Spazio (all’altro) Tennis: Repubblica Dominicana

di - 27 Settembre 2014

Francesca Segarelli

di Daniele Sforza

La presentazione della ragazza dominicana, con origini italiane. ”Il mio nome è Francesca Segarelli e sono nata a Roma, il 5 Settembre del 1990. I miei genitori si sono spostati nella Repubblica Dominicana quando avevo 2 anni perché mio padre aveva comprato un hotel li. La ragione per cui si sono spostati è il voler cambiare il loro stile di vita “

Gli inizi e la situazione tennistica della Repubblica Dominicana. “Ho iniziato a giocare a tennis quando avevo 4 anni. Entrambi i miei genitori giocavano a tennis nel tempo libero e io solitamente andavo a vederli giocare. Un giorno la mia migliore amica stava prendendo delle lezioni e così ho deciso di prendere delle lezioni anche io. Quando ho iniziato a giocare il livello del tennis nella Repubblica Dominicana era piuttosto alto. Molte persone erano motivate e giocavano a tennis ma tutto è andato peggiorando nel corso del tempo. Ci sono molti campi, non come negli Stati Uniti ma non posso lamentarmi delle strutture, sono stata fortunata ad avere tutto ciò di cui avevo bisogno. Creso è un’organizzazione che insieme con la Federazione sta aiutando i migliori giocatori della Repubblica Dominicana. Senza di loro non sarei stata in grado di continuare a giocare a tennis, perciò sarò sempre grata a loro per il loro supporto e la voglia a credere in me.”

L’esperienza in Fed Cup con due racconti particolari,l’ultimo a riguardo del match contro la Bolivia disputato quest’anno. “Giocare in Fed è stata la miglior sensazione che io abbia mai avuto. Rappresentare la mia nazione è semplicemente incredibile e un onore. Posso ricordare in particolare due episodi. La prima volta è stato quando giocavamo in casa e ci siamo qualificati per il Gruppo 1. La numero 2 aveva vinto il suo match e quando sono entrata nel campo ero veramente nervosa perché sapevo di dover vincere. Il pubblico era molto rumoroso, ho iniziato male ma ne sono uscita bene giocando per la mia nazione e la mia squadra. Non ho parole per descrivere quella sensazione. L’altro episodio è accaduto quest’anno in Fed Cup, quando giocavamo il match finale per qualificarci contro la Bolivia. La numero 2 aveva perso quindi sono entrata nel campo sapendo di dover vincere in modo che poi il doppio potesse decidere tutto. Ero carica per giocare un match contro una tennista che rispettavo e consideravo brava. C’erano molte persone a guardare il match e ancora una volta era tutto molto rumoroso. Ogni punto era una battaglia, è stato divertente e ho vissuto ogni momento di quel match. Nonostante la sconfitta, ho amato ogni momento di quel match, sono uscita 7-6 al terzo e il tie break è stato molto duro ma sono riuscito a vivere questi momenti con il pubblico e la squadra, è stato incredibile.”

La passione di Victor Estrella che si pone come guida per i giovani tennisti. “Su Victor Estrella penso di non riuscire a trovare una parola per descrivere ciò che ha fatto. Lo conosco da quando ho iniziato a giocare a tennis. Un combattente incredibile, lui ha sempre creduto in se stesso e questo è semplicemente ammirevole. Quello che ha fatto Victor è semplicemente dare speranza a tutti i giocatori latinoamericani. Ci ha detto che se veramente vuoi qualcosa e sei disposto a lottare per averla, tutto è possibile.

Obiettivi. Il mio obiettivo per il futuro è quello di fare il massimo, vivere ogni momento, divertirmi praticando questo sport e vivere, giorno dopo giorno, partita dopo partita.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *