311. ivano

    Federico
    Certo che è un bagaglio che ti porti dietro….
    Certo che lo si costruisce sin dalla tenera eta’
    Ma chi lo costruisce???? La famiglia con le giuste regole e con il giusto equilibrio nel condurre la vita…..

  312. Ivano,
    come giustamente ricordava Maurizio, negli Stati Uniti prima di indirizzare un ragazzo al tennis ci provano con il basket, il football americano ed il baseball; in Australia, con il rugby, Australian rules e cricket etc. Un certo Federer ha dei trascorsi calcistici non da poco, in un paese in cui il calcio è comunque il primo sport. In Rep. Ceca i bambini sono sottoposti a test psico attitudinali a sette anni e vengono indirizzati già da quell’età agli sport verso cui hanno più predisposizione naturale…….
    La competizione tra gli sport c’è sempre stata e ci sarà sempre. Il problema fondamentale è quello dell’organizzazione, delle strutture e dell’ appeal che uno sport esercita rispetto agli altri. E’ qui che dovrebbe intervenire la federazione.

  313. post 389:federivo, ivano…e anche nicoxia, toh!
    sara’ anche vero, ma io sulla reale capacita’ di intervento e determinazione della famiglia sul carattere del proprio figlio ho seri dubbi… voi direte che e’ chiaro che io ho sbagliato tutto fin dall’inizio, io continuo a credere di aver fatto tutto giusto o almeno quasi ( cioe’, tanti troppi sbagli li ho fatti ma perche’ e’ impossibile non farli, ma in linea di massima gli insegnamenti giusti e l’esempio credo di averli portati avanti) e che vale alla fine il It’s my nature, disse lo scorpione … Il Genitore incide al 15%, via…O meglio puo’ incidere all’80% se e’ un alcolizzato, drogato, beone, violento senza una ragione, psicopatico,obeso,interessato allo sport solo da tifoso ultras del Chelsea, mafioso, camorrista e stupratore…in quel caso di solito il figlio, per puro spirito di contraddizione adolescenziale, diventa Governatore della California …Ma non vorrei anticipare troppo i temi dell’ultimo Saghe Mentali in Stato di Grazia…

  314. ivano

    Pulsatilla
    Quindi 13 anni !!!!!
    A che cazzo serve fare 8 ore al giorno a 13 anni????
    Fai capire al ragazzo che se ne fa anche 3-4 ma fatte bene bastano e avanzano…….fai capire che se magari non vince il problema non sta nel numero di ore ma in altro…….e qui pero’ mi fermo perchè l’altro sara’ il suo maestro a decidere cosa sia……..sempre alla base va risolto il problema….
    Ma basta vedere come ragionano i federali per capire le cose……fino a 15 anni non ti s’inculano di striscio(e io aggiungo giustamente)……

  315. ivano

    Federico
    Sbagli…….la fit cosa puo’ fare????
    In TV si vede solo calcio,e poi calcio e ancora calcio….in piu’ ci metti che i calciatori guadagnano bene,quindi un genitore dove lo porta il figlio????
    La fit inteligentemente per ovviare a questo che ha fatto??? un tv solo di tennis………criticata e controcriticata da tutti…….
    Perchè al mondo cè gente che non capisce un cazzo……
    La fit ha cercato di risolvere a monte il problema e in parte ci è anche riuscita(aumento notevole di praticanti)

  316. Ivano,
    “Ma chi lo costruisce???? La famiglia con le giuste regole e con il giusto equilibrio nel condurre la vita…..”

    D’accordo Ivano ma ti faccio questa domanda: quanti ragazzi hai sul campo che provengono da famiglie normali, da genitori equilibrati, che educano in bambini in modo ottimale MA poi in partita si sciolgono mentalmente e viene fuori il lato oscuro del loro carattere?
    E’ qui che sta la differenza. Ad un bambino che ha qualche talento puoi insegnare a nuotare buttandolo da solo in alto mare. Può darsi che impari a galleggiare, può darsi che impari a nuotare ma quante probabilità ci sono che anneghi? Quante probabilità ha di imparare da solo uno stile di nuoto ottimale? Molti maestri fanno esattamente la stessa cosa quando demandano le abilità mentali dei bambini “all’esperienza in campo”, sperando che il talento naturale faccia il suo corso e pregando che la selezione naturale non li tagli fuori.

  317. andrew

    farei anche notare che è la FIT che, monopolista del mercato, emana la regola “o con me o contro di me”….

    finché la regola è questa, si gioca con questa regola…

  318. ivano

    Stefano
    Non hai nemmeno del tutto torto pure te……
    Non posso giudicare se hai sbagliato o no,anche perchè non conosco la storia…….
    Posso pero’ pensare che il troppo lavoro in eta’ precoce lo abbia stancato e fatto disinamorare del tennis…….
    Ma stai tranquillo che ricomincera’, se riesci continua a farlo giocare per divertimento anche 1 oretta ogni tanto……vedrai che un bel giorno sara’ di nuovo pronto per arrivare al suo massimo….

  319. ivano

    Andrew
    No io ho una scuola molto grossa da portare avanti e ti garantisco che spesso le figlie passano in secondo piano…..

  320. Ivano,
    la Fit può fare tantissimo. Innanzi tutto distinguendo il persorso ricreativo da quello agonistico e riconoscendo i circoli per l’attività che fanno nell’uno o nell’altro senso o per l’uno e per l’altro senso. Secondo, la Fit deve entrare nelle scuole, organizzare stage dimostrativi, coinvolgere i professionisti nella promozione del tennis con i bambini, rimuovere l’atavico preconcetto di pediatri e dottori che sconsigliano il tennis ai genitori ed allontanano potenziali buoni tennisti perchè è uno sport asimmetrico e tutti i preconcetti del genere….. Potrei andare avanti per altri dieci minuti. Allargare la base, senza migliorare i contenuti vuol dire promuovere lo sport in modo sociale. Benissimo!!! Ma questo però non ha nessunissimo effetto sull’aspetto competitivo dello sport, ciò che ci sta più a cuore. Le strutture della federazione aiutano i ragazzi a partire dai 15-16 anni. Come ci ricorda Nikolik, la federazione aiuta finanziariamente i ragazzi meritevoli dall’età dei 13 anni. Ma dal punto di vista delle strutture e della qualità dell’insegnamento, cosa fa la federazione per i bambini dagli 8 ai 15 anni? I CP, e nei CP quale sarebbe l’offerta di insegnamento migliore rispetto ai circoli? Chi sono gli insegnanti nei CP?, Quali strumenti e strutture usano? Che tipo di lavoro di qualità fanno? Che tipo di programmazione portano avanti? E’ convenuta con i circoli e con i maestri di apprtenenza dei ragazzi? E’ uguale per tutti i CP sul territorio?……………..

  321. prince

    Ivano says “Sbagli…….la fit cosa puo’ fare????
    In TV si vede solo calcio,e poi calcio e ancora calcio….in piu’ ci metti che i calciatori guadagnano bene,quindi un genitore dove lo porta il figlio????”

    Dimentichi anche che per fare calcio a livello giovanile i costi sono ridicoli, anzi proprio non ci sono! Se sei buono giochi perchè si investe su di te se non lo sei cambi sport…vai a fare tennis dove visto che paghi sei sicuro di giocare sempre. Magari trovi anche qualcuno che ti dice che sei un fenomeno…bisogna solo investire aumentare le ore ecc ecc…..

  322. pulsatilla

    394
    Ivano
    so che 3-4 ore al giorno bastano e avanzano, ma non si riesce a toglierlo dal campo. Fra l’altro a lui piace anche la PA e spesso lo vedo che si allena da solo con elastici, ostacoli etc..senza che nessuno gli abbia mai detto A.
    Che devo fare se questa è la sua natura?
    E non mi si venga a dire che è la famiglia ad influenzare perchè i genitori sono due felici e tranquilli sedentari.

  323. ivano

    Federico
    Credimi i migliori bambini qualitativamente parlando vanno a fare calcio……….questo è il grosso problema del tennis……….
    La fit non puo’ fare assolutamente niente…..
    E’ ormai radicato nel nostro paese……
    Il calcio viene prima di tutto…….
    Supertennis per me è un cercare (giustamente) di risolvere il problema alla base……..ma che ancora non ha la forza di convincere la grande massa a iniziare con il tennis piuttosto che calcio..
    Prince dice che spendono poco o nulla……vero ma si allenano minimo in 20-25 con un solo maestro(allenatore) e poi estate o inverno, pioggia o vento,freddo o gelo o neve sono sempre e solo all’aperto quindi costi zero….

  324. nicoxia

    Max,avere un amico vero per me è un valore inestimabile,io ne ho molti ma ci ho messo 47 anni per averli,credere nell’amicizia vuol dire comportarsi amichevolmente con chiunque ti relazioni,che non vuol dire essere buoni ma mostrarsi per quello che si è essendo liberi nel pensiero senza secondi fini,io non mi aspetto nulla in cambio do me stesso non faccio gare con nessuno,non seleziono le persone per singoli pensieri o comportamenti perchè mi rendo conto che possono variare nel tempo e sono dettate da situazioni che si vivono in quel momento,io non so se tu diventerai mai un mio amico,certo non sarò io ad arrendermi, però questa osservazione vale per tutte le persone con cui mi sto relazionando.

  325. andrew

    i circoli sono gestori di campi (principalmente per se stessi) e i maestri sono co-gestori dei campi (principalmente per i loro figli)…

  326. ADDIRITTURA

    …comunque anche nel calcio la gestione oratoriale a basso costo sta pian piano per essere soppiantata da “accademie” e “scuole calcio” ben più costose(Ancora non a livello del tennis).Cmq il sistema reclutamento dei migliori da parte dei settori giovanili delle squadre prof. garantisce poi un percorso tutt’ora economicamente ad impatto quasi zero per le famiglie.
    Ai miei tempi ad esempio proprio non si spendeva nulla, nemmeno all’inizio.Difatti il calcio italiano era mooolto più avanti di adesso.Sogno che il tennis in qualche modo possa fare il percorso inverso…

  327. Ivano,
    sai meglio di me che i bambini sono spinti per la maggior parte nelle loro scelte dallo spirito di emulazione. Il calcio è permeato nella nostra cultura, nei giornali, in tv, a scuola. Le scuole calcio sono anche organizzate con i pulmini che passano a prendere e riportare i bambini a casa dopo allenamenti e partite!!!!!
    Ma se sei una federazione che ha degli obiettivi e che vuole lavorare su certi presupposti, ti corci le maniche ed accetti la sfida. Io ho la netta impressione che invece alla federazione, la politica di allargare la base per ciò che riguarda l’ingresso di potenziali giovani aspiranti al tennis agonistico, non è che gliene importi granche. Si lavora soltanto sulla quantità. Per ciò che riguarda la parte agonistica si investe soltanto sugli atleti meritevoli su cui hanno già lavorato i circoli e poi si fa a gara a chi può salire più velocemente sul carro del vincitore.

  328. simplypete

    Andrew…ad Aosta campi comunali in green set senza manutenzione (pagati interamente dalla collettività), dati in gestione al tc Aosta (con appalto? boh….) vengono affittati a 26 € l’ora, presso altri centri privati costano meno quelli in terra rossa….
    Se vuoi lo sconto under devi essere iscritto ai corsi tenuti dai maestri federali….
    Stessi campi comunali in veloce a Garbagnate vengono affittati a 12.10 €,in settimana due under 3.30€ fino alle 17 e 8€ con l’abbonamento di 10 ore…. per tutti.
    Incominciamo dalla pecunia……invece di fare filosofia sull’agonismo….

  329. Madmax

    Senza accorgevene (e come potreste dico io..) mi state dando tutti ragione..

    Stamattina avete scritto molti post voi che sareste (sempre secondo voi) i tranquilli e gli equilibrati, nonostante questo però leggo post diametralmente opposti..

    Ovviamente la differenza di vedute risiede nei diversi tipi di esperienze personali..

    Intendiamoci ottimo che ci sia pluralità di vedute, peccato che nessuna arrivi da un’epserienza diretta nell’aver creato un campione.. E pur con tutto l’impegno non mi sembra un dettaglio da poco..

    Ovviamente il massimo dell’ipocrisia lo raggiunge nel post 370 il nostro eroe che però giustamente che cazzo ne sa su come si fa e quindi va a tentoni e per sentito dire tirando fuori delle soluzioni a casaccio..

    E per avvalorare la sua ipotesi (impossibile formulare delle ipotesi senza conoscere a fondo i dati che portano a raggiungere un obiettivo, ma lui riesce anche in questo) inventa cose al di fuori del pensiero umano del tipo che le ragazze italiane avrebbero fatto meglio dei maschi… Si ma quando sono andate all’estero però.. o allenate da cach stranieri.. che non è per nulla la stessa cosa..

    Poi non contento delle stronzate scritte in precedenza ci da un altro saggio sulle sue conoscenze riguardo la PA..

    INfatti ieri ad un certo punto ci scrive che a 16/17/18 anni tutte saranno cresiute e tutte potranno allenarsi dimenticandosi UN PICCOLISSIMO PARTICOLARE (e questa è veramente eccezionale) che a quell’età potrai solo allenare al massimo quello che hai in mano (anche uno di 40 anni lo puoi portare al massimo delle sue possibilità) mentre fino ai 12/14 sviluppi in modo eclatante le capacità che appunto poi avrai a disposizione a 16/18…

    Affermazione questa veramente da guinnes dei primati dell’ignoranza…

    Ecco perchè chiaramente in questo panorama il post più azzeccato è quello di ADDIRITTURA..

    Non a caso il nostro eroe porta acqua al mio mulino (e a quello di Andrew) con il post 400 che è la risposta a tutto ciò che vi dico…

    O demente uno non deve guadagnare i soldi deve raggiungere l’obiettivo… poi di conseguenza arriveranno anche quelli.. (e questa è anche per Nico.. senza il demente.. 🙂 )

  330. Atti

    Rispondo ad Ivano Post 371-372
    capisco che giustamente devi difendere la categoria….
    Sarebbe pero’ riduttivo pensare che è il calcio la ragione principale …….
    Significa mettere la testa sotto la sabbia.
    Il problema sono i costi e l’assoluta incertezza di un metodo per arrivare….

    Mi sembra chiaro che è il sistema circoli sul “banco degli imputati”, e non la federazione, che pur essendo il vertice del sistema, secondo me, in questa fase, sta investendo sul reclutamento e sull’incentivazione/supporto ai ragazzi.
    Si puo’ fare ancora meglio, ma si sta facendo…
    Mi dispiace osservare che non è ancora così in altre regioni…..per le solite questioni di orticelli

    Viceversa i circoli, si stanno arroccando sulle Sat e lasciano andare gli agonisti…..
    Questione economiche, per carità… ma anche una mission che non è mai stata la loro…..
    Perché oramai la comunicazione rende palesi certe discrepanze, e le famiglie visto che pagano, cambiano strada….appena si accorgono che gli si sta vendendo solo fumo….
    Il blog G&F è nato proprio da questo, dall’importanza di comunicare…

    Altro tema :
    Giustissimo non mettere troppa pressione, soprattutto nei risultati junior, Ma sono piu’ in sintonia con Maurizio, anch’io sarei per un giusto mix, perché la capacità di non accettare le sconfitte, di arrabbiarsi e di essere delusi e mai appagati, sono poi i fattori che determinano la motivazione, l’aggressività in campo e la voglia di vincere e di arrivare in fondo.

  331. Kill Bill

    Questo blog mi piace perchè come disse un mio professore durante un interrogazione nella quale mi stavo arrampicando sugli specchi :
    ” questa è nuova, non l’avevo mai sentita ! ”.

    ancora con la storia del calcio … ma le nazioni con più 100 al mondo nel tennis non sono di solito Spagna, Francia e ci metto pure l’Argentina …
    I ragazzi scartati dal calcio vanno a giocare a tennis .. visto che di solito i ragazzini iniziano a giocare a tennis a 4-5-6 anni se hanno fatto 2 anni di panchina al calcio …. dunque … sono andati a giocare a calcio a 2-3-4 anni !

    Doc,
    in newzealand se la cavano bene anche in barca a vela.

  332. simplypete

    Il paradosso e che mi costa uguale allenarmi ad Aosta a tali condizioni, che predere la macchina farmi trecento km (benzina ed autostrada) ed andare a Garbagnate…che schifo….il primo che mi parla di tennis agonistico fatto ad aosta gli dico di andare a scopare le foglie che è meglio…

  333. Madmax

    Fantastico posto Eugenio!!!

    Cmq i post di Atti e Maurizio (i miei ovviamene non li considero) che dovrebbero essere due abbastanza equilibrati (solo apparentemente) fanno intendere per l’ennesima volta le differenze tra maestri e genitori, che MAI saranno sanate..

    Anche perchè spesso i genitori nella vita di tutti i giorni qualche risultato l’hanno raggiunto, loro i signor NESSUNO mai..

    INfatti la prima cosa che ti dicono quando vai la prima volta in un circolo è con enfasi e orgoglio quanti ragazzi sono iscritti da loro… Proprio come l’eroe di Lucca quando dice “Ho una grande scuola”.. sti cazzi… ma va a cagare va…

    NIco..

    E allora quando organizzi?? 🙂
    O sempre e solo chiacchere?? 🙂

  334. Nikolik

    Tutti ce l’hanno a morte con i circoli.
    Pr carità, anche io ce l’ho a morte con i circoli, per carità, anche io.

    Però non sono un Filosofo, ma un uomo molto pratico e concreto.

    E così penso: ma nel 2011, con tutte le attrattive che abbiamo, gli sport che abbiamo, i divertimenti che abbiamo, con il mondo che è cambiato così tanto, con internet e tutto quanto, con tutte le distrazioni bellissime che hanno le persone, in specie se giovani, può funzionare economicamente il circolo anni ’70 (io sono un bambino degli anni ’70), cioè cinque campi da tennis, uno coperto e fanno sei, affitto dei campi a ore, un maestro e un istruttore di tennis, qualche lezione individuale, SAT con i bambini, 5 ragazzi che fanno agonistica, un baretto con lo specchio dietro il bancone dove ti vendono lo stravecchio, la Vecchia Romagna Etichetta Nera, lo Strega, la Coca Cola e la Fanta?
    Può funzionare questo concetto di circolo, nel 2011, questa tristezza, abituati così come siamo ora?
    Può funzionare economicamente?

    Siccome, invece, la stragrande maggioranza dei circoli è ancora così, senza avere subito evoluzioni, non sarebbe meglio, senza pregiudizi, prendere atto che questa idea di circolo non può funzionare?
    Non si potrebbe prendere atto che il vecchio circolo di solo tennis, con l’aggiunta delle sole bocce e del gioco alle carte, non è sostenibile economicamente nel 2011?

    Non ci si potrebbe aggiornare, prendere atto di una situazione ed entrare in circoli un po’ più attrezzati, che danno più risposte a più domande, che non offrono solo tennis?

    Ahimé, giro per i circoli e vedo spettacoli deprimenti.
    Dicono che i figli dei tennisti sono figli dei ricchi, mah, mi guardo in giro e vedo circoli veramente da miseria.

  335. Agatone

    Ieri sera su raiuno a tarda ora c’era un bel programma su Rudolf Nereyev e le sue esperienza alla Scala. Tutti quelli intervistati, nessuno escluso, dicevano che Nureyev era un lavoratore incredibile, mentre gli altri arrivavano dall’aereoporto e andavano ariposarsi, lui andava ad allenarsi: ore e ore ariprovare i passi, a fare esercizi alla sbarra. Molti dicevano che non era tanto un talento unico quanto un lavoratore instancabile. Mi ha colpito: nell’immaginario c’è l’idea di Nureyev come ballerino colpito dalla grazia, come angelo che illumina il palcoscenico. Tutto vero, ma perché dietro a questo c’era una passione, o ossessione o capacità di lavoro straordinaria.
    Non ho risposte sul perché lui fosse così e non conosco la sua biografia, come è stato educato e via dicendo e quindi non è il mio un modo di dare ragione a qualcuno in particolare. Però mi sembra un bell’esempio.

    Tra l’altro la danza ha più o meno gli stessi tempi del tennis: bisogna cominciare presto, allenarsi molto, fare molti sacrifici con piccola probabilità di successoetc. Per un Bolle ci sono tutti gli altri ragazzi che si fermano prima. Perché? Talento, determinazione, predisposizione, educazione. Come mettere insieme tutto? Come capirlo in tempo se ci sono tutti gli ingredienti? Ah, saperlo….

  336. Atti

    Vai avanti Nikolik..sei sulla buona strada… 🙂
    Tira anche le conclusioni… se non è un discorso monco….

    E quindi ?
    Le tanto vituperate associazioni sportive sono poi così un utopia ?
    meglio i campi vuoti e sempre liberi alla domenica … o strutture polifunzionali dove chi vuole possa utilizzarli pagando solo il minimo indispensabile ?
    Poi per carita, i vari Parioli, i Bonaccossa, la Canottieri Padova, etc. possono rimanere così come sono… ma tutti gli altri medio piccoli ?
    Non si potrebbe convertire qualcuno di loro a qualche associazione sportiva, e magari dove possibile, abbinare tennis e calcetto, tennis e Basket …e/o altro ?

  337. Ivano

    Cari amici blogghettisti!!!!
    Fate quello che fa il principe Buzzurro….o il bollettieri de noartri per intendersi……
    Lasciate tutto e tutti per inseguire il vostro sogno !!!! (ma non quello di vostra figlia….il vostroooo…hihihihihi 🙂 🙂 :))
    Iniziate ad allenarvi 8-10 ore al gg con PA personalizzata con maestro padre personale (che non capisce un cazzo di tennis ma che secondo lui sa tutto)…..
    State sicuri che nel giro di 10 anni sarete in cima alle classifiche mondiali e guadagnerete tanti dollaroni…….
    Questo è il messaggio giusto che deve passare………
    Mi meraviglio soltanto di me stesso che sto a ragionare con un simil idiota………….:) 🙂

  338. prince: e infatti l’unica , e ripeto UNICA, e vera battaglia da portare avanti dovrebbe essere RIDURRE DRASTICAMENTE I COSTI: cioe’ i bambini dovrebbero giocare GRATIS e avere al contempo i MAESTRI MIGLIORI ovviamente pagati dalla FIT … l’abbiamo detto tante volte: la FIT, ogni federazione, non ha come scopo quello di creare un Campione ( o almeno non dovrebbe averlo: poi si discute sul fatto che il Campione fa da traino ma in Francia e’ dall’83 che anche loro non vincono uno slam fra i maschi eppure nessuno gli dice niente…) ma ha quello di PROMUOVERE e ALLARGARE LA BASE ma non fra i pensionati, i dopolavoristi e i 30enni che hanno appeso le scarpette da calcio al chiodo, o almeno non solo … quindi? quindi SUDDIVISIONE FRA CIRCOLI per fighetti o pseudotali, per dopolavoristi, per pensionati amanti del burraco e della briscola, per sfaccendati annoiati o anche per gente che vuol fare semplicemente sport e si annoia col jogging nuoto triathlon canoa free climbing rally etc e trova piu’ semplice giocare a tennis perche’ considera il golf una via di mezzo fra il biliardo e l’andar per funghi, etc etc, dunque CIRCOLI … E…ASSOCIAZIONI SPORTIVE per agonisti ( da valutare se per tutte le eta’ ma con una netta via preferenziale nella distribuzione dei fondi per junior e almost famous, cioe’ under 23… gli altri che continuino si a giocare ma comincino a considerare anche di andare a lavorare…)… Pero’ questa e’ possibile solo ad Utopia City oppure fra 50 anni dopo la Grande Ricostruzione che fara’ seguito alla 4 guerra mondiale ( dopo la terza quacosa ando’ comunque storto…)

  339. Madmax

    Altro post da leggenda..

    Lui anzi potrei dire loro (quasi tutti) conoscono il tennis e ne parlano come parlano delle persone che non conoscono..

    Purtroppo per te quando accadrà (di conoscermi) non sarà per te una bella sorpresa..

    Ed è una promessa.. E le promesse le mantengo sempre io..

  340. andrew

    se, in attesa di Utopia, la federazione di gestori di circoli con annessi maestri co-gestori, almeno, dico almeno, smettesse di fare la guerra a tutto ciò che non è parte del franchising FIT e ammettesse la costituzione di associazioni sportive con maestro scelto dall’associazione sportiva tra zampognari, madmax, andrew e altri… la base si allargherebbe…

  341. il post422 l’avevo scritto subito dopo quello di prince ma causa im…pazienti l’ho postato solo piu’ tardi…vedo che piu’ o meno tutti avete detto le stesse cose che comunque ripetiamo da anni…

    KB, lo so, anche il crickett se e’ per questo, ma era una iperbole letteraria!

  342. A ragazzi ma forse non avete ancora capito che non interessa a nessuna struttura SAT o Accademia creare un professionista del tennis MA SOLO L’ILLUSIONE PER FIDELIZZARE IL CLIENTE
    Gli unici che ci tentano sono maestri solo per i loro figli e i genitori visionari
    L’importante per iol carrozzone è la quantità che crea il profitto non fatevi illussioni
    Chi scommetterebbe contro probabilità di uno a diecimila meglio accontentarsi del sicuro

  343. ivano

    Questo è veramente l’ultimo !!!!!!
    Se ti accadra’ o no a me non interessa niente,ma proprio nulla !!!!!
    Ansi saro’ contento per te !!!!!!!
    Ti potro’ dire anche bravo !!!!!!
    Ma certi messaggi che dai non possono passare per buoni !!!!!
    Non è soltanto quella la strada !!!!
    Basterebbe tu ammettessi solo quello !!!!!
    E questo non lo dico io che ancora di primi 100 non ne ho tirati fuori,ma lo dice chi ha tirato fuori anche primi 15……
    Punto……tutto qui mio caro e buona vita…….:) 🙂 🙂

  344. Maurizio

    Ivano post 388, io ragiono come dici tu, tanto è vero che come tutti sanno mi arrangio portandola dai migliori coach, però non fare il federale a tutti i costi, ma è normale che un intera regione non venga cagata? Che per 5 mesi non si veda nessuno?
    Forza fai uno sforzo non ragionare per partito preso.

  345. pulsatilla

    Maurizio,
    qualche volta mi diverto anche a leggere le liti…
    faccio un lavoro un po’stressante…così mi rilasso un po’.

    Comunque più che calmierare posso sintetizzare:

    Max dice che prima bisogna creare l’atleta e poi il tennista
    Ivano dice che in certi casi si può creare il tennista e poi l’atleta.

    Chi ha ragione?

  346. Una piccola riflessione se un genitore come MAX totalmente estraneo al mondo del tennis è riuscito a portare la figlia ai massimi livelli della della categoria nella struttura Federale qualcosa non funzione
    In qualsiasi altro sport anche il meno praticato questo percorso è praticamente impossibile
    Per questo motivo Max ha scelto il tennis dove tutto è più facile per il pressapochismo generale

  347. pulsatilla

    e poi, se ci pensate bene, quando le figlie di Ivano e Max avranno giocato la ventesima finale di Slam, noi quanti aneddoti sui loro genitori potremmo raccontare?

  348. Nikolik

    Ma, Atti, guarda che son decenni che sono sulla buona strada!
    A dire la verità, non faccio altro che dire le stesse cose che ho sempre detto…

    Solo che Voi Genitori di Piccoli Campioni che Crescono ora siete solo un po’ più esperti e, quindi, ora, ma soloora, tendete a darmi ragione…dopo che ci siete passati, finalmente, dai problemi reali!
    E le filosofie son sempre meno, con mio grande piacere!

    Associazioni sportive? Definisci bene questo ultimo concetto filosofico e onirico, Atti, a me umile praticone e concretone…
    Associazione sportiva è sfuggente, come definizione.
    Io conosco solo una definizione di associazione (che può essere sportiva, culturale, ricreativa, ecc.) ed è quella che è nel codice civile.
    A quella associazione ti riferisci?
    Ahimé, saprai che quelle sportive non possono avere fine di lucro.
    Ahité, Atti, e chi paga i conti? Chi paga l’affitto? Chi mettiamo come presidente dell’associazione, che, per legge, risponde personalmente, con il proprio patrimonio personale, degli eventuali debiti dell’associazione?

    Ricordo vivamente, molto vivamente, e con grande affetto, povero lui, un presidente di una associazione di pallamano, poverino, anni fa, che facevo ancora il praticante.
    Mi ricordo la moglie invelenita di costui, che veniva inviperita a sbraitare contro il marito, giungendo ad affermare che lo avrebbe capito di più se lui “avesse sputtanato i soldi in donne”.
    Eh, quante ne ho viste, in vita mia, Atti…a vario titolo!

    E ricordo ancora un caso, nel bel periodo in cui la Repubblica Italiana ebbe la malaugurata idea di nominarmi Giudice, nientemeno, se pur provvisoriamente e a titolo di onore, un altro presidente di Associazione Sportiva, a giudizio, povero lui, molto povero lui, perché una lavandaia era scivolata pulendo gli spogliatoi, distruggendosi un ginocchio, povero lui (povera anche lei, per carità).

    Ma non divaghiamo: in attesa di idonei chiarimenti sulle oniriche e filosofiche associazioni sportive, auspico invece associazioni commerciali, nella forma di società a responsabilità limitata e società per azioni, che rilascino regolari ricevite e fatture, nella più completa legalità, con buona sicurezza di tutti.
    E che si arricchiscano pure, se riescono.

    Per il resto, anche i ricchi circoli che indichi, a parer mio, per averne visitati molti a Roma, sono fuori dai tempi, totalmente fuori dai tempi che auspico.
    E, oltretutto, non ci si mangia nemmeno bene.

  349. andrew

    appunto, il FRANCHISING FIT… ossia, quello che è già quasi realizzato…

    poi Nikolik era quello che voleva il tennis nelle scuole, anzi le scuole nel tennis…

    mi domando perché le persone che non amano il tennis lo vogliono gestire…

  350. monet

    non capisco queste acredini tra max e ivano che nonostante tutto inseguono un sogno che spero si avveri un giorno,andando per strade diverse.max si è informato ,si è fatto un culo tanto aggiornandosi e rimettendoci di tasca prorpia,cercando di dare quel qualcosa in più che sicuramente in un circolo e scuola di tennis mancano.ha una sua interpretazione molto personale (a dire la verità sui maestri ,quasi tutti,la penso come lui,e quando parla che prima si deve fare l’uomo e poi l’atleta,mi sembra di sentire la coce si Piatti,che non condivido sia chiaro,perchè ognuno ha le sue idee e portare un giocatore nei primi 10 può essere anche un fatto di….molte cose,dai geni del giocatore stesso a ltre cose simili.certo Riccardo parla e afferma,ma credo che giocatori come Liubic siano una goccia nel mare.ivano invece parla non per sentito dire ma per aver potuto fare quello che a molti è impossibile fare,cioè allenare le proprie figlie dopo aver fatto esperienza da giocatore e da allenatore di una scuola tennis.chi avrà ragione tra i due? non mi sento di giudicare ,ma l’enorme esperienza fatta durante questi anni nel settore giovanile fa pendere il mio ago della bilancia per max (vedi alla fine si va sempre sulla bilancia e io e max siamo terorrizati da questo :))ritengo che per far arrivare la prorpia figlia ai verticifocalizzarsi su una sola è la cosa per me giusta,un maestro ha tante a tante belinate nella testa ,che allenare una gioocatrice sola non ci pensa neache,certo a fine mese deve fare i conti,e allora…….

  351. Jho

    off topic

    Nicoxia mi togli una curiosita’ ? Con quale racchetta gioca tua figlia ? Dai filmati non son riuscito a capirlo

    Grazie

    Saluti

  352. davide rossini

    ragazzi, scusate l’intromissione nella discussione, potrebbe indicarmi dei ragazzi stranieri che ha visto e che ritiene interessanti o dei quali gli hanno parlato o anche dei quali abbia anche solo sentito parlare? Grazie mille a chiunque voglia rispondermi!

  353. Maurizio

    Davide Rossini, se ci dici il perchè ti servono, ti diamo in gran segreto il link di tennis europe.

  354. nicoxia

    Jho,Babolat drivezlite 255 grammi,multifilo.Max il lunedi e giovedi si allenano con lo sparring prima di andare da Catizone il sabato quando non va a Tirrenia,se mi avvisi prima prendo l’altro campo,e si possono allenare in tre su due campi più lo sparring.

  355. davide rossini

    seguo molto il tennis giovanile, conosco molti ragazzi ma non li ho visti giocare tutti, di alcuni conosco solo i risultati. Quindi mi piacerebbe sapere se c’e’ qualcuno ben considerato dagli addetti ai lavori attraverso coloro che conoscono o fanno parte dell’ambiente.

  356. Atti

    Nikolik… ne abbiamo già parlato…
    Diciamo innanzitutto, che a livello normativo è vero, la cosa è complessa…ma solo perché non si vuole rimuovere in alcun modo il coperchio e lo status di esclusività e di monopolio che sono in mano ai circoli !

    Occorrerebbe fare un attenta valutazione e magari cominciare prima con dei progetti pilota. (e i CP cosa sono se non appunto dei progetti pilota…?) Ci sono varie opzioni.

    Innanzitutto, i circoli che gestiscono strutture (pubbliche), DEVONO mettere a disposizione dei ragazzi U18 soci e non soci (previo regolamento) i campi in determinate fasce orarie (tipo, dalle 13 alle 17 dei giorni feriali e al sabato e domenica anche dalle 8-10)..il tutto ad un prezzo concordato simbolico(x es. di 1 Euro l’ora in estate e di 3 Euro l’ora se su campi coperti a struttura non fissa).
    In cambio mantengono la loro esclusività come sempre.
    Quindi per loro non cambia di molto l’esclusività.
    La loro Sat si adatterà in base al numero di campi “prestati” (da definire a secondo della struttura prescelta)
    Non lo vuoi fare pur agendo in una struttura pubblica?
    Perfetto, allora paghi una penale (alla Fit…)
    Le cose si fanno sempre in modo…democratico !!!!

    In questo contesto la federazione potrebbe inserirsi a livello normativo, dando in utilizzo il monte ore, ad un associazione sportiva (da definirsi lo status) , gestita preferibilmente da un maestro (e/o a un team di maestri) che vogliano veramente impegnarsi solo in ambito agonistico (diventerebbero imprenditori loro stessi).
    Qui la cosa è fluida, e sicuramente ci possono essere piu’ soluzioni….ma si toglierebbe l’onere della gestione tout-court; molti maestri non hanno ne il tempo ne le competenze per farlo.

    Un po’ investe la Fit (che ne so, pagando il monte ore), un po le famiglie come già fanno ora ( neanche il tutto gratis va bene), un minimo deve RISCHIARE il maestro di turno che puo’ essere incentivato a trovare qualche sponsor, riceverebbe pero’ dei bonus dalla FIT, ma solo se riesce a creare dei giocatori da classifica e in base a come si opera (da definire i parametri).
    Il materiale d’uso ? dagli sponsor nazionali.
    Nel frattempo io come federazione, periodicamente tramite i tecnici di macroarea, visiono e detto le linee guida (oltre a coadiuvare a livello di videonalisi, PA, programma tornei etc).
    Ovviamente borse di studio crescenti in base all’età, x i ragazzi migliori (che magari fino al biennio delle superiori, abbinino ottimi risultati sia a scuola che a tennis).

    Le società a scopo di lucro? usiamole, ma solo per i team di serie A e B di tennis ! Li si che ne serve… di capitale…circolante !

    Con poche strutture per regione si farebbe già un grosso lavoro di scrematura.

  357. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    il commento di “massimi livelli” è stato cancellato non per il suo contenuto ma perché è stata utilizzata un’email falsa. Se l’utente in questione non avesse letto il regolamento più volte pubblicato, potrà riscrivere il proprio commento inserendo però un’email vera e rintracciabile.
    Grazie

  358. cataflic

    @Massimi livelli
    ah sì?
    ci potresti informare sulla classifica comparata per pari età delle coetanee di Alessia per capire a che punto è?

  359. Vincenzo Gerbino

    Ad Aosta non esistono campi comunali gestiti dal comune . Il comune ha indetto una gara d’appalto e chiesto oltre all’affitto annuale, oltre a dovere dare 80 ore di corsi gratuiti ai bambini delle scuole di Aosta, due fideiussioni bancarie da 75.000eiro ciascuno da due banche diverse. Inoltre tutte le spese di manutenzione ordinaria spese per la la pulizia, riscaldamento e luce e tutto a carico del circolo.

  360. Vincenzo Gerbino

    Un allievoo che si allena al tc Aosta 8 ore la settimana paga 285 euro al mese per 8 mesi (ottobre – maggio)e sono incluse 5 sedute di fisioterapia- 5 accompagnamenti in tornei fit del proprio livello.
    Da giugno a settembre spende per 10 ore la settimana 120 euro .
    Tutti gli allievi possono giocare gratuitamente su tre superfici diverse nel periodo primavera estate.

  361. Vincenzo Gerbino

    Per quanto riguarda l’ agonistica , gli unici agonisti valdostani sono Martina Caregaro , vivienne vierin e Matthieu vierin, gli unici che hanno classifica ITF , Nathalie vierin si e’ ritirata ma e’ l’agonista valdostana che ha raggiunto la posizione più alta wta 103.
    Da otto anni e mezzo cerco di spiegare ai genitori che l’agonismo non e proprio quello che intendono loro, e piano piano qualche risultato si intravede.

  362. Madmax

    Ivano non ne esiste una’altra… purtroppo.. e vedrai che con il tempo mi darai ragione anche tu..

    Il post di Monet conferma che tra genitori e maestri esistono divergenze insanabili a prescindere da chi poi ha ragione (ovviamente noi 🙂 )..

    Anche perchè noi ragioniamo per cercare di far arrivare i figli al top, loro per arrivare a fine mese.. E questo non significa per forza riuscire ad arrivarci al top ma per lo meno ci si prova.. Con loro è impossibile arrivarci a priori..

    Cataflic non te la prendere sarà il solito lombardo la cui figlia busca inesorabiolmente tutte le volte 62 62 e torna a casa con le orecchie basse..

    Poi davanti al PC si vuol prendere la rivincita.. Cosa vuoi d’altronde nella vita c’è anche a chi piace prenderlo nel sedere per cui ogni opinione è degna di rispetto..

    Io comunque per fargli dispetto dirò ad Alessia che la prossima volta che ci gioca contro non deve farle fare nemmeno quei quattro games!! ah ah

  363. simplypete

    ……….e chi cazzo avrebbe detto gestiti dal comune sono gestiti dal tc aosta appunto….le fidejussioni non c’entrano proprio una mazza, servono solo a tutelare il comune da eventuali danni che il gestore possa arrecare….
    mi sembra il minimo visto che il tc aosta affitta una struttura, che non ha pagato un €….. ed è costata alla collettività diverse centinaia di migliaia di €…
    SI POTREBBE SAPERE QUANTO PAGA IL TC AOSTA DI AFFITTO ANNUO AL COMUNE????
    e quanto paga il sig Gerbino i campi all’ora
    VI SEMBRA NORMALE CHE IL PRESIDENTE DEL TC AOSTA SIA ANCHE ASSESSORE AL COMUNE STESSO…..in italia purtroppo si…
    Che solo i tecnici autorizzati dallo stesso assessore possano utilizzare i campi per le lezioni….che schifo…

  364. simplypete

    Un allievoo che si allena al tc Aosta 8 ore la settimana paga 285 euro al mese per 8 mesi (ottobre – maggio)e sono incluse 5 sedute di fisioterapia- 5 accompagnamenti in tornei fit del proprio livello.
    ..ahhhhhh ahhhhhhhhhhh
    sei proprio comico…
    quindi se vado con mia figlia a prenotare otto ore a settimana pago 71€…….mi hanno detto che facevano 26 x 8= 208€
    I Vierin agonisti infatti dispongono di un loro circolo privato….se aspettano gerbino foese terza cat potevano diventare

  365. andrew

    simplypete…

    stessa cosa qui a Bassano… un gruppo di persone si appropria di strutture pubbliche e non le molla più..

  366. Vincenzo Gerbino

    Stai continuando a dire cose non vere e solo e sempre come tu le vuoi riportare.
    Il presidente si chiama Enzo Giuseppe Baccega, ha un nipote assessore al bilancio, patrimonio e finanze di Aosta che si chiama Mauro Baccega.
    Per le lezioni private pago i campi 7 euro l’ora d’estate e 18 euro d’inverno.
    Per quanto paga il tc Aosta chiedi in direzione non e’ un segreto.
    Le lezioni della scuola tennis possono farle solo i maestri Fit che la direzione ha scelto.
    Qualunque altro maestro Fit puo venire a giocare ma e ovvio che la scuola ha uno staff che ho scelto assieme al presidente ed al direttivo.

  367. Vincenzo Gerbino

    I vierin con Gerbino avrebbero avuto Nathalie nelle prime 50 minimo e Matthieu tranquillamente entro gli 800

  368. simplypete

    Quanto paga il tc aosta al comune d’affitto non ricordi……..
    Quanto paghi le ore per i corsi………non per le private….
    sei tu che non rispondi…..
    ….a già il presidente è il njjjjjjipote dell’assessore…ma va la…predi per il culo altri va….

  369. simplypete

    Andrew …tutto il mondo e paese…..Aosta, Bassano, tutta la stessa solfa….
    Martedì lo dico a Natalie che è stata una cogl….ad adare dalla Barbara rossi e compagnia che gerbino ha detto che lui l’avrebbe portata almeno n. 50….haaaaaaahhhaaaa

  370. andrew

    purtroppo, una volta appropriatisi anche dei beni pubblici, il prezzo e le regole del tennis li fanno loro…

    questo è il tennis italiano…

  371. Madmax

    Io non conosco ancora Gerbino e non conosco Barbara Rossi però notizie di gente fidatissima nonchè preparatissima (+ di una e quando le campane cominciano a suonare troppo spesso..) non me ne ha parlato benissimo, anzi…

    E che Gerbino sia disponibile l’ha dimostrato invitandomi gratuitamente a stages e allenamenti..

    Io sono abituato a valutare la gente per i fatti perchè SE le chiacchere facessero farina l’Italia sarebbe il paese con più pane al mondo!!

  372. simplypete

    Max guarda che ti puoi pure fidanzare con Gerbino,(non sono mica geloso…hahha) io lo ritengo un tecnico mediocre tutto quà…
    Per quanto riguarda i costi dei campi di una struttura pubblica penso che 26 € l’ora sia uno scandalo….poi se la pensi diversamente no problem…non è mkica da questi particolari che si giudica un amicizia….
    Mi spiace solo quando litighi con nico, che ritengo proprio una brava persona ed un amico vero, e sai benissimo che ad Alessia io auguro un giorno di diventare una campionessa…sinceramente

  373. Vincenzo Gerbino

    Il presidente del tc Aosta si chiama enzo Giuseppe Baccega ha 64 anni ed e’ presidente del CRER Circolo ricreativo enti regionale , conta circa 4800 associati. Ha lavorato una vita intera .
    Suo nipote , Mauro Baccega e’ assessore alle finanz E patrimonio del comune di Aosta .
    L’affitto annuale e di circa 10.000 euro l’anno oltre tutte le spese di gestione.
    Nel 2010 pagavo un affitto annuale al circolo c’e un contratto .
    Nel 2011 pago i campi per le private e mi pagano 18 euro l’ora per le ore della scuola.
    Martedi quando dirai ai vierin quello che ho scritto , ricordati di dire anche che avrebbero risparmiato un sacco di soldi e ricordati anche che ho rifiutato una proposta di robert Vierin nell2006 di andate a lavorare li

  374. simplypete

    Gerbino sei spettacolare nella tua convinzione…
    cmq non ci crederai mai, ma se mai un giorno tirerai fuori un giocatore ti farò i complimenti….ma non so se tu farai altrettanto…..vedremo il tempo è galantuomo…

  375. Madmax

    Simply..

    Io Gerbino non lo conosco, quando lo conoscerò potrò dirti cosa penso di lui come maestro.. Per ora annoto il suo invito e come sai stages e allenamenti non sono altro che denaro, per cui di fronte a tante chiacchere qui vedo dei fatti concreti..

    Da Nico aspetto ancora che mi dica la data per vederci visto che dovevamo farlo ancora prima che Alessia si infortunasse..

    E se verrò ad Aosta ovviamente prepara tutto!! 🙂

  376. Vincenzo Gerbino

    Mad

    Dal 26 dicembre viene ad Aosta Francesco Elia per allenare Martina Caregaro, il padre di Martina qualche mese fa chiese a Francesco , su mia richiesta se avrebbe voluto allenare i miei allievi.
    Perche e un allenatore che io stimo molto, una brava perdona che puo insegnarmi tante cose sul mio lavoro.
    L’idea mia era se Francesco e d’accordo che Alessia facesse da sparring a Martina durante i suoi allenamenti poi se Alessia voleva allenarsi con i miei che non sono fenomeni ma ci mettono l’anima , tutti saremmo contenti.
    L’altro coach si chiama Luca Appino, con il quale io collaboro da 2 anni, una sua allieva la tunisina ons jabeur ha vinto quest’anno il roland garros juniores..
    Con Luca, prima che quattro giorni fa il signor Caregaro mi venisse a trovare per dirmi che Francesco e disponibile, stavamo tirando giu un programma di allenamenti che intendiamo fare dal 26/27 al 31 dicembre.
    Ti aggiornerò e spero che vada per il meglio.
    Qualora non facessimo nessuno stage con i coah sopra citati potrai unirti ai miei.

  377. Madmax

    Vincenzo..

    A queste condizioni venire ad Aosta diventa la nostra priorità e per Alessia sarà un onore allenarsi anche con i tuoi Allievi visto e considerato che non è ancora nessuno per potersi permettere di scegliere con chi allenarsi.. E finchè ci sono io ciò non accadrebbe nemmeno dopo se mai dovesse diventare qualcuno… 🙂

    Perciò tienimi informato..

    Simply…

    Per Alessia però l’acqua naturale o al massimo il the!!! 🙂

  378. nicoxia

    Max,tu che capisci tutto dopo mezza frase,so che questa è una tua qualità, io sono un po indietro mi diresti il costo dello stage.

  379. Madmax

    Nico scusa quale stage??

    Se parli di quello di Gerbino chiedilo a lui, a noi ci ha invitato gratuitamente..

  380. Mimmo

    Davide Rossini post 439
    Dei 97 maschi secondo me il più bravo è l’olandese Van Rijthoven, poi il russo Rublev e i primi quattro o cinque spagnoli che però giocano poco in TE ma quando lo fanno mazzuolano tutti

  381. pulsatilla

    Vincenzo,
    scherzi a parte,
    due o tre anni fa ho conosciuto a Barcellona da Sanchez un ragazzo valdostano che si era appena trasferito lì, all’epoca mi sembra avesse 16 anni.
    Lo conosci? Sta ancora là?
    Mi sembrava molto motivato.

  382. certo che e’ incredibile il Walzer dei Genitori/ Allenatori… sembra quasi che per far rabbia a Simply, Gerbino si dissangui per ospitare Mad Max…Adesso siamo tutti curiosi di sapere cosa scrivera’ Simply nella lettera privata … Cosi’ non vale, pero’…e’ come vedere un film al cinema, andare a mangiare uno snack e poi tornare e non aver visto un paio di scene crucisli ( ma magari aver sentito gli spari, lo stridio di gomme di un inseguimento, il pianto di una innamorata…)… Facciamo Stop e Rewind, please?

  383. vincenzo gerbino

    Signor grazia

    nel 2011 assieme ad altre persone abbiamo organizzato ad aosta :

    uno stage sul metodo spagnolo con gianluca carbone e fabrizio caldarone che consiglio a tutti i circoli perche dalle informazioni che hanno portato hanno aiutato i miei allievi a capire cose tipo lo spastamento del peso del corpo che prima non erano chiarissime.

    poi un torneo da 10.000 itf maschile vinto da giannessi che era oltre la 450 posizione, in quella occasione ho conosciuto eduardo infantino e per quasi una settimana gli ho “rubato” informazioni da trasferire ad imiei allievi durante gli allenamenti che faceva al team azzurro under 21.

    poi uno stage di una settimana con luca appino reduce dopo un anno di direzione tecnica per la federazione tunisina del successo della sua allieva ons jabeur(1994) al roland garros 2011 juniores. (quanti coach italiani hanno fatto questa bellissima esperienza) forse 4 o 5 nella storia del tennis italiano.

    ciliegina, assieme e grazie a marco girardini : il SIGNOR TONI NADAL con la sua semplicità ed umiltà simile a quella di …….. per 4 giorni, lo stage è durato una settimana, ha dato LEZIONI DI VTTA SAPORTIVA E NON SOLO.
    per l’occasione e gratuitamente lo staff di AMICI MAESTRI PROFESSIONISTI : RAMON ABASCIà, ANDREA DARIO, MORENO BACCANELLI, LEONARDO CAPERCHI, SARA SIMBULA, STEFANO DOLCE , MARIO GERBINO, ANGELO GADINA E LISA DEBERNARDINI(SARTORI) ha reso possibile l’evento.

    dimenticavo il professore buzzelli ha presentato ai circa settanta maestri presenti venerdì 20 luglio la sua invenzione , usata durante tutta la settimana per la P.A. degli allievi.

    erano presenti il giornalista della gazzetta dello sport, signor vincenzo martucci, c’era sky sport con una capo redattrice,e la rivista tennis italiano che ringrazio ancora per la visibilità che ci ha dato.

    se tutto va bene organizzerò a dicembre questo altro stage e per il prossimo anno ho un asso nella manica che fino a quando non avrò la certezza del 101 per cento non vi svelerò.

    adesso signor Grazia le dico che l’energia che ci ho messo è stata quasi da esaurimento, non ci ho mai rimesso una lira, alcune volte non ci ho guadagnato una lira, ho conosciuto genitori, professionisti e semplici appassionati che ci hanno sempre ringraziato , dissi un po di mesi fà d’estate ad alessandro nize etc… che se voleva organizzare qualcosa qui da noi per i genitori del blog avremmo messo con il permesso del presidente gratuitamente i campi a disposizione .

  384. Maurizio

    Vincenzo, proprio in questo periodo sto lavorando sullo spostamento del peso che tu stesso dicevi non essere chiarissimo prima dello stage, puoi fornire delucidazioni? Grazie

  385. sense of humour, autoironia?, nada de nada? secondo me vi prendete tutti troppo sul serio…. lei, mastro ge…rbino, cosi’ su due piedi, mi sembra un po’ troppo pedante e permaloso quasi piu’ di Archipedro, poi magari e’ brqvissimo, simpaticissimo e conosciutici di persona magari ci innamoriamo anche,, ma confesso che sarei piu’ curioso di assistere all’incontro con mad max e aprirei le scommesse su chi manda a cagare prima l’altro..viste le sue relazioni pericolose col Prof Buzzelli darei come quota 3:1 mad max ma quello e’ capace che per farmi dispetto si trattiene e anzi le fa perfino allenare, gratis, la figlia!!!

    anche qui sto scherzando, Maestro Gerbino, ma sentirmi chiamare Signor Grazia mi mette sempre di buon umore…mi dia pure del Dottore, non mi offendo!

    scherzo!!!!!! tutto il mio rispetto per chi lavora come lei, non capisco pero’ come mai lei Maestro senza risultati di atleti nei 100 e con uno scazzo con simplypete, amico di max, possa aver ottenuto l’Immunita’ a Presvcndere? Solo perche’ ne parla sempre bene? Allora, la mia domanda e’ Lri ne parla bene perche’ conosce i suoi metodi? l’ha visto allenare la figlia? ha visto la figlia giocare? Tutte queste informazioni sarebbero utili per comprendere meglio e ci darebbero anche conforto…lei in pratica sostiene che l’80% della sua Categoria e’ talmente messo male da poter essere sostituito tranquillamente da chi non e’ riuscito a passare l’esame di istruttore di primo grado? e come la mettiamo con il maestro Ivano quando vi incontrerete? a chi dara’ ragione, al collega o al bookmaker convertitosi coach?
    Guardi bene che io su questa cosa , che ol Maestro di Tennis o il Coach e’ sopravvs
    utato, la vado retendo da molto prima che Mad Max scendesse in campo, ma io dico rispetto al Genitore zilluminato…e che sia illuminato mad max e’ indubbio, semmai continua ad irritarmi che lui si voglia porre come guru senza avere quelle qualifiche che lui stesso si apetta da un guru ( guadagnare 2-300.000 euro, aver portato due-tre giocatori nei top 10, etc), ma insomma, mi affascinano queste contraddizioni, da qui il termine Waltzer dei Genitori Allenatori, ma ovviamente ci scherzavo su, non c’era bisogno di piccarsi cosi’ tanto, soprattutto se non si e’ letto prima tutto quello che ho scritto( e con questa faccio in modo che si possano incazzare davvero solo in pochi…)

  386. nicoxia

    Gerbino,tutto bene ma il problema è riuscire a mettere in pratica,Max in due anni ha portato la sua e unica allieva ad un certo punto,lei dopo sette anni cosa ha prodotto,mi sembra sposi le idee di Max quindi dovrebbe applicarle e d conseguenza ottenere gli stessi risultati,secondo me ripeto l’osservaione di tempo fa lei non può allenare agonisti non perchè non è in grado,ma perchè la sua situazione non glielo permette,infatti la sua unica agonista l’ha dovuta mandare via perhè pretendeva,magari non con i modi giusti,un allenamento da agonista.

  387. Appproposito, dopo aver visto all’opera il SensoBuzz per una settimana puo’ ricordarci la sua opinione? o,boccaccia mia statti zitta, ha paura che poi Mad Max non venga piu’? :)!
    Scherzo!!!!!

  388. il fante

    egr. sig. Gerbino, mi risulta, (solo per sentito dire),che quando si riferisce all’evento straordinario dell’anno scorso con Zio Nadal e vari “per l’occasione e GRATUITAMENTE lo staff di AMICI MAESTRI PROFESSIONISTI”, in molti abbiano pagato fior di EURO per poter pagare le quote dei cosiddetti “invitati”.

  389. Babomilk

    Buogiorno a tutti,
    sono nuovo del blog, non sono un grande esperto di tennis ma, da qualche tempo ricopro un piccolo incarico, da qualche anno seguo con passione il lavoro del Maestro Gerbino e naturalmente i suoi allievi.

    Leggo molto stupito il commento di Nicoxia (486)e mi assale un dubbio atroce, chi è l’agonista di cui parli?,se parli per sentito dire “credimi”, Ti hanno preso per il naso, se parli per Tua convinzione personale…..dov’è quest’atleta?

  390. Babomilk

    Pulsatilla,

    mi sembra che il Maestro Gerbino non abbia ancora risposto alla tua domanda……

    Il ragazzo in questione si chiama Bocco e non ricordo il nome, è un nome non comune, è ancora dai Sanchez, gioca benino anche se non ha ancora ottenuto grandi risultati.

  391. Babomilk

    Simply,

    scusa…ma che lavoro fai? Sei un Maestro di tennis? Dove, non in Valle d’Aosta, la conosco bene ma non ti ho mai incrociato….

  392. pulsatilla

    Babomilk,
    grazie. Mi aveva colpito quel ragazzo, per sua timidezza, non parlava con nessuno. ma si vedeva chiaramente che la sua passione era tale che doveva mettere in discussione la sua naturale ritrosia.

  393. ERRATA CORRIGE ED ERRORI DI BATTITURA TIPICI DELL’IPAD MENTRE SI E’ SU STEPPER IN PALESTRA:
    Guardi bene che io su questa cosa , che ol Maestro di Tennis o il Coach e’ SOPRAVVALUTATO, la vado RIPETENDO da molto prima che Mad Max scendesse in campo, ma io dico rispetto al Genitore ILLUMINATO…e che sia illuminato mad max e’ indubbio, semmai continua ad irritarmi che lui si voglia porre come guru senza avere quelle qualifiche che lui stesso si ASPETTA da un guru ( guadagnare 2-300.000 euro, aver portato due-tre giocatori nei top 10, etc), ma insomma, mi affascinano queste contraddizioni, etc etc etc

    Aggiungo anche che di battaglie per la COMUNICAZIONE fra Coach e Genitori ne ho fatte piu’ io di Max e per di piu’ senza litigare ma diciamo che un Coach che RIFIUTA a prescindere di collaborare con un Genitore ( al grido di di: meglio orfani!) e’ sempre stato da me considerato, non a prescindere ma in virtu’ di questo, MIOPE e imbecille perche’ nessun Coach potra’ mai eguagliare il lavoro di un Genitore Illuminato fra i 3 e i 12 anni ma al tempo stesso non ho mai escluso A PRESCINDERE che un Coach, un Maestro, un Istruttore di Primo Grado non potessero essere bravissimi e utili …Ovviamente ha ragione max a dire che non e’ necessario essere in grado di saper palleggiare coi propri allievi pero’,dico io, dopo i 12-14 anni un po’ aiuta…anche per questo a mio parere il Genitore e’ sempre stato per me L’ASSEMBLATORE e ho spesso citato il Dr Fischer che non era il padre ma era il Coach Manager di Sampras e che lo affidava il martedi’ a Langsdorp per i fondamentali dal fondo e il giovedi’ a De Little per le volley… E infine son sempre io ad aver coniato il famoso detto Ci sono coaches e coaches e genitori e genitori…
    Tutto questo per dire che non ho preclusioni sul metodo D’Auria, ho forse qualche perplessita’ sul suo splendido isolazionismo e qualche remora sull’aver abbandonato il lavoro ( ma capisco il suo punto di vista, certo e’ piu’ facile abbandonare certi lavori che altri ma da questo punto di vista ho la massima ammirazione e rispetto per chi fa il tassista di notte pur di poter lavorare con la figlia di giorno…poi magari ci si scontra su altro e su altro a volte davvero mi viene il latte slle ginocchia, ma il rispetto per prima rimane)( certo, chi fa gia’ di lavoro il Maestro parte avvantaggiato e questo e’ il punto di vista di max ma a questo punto dico io: se fai il maestro anche per altri, perdi comunque il focus e la concentrazione e la dedizione che rendono superoore al Maestro Scoglionato ogni buon Genitore Illuminato dai 3 ai 12 anni …Poi pero’ bisognerecbbe sapersi fare da parte, scegliere altri collaboratori e sperare comunque che tuo figlio, come il mio, non smetta…Nicox, archie,max ed altri sono certi che e’ stato per colpa mia, io non ne sono sicurissimo e pur ammettendo tanti errori credo che sia piu’ un fatto di It’s my nature, disse lo Scorpione ma ad ogni modo, a che serve parlarne? pero’ capisco anche, Maestro Gerbino, che quel che scrivo ora possa non essere piu’ interessante come prima quando raccontavo le gesta della zcanaglia di Lagos… ma i bookmaker continuano a dare come altamente improbabile la collaborazione Gerbino- D’Auria…sarebbe bello poi sapere come e’ andata, ma davvero, e non una sola giornata…fate una settimana, un mese insieme, tutti e due sul campo, e poi dateci un parere l’uno dell’altro, quello sarebbe bello, ci renderebbe le idee piu’ chiare su entrambi …

  394. nicoxia

    Stefano se mi avessi conosciuto meglio avresti sicuramente interpretato meglio,io non penso e non ho mai pensato che sia colpa tua,avendo parlato con più persone che hanno conosciuto Nicholas mi ero fatto un ‘idea,siccome era che a Nicholas non importava molto il tennis agonistico,dicevo di dargli più regole di modo che se non fosse stato disposto ad accettarle avrebbe smesso o altrimenti avrebbe fatto il percorso giusto,io ho sempre rispettato il tuo cammino.
    Comunque ha fatto un percorso di vita invidiabile con accanto un padre presente,non so cosa un figlio possa desiderare di più.

  395. simplysconosciuto

    Bobo visto che quà lo sanno anche le pietre chi sono, chi sei tu…oppure chiedi a Gerbino di cui sei un estimatore…

    Stefano ma alla fine Ridge a sposato Brooke….mi sono perso la puntata sai sono uscito a mangiare le noccioline….

  396. nicoxia

    Babomilk,la figlia di Simply è l’agonista perchè è l’unica che in valle,fa un percorso agonistico e cioè 3 ore al giorno di lavoro.

  397. nicoxia

    Babomilk visto che segui gli allievi di Gerbino,mi dici quali sono i suoi migliori e che risultati hanno fatto fuori valle.

  398. Madmax

    Visto che ti rende allegro..

    Signor Grazia..

    Lei a mio parere fa due grandi errori riguardo l’argomento trattato nell’ultimo post…

    Il primo è sull’utilità del saper palleggiare, il secondo sul mio lavoro..

    L’utilità del palleggio se uno vuol fare (veramente) il coach e se vuole raggiungere il miglior risultato possibile è meno di zero per il semplice motivo che mentre stai lavorando NON puoi essere dall’altra parte altrimenti non vedi nulla oltre al fatto che l’attenzione dell’allievo non è la stessa..

    Questo semmai è un vantaggio per i maestri perchè risparmiano sullo sparring, ma come ho già scritto più volte il mio obiettivo non è risparmiare o guadagnare, bensì raggiungere l’obiettivo.. L’alternativa (sempre per un maestro) è allenare più ragazzi insieme che giochino tra loro, ovviamente abbassando leggermente (se sono in due altrimenti si abbassa di molto) la qualità del lavoro.. perchè ti devi dividere e perchè il lavoro devi redigerlo che vada bene per tutti..

    Ma in entrambi i casi a loro che importa??

    Per quanto riguarda il mio lavoro in realtà penso di essere finalmente tornato a fare il mio, perchè io sono sempre stato, sono e sarò sempre un allenatore.. E’ quello che ho fatto dopo aver “stracciato” la patente che non era il mio vero lavoro anche se mi faceva guadagnare molto..

    Ma e ormai penso sia chiaro a tutti il mio credo è fare sempre quello che mi piace se poi riesco a guadagnarci bene, meglio ancora.. Ma questa è una cosa quasi secondaria.. Anche se poi molto spesso è finita così..

    Per quanto riguarda invece la settimana con Gerbino sono certo al 100% che tutto filerà nel migliore dei modi visto e considerato che io farò esattamente quello che ha fatto lui con i maestri citati e cioè cercherò di apprendere il più possibile..

    E credo che da tutti si possa apprendere qualcosa, magari da Piatti o Elia prenderai cento cose e da Gerbino due ma anche quelle due possono fare la differenza.. Anche perchè possono essere cose che ha imparato da Toni Nadal o da Caperchi, chi lo sa..

    Tra l’altro per Alessia avere la possibilità giocare con ragazze di quel calibro è sicuramente una grande opportunità per cui non vedo assolutamente il motivo delle tue domande..

    Oh io non sono mica te..

  399. The Beduin

    Ma porca miseria lasciate in pace simplypete che è uno dei pochi che non fa lo sbruffone….. Chiunque puó raccontare la favoletta come ho avuto il dispiacere di leggere nei commenti precedenti,ovviamente con tutto il rispetto verso chiunque, sono veramente pochi quelli che hanno realmente voglia di fare!!!

  400. Madmax

    Nico..

    Io a questa guerra dei poveri non ci sto perchè fondamentalmente non me ne frega un caxxo..

    Io ho un obiettivo da raggiungere e seguirò il percorso che penso sia il migliore secondo le mie conoscenze ed esperienze..

    Alle cagate non ci penso proprio ma soprattutto non ci dedico nemmeno del tempo.. per cui..

  401. nicoxia

    Max ed è quello che ho sempre pensato,e visto che Ivano ha qualche risultato in più se non due almeno una cosa potrebbe averla da trasmettere e secondo me non si dovrebbe perdere nemmeno quella.

  402. Madmax

    Nico..

    Vedi per me prima di ogni cosa viene la persona.. E quindi potremmo già chiudere qui il discorso…

    Ma anche su questo la vediamo in modo differente, perchè tu i suoi li consideri risultati, io assolutamente no..

    Poi intendiamoci io posso benissimo sbagliarmi e magari avrai ragione tu, vedremo il tempo ci dirà chi ha ragione..

    Ma se diciamo che i risultati ora contano solo relativamente, quello che conta di conseguenza è il percorso e allora nemmeno mettendoci tutto l’impegno del mondo riesco a vedere in quei risultati qualcosa di positivo per il futuro..

    Ma poi ripeto, certe persone non hanno nulla da trasmettere.. a prescindere..

  403. Madmax

    Signor Grazia..

    Le dico di più se Gerbino avesse il Senso Buzz, lo farei provare ad Alessia..

    Non solo farei scrivere anche a lei un suo parere..

  404. The Beduin

    scusate ma non ho potuto fare a meno di leggere il commento del signor gerbino sui vierin, ma voglio dire ma chi si credi di essere?? Se sono arrivati dove sono arrivati è solo grazie al loro talento e al loro impegno, scenda dal pero che fa un affare e evita di fare figuracce e oltretutto non deve neanche degradare il lavoro degli altri lodandosi in questo modo.Probabilmente se non si sono mai allenati con lei c’è un preciso motivo,che non conosco e non voglio conoscere.

  405. Madmax

    Signor Grazia..

    Rileggendola ho trovato quella che dovrebbe essere una mia contraddizione e che al contrario secondo me (ma non solo e più avanti capirà) non lo è affatto..

    Come più volte detto a mio avviso non conta in cosa sei stato un allenatore ma se lo sei stato o meno e se sei bravo o meno..

    Ho trovato questa intervista a Guardiola..

    Per Pep Guardiola, Josè Mourinho è “probabilmente il migliore allenatore del mondo”: il tecnico del ‘Barca dei miracolì lo ha detto oggi a Valencia, durante un incontro con il pubblico al ‘Palau de la Musicà. Interrogato da uno spettatore al riguardo, Guardiola ha spiegato che “non è necessario avere giocato al calcio per essere un grande allenatore. Sacchi ha cambiato questo sport senza avere mai giocato e Mourinho è probabilmente il migliore allenatore del mondo”. “Essere stato nello spogliatoio ti dà argomenti in alcune situazioni, ma non esserci stato ti dà altri vantaggi”

  406. Babomilk

    Nico,
    …e poi lascerò perdere, credo !!!!! Lei stia parlando della Carlone e della sua compagna di doppio. In questa stagione ho seguito moltissimi tornei internazionali giovanili. Vetrina dei futuri tennisti, non ricordo però di aver spesso visto i nomi citati nei tabelloni principali.

    Agli Italiani al Bonacossa, non mi risulta di aver visto i citati nomi nel tabellone principale, suppongo quindi neanche campioni in regione vista la mancata qualificazione….più parole che sostanza…..

  407. ivano

    Arrivo a casa accendo il pc,metto spazio tennis e parli male di me !!!!!!!!
    Sai in toscana cè un detto che dice che “chi disprezza compra”………..
    Ti ripeto a me fare la guerra contro te non me ne puo’ fregar di meno,basta che non dai messaggi falsi e sbagliati……..
    Poi altra cosa fondamentale quando parli di risultati che non riesci a capire e allora provo a spiegarti!!!!!
    Quanti tornei ha giocato Alessia quest’anno? Diciamo 12……cosi’ a caso……..bene se ipotesi di questi 12 ne avesse vinti 7,cio’ significa che è stata brava che ha delle qualita’ che sono importanti(ovvero saper vincere !!!)……bene…….chi ha mai detto che io son bravo perchè mie figlie hanno vinto qualcosa???????
    Saresti ipocrita se tu lo dicessi !!!!
    Quindi tutti quanti stanno facendo un percorso,chi in un modo chi in un’altro,e i tornei servono solo per imparare certe cose che non si possono apprendere solo con allenamento……e se uno i tornei che si trova lungo il suo cammino riesce a vincerli vuol dire che in quel momento è un po’ piu’ bravo delle altre………..in quel momento qualche dote in piu’ cè sicuramente,che poi venga dal maestro dal genitore a da chi vuoi fa lostesso……..è chiaro ed evidente che non è garanzia di arrivare !!!!
    Poi per quanto riguarda la sfera personale lostesso posso dire io di te……..
    E comunque fai un grosso errore che pero’ non ho voglia di spiegarti perchè dovrai arrivarci da solo quando parli di allenamento……

  408. ivano

    Stefano
    Non ho voglia di far guerre non sono psicologicamente pronto………tra qualche gg mi nasce la terza figlia(no tennis ma golf) quindi son tutto agitato figurati se ho voglia di far guerra con un mio collega……che peraltro mi sa che ha fatto la scuola maestri insieme a me………
    Dico soltanto che è palese che se uno decide di provarci davvero e ne ha la possibilita’ la miglior cosa da fare è dedicarsi al tennis al 100 per 100……….
    Voglio dire ma questo è come scoprire l’acqua calda…….cioè non so io piu’ banale di questo cosa ci puo’ essere !!!!!
    Il problema è che queste scelte non sono riproducibili in larga scala…….

  409. Simplypete

    Babo coso….
    mia figlia è scarsa e la Carlone una ciofeca…. ohhhh nico abbiamo sbagliato tutto, adesso iscrivo mia figlia al fit ranking program racchetta azzurro chiaro se l’ammettono….speriamo telefono a Binaghi se mi raccomanda….sei veramante comico…
    Ivano sai che tua figlia più piccola non fa parte della…” vetrina dei futuri tennisti” infatti non era presente in alcun torneo internazionale….non è in vetrina l’hanno messa sul retro…..in castigo…lei ad un certo punto s’è incazz…. ed ha suonato tutte agli italiani ma come si è permessa non era in vetrina….

  410. Simplypete

    Ivano per fare una guerra, bisogna avere un degno avversario quà al massimo ci si fanno due risate….

  411. Madmax

    Ivano come al solito non capisci una sega..

    Io parlavo della PA e tu rispondi parlando dei tornei…

  412. ivano

    Simply
    Che vetrina parli????
    Non ho visto !!!
    Posso pensare su tennis italiano????
    Devo dirti che non hanno tutti i torti !!!! Come fai a metterci una che fino a settembre non ha praticamente giocato tornei?????
    Soltanto qualche partita a squadre!!!!!

  413. il senso buzz ha senso se lo sai usare.
    dagli esercizi che ho visto fare a gruppi di 12 ragazzini quello che ho capito che serve a migliorare l’attenzione.
    io capisco poco di P.A. MA CREDO CHE IL SENSO BUZZ rimane uno strumento, la differenza li fanno i contenuti

  414. Simplypete

    …mia figlia ha solo preso batoste quest’anno è scarsa…solo gli allievi di gerbino sono forti…
    ed il maestro (io) ancor di più….sai che penso che la eastern di diritto sia una malattia venerea…ho telefonato a Stefano sai lui è medico, mi ha tranquillizzato se prendo un po’ di semi-western passa…

  415. ivano

    Sono finalmente messo bene pure con la PA……..
    Stavolta mi allargo…… credo di esser messo meglio di te 🙂 🙂 🙂
    Addioooooooo……..scoppia il blog 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂

  416. ivano

    Simply
    Si letto ora…….
    Chi è signor babomi?????
    Si presenti???????
    Altrimenti non possiamo parlare alla pari !!!!!

  417. Simplypete

    Scusa ivano ma se è così, cioè ha fatto poca attività, il ritmo match fare tornei serve ad una mazza se poi agli italiani dove tutte vogliono fare bene ha vinto facile….come lo spieghi…

  418. ivano

    Simply
    Si potrebbe scrivere no un libro ma 10 libri…….
    Ogniuno ha le sue teorie……
    Non è nemmeno carino e rispettoso da parte mia nei confronti dei colleghi emanare sentenze dall’alto di una vittoria……..
    Ogniuno dovra’ fare il proprio percorso……
    Quello che ho sempre sostenuto e che non me lo leva dalla testa nessuno è che la cosa piu’ importante non è che percorso fai ma con chi lo fai !!!!

  419. Simplypete

    Ivano a parte che se si vincono i nazionali qualche merito c’è,senza la primogenita ha fatto fino ad ora un percorso diverso, la Camila Giorgi nonha fatto tornei fino a 14/15 mi pare, la serena ha fatto anche lei un percoeso atipico altre campionesse percorsi più “normali”….secondo te quando è ora di spingere sui tornei e quando sul training….che parametri usi per la valutazione…

  420. signor grazia buonasera
    ho visto giocare alessia nel 2010 a rivoli durante un raduno.
    non sapevo chi fosse ma la prima cosa che mi colpì fu come spingeva la palla, era diversa da tutti e lo dissi subito a simply pete.ero li per sua figlia

  421. ivano

    Simply
    E’ difficile riassumere in poche parole la progressione didattica di un ragazzino……..
    Poi scusa non ti posso mica svelare i trucchi !!!! 🙂 🙂 🙂
    Scherzoooooooo 🙂 🙂 🙂

  422. bogar67

    Ciao Ivano
    a proposito di progressione didattica, le tue figlie a quanti anni le hai fatto cimentare nel campo normale in partita?

  423. poi , prestai la mia macchina fotografica a simply , quella che usa pizzorno con piatti per la videoanalisi. quando tornò c’erano tantissimi fotogrammi anche su alessia.

  424. ivano

    Ciao Bogar…..
    Ormai in Italia nell’under 10 giocano a campo normale con palle mid……
    Quindi per under 10 si intende nove e dieci anni……..
    Diciamo che devi lavorare in quell’ottica…….se vuoi o meglio se ritieni sia giusto farla competere.devi riuscire a farla giocare a tutto campo a 9 anni…..
    Mi ricordo che la grande la portai in Croazia a 10 anni e giocavano addirittura con palle normali……..

  425. pulsatilla buonasera,

    quel ragazzo a barcellona, ashley bocco lo conosco bene, ci sta provando seriamente da tre anni, ci crede e lavora duramente ha dei buoni fondamentali, ma deve migliorare molto sugli spostamenti. per adesso non ha raggiunto risultati importanti.

  426. bogar67

    Ivano
    Grazie, la mia al momento tiene molto bene con gioco aggressivo, dritto per dritto e tentativo ace sul servizio il campo ridotto a 8,23 per 19,77 mentre con campo da adulti per tenere a distanza compagni di gioco allenamento che sono tutti maschi e di due/tre anni più grandi facendo arrivare fino in fondo pallina specie se attaccati maestri hanno inculcato semipallonetto che mi trova estremamente contrario.
    In questo caso sto ovviando tutti i fine settimana con gare nella misura ridotta e in quel caso di palombelle da setterosa 🙂 per fortuna non ne vedo, Fit Sardegna manco a farla apposta mi è venuta incontro organizzando tutti i tornei del FRP che saranno sulla misura sopra indicata e più congeniale a quello che deve essere il gioco di una bimba di 7 anni.

  427. ivano

    Bogar
    Va tutto bene !!!!!!
    Non esiste il pallonettooo!!!!!!
    E in certi casi puo’ esser giusto alzare la traiettoria della palla !!!!!!!
    Per me il tennis è diviso in 2 categorie…..
    1)Buttafuori
    2)Buttadentro
    Se di natura sei un buttafuori è meglio che ti dai allo slittino……
    Se invece di natura sei un buttadentro allora hai delle chances

  428. nicoxia ,dato che dici sempre la stessa cosa porta applausi
    ti spiego una volta per tutte.
    io riesco a fare giocare bene chiunque,
    perchè uso un metodo semplice, logico, matematico.
    lo sa molto bene il tuo amico d merende,anzi si e perso tanti dei miei mmiglioramenti.
    il bravo allenatore e colui che se prende 100 brocchi diventano cavalli, e se in mezzo ci sono dei purosangue sa come farli vincere.

    quindi è inutile che ti scriva nomi e cognomi diTUTTI I MIEI LLIEVI CHE TI POSSONO SPIEGARE L’ALFABETO DEL TENNIS cosa ti scrivo 10 terza categoria alenandosi malissimo 3 seconda categoria allenandosi malissimo

    capisci o no

    lo capisci che si devono incastrare tante combinazioni per portare a diventare pro e che non basta allenarsi 8 ore la settimana

    lo capisci che io non voglio fare il coach, io voglio che 100 miei allievi possano diventare grandi persone, saranno poi loro a decidere.

  429. nicoxia

    io faccio questo lavoro per vocazione, per me la differenza tra essere un coach famoso e di successo oppure non essere famoso ma avere tutti gli allievi motivati ed appassionati ha lo stesso risultato.ho avuto allievi anti-tennis e ne avrò altri ancora , ma poco conta .il mio obiettivo è sempre lo stesso.quando i bambini sono felici, quando i genitori sono sereni io mi sento meglio di riccardo piatti e company.
    torno a casa dopo aver visto le partite dei miei allievi e sono sereno perchè hanno dato tutto.
    quando mi dicono vorrei provare a fare il giocatore gli dico le cose come stanno, dico che i fighetti a questo gioco muoiono.
    dico che c’è solo lastrada che ha preso mad . che ha preso nicoxia, che ha preso simply ma con la differnza che mad max mette davanti prima i valori e sono sicuro che se un giorno alessia non diveterà nessuno come molti di voi sperano avrà mille altre chanche, mentre per tanti prevedo tragedie familiari.

  430. Madmax

    Vincenzo..

    Mi ricordo di quel raduno credo però fosse nel 2009..

    A quel raduno conobbi anche Leo Caperchi e mi disse la stessa cosa..

    Quando Della Vida vide Alessia la prima volta nel 2007 disse le stesse parole…

    Identiche a quelle che mi dissero l’anno scorso a Roma prima Salvoni e poi Piatti..

    Mica sarò così scarognato che avete preso tutti un abbaglio??

    Ma l’aneddoto più simpatico è quello dell’anno scorso durante le quali dell’Avvenire..

    Nove di sera, erano giorni che a MIlano pioveva e faceva quindi un discreto freddo, in tribuna io, Simply (in trasferta per studiare il tennis femminile 🙂 ) e Mariani Presidente del Comitato Regionale Lombardo..

    Da lì a pochi giorni Alessia sarebbe partita per andare a giocare la Belardinelli..

    Durante il riscaldamento dicevo a Mariani di non contare sui punti di Alessia perchè a mio parere non avrebbe vinto nemmeno un incontro in quanto giocava con avversarie più forti di lei..

    Comincia il match e dopo tre quattro games mi guarda e dice: “Ma tu non capisci proprio un cazzo, tua figlia non perderà nemmeno una partita!!” (effettivamente pur perdendo aveva giocato un primo set come mai in precedenza)..

    La storia poi racconta che effettivamente le vinse tutte.. 🙂

  431. mad
    a quel raduno conobbi anche io leo caperchi che seguiva la ceppellini,giocava contro annalisa , stavano provando le battute una da una parte e una dall’altra , ad un certo punto caperchi viene nel mio campo e mi chiede ” ma gli hai insegnato tu a servire così?”ed io si perchè e lui ” complimenti, ma mi in pratca come fai , fammi vedre cosa quello che gli spieghi”
    in un mese annalisa serviva che assomigliava alla sharapova come stile

    ma ovviamente per simply è difficile ammetterlo

  432. mad
    ho sempre riconosciuto a simply il merito di aver capito già anni fa quale era la strada,ed ho cercato con tanta energia gratuita di aiutarlo proprio perchè era determinato.anche se avevo capito la sua “ossessione” già da tempo , gli ho dato più chanche.
    un giorno un coach italo brasiliano che catizone conosce bene che ha allenato oltre 10 giocatrici tra l eprime 300 dopo aver parlato 10 minuti con simply mi ha detto “questa” nonostante i “danni” che farà suo padre nelle 500 ci arriva sicuro

  433. Madmax

    Certamente da noi tragedie non se ne farebbero, per il semplice motivo che non potranno esserci rimpianti in quanto saremo sicuri di avere tutti fatto il massimo..

    Un minimo di paura ce l’ho perchè ora Alessia la vedo molto convinta e non so come potrebbe reagire ad un eventuale “fallimento”..

    Ora ad ogni sconfitta reagisce benissimo lavorando sempre meglio nell’allenamento successivo, ma in questo caso sa che il giorno dopo di partita ce n’è sempre un’altra mentre in quel caso sarbbe una sconfitta definitiva..

    Mi tranquillizza però il fatto che l’eventule “ripiego” all’Università soprattutto all’estero e nello specifico negli USA la intrigherebbe non poco..

    (perchè sia chiaro che sono stato chiarissimo e le ho ben spiegato che purtroppo le possibilità di non riuscire esiste)

    Infatti è ulteriormente cresciuta e nel giorno di riposo l’ho spinta ad uscire e bighellonare con le compagne di scuola, (addirittura l’ho fatta uscire la sera di Halloween e mai avrei pensato di fare una cosa del genere, se lo venisse a sapere il maschio che non l’ho mai fatto uscire mi manda a quel paese!! 🙂 ), così tanto per farle vedere che succede nella normalità..

    Lei ha mostrato di gradire molto ma fino ad ora non sembra averle tolto la giusta concentrazione durante gli allenamenti, anzi è un periodo (forse rigenerata dalla lunga assenza) che sembra un caterpillar..

    Sa già però che dal momento che ricominceranno i tornei le uscite dipenderanno dagli impegni sportivi..

  434. Madmax

    Voglio spezzare una lancia a favore di Simply..

    Ora anch’io vedo che è ossessionato, ma io ero uguale e se ripenso alle stronzate che ho detto rabbrividisco solo al pensiero..

    Questo tipo di comportamento però deriva dall’insicurezza dovuta alla mancanza di conoscenze (e soprattutto di esperienza) e volendo noi per le nostre figlie il massimo, ci sbattiamo come aquile..

    Man mano che giri impari e conosci cambia tutto.. Lo vedo io ora dopo 7 anni in campo quando ci entro mi sembra di arrivare a casa..

    Tra l’altro io ero avvantaggiato dal mio precedente percorso nello sport ed infatti ho fatto subito bingo cercando e trovando Giovanni..

    Lui come molti altri no ed anzi ho notato che in molti casi il fatto di aver giocato è più un danno che un vantaggio..

    Ad esempio non si è assolutamente reso conto della fortuna che aveva avuto a conoscere Giovanni.. E’ vero la distanza è molta ma in questo sport se ci vuoi provare queste cose non le devi nemmeno pensare..

    Ripeto di tutti quello che ho conosciuto lui è di un altro pianeta… il problema è che te ne accorgi solo quando cominci a capire.. 🙂

  435. Madmax

    Vincenzo..

    Però non gli dire che può arrivare nelle 500 perchè ad un padre è come dargli una coltellata!! Se lo dici a me mi lancio dritto giù dalla montagna!! ah ah 🙂

  436. l’insicurezza ed il fatto che abbia tirato 3 palle di là gli ha fatto fare troppi errori.
    sono sicuro che giovanni è un fuoriclasse, ma anna doveva continuare ad allenarsi con il mio gruppo perchè aveva tante di quelle cose da sistemare e nel frattempo con i programmi di giovanni ed il preparatore nostro il gap si sarebbe accorciato con le altre, ne sono sicuro.

  437. Madmax

    D’altronde quelle sono scelte che siamo obbligati a fare noi e a volte le facciamo d’stinto, a volte indoviniamo altre meno..

    La cosa importante è trovare al più presto il percorso giusto poi da una parte o dall’altra poco importa..

    Ed essendo lui un genitore come me gli auguro di trovarla al più presto..

    E chissà mai che un giorno possiate ritrovarvi!! 🙂

  438. ti giuro che io faccio il tifo per lei, io c’è lho con lui ma un po meno adesso perchè mi sputtanava su cose dove non puoi. io non sono un santo, e non sono perfetto se posso ti do l’anima e come se tu da domani dicessi cose non vere su giovanni o il contrario tu come ti comporteresti?

  439. nicoxia

    Max c’è qualcosa che no capisco,tu hai sempre detto che lavorando in un certo modo i risultati arrivano,io ho solo constatato che siccome Gerbino adotta il tuo stesso metodo elogiandolo essendo maestro di grande esperienza ,per forza di cose dovrebbe avere under 12 under 14 e under 10 tra le migliori d’Italia,siccome insieme a Simply ci siamo fatti tutti i macroarea qualificandoci,e pur non essendo tornei così imprtanti non ho visto nessuna sua allieva passare neanche un turno,ho pensato che facessero attivita internazionale e siccome noi non siamo ancora all’altezza di parteciparvi,ho chiesto i nomi per poter valutare il loro gioco che sarà sicuramente vicino al gioco di Alessia adottando lo stesso metodo.
    Come risposta dal signor bobo ho avuto denigrazioni di mia figlia e della figlia di Simply che non ho mai detto di essere campionesse,volevo solo poter valutare il buon lavoro fatto e chiedere eventualmente consigli ,a pagamento perchè chi lavora bene deve essere ricompensato adeguatamente.
    Comunque anchio sono scommettitore e sono disposto a scommettere la cena per tutti quelli del blog,su chi ha il servizio migliore tra tutte le femmine under 12 allenate da Gerbino e non dico mia figlia sarebbe troppo facile ma la nostra under 8.

  440. nicoxia

    La scommessa è al buio,perchè non ho mai visto servire le allieve di Gerbino e se vincesse lui,pagherei volentiri facendogli i complimenti,però ragazzi io non sono Simply,faccio solo domande non trattatemi male.

  441. nicoxia

    Gerbino non deve prenderlo come un’attacco al suo lavoro,è una discussione sull’idea di Max che chiunque lavori in un certo modo può arrivare in alto e giocare bene,che non dipende dall’allievo ma da quanto e come lavora.

  442. nicoxia

    Max non prenderlo come un attacco al tuo pensiero,anzi gli allievi di Gerbino confermeranno la tua tesi.

  443. nicoxia

    Gerbino lo scrivo per la terza volta,lei per me è preparato e ha passione,ma non può allenare agonisti dove lavora attualmente,per me questo è un complimento,se lei lo vuole vedere in un altro modo liberissimo,ma non me ne faccia una colpa.Lei vorrebbe fare come Max ma non può e i risultati sono la conseguenza,cambiare la mentalità nei genitori non disposti a fare i sacrifici da pazzi come noi è difficile,purtroppo si deve anche mangiare e ci si accontenta.

  444. Simplypete

    c’è lho con lui ma un po meno adesso perchè mi sputtanava su cose dove non puoi. io non sono un santo….
    Enzo…..
    guarda che secondo me, ti hanno ti hanno raccontato un sacco di balle su cosa avrei detto su di te….qualunque cosa abbia detto non avrei nessun problema a ripeterlo davanti a te guardandoti negli occhi…. se ti hanno riferito cose diverse non so… anche se penso di sapere adesso chi sono i cattivi profeti….(guarda che spesso chi pensi siano i tuoi nemici forse non sono così nemici…)
    detto ciò se coltiverai degli atleti di ottimo livello, come ti ho già scritto ti farò i complimenti…io il lavoro in campo lo rispetto, la fatica pure, tu pensi che io abbia fatto e stia facendo scelte sbagliate nessun problema il tempo è galantuomo….
    Non sapevo di questa frase di Raul, bene ne prendo atto e lo saluto se ci legge, ma l’ha detta prima o dopo la sbronza che ci siamo presi insieme e dopo avermi raccontato gran parte della sua vita da coach…magari è bipolare dovrei chiederlo a Stefano Grazia….(mi sa che se continuo a chiedergli tutte ste cose mi chiderà dei soldi..per la consulenza)
    Dopo questa pubblica catarsi,(di cui sinceramente un po’ mi vergogno essendo io di natura schivo) dei ns trascorsi possiamo metterci una pietra sopra….?

  445. Simplypete

    ….a Stefano…così t’incazzi pure tu con me, vedo poca “intensità” nei tuoi ultimi post…….

    Ma alla fine Brooke a fatto pace con Thorne….

  446. nicola tennis

    @ Gerbino , come col Senso Buzz lavoravano in gruppi da 12 ragazzi? Ci si riesce? E Nadal cosa ne pensava?

  447. Vincenzo Gerbino

    Nicola

    I gruppi erano seguiti da 2 PA, alcuni esercizi sotto forma di gara ad eliminazione li hanno fatto in 12
    Quello che posso dirti che angelo gadina e Lisa debernardini sono seri e molto preparati.
    Toni parlava molto con loro ma sinceramente non so cosa ne pensasse .

  448. Simplypete

    Nico…comunque anch’io sono scommettitore e sono disposto a scommettere la cena per tutti quelli del blog,su chi ha il servizio migliore tra tutte le femmine under 12 allenate da Gerbino e non dico mia figlia sarebbe troppo facile ma la nostra under 8……scommetto pure io mi voglio rovinare…

  449. Simplypete

    Nico ti dico di più arrivo fino alle under 14…facciamo un bel filmatino e lo mettiamo sul blogpoi facciamo votare….

  450. nicola tennis

    Ah ! Gadina non e’ il nuovo direttore della. Valletta di genova? De bernardini non la conosco

  451. pulsatilla

    Vincenzo,
    ma Ashley l’hai allenato tu?
    Il problema degli appoggi l’avevo notato anch’io, l’ho osservato parecchi giorni. E’ molto alto e determinato.
    Ma, visto che si parla di servizio (che è la nota dolente di molti maestri), era proprio il servizio il suo colpo più carente. Sei d’accordo?

  452. Vedi max, post come il 541 e il 543 sono perfetti, ti fanno onore…ora spiegami le contraddizioni fra certi comportamenti e il ” Ora anch’io vedo che è ossessionato, ma io ero uguale e se ripenso alle stronzate che ho detto rabbrividisco solo al pensiero..” Cioe’, a questo punto chi si e’ incazzato per le stronzate ( tue parole) che hai detto allora aveva ragione…oppure: magari qualche stronzata la dici anche ora e lo scoprirai solo fra tre,quattro anni…Scoprirai anche tu, magari, che i Figli a un certo punto si ribellano ai genitori, non tutti, ma molti, e indipendentemente dal percorso fatto…Scoprirai vhe esiste la sfiga negli infortuni o nell’innamorarsi della canaglia sbagliata…Oh, ma tu solo un anno fa hai sparato disprezzoanzi DISPREZZO solo su chi aveva considerato la possibilita’ di andare al college e adesso dici che sotto sotto ci pensi anche tu? Tua figlia ci andra’ sicuramente al college, e’ brava e diligente e solida, ma informati bene sui prize money ( o leggiti Open di Agassi)

  453. nicoxia

    Max hai sempre detto che a parlare sono capaci tutti sono i fatti che contano,di questa situazione cosa ne pensi,o no scusa non rispondere non conviene.

  454. …Per il resto auguri: come ho detto, non contesto il metodo, ma il rifiuto del contradditorio…mi suona infatti strano conciliare il tuo atteggiamento ( perfetto) con Gerbino con quello con Ivano…ma stiamo parlando della stessa persona? la mia diagnosi l’ho fatta :)!

  455. nicoxia

    Nicola dopo che hanno imparato ne puoi lavorare 4 per volta mettendo i coni a specchio,ma devono essere dello stesso livello e avere uno spazio adeguato.

  456. nicoxia

    Stefano le stesse cose che a sua volta ho detto a te le ho dette per altri motivi a Max la reazione in modi diversi è stata la stessa ma nonostante quello che pensa Max e cioè che parlo tanto per parlare ,se dico 2 ho vagliato 10,se uno poi considera o no è un problema suo e se volete credere alla sfortuna liberissimi.
    Poi volevo scusarmi per questi post mi capita sempre quando c’è di mezzo un amico,perchè sono sempre e comunque dalla sua parte,però Gerbino non pensare che non possa capire le difficoltà da te riscontrate con il rapporto con Simply,solo che non si migliora solo nella tecnica e Simply ha iniziato anche un percorso per migliorare quell’aspetto che sono sicuro risolverà come risolverà tutto il resto.

  457. nicola tennis

    Nicoxia, tu lo usi? Mi pare di capire che alleni tua figlia. Puoi dirmi qualcosa anche tu?

  458. ivano

    Stefano
    Nel nostro ambiente è una tattica molto ricorrente quella del disprezzo del discriminare il lavoro/ragazzo altrui per ingigantire il proprio….
    Ma anche qui ormai sono ben corrazzato……sai quanti ne ho dovuti sopportare in 15 anni di lavoro…..(anche di colleghi!!!!)
    Pero’ tanto sai cosa succede alla fin fine?????
    “I discorsi li porta via il vento e le biciclette i Livornesi” cosi’ si dice in toscana…..hihihihihi 🙂 🙂 🙂
    Ovvero hai voglia a parlar male per ingigantirti tanto poi quello che conta,il sovrano unico e indiscutibile è solo il campo…….
    Chi ha adottato questa tattica nel corso degli anni lo ho sempre e solo visto in forte contrasto con il figlio,a un certo punto nasce proprio il forte disprezzo da parte del figlio verso il padre……il figlio rifiuta perchè si vergogna enormemente dell’atteggiamento del padre……..
    Ora non mi riferisco al nostro amico ma in generale……quindi non ti incazzare subito 🙂 🙂 🙂
    La tattica del parlar male di tutti per ingigantire il proprio non funziona ricordatevelo !!!! è gia’ stata sperimentata e scoppiata da tanti !!!!!

  459. Simplypete

    “Sedevo sulla riva oltre Bernadotte
    e gettavo molliche nell’acqua,
    per vedere i pesciolini affrontarsi
    finché il più forte conquistava la preda……

    ……e dico se c’è qualcosa nell’uomo
    spirito, coscienza, o alito divino
    che lo rende diverso dai pesci e dai porci,
    vorrei vederlo all’opera!

    Buona giornata …a tutti….

  460. Madmax

    Stefano..

    Io ovviamente parlavo di conoscenze tecniche, dei rapporti come ho detto assolutamente no perchè ci sono già passato sia con un atleta, si con il figlio grande..

    Pensa che ho sbagliato poco (ma ho sbagliato) anche con lui grazie all’eperienze dell’atleta che vandolo avuto in casa era praticamente come un figlio..

    Per il discorso universitario ovviamente mi informo perchè nella vita non si sa mai cosa può accadere, ma non penso onestamente che Alessia avrà bisogno di andarci…

    Nico

    Mi verrebbe da dire e che cazzo c’entro io..

    Gerbino io non lo cnosco (e quindi cosa ne so di come lavori e lui di conseguenza non sa cosa faccia io e nemmeno tu se è perquesto anzi quasi nessuno perchè il lavoro si valuta vedendolo fare per un po’ di tempo) ma da quello che ha scritto ho inteso altre cose..

    Ad esempio che luipensa che la strada giusta sia l’impegno in prima persona dei genitori ovvismente poi dipende cosa fanno..

    Ma lui dice che non lo può fare perchè non gl i viene richiesto e quando succede lui spiega cosa fare (e qui non hpo capito se lo spiega solamente o lo fa anche ma onestamente escludo che in un qualsiasi circolo sia possibile lavorare con uno massimo due ragazzi per tre ore più PA a meno che lavorino il mattino dove allora con l’impegno di tutti qualcosa di buono si può fare).

    Ivano

    Su questo sono perfettamente d’accordo con te..

    Il punto è che io non sono un tuo colega e mentre quindi gli altri lo fanno o l’hanno fatt per ingigantire il loro (e quindi essendo della zona magari per averne dei vantaggi diretti), il mio parere è da genitore e allenatore dello sport che valuta come se ti dovesse portare il proprio figlio..

    Ecco io a chi pensa della PA quello che hai sempre scritto tu lo depenno a prescindere da tutto il resto..

    Quindi nulla di personale, come al solito io entro nel merito..

  461. Vincenzo Gerbino

    Ivano

    Sono sicuro che sei un maestro appassionato e molto preparato, lo dice Il campo , lo dicono i risultati .
    E vero che tra colleghi c’e invidia
    Io quello che posso dirti e’ che non lo sono
    Non ero d’accordo con te su quello che riguardava la capacita di anticipazione motoria, e mi sembra di avertelo detto prima che lo dicesse mad Max , e senza sapere chi tu Fossi.
    So quanto e difficile gestire una scuola , e sicuramente molte energie che potresti mettere con le tue figlie non puoi , sono d’accordo su come tuteli le tue ragazzine ma non e possibile arrivare tra le prime 100 senza il percorso che indica mad max

  462. ivano

    Vincenzo
    Ti dico 2 cose importanti ma credimi senza polemica……prendile come un consiglio da amico no da collega……
    Uno quello che dice Max sul percorso è di una banalita’ unica..è chiaro che se ti dedichi al 100 per 100 al tennis e fai solo quello è molto meglio,rispetto a fare come faccio io………ma quella è gia’ un’ottica lavorativa non si parla piu’ di divertimento di infondere una passione…….qui si tratta di mandare a lavorare un bambino a 10 anni(perchè di questo si tratta)…..a mio modo di vedere le cose è troppo presto,queste scelte vanno fatte piu’ avanti……..quando un bambino è gia’ piu’ consapevole e quindi la scelta è piu’ sua che del genitore……poi prova domani ad andare al circolo e proporre ai migliori bambini che hai questo tipo di percorso……..i genitori come minimo ti fanno due pernacchie e ti ridono in faccia!!!!!…….
    Secondo sull’anticipazione motoria……..Vincenzo non ti conosco ma da quello che leggo sei molto appassionato probabilmente abbiamo anche fatto la scuola insieme,ti dico pero’ che sei completamente fuori strada se dai ragione a max sull’anticipazione motoria……..non è possibile che tu avvalli le sue teorie su questo argomento……..ma tutto cio’ senza polemica e senza litigare che non ne ho voglia……..se vuoi ti cito tanti maestri con i quali mi sono confrontato e tutti sottolineo tutti dicono cio’ che ho espresso io…….
    Vincenzo su quell’argomento hai preso un abbaglio te lo posso garantire………..

  463. bogar67

    Ivano
    tu hai cresciuto due figlie campionesse junior, con il loro programma di allenamento settimanale che a suo tempo ci hai postato spesso riceveresti dai genitori pernacchie ma non per un problemi di costi ma proprio quello che stai rimproverando a mad max.
    Leggendo corriere dell sport e la storia di Nadia Comaneci che compie oggi 50 anni e poi andando a curiosare su internet qualche filmino delle campionesse russe di oggi vedrai che la strada è quella di Mad Max.
    Inculcare si il divertimento e la passione per questo sport ma anche la consapevoezza che certi risultati si ottengono solo con un certo tipo di attività che comporta pochi svaghi e molti sacrifici e questo fin da piccoli, con questo non voglio dire che un genitore deve stare li a stressare e obbligare qualcuno a fare quello che non si vuole ma se hai il prediposto di qualità devi sfruttare l’occasione.

  464. Vincenzo Gerbino

    Ivano
    Grazie per i consigli, sono d’accordo quando dici che diventa un “lavoro”,
    Ma non credo che Madmax abbia costretto nessuno così come non e stato costretto rafael Nadal. E la maggior parte di persone sane di mente.
    Penso conti molto la cultura sportiva della famiglia e dello staff che segue.
    Secondo punto non saremo mai d’accordo .
    Esempio ma potrei fartene diversi , io dico al mio allievo , “guarda l’avversario,quando sta recuperando una palla decentrata , non guarda più dove sei tu nel campo , in quel momento prova andando avanti a giocare una volée anziché petmettergli che quella difesa sia efficace. Alleno si una situazione tattica ma anche l’anticipazione ideomotoria.

    L’allenatore di Stefano edberg al simposio di Milano raccontava di ore e ore ad allenare edberg nel visualizzare il serve end volley ed il chip end charge .

    Il maestro dei maestri Alberto Castellani non ti farà partecipare al corso per coach………..

  465. ivano

    Bogar
    Quella è la strada piu’ ovvia che pero’ non ti lascia scampo……..
    E’ la strada dove l’eventuale sconfitta ti porta a trovarti disadattato nella vita…..ti porta ad aver tralasciato il periodo adolescenziale…..e quello non tornera’ piu’………
    A cosa diamo piu’ importanza alla vita o al successo???? perchè di questo si tratta……….
    Sai cosa dice il padre della fuoriclasse che citavo qualche post fa’??????? Dice che per lui sua figlia non è normale dice che ha perso il controllo della realta’…..dice che per fortuna ha fatto tanti soldi altrimenti non so cosa sarebbe potuto succederli……….ma comunque con quel cervello i soldi si fa presto anche a perderli!!!!!
    Allora tu pensa se questa non fosse arrivata!!!!! e ripeto questa è partita molto tardi ha fatto un percorso molto diverso da quello di Max……..
    Il tennis professionistico rasenta la follia,quindi cerchiamo di renderlo il piu’ normale possibile almeno noi addetti ai lavori e voi genitori…….

  466. ivano

    Vincenzo

    Esempio ma potrei fartene diversi , io dico al mio allievo , “guarda l’avversario,quando sta recuperando una palla decentrata , non guarda più dove sei tu nel campo , in quel momento prova andando avanti a giocare una volée anziché petmettergli che quella difesa sia efficace. Alleno si una situazione tattica ma anche l’anticipazione ideomotoria.

    Vincent qui non stai allenando l’anticipazione motoria !!!!!!
    Qui dai degli imput tattico-strategici e basta !!!!! Alleneresti l’anticipazione motoria se tu dicessi all’allievo:<< hai giocato una palla angolata il tuo compagno si trova la palla lontanissima ha in mano una presa continental e non è in grado di generare energia su quel colpo !!!Allora quale è l'unica soluzione possibile????? e sulla base della soluzione possibile te devi muoverti di conseguenza………
    E' qui che ti inceppi vincent……..
    Questa è la capacita' di anticipazione motoria………
    Il resto informazioni tattico-strategiche

  467. monet

    ivano dice: ”a mio modo di vedere le cose è troppo presto,queste scelte vanno fatte piu’ avanti……..quando un bambino è gia’ piu’ consapevole e quindi la scelta è piu’ sua che del genitore……”
    e che età? a 14 15 anni? e li i ragazzi sarebbe cosi maturi da dirti si o no? i’m sorry caro maestro ma non la penso affatto come te.penso solo che se arrivi e se ci provi è perchè i tuopi genitori sono molto più arazzati di te e ti spingono se non ti impongono,di proseguire la strada che stai percorrendo.già tempo indietro ho detto che quel che dici tu io l’ho fatto quando aveva 19 anni, e era 250 al mondo e gli dissi” caro ragazzo se vuoi continuare sono contento ma se vuoi smettere sono ancora più felice” in realtà mentivo a me stesso e quando mi ha risposto che la sua vira era quella ,bè credimi dentro di me ero più felice di lui…..dammi pure dell egoista,ma credo che purtoppo ai giorni nostri i ragazzi si facciano molto condizionare da quelle che sono le nostre scelte……

  468. bogar67

    Ivano
    quando non ci stavi tu sul blog si discuteva spesso di piano B, chiaro che una figlia ignorante non la voglio, deve anche rendersi conto che ci sta dell’altro oltre al tennis e poi scegliere ma non posso aspettare 13/14 anni e poi di botto far capire che bisogna darci sotto, a quel punto sarà troppo tardi.
    Ti dico solo che senza obbligarla mia figlia va alla media di 12/15 ore a settimana di tennis e pa, quest’anno sono partito dal TUO programma settimanale. Oggi dalle 17 alle 20 convocata raduno PIA, secondo te saltava l’ora con la palleggiatrice alle 15 come ogni sabato? fatta anche quella, 1 ora di pausa e poi 20 km per andarsi a confrontare e divertire con altre bimbe, secondo te è stata obbligata? Chiaro che il rischio nausea è maggiore di chi gioca solo tre ore a settimana ma è anche vero che le probabilità di poterci quanto meno un giorno provare saranno sicuramente superiori.

  469. ivano

    completo il discorso e qui ti rendo proprio chiaro…..
    La notizia tattico-strategica che te hai dato potrebbe non valer nulla se per esempio l’avversario avesse in mano presa del diritto e fosse nella condizione di generare una spinta…. Tu andresti a rete e verresti chiaramente infilato dal passante…….

  470. bogar67

    Gerbino
    a quanto pare, da come mi è sembrato di capire dai suoi interventi Ivano ha cambiato molte partite delle figlie con il vietato 🙂 coaching per cui la battuta citando Castellani mi pare fuori luogo, attaccati a qualcosa d’altro! 🙂 🙂

  471. Vincenzo Gerbino

    Vincent qui non stai allenando l’anticipazione motoria !!!!!!
    Qui dai degli imput tattico-strategici e basta !!!!! Alleneresti l’anticipazione motoria se tu dicessi all’allievo:<< hai giocato una palla angolata il tuo compagno si trova la palla lontanissima ha in mano una presa continental e non è in grado di generare energia su quel colpo !!!Allora quale è l'unica soluzione possibile????? e sulla base della soluzione possibile te devi muoverti di conseguenza………
    E' qui che ti inceppi vincent……..
    Questa è la capacita' di anticipazione motoria………
    Il resto informazioni tattico-strategiche
    Ed e'qui che ti dai la zappa sui piedi ,Perche hai appena affermato che la capacita ' di anticipazione motoria E ' Allenabile

  472. ivano

    Monet
    Certo che bisogna spronarli…..
    Direi proprio che sui 15-16 anni un ragazzo puo’ capire se il tennis dovra essere la sua professione o no…….
    Prima per me è presto……lascio sfogare gli altri…..
    Ti dico che le ragazzine migliori d’europa in eta’ con mia figlia hanno gia lasciato la scuola da 3 anni e si allenano 3 volte il giorno per un totale di 6-8 ore al gg…..
    Bhè a me questo non piace e non interessa……preferisco altro progetto anche se non dovesse andarmi in porto…..

  473. rikys

    Ivano… il tuo ultimo post mi è piaciuto molto. Sono perfettamente d’accordo con te che il tennis professionistico rasenta la follia come d’altra parte rasenta la follia studiare musica al conservatorio o diventare un cantante lirico o una ballerina di danza classica ecc… Ti faccio però a questo punto una domanda, se domani tua figlia Jessica ( che ormai 14 anni li ha compiuti ) ti prendesse da una parte e ti dicesse: papà da domani io voglio provare a diventare una tennista, voglio che il tennis diventi la prima priorità della mia vita, non mi fraga un tubo andare a feste in discoteca e ai compleanni delle mie amiche, mi voglio allenare 8 ore al giorno o anche 10 no facciamo 12, compatibilmente con le tue disponibilità economiche cosa gli risponderesti? Perchè alla fine della fiera è questo di cui dobbiamo discutere. Sono curioso di leggerti.

  474. ivano

    Vinvenzo
    Ho sempre sostenuto che è allenabile ma solo sul campo da gioco e non durante la PA……..
    Ansi ripetevo che il miglior modo per allenarla è la partita…….
    Pero’ ci sono dei ragazzini che queste cose non le vedono e non le vedranno mai…..
    Dote innata che si puo’ migliorare con maestro bravo……ma sempre dote innata….

  475. Vincenzo Gerbino

    Ivano
    Scusa ma non e vero che la continental non puoi generare potenza vedere prego i passanti di federer sotto le gambe , piano non vanno.
    Poi la soluzione e soltanto quella che la palla normalmente converge verso il centro quindi se anticipo la situazione ti sei creato UN GRANDE VANTAGGiO.

    BINGO

    Come mi ha confermato zio toni

  476. ivano

    Rikis
    Per ora non se ne parla nemmeno……
    Da un ora e mezzo di tennis al gg piu’ la PA(perchè finalmente ho da lunedi un PA con le palle),si potra’ passare a 2 ore al gg di tennis e poi magari a 2,5 e poi tre ore…. sempre facendo vita regolare……
    Diciamo tra 2-3 anni sulla base di tutto si potra’ prendere in considerazione scuola privata….

  477. ivano

    Vincenzo
    Con palla lontana dal corpo e impugnatura continental giusto federer genera una spinta…….
    E poi l’inteligenza sta proprio anche in questo……capire subito chi ho davanti e muovermi di conseguenza in anticipo……
    E’ chiaro che se gioco con federer e individuo quella situazione sto lostesso con le campane accese….se gioco con un’altro qualsiasi e individuo la situazione mi vado a posizionare mezzora prima proprio dove andra’ a cadere la palla…..
    Temo che tu abbia confuso cio’ che ha detto zio tony……

  478. bogar67

    Ivano scrive
    (perchè finalmente ho da lunedi un PA con le palle)!!

    🙂 🙂 Mad max ti ha influenzato!!

  479. ivano

    Bogar
    Un po 🙂 🙂 🙂
    Lo ho sempre avuto il PA…….
    Ma dopo le vicissitudini accadute ho reputato che era meglio il fai da te……..cercando di fare meno danni possibile…….e privilegiando di piu’ il tennis………

  480. rikys

    Ivano, io quel colloquio con mia figlia l’ho avuto circa 6 mesi fa e sono giunto alla conclusione ( sofferta ) che l’opportunità dovevo dargliela perchè era ciò che lei voleva fare con maggior convinzione. Ora si allena full time 6/7 ore al giorno fa scuola privata e fine del discorso. L’unica cosa di cui sono sicuro è che farà il suo massimo possibile per inseguire il suo sogno e sono ancora più sicuro che non arriverà a 17/18 anni scarica per aver iniziato troppo presto. Poi magari fra un anno smette ma alla fine potrà sempre dire “ho provato ho fatto il massimo non sono riuscita” ma non avrà niente da recriminare o rimpiangere. Tornerà a scuola ( statale ) e se ne avrà voglia andrà all’università ( in Italia ).

  481. bogar67

    rickys
    che significa arrivare scarica perchè ha iniziato troppo presto?
    Che dici di questa bimba di 4 anni? unisci gli spazi vuoti per link completo!
    http: //www. youtube.com/watch?v=4Ah0RXjCYjY&feature=share

  482. ivano

    Rikis
    Semplicemente scelte diverse…….
    Non ti critico ne ti biasimo,ogniuno fa la sua strada…….
    Speriamo di arrivare entrambi all’obiettivo…….
    E poi con tua figlia se vuoi è anche giusto……
    Cazzo è una pertica di 180 CM…… 🙂

  483. bogar67

    Specifico che nel video dei link sopra elencati ci sta la vincitrice di wimbledon 2011 e non mia figlia 🙂

  484. monet

    certo, mi permetto di aggiungere,che far provare a far diventare professioniste delle ragazze all’età di 17 anni mi sembra un tantinodifficile,anche perchè come ho sempre avuto modo di constatare personalemnte a 16 anni il 90% molla tutto.la precocità degli allenamenti in questo sport purtroppo dico putroppo è fose troppo importante……..che dio te la mandi buona Ivano!! certo che se poi nn dovesse riuscire il dire farà le scuole statali o l’uni è un …già sentito sopratutto da quelli i cui figli o non riuscivano a vincere più o si sono accorti che il tennis era uno sport per….altri!!

  485. Vincenzo Gerbino

    Zio toni a detto ” guarda enzo, che come fa il maestro Pieri non si va da nessuna parte, sto cercando di spiegarlo anche a rafael. Anzi domani dato che ha vinto il Nike junio tour mondiale come premio vai ampescare una settimana”
    Pero non ho capito bene le ultime due parole perche parlava un catalano

  486. rikys

    Monet….e cosa dovrei dire scusa? Io più di metterla nelle migliori condizioni possibili ( sempre in relazione alle mie tasche ) e di sostenerla al 100% nelle sue scelte non saprei cosa fare. Inutile intestardirsi se il tennis non sarà il suo futuro si ritorna alle cose normali della vita scuola, lavoro e famiglia. Non ci vedo niente di strano, di sicuro in questo modo mi accorgerò molto presto se il tennis è per lei o per altri.

  487. ADDIRITTURA

    non sono convinto come Voi che Federer utilizzi una continental nel recupero sotto le gambe, schiena alla rete.
    rete.http://youtu.be/JVltZ7zWJXE

    il ftgr 0:42 evidenzia una presa vs. eastern di rovescio.che ovviamente cambia con la mano destra e…di nascosto!
    e anche lì chissà quante volte ha perfezionato il colpo…così tanto per capirci.

  488. monet

    rikis il mio commento non era rivolto a te ma al maestro Ivano,tu per me stai facendo le cose che tutti,dico tutti fanno per poter permettere a tua figlia di affacciarsi al ternnis che conta,che poi ci riesca o meno tu avrai sempre la coscenza a posto,mentre temo che se Ivano faccia fare questa scelta alle sue due figliole,cioè di decidere di pensare al full tennis a 17 anni temo che qualche problema lo possa avere,spero di no,ma ne sono quasi convinto

  489. ivano

    Vincenzo
    Forse a Tony Nadal sull’anticipazione?????
    Non è nemmeno da discutere !!!!
    La capacita’ di anticipazione motoria è solo quello che ti ho detto io punto non cè da discutere…….
    Quello che dici te sono informazioni tattico.strategiche !!!!
    Quindi ne tony,ne Piatti ne Bollettieri ne la madonna addolorata possono dire il contrario…..
    Hai capito male stop !!!!

  490. ivano

    Per quanto riguarda il percorso formativo ????
    Io con le bambine sto facendo quello che ritengo sia giusto sotto tutti i punti di vista,e soprattutto quello fisico…….
    Poi tutto il mondo lascia la scuola statale per la privata e dedicarsi al tennis……
    Ma proprio perchè lo fan tutti io non lo faccio….. 🙂 🙂 🙂

  491. Vincenzo Gerbino

    Per tutti i genitori del blog

    Ivano Pieri stai riportando informazioni sbagliate a tutti i genitori del blog,
    Spero che tu sia in buona fede, perche ho appena perlato con il maestro Alberto Castellani che sostiene quello che diciamo io e il signor D’auria .

    Alessandro nizegorodcev , ti prego se tieni a cuore al tuo blog fai qualcosa fermalo tu il
    Maestro pieri

    Alessandro per cortesia potresti chiedere al maestro Castellani

  492. Madmax

    Ragazzi ma l’avevo detto già tempo fa che ogni volta che parlava si dava una martellata sulle palle..

    L’avevo anche gentilmente consigliato di fermarsi per non dare certezze… 🙂

    Però contento lui…

  493. Madmax

    Signor Grazia..

    Continuo dal post di stamattina..

    Le idee sono sempre rimaste le stesse semmai sono cambiate le modalità..

    Mirco l’ho sbattuto fuori di casa lanciandogli le valigie dalla finestra..

    Poi sono migliorato e mio figlio l’ho gentilmente accompagnato alla porta..

    Le motivazioni sono state che con MIrco facendo a qul tempo ancora l’allenatore le dissi che per dedicarmi completamente a lui pretendevo che volesse diventare il migliore dle mondo mentre lui avendo 19 anni e guadagnando già molti soldi preferiva andare a figa..

    Con mio figlio invece perchè non voleva ne andare a scuola e ne lavorare.. 🙂

    Con mia figlia il problema non esiste perchè al top ci vuole arrivare e per farlo è disposta a lavorare..

    Per cui il problema non si porrà..

    E se anche un giorno decidesse di non voler più provare ad arrivare al top non continuerebbe a fare il suo lavoro che a quel punto sarebbe lo studio..

  494. ivano

    vincenzo
    Allora il maestro Castellani se vorra’ potra’ tranquillamente dirmelo qui’ sul blog…….
    La capacita di anticipazione motoria è solo quello che dico io…..punto……..castellani potra’ sicuramente confermare sul blog……..e se cosi’ non fosse vuol dire che è in malafede……..
    Ora perchè te sei stato sputtanato non piu’ tardi di ieri sera trovi il pretesto per rompermi le palle a me…….
    Poi per quanto riguarda il percorso ogniuno il suo……alla fine vedremo quello che succede…….
    Ecco questo è il classico caso dove do’ ragione ai genitori !!!!!
    meglio da soli che con Gerbino maestro……. 🙂 🙂 🙂
    Ma perpiacere Gerbinooooo……..fai ridere…..
    Sei stato sputtanato proprio ieri sera da gente che ha lavorato con te……….a Gerbi ripigliati !!!!! 🙂 🙂 🙂

  495. Scusate. ma non vedo il probpema: Pieri in fondo cosa dice? Io non me la sento di rischiare tutto sul tennis e quindi le faccio continuare la scuola normale perche’ e’ forse vero che se non cominci a 12 anni con 6 ore l giorno non ci riesci ad entrare nei 100 e a 17 anni e’ troppo tardi, ma e’ anche vero che di tutyi questi che smettono a 14 anni e sono migliaia nel mondo nei top 100 ne entrano poi solo 100 ( e mica tutti ogni anno)….
    Opinione rispettabilissima, mi pare… Io sono convinto che bisogna purtroppo fare come fa max, e dico purtroppo, ma che per poterlo fare bisogna essere sicuri del proprio pollo…anche csi’ facendo, solo 1 su 500 riuscira’ e allora non nascondo che mi sono sempre chiesto se ne valeva la candela… a quel punto, quello della decisione, non ci sono mai arrivato perche’ mio foglio ha smesso prima…peccato, perche’ io ho anche sempre sostenuto che il giocatore lo si forma fra i tre e 12 anni, cioe’ quello che deve imparare lo impara prima dei 12-14 anni e dopo e’ tutto fisico e mental…pero’ a 14 aa deve essere lui a volerlo…se non lo vuole davvero, se non ha le motivazioni, inutie spingerlo, si brucera’ da solo…se pero’ ha fatto tutto per bene dai 3 ai 12 magari puo’ anche smettere un anno e poi riprendere senza problemi ( a meno che non sia alto uno e un cazzo come il mio!)
    Quindi non vedo chissa’ quali eresie, anzi la scelta di Ivano e’ molto saggia in funzione UMANA e umanistica perfino…poi lui aggiunge dei discorsi secondo me non campati in aria, sul fatto di aspettare maturazione fisica e mentale, e poi mette sulla bilancia il fatto che comunque le sue due figlie tre campionati nazionali li hanno vinti, saranno pure tornei del gigetto, ma si vede che molto male non hanno lavorato..Poi dipendera’ dalla potenzialita’, se ne hanno o non ne hanno,dalle variabili, testa peso altezza spirito di sacrificio, amori e passioni… e comunque mica tutti sono nati bookmakers, qualcuno magari non se la sente di sacrificare tutto… Il Maestro Castellani potra’ anche dire quello che vuole ma proprio lui non condannera’ mai uno che non se la sente di tirar via le foglie dalla scuola, lui che insegnava Prevert ad Arazi e Dostojevski a Tipsarevic…

  496. ivano

    E se un grande coach sostenesse che l’anticipazione motoria è quello che sostieni te….Bhè allora capisco che portare atleti tra i primi 100 del mondo non è poi cosi’ difficile……
    Ansi è difficilissimo perchè vorrebbe dire avvalorare ancora di piu’ la mia tesi ovvero che campioni si nasce……..e non si diventa…….con dei gerbinos coach…….:9 🙂 🙂 🙂

  497. …che poi le loro due-tre ore di tennis col papa’ Maestro le faranno sempre, magari one on one, e la PA … be’, e’ li’ la scommessa: max ha puntato tutto sulla PA precoce e fatta in un certo modo, per porre le basi per poter sopportare poi i carichi di lavoro incredibili necessari, Pieri insiste che a guardarsi intorno ancora oggi e soprattutto fra le donne, una vera PA non la fa nessuno e quindi, c’e’ ancora spazio e tempo per … poi magari nessuna delle loro figlie entrera’ nel gotha e si rivedranno come le star a bere del whiskie al roxy bar e nessuno di noi sapra’ chi aveva ragione, neanche il maestro gerbino di cui mi sfugge l’obiettivo…trovare un Genitore zlucido Ma Folle come Max che gli affidi la Figlia promettendogli una percentuale in caso di …( Carlos Rodrigues prese Justine zhenin a 12 anni, mi pare…) oppure vorrebbe ma non puo’, perche’ come gli ha spiegato bene znicox, QUEL metodo puo’ essere attuato solo da un Genitore Illuminato, Maestro o no …

  498. ivano

    Oggi ti ho pure insegnato come fare il tuo lavoro…….
    Fidati non ne sei capace !!!!
    Basta dire che allenavi il controllo di palla facendo il pittino !!!! 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂
    Lo hai dichiarato te qui sul blog !!!!!!
    Cazzo ma allora ha ragione il Bollettieri denoartri….meglio far da soli…….
    In toscana un livello cosi basso di maestri non cè ve lo garantisco…….Spostatevi a sud miei cari valdostani……ansi in piemonte gia’ sian messi meglio…….

  499. pulsatilla

    Allenare il controllo di palla col pittino deriva dalla scuola castellani. una boiata pazzesca.
    Scusate: non riesco a leggere i post della pagina precedente, mi pare che la discussione sia sull’anticipazione ideo-motoria.
    Definiamola allora: è la capacità di intuire una frazione di secondo prima dove finirà la palla e agire di conseguenza.
    Max dice che è allenabile con la PA e Ivano dice che si può allenare solo in partita.

  500. ivano

    Hai creato una fazione da blog con Max appositamente per far passare inosservata la sputtanata che ti ha fatti Simply non piu’ tardi di ieri sera……..
    A gerbi ma con chi ti credi di aver a che fare?????? 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂
    Simply Ti ha semplicemente rimarcato quello che esprimi quando parli sul blog ovvero di non essere all’altezza…….punto……
    E che centro io è un problema tuo mica mio????

  501. Madmax

    io mi domando uno che scrive da mesi ansi al posto di anzi non conosce l’italiano (che insegnano alle lementari) però conosce perfettamente quelle che non insegnano nemmeno all’Università

    E poi alla prima critic che arriva poi da un suo collega comincia ad insultarlo e tutto ad un tratto non è più credibile nemmeno lui..

    Eppure la SNM sarà stata la stessa, o no..

    E qui secondo me perde di credibilità ancor di più Stefano perchè lo sa benissimo anche lui ma verca cmq di difendere chi al contrario è indifendibile..

    Io sono solo contento dell’arrivo di Pieri perchè ha confermato al mondo il livello medio dei maestri, come tecnici e come persone…

  502. ivano

    Alessandro
    Ora sono io che mi rivolgo a te !!!!!!
    Visto che sei nei dintorni dell’acqua acetosa,delle tre fontane,e di viale tiziano ,mi raccomando non dire nulla in giro delle boiate che spara il maestro fenomeno,altrimenti rischia il ritiro immediato della targa federale!!!!:) 🙂 🙂 🙂 🙂

  503. Vincenzo Gerbino

    Ivano
    Ma forse ti sei perso dei pezzi
    Ti fa comodo scrivere queste cose
    Io non ho bisogno di consensi
    Scrivi da politico

  504. ivano

    Max
    Lui mi ha offeso!!!!!
    Altrimenti Non mi sarei mai permesso!!!!!
    Io credo invece che pur facendo meno della meta’ degli altri si puo’ andare ancora molto lontano perchè questo è il livello che cè in giro !!!!!
    A questo punto caro monet alzo la data del full time non piu’ a 17 ma a 19 anni :9 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂

  505. ivano

    Gerbino
    A te posso solo dire che hai soltanto una gran fortuna che sei in valdaosta…….perchè se tu fossi in Toscana moriresti di fame!!!!!
    Cercare il campione?????
    Ma cerca di riuscire a mantenere qualche allievo alla scuola che per te è gia’ un bell’obiettivo……… :9 🙂 🙂

  506. ivano

    Il confronto è bello se è alla pari……
    Uno che mi dice che il controllo si allena con il pittino e che se metti in difficolta l’avversario devi andare a rete e cosi si da un informazione che allena la capacita’ di anticipazione motoria !!!!!
    Ma che ti vuoi confrontare !!!! A Gerbi ma vai a fare il cartomante 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂

  507. ivano

    Guarda che te mi hai offeso per primo e gratuitamente creando tutto ad arte per cercare consensi e spostare l’attenzione sul blog,visto che non piu’ tardi di ieri sera sei stato sputtanato pesantemente da un tuo ex allievo……

  508. Vincenzo Gerbino

    Ivano

    Ma sai che mi stai smontando , forse hai ragione tu
    Forse se faccio credere ai genitori il contrario delle cose giuste riesco a trarne vantaggio per le mie figlie

  509. ivano

    Pesanen
    Hai proprio ragione ma certi elementi devono solo andare a fare altro………il tennis è un’altra cosa

  510. ivano

    Io non faccio credere nulla di sbagliato……
    Io dico che faccio un percorso tranquillo……..e ogniuno faccia quello che vuole……punto……..dico anche che tutto il mondo che ci vuol provare non va piu’ a scuola da anni e si allena 8 ore il gg………..
    Ma sull’anticipazione motoria non cè da discutere ……..il problema è che non ci arrivi……..e se non ci sei arrivato fino ad ora non credo che tu ci possa arriavare da ora in avanti

  511. Vincenzo Gerbino

    Pasanen

    Difendo i miei valori, e non voglio che solo perche ha vinto due titoli italiani possa dire quello che vuole,
    Non mi fa nessun effetto quello che dice
    So che ha torto, ma e difficile ammetterlo e non lo Farà nemmeno davanti l’evidenza

  512. ivano

    Invito tutti i blogger ad andarsi a leggere il primo post di Gerbino dove oggi si è rivolto a me ed io ho risposto che non avevo voglia di arrabbiarmi quindi non volevo rispondere……
    Hai voluto soltanto ricevere consensi dopo la sputtanata che ti ha fatto ieri sera simply……….ed anche spostare l’attenzione del blog alla nostra litigata……vergognati…..!!!!!!

  513. Vincenzo Gerbino

    Ivano
    La capacita di anticipazione motoria la puoi allenare anche da piccolissimo,
    Ti faro fare una figura di merda
    Puoi allenare la capacita di anticipazione motoria sia in campo che fuori e senza fare nemmeno partite
    Tu puoi prendere per il culo per i tuoi scopi chi vuoi
    Vincenzo Gerbino da te non ha niente da imparare, mai.

  514. ivano

    Purtroppo l’invidia è brutta……
    Poi se per quello di titoli italiani i miei allievi ne hanno vinti 6……in piu’ un titolo europeo a squadre e credo 17-18 titoli toscani……..
    Te invece????? no parliamo di te se sei cosi’ bravo che hanno vinto i tuoi allievi??????
    Visto che difendi i tuoi diritti !!!! e che mi hai offeso per primo sensa motivazione !!!!

  515. Vincenzo Gerbino

    Ivano post 620

    Puoi dire il post dove avrei parlato del controllo di palla

    Ti arrampichi dici un sacco di bugie pur di prendere consensi

  516. ivano

    copia e incolla

    Sono sicuro che sei un maestro appassionato e molto preparato, lo dice Il campo , lo dicono i risultati .
    E vero che tra colleghi c’e invidia
    Io quello che posso dirti e’ che non lo sono
    Non ero d’accordo con te su quello che riguardava la capacita di anticipazione motoria, e mi sembra di avertelo detto prima che lo dicesse mad Max , e senza sapere chi tu Fossi.
    So quanto e difficile gestire una scuola , e sicuramente molte energie che potresti mettere con le tue figlie non puoi , sono d’accordo su come tuteli le tue ragazzine ma non e possibile arrivare tra le prime 100 senza il percorso che indica mad max

  517. ivano

    Vincenzo
    Ti dico 2 cose importanti ma credimi senza polemica……prendile come un consiglio da amico no da collega……
    Uno quello che dice Max sul percorso è di una banalita’ unica..è chiaro che se ti dedichi al 100 per 100 al tennis e fai solo quello è molto meglio,rispetto a fare come faccio io………ma quella è gia’ un’ottica lavorativa non si parla piu’ di divertimento di infondere una passione…….qui si tratta di mandare a lavorare un bambino a 10 anni(perchè di questo si tratta)…..a mio modo di vedere le cose è troppo presto,queste scelte vanno fatte piu’ avanti……..quando un bambino è gia’ piu’ consapevole e quindi la scelta è piu’ sua che del genitore……poi prova domani ad andare al circolo e proporre ai migliori bambini che hai questo tipo di percorso……..i genitori come minimo ti fanno due pernacchie e ti ridono in faccia!!!!!…….
    Secondo sull’anticipazione motoria……..Vincenzo non ti conosco ma da quello che leggo sei molto appassionato probabilmente abbiamo anche fatto la scuola insieme,ti dico pero’ che sei completamente fuori strada se dai ragione a max sull’anticipazione motoria……..non è possibile che tu avvalli le sue teorie su questo argomento……..ma tutto cio’ senza polemica e senza litigare che non ne ho voglia……..se vuoi ti cito tanti maestri con i quali mi sono confrontato e tutti sottolineo tutti dicono cio’ che ho espresso io…….
    Vincenzo su quell’argomento hai preso un abbaglio te lo posso garantire………..

  518. ivano

    risposta di gerbino
    copia e incolla

    Ivano
    Grazie per i consigli, sono d’accordo quando dici che diventa un “lavoro”,
    Ma non credo che Madmax abbia costretto nessuno così come non e stato costretto rafael Nadal. E la maggior parte di persone sane di mente.
    Penso conti molto la cultura sportiva della famiglia e dello staff che segue.
    Secondo punto non saremo mai d’accordo .
    Esempio ma potrei fartene diversi , io dico al mio allievo , “guarda l’avversario,quando sta recuperando una palla decentrata , non guarda più dove sei tu nel campo , in quel momento prova andando avanti a giocare una volée anziché petmettergli che quella difesa sia efficace. Alleno si una situazione tattica ma anche l’anticipazione ideomotoria.

    L’allenatore di Stefano edberg al simposio di Milano raccontava di ore e ore ad allenare edberg nel visualizzare il serve end volley ed il chip end charge .

    Il maestro dei maestri Alberto Castellani non ti farà partecipare al corso per coach

  519. pulsatilla

    Gerbino,
    quella da te descritta non è anticipazione ideo-motoria, ma una lezione di tattica.
    Anticipazione ideo-motoria è intuire dove cadrà la palla un attimo prima.
    Se si allena con la PA non lo so.

  520. ivano

    Gerbino
    Esempio ma potrei fartene diversi , io dico al mio allievo , “guarda l’avversario,quando sta recuperando una palla decentrata , non guarda più dove sei tu nel campo , in quel momento prova andando avanti a giocare una volée anziché petmettergli che quella difesa sia efficace. Alleno si una situazione tattica ma anche l’anticipazione ideomotoria.

    Con questa tua massima concludo perchè qui siamo all’apoteosi delle cazzate!!!!
    Questo è quello che hai dichiarato come esempio su allenamento capacita’ anticipazione motoria…:) 🙂 🙂 🙂 🙂
    A Gerbi a castellani fai vedere quello che hai scritto e va bene……ma non farlo vedere in federazione perchè ti ritirano la targa…..:) 🙂 🙂 🙂 🙂

  521. ivano

    secondo me tu hai paura,

    ti rifaccio i complimenti per le vittorie,ma non posso sentirti dire stronzate sulla ANT. MOTORIA

    SEI TU CHE TI SEI PRODIGATO DI CONSIGLI CHE NESSUNO TI HACHIESTO

    e poi consigli fuorvianti

  522. pulsatilla

    Gerbino…
    e poi confondi l’anticipazione ideo-motoria con la visualizzazione, che è ancora un’altra cosa.

  523. ivano

    Ansi l’ultimo……
    Sai quale è il problema che te pensi di essere pure bravo !!!!! 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂
    Pulsatilla non avevo dubbi che pure un genitore seppur preciso come te conoscesse quello che è l’anticipazione motoria

  524. ivano

    Ora ti riposto il mio insegnamento cosichè vediamo se di nuovo impari qualcosa…..:9 🙂 🙂
    Ho capito che sei un po duro di comprendonio :9 🙂 🙂

  525. ivano

    Questa è la mia risposta al professor gerbino sulla stracazzata che ha scritto 🙂 🙂 🙂

    Vincent qui non stai allenando l’anticipazione motoria !!!!!!
    Qui dai degli imput tattico-strategici e basta !!!!! Alleneresti l’anticipazione motoria se tu dicessi all’allievo:<< hai giocato una palla angolata il tuo compagno si trova la palla lontanissima ha in mano una presa continental e non è in grado di generare energia su quel colpo !!!Allora quale è l'unica soluzione possibile????? e sulla base della soluzione possibile te devi muoverti di conseguenza………
    E' qui che ti inceppi vincent……..
    Questa è la capacita' di anticipazione motoria………
    Il resto informazioni tattico-strategiche

  526. ivano

    A completamento del post precedente ho scritto pure…

    completo il discorso e qui ti rendo proprio chiaro…..
    La notizia tattico-strategica che te hai dato potrebbe non valer nulla se per esempio l’avversario avesse in mano presa del diritto e fosse nella condizione di generare una spinta…. Tu andresti a rete e verresti chiaramente infilato dal passante…….

  527. pulsatilla

    Gerbino,
    confondi la tattica e la visualizzazione con l’anticipazione ideo-motoria.
    ma sono curioso di leggere quello che scrive il guru.

  528. ivano

    Castellani deve solo rispondere a questi post e se ti da ragione credo che non capisca un cazzo pure lui perchè è impossibile darti ragione…….e voglio vedere come fa a darti ragione………….

  529. ivano

    A gerbi non ti arrampicare sugli specchi sto solo copiando e incollando quello che te hai scritto oggi…….

  530. Vincenzo Gerbino

    delle mie
    lezioni all.’universita  (scienze motorie di perugia)  sono dedicate a come si
    allena l’Anticipazione motoria . SE per anticipazione motoria  si intende  la
    capacita di comprendere ,decodificare,in modo veloce e preciso  come si
    svilupperà una situazione  motoria o una sequenza di gesti motori con lo scopo
    di migliorare la gestualità tecnico-tattica  e portare più facilmente al  gesto
    prassico(il gesto del massimo rendimento col minimo sforzo) allora si considera
    l’anticipazione motoria come una CAPACITA COORDINATIVA  e allora come tutte le
    capacita coordinative(poco solo  la reazione) è assolutamente allenabile ……
    se poi il maestro, che non ho il piacere di conoscere, ma che saluto
    cordialmente, intendesse per Anticipazione motoria qualcosa di diverso ,allora
    lo dica (non per forza si deve seguire la  definizione classica)e dica cosa
    intende lui per Anticipazione motoria …per la letteratura scientifica del
    movimento  del movimento quella che ho dato io  è la definizione claSSICA  di
    Anticipazione motoria ….. Blume ,che è il riferimento dei più, quando si
    parla di capacita coordinative, non la cita ufficialmente nelle 7 capacita
    speciali dfella sua classificazione, ma tutti sappiamo che essa nel suo schema  
    classificativo  (fra le capacita coordinative speciali)è strettamente legata
    alla trasformazione.alla reazione e alla differenziazione ….COn i miei atleti
    di alto livello l’ho sempre allenata anzi ritengo che sia la capacita
    coordinativa che con la trasformazione e la differenziazione sia più importante
    da allenare per raggiungere l’alto livello ……. ma gia’ nei bambini col
    gioco simbolico  e iimaginativo si stimola questa capacita e quindi in qualche
    modo si allena ….nei giochi la funzione immaginativa  porta l’allievo alla
    riflessione e soprattutto alla creatività…..   ma ora non voglio fare una
    lezione   se il maestro vuole, puo venire alle nostre lezioni ,non solo le mie
    ma anche quelle di altri docenti.   Ho anche alcune tesi,dicusse da miei
    allievi , che trattano l’allenamento dell’anticipazione motoria,posso
    passargliene una  . Se  poi il maestro non fosse ancora  convinto ,fagli vedere
    quello che è per me  il piu bel punto mai giocato nel tennis quello nel quale
    per 4 volte consecutive federer ontro nadal (al roland garros )  che  gli spara
    ddosso 4 diritti a braccio pieno, fortissimi a una distanza di  non piu di 6
    -10  metri anticipa talmente bene che i non solo le intercetta tutte, ma
    nell’ultimo diritto , ponendo la racchetta in un punto prima che nadal colpisse
    ,trova la palla esattamente in quel punto …nessuno riesce a fare questo e  
    del resto federer ci riesce perche migliaia di situaziuoni in quelle stesse
    condizioni lo hanno allenato a capire( statisticamente è ovvio) prima dove la
    palla va ;   un federer che avesse fatto il banchiere avrebbe (anche con
    un’ottima  capcita di reazione naturale ) preso le 4 palle in pancia o in
    faccia …….. perche dunque le ha prese tutte   ed ha fatto  pure il punto?  
    perche era evidentemente stato allenato a quella situazione  ….o è casuale  
    rispondere in quella maniera per 4 volte di fila??  ciao in bocca al lupo
    difendi con vigore la tua convinzione !!! se ti serve altro contattami……

  531. davineta

    Sono nuovo del forum e ho trovato interessante la vostra discussione sull’anticipazione dato che ho avuto modo di trattarlo qualche mese fa in università. In pratica l’oggetto della contesa è la possibilità o meno di allenare questa capacità cognitiva durante le sedute di preparazione atletica giusto?

    Partiamo dal principio ossia dalla definizione della capacità di anticipazione; “la capacità di anticipazione è la capacità di un’atleta di prevedere cosa sta per accadere, sia quando avverrà, e di eseguire in anticipo diverse attività di elaborazione dell’informazione”. Inoltre questa capacità può essere divisa in spaziale e temporale. Il problema principale è che per avere una corretta anticipazione spazio-temporale bisognerebbe conoscere bene la regolarità con cui determinati eventi si producono, ad esempio quante volte un evento B segue un evento A.
    Personalmente sono dell’idea che in uno sport di situazione come il tennis, una capacità cognitiva come l’anticipazione dovrebbe essere costruita e sviluppata nelle sedute sia di preparazione atletica che di tennis.
    Per esempio un preparatore atletico potrebbe allenare a livello “generale” la capacità di anticipazione (a stimolo A associo risposta B, a stimolo C risposta D ecc) e il maestro, lavorando sul campo, potrebbe allenare a livello “specifico” l’abilità dell’atleta. Quest’ultimo avendo già sviluppato tale capacità con il preparatore, dovrebbe “solo” (per modo di dire) trasferire l’abilità nella situazione di gioco.

    Con l’allenamento sul campo un atleta riuscirebbe così a sviluppare dei pattern motori che, al verificarsi di un determinato stimolo verrebbero richiamati, in modo tale da generare la risposta più appropriata ed idonea alla situazione.

    Purtroppo (o per fortuna) nel gioco del tennis, la dipendenza sequenziale (evento B segue sempre evento A) non è un qualcosa di dogmatico e assoluto, ma un’atleta con una buona capacità di anticipazione potrebbe eseguire con anticipo attività di elaborazione dell’informazione.

    Spero di ricevere opinioni e commenti costruttivi a riguardo visto che l’argomento mi incuriosisce molto!

  532. ivano

    Non lo leggo nemmeno…….
    Lui deve solo rispondere ai post che te hai scritto……
    Punto deve fare solo quello……..e se ti da ragione gli do del buffone pure a lui…..

  533. pulsatilla

    “la capacità di anticipazione è la capacità di un’atleta di prevedere cosa sta per accadere, sia quando avverrà, e di eseguire in anticipo diverse attività di elaborazione dell’informazione”.

    questa è la definizione giusta.
    Castellani, ahimè, riducendondola ad una capacità coordinativa, come al solito non ne ha compreso il significato.

  534. Se volete allenare l’anticipazione motoria dovete lavorare soprattutto su due abilità mentali.
    1) la concentrazione e la capacità di rilevare patterns nelle tecniche e strategie motorie, balistiche e tattiche dell’avversario;
    2) la fiducia del giocatore in modo tale che possa fidarsi “ciecamente” del suo intuito e muoversi e reagire in anticipo secondo i sopracitati indizi.

  535. pulsatilla

    davineta,
    devo farti un appunto. prima parli di capacità di previsione, che è una funzione intuitiva e poi la definisci come una capacità cognitiva. Non è una capacità cognitiva perchè non rientra nella sfera della razionalità comunemente intesa.
    E’ per questo che è difficilmente allenabile.

    tu dici che si può allenare anche con la PA e io resto molto curioso anche se un po’ scettico. In partita si allena e questo Ivano lo detto da sempre.

  536. ivano

    Ansi no ho letto e ho visto che fa riferimento a me quindi rispondo a Castellani…..

    Lei dice;<<si intende la
    capacita di comprendere ,decodificare,in modo veloce e preciso come si
    svilupperà una situazione motoria o una sequenza di gesti motori con lo scopo
    di migliorare la gestualità tecnico-tattica e portare più facilmente al gesto
    prassico(il gesto del massimo rendimento col minimo sforzo) allora si considera
    l’anticipazione motoria come una CAPACITA COORDINATIVA

    Per me la capacita' di anticipazione motoria nel tennis è quella capacita' che ci fa capire dove potra' andare a finire in anticipo la palla del mio avversario sulla base di tutte le informazioni che l'occhio riesce a percepire oltre la propria parte di campo……….informazioni che provengono dal dove ha la palla l'avversario da che tipo di impugnatura ha in mano e che tipo di gesto stara' per fare…sulla base di questo io posso andare a elaborare in anticipo dove finira' la palla…….
    Non stiamo parlando la stessa lingua !!!!

  537. Vincenzo Gerbino

    Ivano
    Tu hai strumentalizzato il mio esempio,

    Non diciamo affatto le stesse cose tu dici cose diverse

  538. pulsatilla

    Gerbino,
    forse hai scritto una cosa diversa da quella che volevi esprimere, quello che hai scritto è palesemente errato.
    e non fidarti di quello che scrive castellani, perchè se intende l’anticipazione ideo-motoria una capacità coordinativa, allora non ha capito niente nemmeno lui.

  539. ivano

    Infatti non diciamo le stesse cose e che ho scritto !!!!!
    Lo vedi che quando ti dico che non capisci questa è la dimostrazione !!!!
    Nel tennis io ribadisco a grande voce che la dote di anticipazione motoria è solo questa,quello che asserisci è valido forse per altri sport dove si riesce meno a percepire la situazione in base agli eventi!!!!

  540. ivano

    A gerbi te hai fatto questo esempio mica io……..
    Il problema che se ti ancori a questa spiegazione è palese che sei sulla strada sbagliata…….

  541. davineta

    Rientra nelle capacità cognitive perchè viene stimolato il sistema intelletivo-elaborativo dell’atleta. Casolo la inserisce tra le “open skill” insieme ad altre capacità come la capacità di finta.

    Per quanto riguarda l’allenamento ritengo che ci sia la possibilità di allenare nell’atleta una capacità di anticipazione “generale” in modo che possa poi essere trasferita sul campo con più facilità

  542. sisben

    probabilmente prima di dire che il prof castellani non capisce nulla bisognerebbe sapere quale sia la domanda che gli ha posto gerbino e a cui lui ha risposto così… solo per non estrapolare erroneamente e non capirci davvero più nulla…

    gerbino: cosa hai chiesto ESATTAMENTE a castellani?

  543. sisben

    il quesito iniziale e tutta la discussione che ne è seguita deriva, se non male dal fatto che gerbino e ivano concordano sul fatto che l’anticipazione ideo motoria sia allenabile MA

    gerbino dice allenabile addirittura a cesto o con la PA

    ivano solo giocando match

  544. sisben

    …il quesito iniziale e tutta la discussione che ne è seguita deriva, se non male dal fatto che gerbino e ivano concordano sul fatto che l’anticipazione ideo motoria sia allenabile MA

    gerbino dice allenabile addirittura a cesto o con la PA

    ivano solo giocando match

  545. Vincenzo Gerbino

    Maestro buon pomeriggio sostengo  sul blog Spaziotennis” che la capacita di anticipazione motoria nel tennis e’ allenabile .Quale e’ la sua opinione ? Se e diversa dalla mia convinzione non sara per me un problema chiedere scusa pubblicamente.

  546. Maurizio

    Pulsatilla, per me potrebbe essere anche cognitiva, per esempio se ragioni sull’impugnatura dell’avversario o per esempio sul suo lacio dei palla nel servizio.
    Agassi nella sua biografia diceva che osservava la lingua di Backer, se si spostava verso sinistra mentre stava per battere significava che avrebbe battuto a a uscire e viceversa se spostava la lingua a destra.
    Questa era chiaramente un informazione elaborata dal raziocinio, altre sono intuitive e basate sull’esperienza, le finte e controfinte che si fanno in molti sport servono appunto per ingannare l’anticipazione motoria intutiva dell’avversario.

  547. ivano

    Sisben
    Infatti io mica ho detto che Castellani non capisce nulla !!!!!
    Ho detto che se da ragione a Gerbino nel post che sotto ti incollo allora gli do del buffone !!!!

    Questo è il post di Gerbino

    Esempio ma potrei fartene diversi , io dico al mio allievo , “guarda l’avversario,quando sta recuperando una palla decentrata , non guarda più dove sei tu nel campo , in quel momento prova andando avanti a giocare una volée anziché petmettergli che quella difesa sia efficace. Alleno si una situazione tattica ma anche l’anticipazione ideomotoria.

  548. sisben

    non abbiamo risolto nulla

    gerbino gli hai chiesto solo se è allenabile, e qui siamo d’accordo

    ma non gli hai chiesto COME…? (a cesto come tu sostieni?)

  549. ivano

    AHHHHHHHHHHHHHH………..te hai chiesto a Castellani se è allenabile??????? eccolo li il furbacchione !!!!!
    Non gli hai descritto il post che hai scritto !!!!!!!!
    AHHHHHHHHHHHHHH ora ho capito !!!!
    E chi ha mai detto che non è allenabile…..si allena sul campo da tennis ma non con la PA…….questo è quello che ho sempre sostenuto……per allenarla cè bisogno che l’occhio percepisca delle informazioni,date da un avversario di turno e da tante altre cose che ormai non ripeto piu’…..

  550. pulsatilla

    Davineta,
    qui stiamo parlando di una palla che viaggia a velocità molto elevata in spazi ristretti.
    La capacità di reazione deve essere così simultanea che se tu aspetti di mettere in atto il sistema intellettivo-elaborativo sei fritto.
    l’esempio classico è la risposta al servizio. Secondo te c’è il tempo per mettere in atto il processo elaborativo della cognizione nella risposta?
    Davineta la risposta è no e tutti i giocatori ti possono testimoniare che quando “pensano” in quella frazione di secondo poi sbagliano.
    Davineta ti dò io uno spunto che potrebbe essere utile per la tua professione, se lavori nel tennis.
    La vera anticipazione ideo-motoria è strettamente connessa col flow, sai perchè?

  551. ivano stai di nuovo strumentalizzando il mio stupido esempio

    il maestro castellani è sempre disponibile, e gentilmente, mi ha confermato quello che è per me evidente.

    se per voi non è così non c’è nessun problema ,
    ma io non cambio la mia convinzione perchè è ivano a dire il contrario.

    se ivano dicesse cose che condivido non avrei problemi a dargli ragione

  552. per sisben

    12 novembre 2011 alle 21:46
    ivano says:
    Castellani deve solo rispondere a questi post e se ti da ragione credo che non capisca un cazzo pure lui perchè è impossibile darti ragione…….e voglio vedere come fa a darti ragione………….

  553. allora diventerei famoso ma allora posso contradire ivano senza che mi succeda niente?
    no perchè volevo chiedere a ivano se gli avanzavano ore da farmi fare , in toscana

  554. davineta

    no forse mi sono espresso male o in modo poco chiaro…io non ho detto che vado ad utilizzare la corteccia cerebrale per creare la risposta, io non penso ad eseguire l’azione (cosa peraltro impossibile in determinate circostanze)… al momento della ricezione dello stimolo X bypasso la corteccia e vado a richiamare un pattern motorio che ho già immagazzinato a livello sub-corticale…l’azione si svolge così in modo autonomo e “inconscio”

    scusa pulsatilla ma ora devo scappare, spero di continuare questa conversazione domani!

  555. ivano

    Lo sostengo pure ora se ti da ragione su quell’esempio che hai fatto non capisce un cazzo……
    Ma non credo che ti possa dar ragione su una fesseria del genere……….IMPOSSIBILE!!!!!
    Rimane il fatto che quando lavori vedi di fare bene il tuo mestiere altrimenti poi la gente ti sputtana come ha fatto Simply e te devi ricorrere hai ripari cercando di infamare un maestro che al contrario tuo in 15 anni di operato qualche soddisfazione se l’è tolta!!!
    Un saluto e sogni d’oro 🙂 🙂 🙂

  556. simplypete

    “La vera anticipazione ideo-motoria è strettamente connessa col flow, sai perchè?” post 687 sono perfettamente d’accordo con te..
    per quanto riguarda il perchè, studi dicono che il flow è il particolare stato dove i due emisferi cerebrali destro e sinistro lavorano contemporaneamente….sono sulla strada giusta..cosa ne pensi?

  557. Madmax

    Pulsatilla

    Sapendo perfettamente che si può allenare durante la PA per cosa dovrei discuterne con un ignorante (che non sa) ?

  558. Vincenzo Gerbino

    Per tutti i blogger
    emozionale !!!…….. vengo ad  
    Aosta se mi inviti a fare una conferenza con dimostrazione in campo
    dell’allenamento delle COORDINATIVE e perche no? pure dell anticipazione
    motoria. alberto

  559. Maurizio

    Per capire l’allenabilità dell’anticipazione motoria, e se si può fare fuori dal campo, occorre analizzare da cosa è composta, a mio avviso abbiamo la concentrazione, (è possibile allenarla si o no?), abbiamo la capacità di reazione, (è possibile allenarla si o no?), Abbiamo le capacità visive, (sono allenabili o no?)abbiamo l’esperienza (è possibile allenarla si o no?). Ci sono poi le altre qualità mentali che citava Federico come la fiducia, è possibile allenarle si o no e come?

  560. pulsatilla

    davineta,
    ora siamo sulla stessa lunghezza d’onda.
    questo è il punto centrale del discorso.
    bisogna fare ricorso ad una memoria che è inconscia per compiere azioni estremamente rapide.
    ci rendiamo conto della complessità?
    Maurizio, ti rendi conto?
    mi ricordo l’episodio del movimento della lingua in Open, ma non è quella anticipazione ideo-motoria, quella è capacità di interpretare il linguaggio del corpo, che purtuttavia è inconscio anche quello.

    davineta parla di uno stimolo X (che nel tennis non è mai uguale…) che finisce con un pattern motorio. In mezzo non c’è nemmeno una frazione di secondo, per questo bisogna bypassare il processo logico-razionale.
    Vero FdC? Tu ne devi sapere qualcosa, no?

  561. ivano

    No stasera 2 insieme non li reggo !!!!!!
    Il gatto e la volpe……..
    Nooooooooo basta un se ne puo’ piu’…….
    Secondo me la si allena anche con la palla medica e con la panca piana……oltre che facendo training autogenoo,estrogeno ed erpetologo…..:) 🙂 🙂 🙂 🙂

  562. ivano

    i miei allievi. mi adorano, hanno fiducia in me, sono tanti. Non è mia intenzione screditare il maestro ivano pieri.
    sono sicuro che simply a nche se non lo ammetterà mai, se io gli avessi permesso di rimanere in campo sarebbe ancora a riempirmi di complimenti( ma è ovvio che non lo farà mai qui)

  563. Madmax

    E ti dico di più Pulsatilla. la scelta del tennis è arrivata dopo attenta analisi, infatti una concentrazione di imbecilli così è impossibile da ritrovare..

    poi ci si domanda perchè alessia gioca bene.. per forza, con questi avversari giocherebbe bene anche una sciancata che però si prepara decentemente..

  564. miki

    enzo gerbino: ADESSO BASTA!!!! ero presente sempre e so esattamente come sono andate le cose, sai si tratta di mio marito e di mia figlia!!! e non sono andate come racconti tu.

    E non ho ancora smesso di chiede scusa a max per aver prolungato l’agonia per tre mesi con tutti i danni ( non ho sbagliato parola) che ciò ha causato ad annalisa.

    e adesso smettila

  565. ivano

    Vincenzo lo hai fatto !!!!
    E senza che io ti abbia detto niente !!!!
    Solo ed esclusivamente in modo gratuito !!!!
    Screditare un collega è la cosa piu’ infima che tu potessi fare !!!!
    I tuoi risultati sono direttamente proporzionali al tuo cervello……..
    Mai piu’ e sottolineo MAI avro’ a che fare con te….ma sai perchè?? non perchè mi hai offeso che quello ci puo’ anche stare quando si litiga !!!! lo hai fatto perchè son 2 gg che tuoi ex allievi ti sputtanano e te dovevi trovare il sistema di uscire da questo siparietto imbarazzante !!!!
    ed hai pensato bene di coinvlgermi me……..cosi non si fa ricordatelo

  566. ivano

    io sono sereno e fiero di cosa ho fatto in 38 anni,
    tu a me non insegni niente.

    tu non hai vinto un cazzo, tu se parli cosi non vincerai mai,
    non è vincendo gli italiani o gli europei che puoi dire o farmi credere cose diverse da quelle che sono

    fit o ptr o b1 o 4nc
    io appoggio madmax perchè ci mette la faccia sempre

    a pelle è una persona onesta è questo per me è fondamentale

  567. ivano post 706

    ma cosa dici ma quali 2 ex allievi

    io non condividevo e non condividerò fino a prova contraria il comportamento che ha simply pet.

    ma io non ti ho offeso o non era mia intenzione farlo sei tu che mi volevi dare lezioni e consigli

  568. ivano

    Max
    Come ti piacera’ la bagarre………hihihihihih 🙂 🙂 🙂 🙂 🙂
    Rincarare la dose !!!! hihihih 🙂 🙂 🙂

  569. Vincenzo Gerbino

    Michela tu conosci bene Max , quante volte in maniera scherzosa mi hai detto ma quanto rompe, ma come fai .
    Faccio perche volevo solo il bene di Anna e tu hai visto

  570. Vincenzo Gerbino

    Miki
    Io ho dato l’anima per Anna tu lo sai , lo sa anche la bambina ,
    Max con me non si e comportato bene se vuoi chiamami anche adesso

  571. Vincenzo Gerbino

    Messaggio originale—-
    Da: vince.gerbino@gmail.com
    Data: 12/11/2011 20.27
    A: “castellania@libero.it”
    Ogg: Re: R: Re: R: Re: R: Capacita’ di anticipazione ideomototria

    Caro  stimato Vincenzo 
    rispondo a cio’ che mi hai chiesto .
    Resto sorpreso che si disputi su ciò che è chiarissimo da anni …tutte le capacità coordinative sono allenabili e quindi anche l’anticipazione motoria .non c’è da’ convincere nessuno su questo  c’è solo(mi permetto di dire)  da studiare!!! almeno finchè parliamo un linguaggio comune e almeno finche’  per Logica (che è quella che seguo io) si intende  lo studio del LOGOS cioè del linguaggio e del pensiero. Con questo presupposto filosofico  necessario per parlare un linguaggio comune che è la base del dialogare,….sostengo che   se  il signi ficato di allenamento è quello accettato comunemente  e quello che si intende nei consessi universitari e, se per anticipazione motoria  si intende  la 
    capacita’ di comprendere ,decodificare,in modo veloce e preciso  come si 
    svilupperà una situazione  motoria o una sequenza di gesti motori con lo scopo 
    di migliorare il risultato della  gestualità tecnico-tattica  e quindi  giungere  più facilmente al  gesto 
    prassico(il gesto del massimo rendimento col minimo sforzo) …,.allora se si accetta questa definizione ( piuttosto classica), si  considera 
    l’anticipazione motoria come una CAPACITA’ COORDINATIVA  e allora come tutte le 
    capacita coordinative(poco solo  la reazione) è assolutamente allenabile ……Io dedico due lezioni nel mio corso presso l’università di Perugia all’allenamento di questa capacita .Il mio libro Tennis training e i miei due DVD (parte 1 e 2 ) sull’allenamento del tennista di alto livello,  propongono decine di esercizi per allenare la trasformazione e l ‘anticipazione motoria . 
    Se poi il maestro, che non ho il piacere di conoscere, ma che saluto 
    cordialmente e con amicizia , intendesse per Anticipazione motoria qualcosa di diverso ,allora te lo fai 
    dire (non per forza si deve seguire la  definizione classica)e ti fai dire  cosa 
    intende lui per Anticipazione motoria . Potrebbe forse avere un concetto diverso di anticipazione ….e sarebbe  legittimo!! ma negli ambienti  di studio e di apprendimento ( licei , univesita,centri di ricerca) si debbono tenere linguaggi comuni! .. ripeto per la letteratura della scienza del movimento (Meinel, Schnabel,,Hahn , Tschiene, Bouchard e anche Piaget etc..)   quella che ho dato io come definizione di anticipazione motoria  rientra fra le definizioni classiche e comunemente accettate ….. Blume ,che è il riferimento dei più, quando si 
    parla di capacita coordinative, non la cita ufficialmente nelle 7 capacita 
    speciali della sua classificazione, ma tutti sappiamo che essa nel suo schema  
    classificativo  (fra le capacita coordinative speciali)è strettamente legata 
    alla trasformazione.alla reazione e alla differenziazione ….COn i miei atleti 
    di alto livello l’ho sempre allenata anzi ritengo che sia la capacita 
    coordinativa ( con la trasformazione e la differenziazione ) più importante 
    da allenare per raggiungere l’alto livello ……. ma gia’ nei bambini col 
    gioco simbolico  e iimaginativo si stimola questa capacita e quindi in qualche 
    modo si allena ….nei giochi la funzione immaginativa ,la fantasia motoria , porta l’allievo alla 
    riflessione e soprattutto alla creatività…..   ma ora non voglio fare una 
    lezione…   se il maestro vuole, puo’  discutere con me.. passagli pure la mia email oppure  venire alle nostre lezioni ,non solo le mie 
    ma anche quelle di altri docenti.   Ho anche alcune tesi,dicusse da miei 
    allievi , che trattano l’allenamento dell’anticipazione motoria,posso 
    passargliele   . Se  poi il maestro non fosse ancora  convinto ,fagli vedere 
    quello che è per me  il piu bel punto mai giocato nel tennis quello nel quale 
    per 4 volte consecutive federer contro nadal (al roland garros )  che  gli spara 
    addosso 4 diritti a braccio pieno, fortissimi a una distanza di  non piu di 6 
    -9  metri anticipa talmente bene l’evolversi della situazione ,che  non solo le intercetta tutte, ma 
    nell’ultimo diritto , ponendo la racchetta in un punto prima che nadal colpisse 
    ,trova la palla esattamente in quel punto …nessuno riesce a fare questo e  
    del resto federer ci riesce perche migliaia di situazioni in quelle stesse 
    condizioni lo hanno allenato a capire( statisticamente è ovvio) prima dove va  la 
    palla  ;   un federer che avesse fatto il banchiere avrebbe (anche con 
    un’ottima  capcita di reazione naturale ) preso le 4 palle in pancia o in 
    faccia …….. perche dunque, invece ,le ha prese tutte   ed ha fatto  pure il punto?  
    perchè era evidentemente stato allenato a quella situazione  ….o è casuale  
    rispondere in quella maniera per 4 volte?
    Emozione ,creatività ,fantasia ,sensazione,propriocettività,sono parole che spesso mancano nel linguaggio di
    molti allenatori. Spesso mi sono trovato davanti a dei veri e propri AGITATORI DI MEMBRA che pensano che il gesto motorio sia solo muscolare e non come realmente è PSICO-NEURO- EMOZIONAL-MUSCOLARE  .
    Complimentati con il maestro se ha raggiunto il bel risultato che mi hai detto. Se è un buon allenatore come sembra dai risultati ,e come sicuramente sarà vedrai che rifletterà su tutto questo.  con stima  alberto castellani

  572. Giorgio il mitico

    x tutti

    ….che la notte porti consiglio a tutti voi su cosa è con precisione l’anticipazione ideo-motoria, è più facile del previsto.

    Certamente occorre avere ……..buonanotte 😀

  573. Luca

    Quoto il post 623 di Madmax il massimo.
    Ivano fa frequentemente errori di italiano ed é molto volgare: bell’esempio per le figlie!!
    Naturalmente Alessandro Nizegorodcew non interviene per censurare queste volgarità. Se però lo faccio per caso io…..
    Comunque lo sapete perché Ivano manda le figlie alla scuola pubblica: perché sa già che non diventeranno mai delle professioniste, come d’altronde nemmeno lui lo é diventato.
    Beh, almeno le figlie faranno magari l’università invece di fare le maestre di tennis.

  574. Alessandro Nizegorodcew
    Autore

    @Luca
    Intervento come sempre fuori luogo e con coda di paglia. Stasera è successa una cosa abbastanza importante non credi? Ero in giro e sono tornato solo ora, mi riservo di leggere tutto domani. E eventualmente intervenire..

  575. davineta

    Ok pulsatilla probabilmente mi ero espresso male o avevo scritto peggio!! quello che non riesco a capire è perchè non si dovrebbe poter allenare tale abilità in maniera generale anche durante la preparazione atletica…durante l’allenamento in campo poi si effettuerebbe, come già detto prima, uno sviluppo “specifico”

  576. Ci saranno le televisioni a riprendere gli allenamenti di gerbino e madbmax insieme in campo? So che Mediaset sta trattando per l’esclusiva …

    Max, non ho capito cosavc’entro io, io nemmeno parlavo di anticipazione motoria … certo, a volte Ivano qui sembrava Mad Max, ma e’ vero vhe lui ha risposto…e’ anche vero che fra ansi e uso improprio del te ha reso un cattivo servizio non al tennis ma alla lingua italiana…Gerbino vince in grammatica, a tennis e anticipazione non so e onestamente tenderei a dar ragione a pulsatilla e sisben sulle definizioni…anch’io poi sarei tentato di pensare che prima di tutto e’ innata e che puo’ essere migliorabile, poco…con la PA o in partita? boh, direi con l’esperienza della partita, dei punti, dei patterns ma puo’ darsi che sia prevenuto, poi pero’ l’allenerei anche con la PA, col SensoBuzz e col gioco delle ztre Carte per non lasciar nulla d’intentato…Io sono sempre stato d’accordo con l’intuizione PA precoce del MadMax Pensiero ( anche se poi io ho fatto piu’ che altro Foot Eork Drills, come mi ha fatto notare il Guru) ma qui contesto il modo e il tono: ok, Ivano sceglie un’altra strada, benissimo…max non e’ d’accordo, che bisogno c’e’ di vituperarlo? A quel punto Ivano e’ giustificato a rispondere per le rime, anche a scapito della sintassi, tanto poi e’ toscano… Quanto all’anticipazione motoria, si vabbe’,Pero’ a leggere di questa disfida mi verrebbe comunque poi da chiedere: si, vabbe’, ma poi il torneo chi l’ha vinto? Rafa Nadal che, dice Toni, non ha mai fatto PA in vita sua ma giocava a calcio due ore prima della finale …

  577. luca, a parte che la toscana e’ un posto particolare e la’ parlano cosi’,vedi Panariello, se Ivano le manda all’Universita’ non mi pare certo cosa di pico conto…da come lo dici, sembra invece che andare all’universita’ piuttosto che tentare la strada pro sia da Tribunale dei Minori…cos’e’, tu non ci sei andato e allora la volpe e l’uva e chi ci va e’ uno sfigato?

  578. giogas

    @Monet
    Nel post 607 leggo
    “cioè di decidere di pensare al full tennis a 17 anni temo che qualche problema lo possa avere”
    ….ciò vale anche per i maschi?

  579. pulsatilla

    Alessandro,
    la discussione ierisera è stata indubbiamente molto animata, ci sono stati scontri, occasioni per palesare ripicche personali etc…Al di là di queste espressioni poco felici sono emersi dei dati su cui sarebbe utile riflettere.
    Abbiamo appurato che esiste molta confusione sul concetto di anticipazione ideo-motoria, la confusione purtroppo esiste non solo tra i non addetti ai lavori come i genitori, ma anche tra maestri.
    Basta pensare alla definizione data dal maestro castellani che a parer mio è sbagliata e non dimentichiamo che lui insegna all’ISEF, per cui si presuppone che tutti gli studenti di quella sede crederanno che l’AIM è una capacità coordinativa.

    Il secondo quesito al quale non si è data risposta soddisfacente riguarda l’allenabilità dell’AIM. C’è chi sostiene che si può fare nella PA, chi nel tennis, chi in tutti e due.

    Il mio parere è il seguente: l’AIM è una capacità intuitiva che in una frazione di secondo deve poter far prevedere la finalità del gesto atletico dell’avversario, in altre parole intuire dove cadrà la palla e, sempre nella stessa frazione di secondo, organizzare il posizionamento nello spazio e nel tempo del proprio corpo in modo tale da eseguire un gesto efficace (è solo l’ultima parte dunque che concerne la capacità coordinativa).
    In uno sport di situazione come il tennis spero che tutti siano d’accordo sul fatto che sia difficilmente allenabile.

    Il movimento comprende tre componenti:
    1) la programmazione motoria,
    2) la contrazione/distensione muscolare,
    3)le informazioni sensitive e posizionali inviate dai recettori periferici.
    la programmazione motoria organizza il movimento attraverso l’attivazione dei motoneuroni, i motoneuroni innervano i muscoli che si contraggono e si distendono , i recettori periferici inviano alla corteccia informazioni sulla posizione del corpo.

    LA PROGRAMMAZIONE DEL MOVIMENTO NON AVVIENE SULLA BASE DELLE INFORMAZIONI PROVENIENTI DAGLI ORGANI PERIFERICI, MA SULLA BASE DI UN’IPOTESI SULLA LORO POSIZIONE.
    Voglio dire: se la mia risposta al servizio si basa sugli stimoli visivi (lancio palla avversario, impugnatura etc…) o acustici (tipo di rumore dell’impatto della palla etc..) il mio gesto sarà troppo lento, dunque inefficace. E’ l’ipotesi che mi deve guidare, la previsione, l’intuizione.

    Nel bambino che impara a camminare incredibilmente succede la stessa cosa. Il bambino all’inizio mette un piede dopo l’altro cercando di mantenere l’equilibrio. Si tratta di posizionare nello spazio e nel tempo gli arti inferiori.
    Questa consapevolezza della posizione degli arti inferiori che accompagna il movimento è di tipo sensoriale, ma se fossero le informazioni che arrivano dalla periferia a guidare la programmazione motoria il movimento sarebbe estremamente lento. Invece è l’ipotesi di questa consapevolezza a determinare la programmazione motoria. Le informazioni sensoriali che arrivano dalla periferia dopo la contrazione/distensione muscolare verificano la validità di questa ipotesi posizionale.
    L’ANTICIPAZIONE E’ IL PROCESSO CHE INCLUDE L’IPOTESI MODALE. (e non c’entra niente la capacità coordinativa, quello è un passaggio successivo, comprendete ora la confusione che regna nel maestro castellani?)

  580. max, e’ un po’ come La Grande Guerra dello Stretching…tublo fai fare un’ora e mezza ( per dire) un altro solo 15′ e un altro dice che non lo fa fare…ok, opinioni, nessuna necessita’ di passare agli insulti…in effetti lo show ivano-gerbino non ha fatto onore a nessuno dei due, pero’ cosi’ come nella disfida sullo stretching, qualche informazione e’ saltata fuori…mi ricordo allora la Differenziazione fra Stretching Statico e Dinamico, il primo poco utile e forse dannoso PRIMA di un match, etc etc…E forse anche dalla Grande Guerra dell’Anticipazione Motoria qualche concetto potra’ essere ricavato da chi legge e interpreta …Pero’ qui la novita’ e’ che non sei intervenuto e ti sei limitato ad assistere, anche tu stupefatto forse dai toni verbali…pensa allora cosa a volte pensiamo noi quando anche a te ti prendono i 5 minuti in nome della PA Precoce … dammi retta anche se puzzo: e’ un peccato, ci sentiamo imbarazzati, anche perche’ conosciamo l’altra versione di mad max ( oddio, adesso sembro proprio nicoxia …)

  581. pulsatilla

    davineta,
    L’AIM la si allena nel bambino fin da quando inizia a camminare, come ho scritto poc’anzi e non tutti hanno come genitori dei preparatori atletici, però tutti abbiamo imparato a camminare.

    Cerchiamo di entrare nel merito della questione.
    NEL TENNIS E’ ALLENABILE?
    E SE SI’ COME?

    a questo punto io mi fermo, sono un povero genitore e aspetto che qualcuno mi faccia capire di più…però voglio la sostanza!
    capito Gerbino?
    Non tutti i genitori hanno l’anello al naso…

  582. Bravo Pulsat, ottimo Riassunto-Presentazione … Possiamo anche dire che l’AIM e’ la caratteristica piu’ sottovalutata e forse piu’ importante del gioco di Federer? E allora perche’ non chiedere a Pierre Paganini se e come l’allena o se invece essendo caratteristica innata ci si puo’ solo limitare a raffinarla come dice Ivano? Magari Paganini qualche cosa ha scritto anche lui …Se ci legge, ovviamente anche il Prof Buzzelli potrebbe dire la sua o indicarci qualche pubblicazione da consultare …Oggi pero’ a me della AIM non me ne puo’ fregar di meno, oggi mio figlio mi ha chiesto di andare a giocare e quindi…lasciatemi giocare! Con la racchetta in mano! Lasciatemi giocare, io sono un italiano….

  583. Agatone

    La discussione sull’anticipazione motoria è interessante, nonostante le polemiche personali fuorvianti.
    Mi chiedo solo una cosa: come mai tra i professionisti sono più bravi da questo punto di vista i brevilinei dei longilinei? Non è che è anche una questione fisica, non di preparazione fisica ma di tipologia fisica che si ha?

    Se sto dicendo una stupidata scusate e saltate oltre

  584. Madmax

    Stefano tu non c’entri con l’anticipazione motoria, infatti ti ho risposto al post da te scritto nel pomeriggio..

    Per quanto riguarda l’AIM a mio avviso tutto parte (come per la PA in generale) dal fatto che ancora quasi nessuno ha ben chiaro il modello prestativo nel tennis..

    Cioè voglio dire se uno pensa che il tennis sia uno sport che dura a lungo perchè non considera la lunghezza degli scambi ma il fatto che si giochi per tutto l’anno o che le partite possono durare cinque ore è normale che farà un programma basato sul fondo..

    IN questo caso anch’io penso all’ AIM come ciò che ha spiegato Pulsatilla (previsione etc che però visto che hai anticipato quando arrivi prima sulla palla devi quindi arrivarci e serve percià anche reazione velocità etc) ma come si fa a dire che non è allenabile??

    Appunto per quello che è basterà mettere l’allievo più volte di fronte a delle ipotesi da fare e questo lo puoi fare anche a casa.. Poi chiaramente (e questo come per ogni esercizio tennistico) per un normale processo di formmazione deve arrivare all’ultimo step che è quello del campo e nello specifico della partita perchè include esperienza e quindi furbizia.

    Ma se io ho esperienza e furbizia ma poi non sono ne reattivo ne veloce quando ci arrivo sulla palla??

    Considerato ciò e considerato che le cose sono entrambe allenabili separatamente e unite fanno si che possano servire..

    Ma per arrivarci basterebbe pensare alla PA in genere.. Tu puoi essere il più forte del mondo ma se la palla la tiri fuori non serve, solamente che la soluzione che indica Il MAgo è quella di non allenarsi sulla forza così la palla rimane in campo, quella delle persone sane di mente di imparare a sfruttare la propria forza mettendo in campo palle velocissime.. 🙂

    Oppure uno velocissimo che si muove male sul campo.. Lui insegna a muoversi bene sul campo ad uno lento (ecco perchè i maestri parlano di prendere da subito allievi portati perchè loro lavorano su quel che hanno), i sani allenano prima tutti ad essere veloci..

    Eh si perchè uno lento non sarà mai veloce, uno veloce non ci mette molto a muoversi sul campo!!

  585. Madmax

    Ale..

    E’ successo qualcosa di importantissimo, infatti adesso sono tranquillo perchè da domani tutti gli italiani avranno una marea di soldi in tasca in più!! Ma va va.. 🙂

    Tra l’altro vi siete dati la zappa sui piedi perchè se torna nel calcio la Roma rivivncerà qualcosa tra 80 anni!!

    E a mignotte lui continuerà ad andarci mentre per gli altri saranno sempre e solo pippe.. ahah

    Ma la tragedia è un’altra e cioè che in Italia vincono sempre e solo i poteri forti.. come nei sotto governi, tennis, calcio, ippica.. poi tutto crolla e non paga maio nessuno.. anzi si noi..